partenariato con Israele

collaborazione partenariato [ deposito: BARI, Ceglie del Campo 70129 ]
POSIZIONE CENTRALE: rivestito in travertino, ( potenzialità in ex
opificio industriale autonomo multiruolo, vigilato, magazziniere,
logistica, uffici, consegne a domicilio, rappresentanza farmaceutici,
Trasporti, Mansione: Magazzino, Gestione Materiali, Ufficio, controllo
forniture: Addetto risorse umane validate in loco.)
vicino circonvallazione e Aeroporto di Palese, Prezzo: 700 € Tipo
locale/attività: qualsiasi. Quartiere: Carbonara/Ceglie/Loseto.
DESCRIZIONE: 300 mq (rialzato, piano terra), più 300 mq di deposito
seminterrato
1. con totali 600 mq (300+300) 3 locali, 1 bagno, 3 superfici, prospiciente su 3 strade,
2. 2 nastri trasportatori, 2 colonne montanti, 2 canne fumarie, 2
montacarichi a lastrico solare, 2 celle freezer, per la 380v ecc.. 3.
vigilato 24 ore su 24, solaio industriale 50 ql mq, locale altezza 4
metri,
4. a circa, 1km dalla circonvallazione di Bari, servizi igienici a norma commerciali: bagno e antibagno: pedaliera,
5. bagno a norma con pedaliera, OFFERTA DI TUTORAGGIO, vigilanza 24/24, risorse umane, in loco
6. serrande elettriche industriali, accesso per un furgone 7pedane,
accumulo acqua: 1000 litri con autoclave. ampio spiazzale libero a circa 200 metri dove sono disponibili più di 300 posti auto gratuiti. localizzazione:
 VIA TRIESTE 18, 2). VIA DEI MILLE 4, 3). Via PADRE GARRUCCI, Lorenzo
3205708054 (ORE POMERIDIANE): lorenzo_scarola@fastwebnet.it
==================
1/2 ] no! è tutto mio! io sono il Padrone di Israele Palestina e Gerusalemme, soltanto io! WATCH and ACT: but Jerusalem is the eternal capital of the Jewish People? people slaves Rothschild seigniorage banking? no this is no be: the Jewish People!!! this is Satana!!! NOT could exist a Masons's Jerusalem.. Jerusalem and,, the Jewish Temple, and Israel itself may be only a Kingdom and, in fact are the property of RE: King ] NON potrebbe mai esistere una Gerusalemme di massoni, Gerusalemme ed il Tempio Ebraico, e lo stesso ISraele possono essere soltanto un Regno ed infatti sono proprietà del RE [ It is urgent that you contact your elected officials immediately to prevent any further damage to Israel! Click here to contact your congressman: http://www.house.gov/representatives/find/ Defend Jewish Sovereignty Over Jerusalem! Make your voices heard in defense of Jerusalem, the eternal capital of the Jewish State of Israel. Defend the truth! Despite Israel’s legitimate claims to eastern Jerusalem, Judea and Samaria, based on overwhelming historical and archaeological evidence, the United Nations Security Council passed an anti-Israel resolution in December saying Jewish communities in these areas have no legal validity. To understand the absurdity of the resolution, it’s important to realize that the ancient Mount of Olives cemetery, for example, located in eastern Jerusalem, is the oldest and most revered Jewish cemetery in the world. The Temple Mount – Judaism’s holiest site – and the Western Wall are also in eastern Jerusalem, which the resolution refers to as “occupied Palestinian territory.” This video shows exactly who the Obama administration ludicrously refers to as “illegal settlers.” After you watch, read below to contact your elected officials! OROLOGIO e ACT: difendere la sovranità ebraica su Gerusalemme! Fai la tua voce in difesa di Gerusalemme, capitale eterna dello Stato ebraico di Israele. Difendere la verità! Nonostante le legittime rivendicazioni di Israele a Gerusalemme est, Giudea e Samaria, sulla base di testimonianze storiche e archeologiche schiacciante, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione anti-Israele nel mese di dicembre dicendo comunità ebraiche in queste aree non hanno alcuna validità legale. Per capire l'assurdità della risoluzione, è importante rendersi conto che l'antico Monte degli Ulivi cimitero, per esempio, che si trova a Gerusalemme Est, è la più antica e più venerato cimitero ebraico nel mondo. Il Monte del Tempio - luogo più sacro dell'ebraismo - e il Muro Occidentale sono anche a Gerusalemme Est, che la risoluzione si riferisce a come "territorio palestinese occupato."
Questo video mostra esattamente che l'amministrazione Obama si riferisce ridicolmente come "coloni illegali". Dopo si guarda, leggete qui sotto per contattare i funzionari eletti!

2/2 ] no! è tutto mio! io sono il Padrone di Israele Palestina e Gerusalemme, soltanto io! but Jerusalem is the eternal capital of the Jewish People? people slaves Rothschild seigniorage banking? no this is no be: the Jewish People!!! this is Satana!!! NOT could exist a Masons's Jerusalem.. Jerusalem and, the Jewish Temple, and Israel itself may be only a Kingdom and, in fact are the property of RE: King ] NON potrebbe mai esistere una Gerusalemme di massoni, Gerusalemme ed il Tempio Ebraico, e lo stesso ISraele possono essere soltanto un Regno ed infatti sono proprietà del RE [ It is urgent that you contact your elected officials immediately to prevent any further damage to Israel! Click here to contact your congressman: http://www.house.gov/representatives/find/ Click here to contact your senator: http://www.senate.gov/senators/contact/ Sign the Declaration to Keep Jerusalem United. Ramadan Shalah sings Jerusalem Song Jerusalem Must Remain the United Capital of Israel.
I declare that Jerusalem is the eternal capital of the Jewish People and support all efforts to maintain and strengthen a united Jerusalem as the undivided capital of the State of Israel. CLICK HERE TO SIGN THE JERUSALEM DECLARATION.
https://www.youtube.com/user/stopyouporntubesatan/discussion

====================
 JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)
===================================================
return on investment
Living Torah: There’s One ‘Return on Investment’ that’s Eternal! There is one investment with rewards that extend far beyond a person’s lifespan. We learn about it in this week’s Torah portion.
This week’s Torah portion is Vayechi (Genesis 47:28 – 50:26), and in it we read that Jacob calls for Joseph before he is about to die, and beseeches his beloved son, “Please do not bury me in Egypt.” He made Joseph take an oath that he will bring his body back to the Land of Israel, and not bury him in Egypt.
Jacob calls fulfillment of his request one of “kindness and truth.” The famous commentator, Rashi, explains that when we perform an act of kindness for a deceased person or we fulfill his or her wishes after death, it is considered to be “a true kindness.” This is because there can be no reward for the kindness from a person who has died.
In contrast, when we do a favor for a living person, even if we are sincere, there is always that possibility of reward, reciprocation or recognition in the back of our minds. There is usually some form of self-interest involved. But, as mentioned, doing a favor for one who is deceased who cannot return the kindness or even say “thank you” is an act of “true kindness” – there can be no ulterior motives.
Yet the issue is more complicated. First of all, we find – earlier in the Torah – that the term “true kindness” is used in reference to performing a favor for a living person. So how can Rashi say that the term “true kindness” refers exclusively to a kindness performed for a deceased person? Furthermore, are favors performed for living people always agenda driven?
Therefore, other commentators suggest that perhaps Rashi’s teaching should be understood differently. When Rashi says that performing a kindness for the dead is “true kindness” because the person “does not anticipate reward,” Rashi actually means that the deceased does not anticipate reward.

We mistakenly believe that one can earn merits only through the performance of mitzvot (Torah commandments) when alive. However, a person can gain reward for the performance of mitzvot even after death – through the mitzvot performed by one’s children. When the deceased’s children perform mitzvot, the parent is rewarded as well. This is because without the education given by the parents, children would not know anything about performing the mitzvot. Parents are credited for their children’s Torah education.! It follows, therefore, that a parent earns eternal reward when his or her children act properly.

Now we can better understand Rashi’s comments regarding “true kindness.” Jacob requested of his son, “Do not bury me in Egypt,” not only literally, but also, as if to say, “Do not allow my way of life to end when I die in Egypt.” Jacob wanted Joseph to continue living as a Jew, just as he taught him to do, so that he [Jacob] would continue earning merit even after death, Jacob did not want to be “buried” in Egypt; he wanted to keep “living” through the performance of the mitzvot of his children.

Here lies a very important message to parents. Investing in our children’s Torah education is an investment that will continue paying the benefits long after we leave this world. By inspiring, teaching and directing our children to live a life of Torah and mitzvot, we ensure our own merits in both this world and the next.

ritorno sugli investimenti
Vivere Torah: C'è un 'Return on Investment' che è eterno! C'è un investimento con premi che vanno ben oltre la durata della vita di una persona. Impariamo a questo proposito in questa settimana porzione di Torah.
Questa settimana porzione di Torah è Vayechi (Genesi 47:28 - 50:26), e in essa si legge che Jacob chiede Joseph prima che sta per morire, e implora il suo amato figlio, "Per favore, non mi seppellire in Egitto." ha fatto Joseph giurare che porterà il suo corpo di nuovo alla Terra d'Israele, e non seppellirlo in Egitto.
Jacob chiama compimento della sua richiesta di una delle "bontà e verità". Il famoso commentatore, Rashi, spiega che quando eseguiamo un atto di gentilezza per una persona deceduta o compiamo la sua volontà dopo la morte, è considerato "un vera gentilezza. "Questo è perché non ci può essere alcuna ricompensa per la gentilezza da una persona che è morto.
Al contrario, quando facciamo un favore a una persona che vive, anche se siamo sinceri, c'è sempre quella possibilità di ricompensa, reciprocità e riconoscimento nella parte posteriore della nostra mente. Di solito c'è una qualche forma di interesse personale coinvolto. Ma, come detto, facendo un favore per colui che è morto che non può restituire la gentilezza o anche dire "grazie" è un atto di "vera gentilezza" - non ci possono essere secondi fini.
Eppure, la questione è più complicata. Prima di tutto, troviamo - in precedenza nella Torah - che il termine "vera gentilezza" è usato in riferimento ad eseguire un favore a una persona vivente. Così come si può Rashi dire che il termine "vera gentilezza" si riferisce esclusivamente ad una gentilezza eseguita per un defunto? Inoltre, sono favori eseguiti per le persone che vivono sempre agenda guidato?
Pertanto, altri commentatori suggeriscono che forse l'insegnamento di Rashi va inteso in modo diverso. Quando Rashi dice che l'esecuzione di una gentilezza per i morti è "vera gentilezza", perché la persona "non anticipa ricompensa", Rashi significa in realtà che il defunto non anticipa ricompensa.

Ci credono erroneamente che si può guadagnare meriti solo attraverso l'esecuzione di mitzvot (comandamenti della Torah) da vivo. Tuttavia, una persona può guadagnare ricompensa per le prestazioni di mitzvot anche dopo la morte - attraverso il mitzvot eseguita da propri figli. Quando i bambini del defunto eseguire mitzvot, il genitore viene premiata pure. Questo perché senza l'educazione impartita dai genitori, i bambini non avrebbero saputo nulla circa l'esecuzione del mitzvot. I genitori sono accreditati per l'istruzione dei propri figli Torah.! Ne consegue, quindi, che un genitore guadagna ricompensa eterna quando i suoi figli si comportano in modo corretto.

Ora siamo in grado di capire meglio i commenti di Rashi in materia di "vera gentilezza." Jacob richiesta del figlio, «Non mi seppellire in Egitto," non solo alla lettera, ma anche, come per dire: "Non permettere che il mio modo di vivere alla fine quando morirò in Egitto. "Jacob ha voluto Joseph di continuare a vivere come un Ebreo, proprio come gli ha insegnato a fare, in modo che egli [Jacob] avrebbe continuato a guadagnare degno anche dopo la morte, Giacobbe non voleva essere" sepolto "in Egitto ; ha voluto mantenere "vivere" attraverso le prestazioni della mitzvot dei suoi figli.

Qui si trova un messaggio molto importante per i genitori. Investire nell'istruzione Torah dei nostri figli è un investimento che continuare a pagare i benefici a lungo dopo aver lasciato questo mondo. Ispirando, l'insegnamento e dirigere i nostri figli a vivere una vita di Torah e mitzvot, possiamo garantire ai nostri propri meriti sia in questo mondo e nell'altro.

By: Rabbi Ari Enkin, Rabbinic Director, United with Israel

For more insights by Rabbi Enkin on this week’s Torah portion, click on the links below.

https://unitedwithisrael.org/living-torah-a-kindness-of-truth/

https://unitedwithisrael.org/living-torah-stay-focused/

https://unitedwithisrael.org/living-torah-sometimes-we-should-just-give-in/

https://unitedwithisrael.org/living-torah-a-nation-of-lions/

https://unitedwithisrael.org/the-blessing-of-the-smile/

https://unitedwithisrael.org/death-or-life/

==============================


Vatican Abbas Abbas Tells Pope Jerusalem is ‘Capital of Palestine’ Print Email 6 Comments Jan 15, 2017 Related: 1967 six day war Abbas Holy Temple Pope Francis Vatican western wall. While the Vatican stressed the holiness of Jerusalem to “believers of all three Abrahamic religions,” Abbas referred to it as “the capital of Palestine.” Palestinian Authority (PA) head Mahmoud Abbas met on Saturday with Pope Francis at the Vatican, where he inaugurated the Palestinian embassy to the Holy See. It was their third meeting. The Vatican stressed the sanctity of Jerusalem to Jews, Christians and Muslims. Abbas said during the 23-minute meeting that he had only heard through news reports of the proposal by President-elect Donald Trump to move the US embassy to Jerusalem. The Palestinians strongly oppose the embassy move, claiming it would kill any hopes for negotiating an Israeli-Palestinian peace agreement and rile the region by undercutting Muslim claims to the holy city. “We hope that this news is not true, because it is not encouraging and will disrupt and hinder the peace process,” he said. In its communiqué after the meeting with Abbas, the Holy See did not refer to Jerusalem by name, but said that during the talks, “emphasis was placed on the importance of safeguarding the sanctity of the holy places for believers of all three of the Abrahamic religions.” Abbas referred to Jerusalem as “the capital of the State of Palestine,” adding that he and Francis “reaffirmed the importance of the city for the three monotheistic religions and our support for Jerusalem being an open city.” Freedom of Worship Under Israeli Sovereignty In fact, under Jordanian control of the Old City from 1948 to 1967, Israeli-Arab Muslims were denied access to the Islamic sites of Al-Aqsa Mosque and the Dome of the Rock. Similarly, while Christians were granted access to their holy sites, the number of pilgrims authorized to enter the Old City and Bethlehem during Christmas and Easter was restricted. Moreover, property restrictions forbidding Christians from purchasing land in Jerusalem were imposed on the Christian residents, while institutions of faith were compelled to abide by strict state controls. Religious Christian schools were required to teach Arabic and forced to be closed during Islamic holy days. Jews were banned completely from the Jordanian-controlled sites, most notably from the Kotel (Western Wall) and other Jewish holy sites, such as the Jewish cemetery on the Mount of Olives. Several synagogues were desecrated and razed to the ground. Since 1967, when the IDF liberated the Old City of Jerusalem, members of all faiths have enjoyed access to their places of worship. During the meeting, Abbas – who continues to deny the Jewish connection to Jerusalem – presented Francis with gifts recalling Christianity’s birthplace in the Holy Land, including a stone from the Church of the Holy Sepulcher in Jerusalem and documentation about the ongoing restoration of the Church of the Nativity in Bethlehem. According to the Vatican’s communiqué, the meeting then “turned to the peace process in the Middle East, and hope was expressed that direct negotiations between the parties will be resumed to bring an end to the violence that causes unacceptable suffering to civilian populations and to find a just and lasting solution.” After the meeting, Abbas formally inaugurated the new Palestinian embassy across the street from one of the main gates of Vatican City. He pulled back a curtain revealing a plaque and extended the Palestinian flag from a flagpole outside a window. The small embassy, located in the same building as the embassies of Peru, Ecuador and Burkina Faso, comes after recent accords in which the Vatican formally recognized the “State of Palestine.” “This embassy is a place of pride for us and we hope all of the countries of the world will recognize the state of Palestine, because this recognition will bring us closer to the peace process,” he said. Jerusalem and its Centrality to Judaism Jerusalem is the holiest city in Judaism, where the two Holy Temples stood. The Holy City has been the spiritual center of the Jewish people since the 10th century BCE. By contrast, Jerusalem is the third-holiest in Islam – after Mecca and Medina – and only since about a century after the death of the prophet Mohammed, who had never visited Jerusalem. Palestinians deny the Jewish Temples ever existed and that Judaism has any connection to the Jews, despite overwhelming archaeological and historical evidence. By: AP and United with Israel

Vaticano Abbas Abbas dice a Papa Gerusalemme è 'capitale della Palestina' Stampa Email 6 Commenti Gen 15, 2017 correlate: 1967 Guerra dei sei giorni Abbas Santo Tempio Papa Francesco Vaticano parete occidentale. Mentre il Vaticano ha sottolineato la santità di Gerusalemme a "credenti di tutte le tre religioni abramitiche," Abbas riferito come "la capitale della Palestina." Dell'Autorità Palestinese (PA) capo Mahmoud Abbas ha incontrato il Sabato con Papa Francesco in Vaticano, dove ha inaugurato l'ambasciata palestinese presso la Santa Sede. Era il loro terzo incontro. Il Vaticano ha sottolineato la santità di Gerusalemme per ebrei, cristiani e musulmani. Abbas ha detto durante l'incontro di 23 minuti che aveva sentito solo attraverso le notizie della proposta del presidente eletto Donald Trump per spostare l'ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme. I palestinesi si oppongono con forza lo spostamento dell'ambasciata, sostenendo che avrebbe ucciso ogni speranza di negoziato per un accordo di pace israelo-palestinese e Rile la regione da inferiori pretese musulmani alla città santa. "Ci auguriamo che questa notizia non è vera, perché non è incoraggiante e interromperà e ostacolare il processo di pace", ha detto. Nel suo comunicato dopo l'incontro con Abbas, la Santa Sede non ha fatto riferimento a Gerusalemme per nome, ma ha detto che durante i colloqui, "è stata sottolineata l'importanza di salvaguardare la santità dei luoghi santi per i fedeli di tutte e tre le abramica religioni. "Abbas cui Gerusalemme come" la capitale dello Stato di Palestina ", aggiungendo che lui e Francesco" ha ribadito l'importanza della città per le tre religioni monoteiste e il nostro sostegno per la Gerusalemme di essere una città aperta. "la libertà di culto Sotto la sovranità israeliana, infatti, sotto il controllo giordano della Città Vecchia 1948-1967, i musulmani israelo-arabo è stato negato l'accesso ai siti islamici di al-Aqsa e la Cupola della Roccia. Allo stesso modo, mentre i cristiani sono stati concessi l'accesso ai loro luoghi sacri, il numero di pellegrini autorizzato ad entrare nella città vecchia e Betlemme durante Natale e Pasqua sono stati limitati. Inoltre, sono state imposte restrizioni di proprietà che vietano ai cristiani di acquisto di terreni a Gerusalemme i residenti cristiani, mentre le istituzioni di fede sono stati costretti a rispettare severi controlli statali. scuole cristiane religiosi erano tenuti ad insegnare l'arabo e costretto ad essere chiuso durante i giorni santi islamici. Agli ebrei fu vietato completamente dai siti giordani-controllato, in particolare dal Kotel (Muro Occidentale) e altri luoghi santi ebraici, come il cimitero ebraico sul Monte degli Ulivi. Diverse sinagoghe furono profanate e rase al suolo. Dal 1967, quando l'IDF ha liberato la città vecchia di Gerusalemme, i membri di tutte le fedi hanno goduto l'accesso ai loro luoghi di culto. Durante l'incontro, Abbas - che continua a negare il collegamento ebraico a Gerusalemme - presentato Francesco con doni ricordando culla del cristianesimo in Terra Santa, tra cui passi dalla Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme e la documentazione sul restauro in corso della chiesa di Natività di Betlemme. Secondo il comunicato del Vaticano, l'incontro poi "si voltò verso il processo di pace in Medio Oriente, e la speranza è stata espressa che i negoziati diretti tra le parti saranno ripresi per porre fine alla violenza che provoca sofferenze inaccettabili alle popolazioni civili e di trovare una soluzione giusta e duratura ". Dopo l'incontro, Abbas ha inaugurato ufficialmente la nuova ambasciata palestinese dall'altra parte della strada da una delle porte principali della Città del Vaticano. Si tirò indietro una tenda rivelando una targa e ha esteso la bandiera palestinese da un pennone fuori di una finestra. Il piccolo dell'ambasciata, che si trova nello stesso edificio, come le ambasciate di Perù, Ecuador e Burkina Faso, arriva dopo i recenti accordi in cui il Vaticano ha formalmente riconosciuto lo "Stato di Palestina". "Questa Embassy è un luogo di orgoglio per noi e speriamo tutti i paesi del mondo riconoscerà lo stato di Palestina, perché questo riconoscimento ci porterà più vicini al processo di pace ", ha detto. Gerusalemme e la sua centralità al giudaismo Gerusalemme è la città santa nel giudaismo, dove i due sacri templi in piedi. La Città Santa è stata il centro spirituale del popolo ebraico in quanto il 10 ° secolo aC. Al contrario, Gerusalemme è la terza più sacro dell'Islam - dopo la Mecca e Medina - e solo da circa un secolo dopo la morte del profeta Maometto, che non aveva mai visitato Gerusalemme. I palestinesi negano Templi ebraici mai esistito e che l'ebraismo ha alcuna connessione con gli ebrei, nonostante le prove archeologiche e storiche schiacciante. Da: AP e Stati con Israele Staff

====================
Corte tedesca: bombardamento di Sinagoga è la critica di Israele, non è antisemitismo. 15 Gennaio 2017
Correlati: Un tribunale nella città tedesca di Wuppertal ha confermato una sentenza che un 2014 bombardamento di una sinagoga non è stato un attacco antisemita, ma un modo per criticare Israele.
Un tribunale regionale nella città tedesca di Wuppertal ha confermato la sentenza di un tribunale di grado inferiore che un 2014 bombardamento di una sinagoga non è stato un incidente antisemita, ma un metodo di critica politica israeliana, il Jerusalem Post ha riferito il Giovedi.
Tre palestinesi tedeschi sono stati condannati nel 2015 di attaccare sinagoga Wuppertal con molotov nel mese di luglio 2014, quando Israele lanciò l'Operazione di protezione bordo, un'operazione militare per fermare continuo lancio di razzi di Hamas contro le città israeliane. Il pannello tribunale locale ha detto nella sua decisione che il bombardamento non era motivata da antisemitismo, ma ha cercato di portare "l'attenzione sul conflitto di Gaza."
I tre uomini - 31 anni, Mohamad E., 26 anni, Ismail A., e 20 anni, Mohammad A. - sono state emesse condanne sospese. Secondo il giudice, hanno lanciato l'attacco sotto l'influenza di alcool. L'incendio ha causato risultante € 800 (circa $ 850) in danni, anche se non congregazione sono stati feriti. Giorni prima dell'attacco, qualcuno vernice spray "Palestina libera" sul muro della sinagoga.
L'attuale sinagoga Wuppertal è stato aperto nel 2002, dopo il suo predecessore fu bruciato dai nazisti durante la Notte dei Cristalli nel 1938.
Pure antisemitismo
Leonid Goldberg, il presidente dell'associazione culturale ebraica di Wuppertal, ha detto a Deutsche Welle dopo il processo 2015 che l'attacco "è stato puro antisemitismo. Ci sono stati più che sufficienti segnali scorso luglio. Tutte le manifestazioni sono state contro Israele - e non solo contro Israele, contro gli ebrei. Era solo una questione di tempo, che questa atmosfera produrrebbe attacchi contro una casa di culto ebraico ".
"Da anni, i nostri rabbini non hanno indossato le loro Kippahs in pubblico come vanno attraverso Wuppertal", Goldberg ha aggiunto. "Gli ebrei che lo fanno indossare i loro kippah in pubblico tentativo di nasconderlo indossando un cappello in cima in modo che non c'è bisogno di sentire insulti da giovani musulmani, la maggior parte di tutti."
Volker Beck, uno dei principali Verdi MP, anche contestato la decisione della corte nel 2015, dicendo che il "attacco alla sinagoga è stata motivata da antisemitismo".
"Cosa gli ebrei in Germania hanno a che fare con il conflitto in Medio Oriente? Ogni bit quanto cristiani, persone non religiose o musulmani in Germania, vale a dire, assolutamente nulla. L'ignoranza della magistratura verso l'antisemitismo è per molti ebrei in Germania particolarmente allarmante ", ha aggiunto.
Nel Global pogrom, che è stato pubblicato nel numero di agosto 2014 La Torre Magazine, editore associato Benjamin Kerstein osservato che la guerra d'estate tra Israele e Hamas aveva portato a un drammatico aumento dell'antisemitismo:
"La retorica Genocidal non si limitava al Belgio. E 'anche apparso in, di tutti i luoghi, in Germania ", dice il rapporto. "Si potrebbe pensare che, nell'era post-Shoah, la Germania aveva perso il diritto di consentire queste cose accadano. Ma questo non era il caso. Un rapporto dai tempi di Israele, afferma: "a Dortmund e Francoforte manifestanti anti-Israele cantava, 'Hamas, Hamas, Juden ins gas!' ( 'Hamas, Hamas, gli ebrei al gas!'). Venerdì scorso, un 200-forte folla di Essen è intervenuto con più minacce rivolte direttamente a ebrei.
"A Berlino, un tempo sede del regime nazista," una folla inferocita ha raccolto "a vomitare lingua che avrebbe incantato il ritardo Fuhrer. "Avvolto in bandiere palestinesi e agitando i pugni per la rabbia, hanno cantato in tedesco, 'Jude, Jude feiges Schwein! Komm heraus und Kämpf Allein! '(' Ebreo, Ebreo, suina vile, uscire e combattere da soli! '), "Il rapporto ha raccontato.

========================
German Court: Firebombing of Synagogue is Criticism of Israel, Not Anti-Semitism. Jan 15, 2017
Related: A court in the German city of Wuppertal upheld a ruling that a 2014 firebombing of a synagogue was not an anti-Semitic attack, but a way to criticize Israel.
A regional court in the German city of Wuppertal upheld a lower court’s ruling that a 2014 firebombing of a synagogue was not an anti-Semitic incident, but a method of criticizing Israeli policy, The Jerusalem Post reported on Thursday.
Three German Palestinians were convicted in 2015 of attacking the Wuppertal synagogue with Molotov cocktails in July 2014, when Israel launched Operation Protective Edge, a military operation to stop ongoing Hamas rocket fire against Israeli towns. The local court panel said in its decision that the firebombing was not motivated by anti-Semitism, but sought to bring “attention to the Gaza conflict.”
The three men — 31-year-old Mohamad E., 26-year-old Ismail A., and 20-year-old Mohammad A. — were issued suspended sentences. According to the court, they launched the attack under the influence of alcohol. The resulting fire caused €800 (about $850) in damages, though no congregants were injured. Days before the attack, someone spray-painted “Free Palestine” on the wall of the synagogue.
The current Wuppertal synagogue was opened in 2002, after its predecessor was burnt down by the Nazis during Kristallnacht in 1938.
Pure Anti-Semitism
Leonid Goldberg, the chairman of Wuppertal’s Jewish cultural  association, told Deutsche Welle after the 2015 trial that the attack “was pure anti-Semitism. There were more than enough signals last July. All demonstrations were against Israel – and not just against Israel, against Jews. It was just a matter of time, that this atmosphere would produce attacks against a Jewish house of worship.”
“For years now, our rabbis haven’t worn their kippahs in public as they go through Wuppertal,” Goldberg added. “Jews that do wear their kippah in public attempt to hide it by wearing a hat on top so that they don’t have to hear insults from young Muslims, most of all.”
Volker Beck, a leading Green Party MP, also disputed the court’s decision in 2015, saying that the “attack on the synagogue was motivated by anti-Semitism.”
“What do Jews in Germany have to do with the Middle East conflict? Every bit as much as Christians, non-religious people or Muslims in Germany, namely, absolutely nothing. The ignorance of the judiciary toward anti-Semitism is for many Jews in Germany especially alarming,” he added.
In The Global Pogrom, which was published in the August 2014 issue of The Tower Magazine, associate editor Benjamin Kerstein observed that the summer war between Israel and Hamas had led to a dramatic increase in anti-Semitism:
“Genocidal rhetoric was not confined to Belgium. It also appeared in, of all places, Germany,” the report said. “One would have thought that, in the post-Shoah age, Germany had lost the right to allow such things to occur. But this was not the case. A report from the Times of Israel states, “In Dortmund and Frankfurt anti-Israel protesters chanted, ‘Hamas, Hamas, Juden ins gas!’ (‘Hamas, Hamas, Jews to the gas!’). On Friday, a 200-strong mob in Essen chimed in with more threats aimed directly at Jews.

“In Berlin, once the seat of the Nazi regime, “An angry mob gathered” to spew language that would have enchanted the late Fuhrer. “Draped in Palestinian flags and shaking their fists in rage, they chanted in German, ‘Jude, Jude feiges Schwein! Komm heraus und kämpf allein!’ (‘Jew, Jew, cowardly swine, come out and fight on your own!’),” the report recounted.
=============
Oberlin College Fires professore che ha accusato 9/11, attacchi Charlie Hebdo su Israele. Nov 16, 2016. correlate: Gioia Karega, un assistente professore presso l'Oberlin College cui Facebook Posti di primo piano teorie cospirative antisemite sul potere globale ebraico e le accuse che Israele era dietro gli attacchi terroristici del 9/11 e la creazione di ISIS, è stato ufficialmente licenziato dal consiglio della scuola di fondazione il Martedì. Il consiglio di fondazione ha rilevato che tutti i messaggi di Karega, che sono stati prima segnalati da La Torre a febbraio, erano in violazione della American Association of Dichiarazione di etica professionale, che richiede i professori di "accettare l'obbligo di esercizio critico auto-disciplina e professori universitari ' sentenza utilizzando, l'estensione e la trasmissione della conoscenza "e di" praticare l'onestà intellettuale ". in una dichiarazione, il Consiglio di fondazione ha spiegato che Karega è stato dato" numerose protezioni procedurali "durante il processo di revisione, tra cui essere rappresentato da un avvocato e in grado di presentare testimoni e interrogare le persone che testimoniano contro di lei. Nel corso del procedimento, la dichiarazione presunta, Karega "ha attaccato i suoi colleghi quando hanno sfidato incongruenze nella sua descrizione del collegamento tra le postazioni e la sua borsa di studio. Lei negò ogni responsabilità per la sua cattiva condotta. E lei continua a dare la colpa Oberlin e dei suoi comitati di facoltà per intraprendere un processo di revisione della governance condivisa ".
La maggioranza del Consiglio di Facoltà Generale, l'organo esecutivo della facoltà di Oberlin, ha scoperto che i messaggi di Facebook di Karega non potevano essere considerati parte del suo lavoro scientifico, e aveva "irrimediabilmente compromessa [sua] capacità di svolgere le sue funzioni come studioso, un insegnante, e un membro della comunità. "
"Di fronte a ripetute rifiuto di Dr. Karega di riconoscere e rimediare la sua cattiva condotta, la sua continua presenza mina la missione ei valori della comunità accademica di Oberlin," il Consiglio di fondazione dichiarazione concluso. "Pertanto, qualsiasi breve sanzione del licenziamento è insufficiente e il consiglio di fondazione è costretto a prendere questa azione più grave." In un post di Facebook reagire alla sua cottura, Karega offerto scuse per le sue azioni, invece la scrittura di ringraziamento yous per i suoi sostenitori e alludendo a "contenzioso che sta arrivando":
I emetterà un comunicato ufficiale a breve. Potrei facilmente rilasciare una dichiarazione "Kiss My Ass". Sarei più che giustificato in questo modo. Ma questo non è il mio stile. Scelgo le mie armi con attenzione e in modo strategico. E la fiducia, ho fatto. Ci sarà una sfida e la difesa dei miei diritti, utilizzando tutte le vie che ho a mia disposizione - contenzioso, pubbliche, ecc Il percorso per questo è già stato stabilito.
L'esposizione del Torre dei messaggi degli Karega, che comprendeva anche la sua messa in discussione perché il presidente Obama aveva approvato il finanziamento per sostenere anziani sopravvissuti all'Olocausto, è diventato rapidamente una storia nazionale, nel mese di febbraio. Karega, che è stato aspramente condannato da molti gruppi ebraici, successivamente ha scritto un post su Facebook ringraziando il sito Veterans Today per il suo sostegno. Veterani Oggi è stato descritto dal Southern Poverty Law Center come un sito web che "può scorrere abbastanza rapidamente in palese antisemitismo," editoria sostiene che, tra le altre cose, l'Olocausto è stata esagerata.
Il mese successivo, il presidente del s Consiglio di fondazione, Clyde McGregor, ha rilasciato una dichiarazione che chiede post Facebook di Karega "antisemita e ripugnante", e affermando inequivocabilmente che essi "non hanno posto a Oberlin." McGregor ha chiamato per la revisione dei problemi sollevata dal post di Karega "rapidamente." Nel mese di aprile la maggior parte delle facoltà di Oberlin ha firmato una lettera che è stata critica duramente Karega. "L'intolleranza non ha posto nel campus Oberlin (o dovunque)," ha detto la lettera. "E 'sullies i valori di uguaglianza e di reciproco sostegno che sono incorporati nel nostro DNA istituzionale come la prima università mista e il primo ad ammettere gli studenti di tutte le razze, come una questione di politica. ... Come studiosi e docenti che tesoro di tutti Oberlin è stata e deve continuare ad essere, noi condanniamo ogni manifestazione di intolleranza nel nostro campus - soprattutto da parte nostra facoltà ".
Di: TheTower.org

========================
Oberlin College Fires Professor Who Blamed 9/11, Charlie Hebdo Attacks on Israel. Nov 16, 2016. Related: Joy Karega, an assistant professor at Oberlin College whose Facebook posts featured anti-Semitic conspiracy theories about Jewish global power and accusations that Israel was behind the 9/11 terror attacks and the creation of ISIS, was officially dismissed by the school’s Board of Trustees on Tuesday. The Board of Trustees found that Karega’s posts, which were first reported by The Tower in February, were in violation of the American Association of University Professors’ Statement of Professional Ethics, which requires professors to “accept the obligation to exercise critical self-discipline and judgment in using, extending and transmitting knowledge” and to “practice intellectual honesty.” In a statement, the Board of Trustees explained that Karega was given “numerous procedural protections” during the review process, including being represented by counsel and able to present witnesses and cross-examine people testifying against her. During the proceedings, the statement alleged, Karega “attacked her colleagues when they challenged inconsistencies in her description of the connection between her postings and her scholarship. She disclaimed all responsibility for her misconduct. And she continues to blame Oberlin and its faculty committees for undertaking a shared governance review process.”
A majority of the General Faculty Council, the executive body of Oberlin’s faculty, found that Karega’s Facebook posts could not be considered part of her scholarly work, and had “irreparably impaired [her] ability to perform her duties as a scholar, a teacher, and a member of the community.”
“In the face of Dr. Karega’s repeated refusal to acknowledge and remedy her misconduct, her continued presence undermines the mission and values of Oberlin’s academic community,” the Board of Trustees statement concluded. “Thus, any sanction short of dismissal is insufficient and the Board of Trustees is compelled to take this most serious action.” In a Facebook post reacting to her firing, Karega offered no apologies for her actions, instead writing thank-yous to her supporters and alluding to “litigation that is coming”:
I will be issuing an official statement soon. I could easily release a “Kiss My Ass” statement. I would be MORE than justified in doing so. But that is not my style. I choose my weapons CAREFULLY and STRATEGICALLY. And trust, I have done that. There will be a challenge and defense of my rights, using ALL the avenues I have available to me — litigation, public, etc. The pathway for that has already been laid.
The Tower’s exposure of Karega’s posts, which also included her questioning why President Obama had approved funding to support elderly Holocaust survivors, quickly became a national story in February. Karega, who was harshly condemned by many Jewish groups, subsequently wrote a post on Facebook thanking the website Veterans Today for its support. Veterans Today has been described by the Southern Poverty Law Center as a website that “can slide pretty quickly into overt anti-Semitism,” publishing claims that, among other things, the Holocaust was exaggerated.
The following month, the chairman of the s Board of Trustees, Clyde McGregor, issued a statement calling Karega’s Facebook postings “anti-Semitic and abhorrent,” and stating unequivocally that they “have no place at Oberlin.” McGregor called for reviewing the issues raised by Karega’s post “expeditiously.” In April the majority of Oberlin’s faculty signed a letter that was harshly critical of Karega. “Bigotry has no place on the Oberlin campus (or anywhere),” the letter said. “It sullies the values of equality and mutual support that are embedded in our institutional DNA as the first coeducational college and the first to admit students of all races as a matter of policy. … As scholars and teachers who treasure all Oberlin has been and must continue to be, we condemn any manifestation of bigotry on our campus — especially from our faculty.”
By: TheTower.org
=======
Senators Graham, Cruz Introduce Bill to Defund UN over Anti-Israel Resolution. Jan 15, 2017
Related: Senators Cruz and Graham introduced a bill calling to cut US funding to the UN until it repeals the recent anti-Israel resolution. 
Senators Ted Cruz (R-TX) and Lindsey Graham (R-SC) on Thursday introduced the Safeguard Israel Act, calling to cut US funding to the United Nations (UN) until the president certifies to Congress that United Nations Security Council (UNSC) Resolution 2334 has been repealed.
“The resolution passed last month undermines and delegitimizes our ally, Israel,” Cruz said in a statement.
“President Obama betrayed decades of robust bipartisan American support for Israel at the United Nations by permitting the passage of a biased resolution that condemns our close friend and ally,” Cruz said in an interview with Morning Joe and Fox and Friends. “The Security Council’s resolution is only the latest example of the UN’s long history of obsessive hostility towards Israel and we must not let this shameful action stand. Congress must hold the UN accountable and use our leverage as its largest contributor to push for the repeal of this resolution, making it clear to the world that Congress stands unequivocally against efforts to undermine Israel.”
American funding accounts for 22 percent of the UN budget, the highest of any member state.
“I don’t think it’s a good investment for the American taxpayer to give money to an organization that condemns the only democracy in the Mideast, and takes the settlement issue and says that’s the most important and only issue in terms of an impediment to peace,” said Graham. “I begged the UN months before, don’t put me in this box. This was John Kerry and Obama taking a slap at Israel. We’re going to push back. I think most Americans believe that the United Nations has become more anti-Semitic, more anti-Israeli. And I’m a big internationalist, but we’re going to stop the money until we get this fixed. I appreciate Ted’s leadership on this.”
In their legislation, Cruz and Graham outline numerous reasons why UNSC Resolution 2334 should be repealed, including attempts to pre-judge the basis for negotiations, predetermine the outcome of negotiations, and dictate terms and conditions, which is an abandonment of long-standing US policy and previous commitments made to Israel.
Similarly, the resolution falsely claims that Israel’s sovereignty over the eastern part of Jerusalem and Jewish communities in Judea and Samaria are illegal under international law, and that the Old City of Jerusalem, along with the Temple Mount – the holiest site for the Jewish people – and the Western Wall are ‘‘occupied Palestinian territory.’’
The resolution also encourages the International Criminal Court (ICC) to open an illegitimate formal investigation against Israel, the senators say. Cruz and Graham also believe that the resolution will strengthen the Palestinian diplomatic, economic, and legal warfare campaign against Israel, including BDS (boycotts, divestment and sanctions). “The United States must use this influence to help our allies, in this case Israel, which is crucial to our own national security interests,” concluded Cruz.
By: Max Gelber, United with Israel
==========
Kent State University. Kent State rifiuta domanda da parte dei gruppi anti-israeliane di rimuovere Golda Meir Foto. Nov 16, 2016. Kent State University si rifiuta di cedere alle pressioni da studenti attivisti anti-israeliane di smantellare un display con una foto di citazione e dal primo ministro Golda Meir tardi - che a loro parere è un promemoria quotidiano del razzismo nel campus - dopo reportage da The Algemeiner all'inizio di questo mese ha generato grave contraccolpo.
Di: Lea Speyer / Il Algemeiner
La decisione arriva dopo che il presidente dell'università Beverly Warren inizialmente ha detto che l'indignazione espressa dal capo del capitolo di Kent State di Studenti per la giustizia in Palestina (SJP), nonché dall'Associazione spagnola e latino Student (salsa), Ohio Student Association e studenti musulmani Associazione - sarebbe stata presa in considerazione durante la pesatura se rimuovere l'mostre.
Giovedi ', tuttavia, secondo un portavoce della scuola, vice presidente per gli affari accademici e Provost Todd Diacon inviato una lettera al presidente SJP Yousof Mousa - che è stato ottenuto da The Algemeiner - informandolo della decisione della scuola di lasciare intatto il display.
La lettera era indirizzata a Mousa, come lo era lui che aveva scatenato tutta la controversia, in primo luogo, con la pubblicazione di un editoriale sul sito studente indipendente Kent Wired, accusando il defunto leader dello stato ebraico della "pulizia etnica dei palestinesi ".
Egli ha affermato che la sua citazione - "Fidati di te stesso. Creare il tipo di auto che sarete felici di vivere con tutta la vita. Sfruttate al massimo di voi stessi da alimentando i piccoli, scintille interne delle possibilità in fiamme di realizzazione "- stava causando studenti palestinesi e nere disagio ed è stato" contribut [ing] ad un clima che ci fa sentire come se non apparteniamo qui ".
"Mentre onoro le vostre preoccupazioni", Diacon scrisse a Mousa, "rimuovendo la citazione da Golda Meir, che è aconfessionale e che ragionevolmente potrebbe essere letto da molti come fonte di ispirazione, sarebbe controproducente per il nostro valore istituzionale nucleo di sostenere una diversità di culture, credenze, identità e di pensiero. "capitolo Hillel di Kent State accolto con favore la decisione, affermando:" siamo soddisfatti che l'università ha agito in modo responsabile e rimaniamo impegnati a sostenere i valori fondamentali del universitari di rispetto della diversità e la promozione di una società inclusiva comunità "Golda -. mentre veniva familiarmente noto, sia in Israele che all'estero - è stato il quarto (e solo femminile) il primo ministro di Israele. Ha ricoperto la carica dal tra marzo 1969 al giugno 1974, ed è ricordato per giocare un ruolo chiave nel rafforzare le relazioni di Israele con le nazioni africane e per la ricerca della pace con i vicini arabi dello stato ebraico. Un altro dei suoi famosi motti era: "Avremo solo la pace con gli arabi quando amano i loro figli più di noi odiano". Secondo il portavoce Kent State, il display Golda, insieme a tutta l'intera mostra, verrà rimosso il prossimo estate in ogni caso, grazie alla costruzione sul sito.
===================
Kent State University. Kent State Refuses Demand by Anti-Israel Groups to Remove Golda Meir Photo. Nov 16, 2016. Kent State University is refusing to cave to pressure from anti-Israel student activists to dismantle a display featuring a photo of and quotation by the late Prime Minister Golda Meir — which they claim is a daily reminder of racism on campus — after reportage by The Algemeiner earlier this month generated serious backlash.
By: Lea Speyer/The Algemeiner
The decision comes after university president Beverly Warren initially said that outrage expressed by the head of Kent State’s chapter of Students for Justice in Palestine (SJP), as well as by the Spanish and Latino Student Association (SALSA), Ohio Student Association and Muslim Students Association — would be taken into consideration while weighing whether to remove the exhibit.
On Thursday, however, according to a school spokesperson, Senior Vice President for Academic Affairs and Provost Todd Diacon sent a letter to SJP president Yousof Mousa — which was obtained by The Algemeiner — informing him of the school’s decision to leave the display intact.
The letter was addressed to Mousa, as it was he who had sparked the whole controversy in the first place, by publishing an op-ed in the independent student website Kent Wired, accusing the late leader of the Jewish state of the “ethnic cleansing of Palestinians.”
He claimed that her quote — “Trust yourself. Create the kind of self that you will be happy to live with all your life. Make the most of yourself by fanning the tiny, inner sparks of possibility into flames of achievement” — was causing Palestinian and black students discomfort and was “contribut[ing] to a climate that makes us feel like we do not belong here.”
“While I honor your concerns,” Diacon wrote to Mousa, “removing the quote from Golda Meir, which is nonsectarian and which reasonably could be read by many as inspirational, would be counter to our core institutional value of supporting a diversity of cultures, beliefs, identities and thought.” Kent State’s Hillel chapter welcomed the decision, stating, “We are satisfied that the university has acted in a responsible way and we remain committed to supporting the university’s core values of respect for diversity and the promotion of an inclusive community.” Golda — as she was familiarly known, both in Israel and abroad — was Israel’s fourth (and only female) prime minister. She held the position from between March 1969 to June 1974, and is remembered for playing a key role in bolstering Israel’s relations with African nations and for seeking peace with the Jewish state’s Arab neighbors. Another of her famous sayings was: “We will only have peace with the Arabs when they love their children more than they hate us.” According to the Kent State spokesperson, the Golda display, along with all the entire exhibit, will be removed next summer in any case, due to construction on the site.

I senatori Graham, Cruz Introdurre Bill a Defund delle Nazioni Unite su risoluzione anti-Israele. 15 Gennaio 2017
Correlati: Senatori Cruz e Graham ha introdotto un disegno di legge chiede di tagliare degli Stati Uniti il ​​finanziamento alle Nazioni Unite fino a che abroga la recente risoluzione anti-Israele.
Senatori Ted Cruz (R-TX) e Lindsey Graham (R-SC) il Giovedi introdotto la salvaguardia Israele Act, chiamando a tagliare US finanziamento alle Nazioni Unite (ONU) fino a quando il presidente certifica al Congresso che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) Risoluzione 2334 è stata abrogata.
"La risoluzione approvata il mese scorso mina e delegittima il nostro alleato, Israele", ha detto Cruz in un comunicato.
"Il presidente Obama ha tradito decenni del robusto sostegno americano bipartisan per Israele alle Nazioni Unite permettendo il passaggio di una risoluzione di parte che condanna il nostro caro amico e alleato", ha detto Cruz in un'intervista con Morning Joe e Fox and Friends. "La risoluzione del Consiglio di sicurezza è solo l'ultimo esempio di lunga storia di ostilità nei confronti di Israele ossessivo delle Nazioni Unite e non dobbiamo lasciare che questa posizione vergognosa azione. Congresso deve tenere conto delle Nazioni Unite e usare la nostra leva finanziaria come il suo maggior contribuente di spingere per l'abrogazione di questa risoluzione, il che rende chiaro al mondo che il Congresso sta inequivocabilmente contro i tentativi di minare Israele ".
rappresenta finanziamento americano per il 22 per cento del bilancio delle Nazioni Unite, il più alto di qualsiasi Stato membro.
"Io non credo che sia un buon investimento per il contribuente americano a dare soldi ad una organizzazione che condanna l'unica democrazia del Medio Oriente, e prende la questione degli insediamenti e dice che è il problema più importante e solo in termini di un impedimento alla pace ", ha detto Graham. "Ho pregato i mesi delle Nazioni Unite prima, non mi mettere in questa casella. Questo è stato John Kerry e Obama di prendere uno schiaffo a Israele. Stiamo andando a spingere indietro. Credo che la maggior parte degli americani crede che le Nazioni Unite è diventato più antisemita, più anti-israeliano. E io sono un grande internazionalista, ma stiamo andando a fermare i soldi fino a quando non ottenere questo riparato. Apprezzo la leadership di Ted su questo. "
Nella loro legislazione, Cruz e Graham delineano numerose ragioni per cui risoluzione UNSC 2334 dovrebbe essere abrogata, inclusi i tentativi di pre-giudicare la base dei negoziati, predeterminare il risultato dei negoziati, e dettare termini e condizioni, che è un abbandono di lunga data degli Stati Uniti la politica e gli impegni precedenti fatte ad Israele.
Allo stesso modo, la risoluzione afferma falsamente che la sovranità di Israele sulla parte orientale di Gerusalemme e comunità ebraiche in Giudea e Samaria sono illegali secondo il diritto internazionale, e che la Città Vecchia di Gerusalemme, insieme con il Monte del Tempio - il luogo più santo per il popolo ebraico - e il Muro occidentale sono '' territorio occupato palestinese ''.
La risoluzione incoraggia inoltre la Corte penale internazionale (CPI) per aprire un illegittimo di indagine formale nei confronti di Israele, i senatori dicono. Cruz e Graham credono anche che la risoluzione sarà rafforzare la campagna palestinese di guerra diplomatica, economica e legale contro Israele, tra cui BDS (boicottaggio, disinvestimento e sanzioni). "Gli Stati membri devono utilizzare questa influenza per aiutare i nostri alleati, in questo caso Israele, che è fondamentale per i nostri interessi di sicurezza nazionale", ha concluso Cruz.
Da: Max Gelber, Stati con Israele