destra ebreo Yehuda Glick

Bush MERKEL Rothschild ] io darò un solo sganassone al vostro SATANA SpA, che 40 miliardi di demoni, e 80 miliardi di anime maledette e dannate: come voi, impiegheranno almeno 100 anni, per rimettere insieme tutti i pezzettini del suo scheletro marcio puzzle.
Bush Satana Rothschild ] perché ti lamenti contro di me? 1. io non sono nel tuo libro paga! 2. E certamente, uccidere tutti i musulmani del mondo? QUESTO NON FARà DI ME UN UOMO FELICE, LOL. olo: lol, ALMENO FINCHé IO NON TI AVRò UCCISO!
in effetti anche in tutta la LEGA ARABA SHARIA, come in Corea del Nord, la deliquenza non esite: IL TERRORE! PERCHé LORO NON HANNO METODI RIEDUCATIVI! E LA DIFFERENZA DEL MIO REGNO UNIVERSALE: è CHE, NEANCHE CON ME, PUò ESISTE DELINQUENZA E QUESTO A A MOTIVO DEL MIO PIù ALTO LIVELLO DI GIUSTIZIA: L'AMORE! IL CAIRO, 21 DIC - L'Isis a Sirte, in Libia, ha pubblicato sul web un nuovo video di propaganda in cui mostra la sua polizia islamica che pattuglia la città. Allineati e incappucciati, con indosso mitra ed una divisa grigio scura i 'poliziotti' ricevono gli ordini da un comandante. "Il vostro ruolo è di rendere sicuri i musulmani ed il loro onore voi siete quelli che combattono al fronte contro l'ingiustizia e la corruzione. Il tasso di criminalità a Sirte è pari a zero e questa città è la più sicura al mondo"
revenge Yitzhak Kaduri
SALMAN MY BROTHER ] se invece di metterti a fottere le bambine, di nove anni, come quell'animale del tuo falso profeta Maometto, tu avessi studiato il profeta Daniele, poi, tu avresti capito che la creta non si può mai fondere con il ferro: ecco perché il tuo gigante Golia cazzone Bush di Nuovo Ordine Mondiale: il GUFO BAAL ALLAH MARDUK JaBullOn: deve venire giù: inevitabilmente, con un grande tonfo boato: comunque! ed anche se nel Mondo, io fossi unico e solo? Questo non vuol dire che la mia fede potrebbe risultare perdente! IO VINCERò! perché Dio JHWH può ricominciare il genere umano, tutto da solo, anche senza di me: se volesse! e lui deve essere veramente un SANTO, dato che non si è ancora stancato di tutti noi!
revenge Yitzhak Kaduri
SALMAN MY BROTHER ] lol. dopotutto i satanisti massoni non potranno mai diventare i miei complici, o miei alleati soltanto perché hanno ubbidito a me: ed hanno distrutto la LEGA ARABA, invece di distruggere CINA RUSSIA INDIA; BRASILE, ecc.. come era nei loro progetti iniziali!
revenge Yitzhak Kaduri
SALMAN MY BROTHER ] nessuno, per VERO amore di Satana, più dei satanisti ROTHSCHILD BUSH E KERRY, può essere interessato a studiare i segreti della mia TEOLogia METAFISICA RAZIONALE. COSì ANCHE LORO SI PREPARANO A MORIRE ED A SCENDERE ALL'INFERNO, INSIEME A TE, CONSAPEVOLMENTE!
revenge Yitzhak Kaduri
ANCHE MUSSOLINI COME MAOMETTO IL POLIGAMO: HANNO ENTRAMBI LEGALIZZATO LA PROSTITUZIONE, due studentesse musulmane: una libanese, ed una tunisina, entrambe, molto ipocrite, anche, se formalmente religiosamente islamiche ferventi, cioè, queste musulmane giustificavano, alla studentessa italiana: convivente: nello stesso appartamento: cioè nei loro discorsi, di fatto: legalizzavano l'adulterio occidentale, attraverso la ragionevolezza della loro poligamia! MENTRE TUTTI SANNO CHE LA LUSSURIA COLPEVOLE, è UN DEMONE DA COMBATTERE E NON DA RAZIONALIZZARE COERCITIVAMENTE IN UN MATRIMONIO BLASFEMO!
revenge Yitzhak Kaduri
PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Ezechiele 45:9 [ stop signoraggio bancario ] 9. Così parla il Signore, l'Eterno: Basta, o principi d'Israele! Lasciate da parte la violenza e le rapine, praticate il diritto e la giustizia, liberate il mio popolo dalle vostre estorsioni! dice il Signore, l'Eterno. 10. Abbiate bilance giuste, efa giusto, bat giusto. [ stop signoraggio bancario, poi, questo avverrà ] Ezechiele 37. 1. La mano dell'Eterno fu sopra me, e l'Eterno mi trasportò in ispirito, e mi depose in mezzo a una valle ch'era piena d'ossa. 2. E mi fece passare presso d'esse, tutt'attorno; ed ecco erano numerosissime sulla superficie della valle, ed erano anche molto secche. 3. E mi disse: "Figliuol d'uomo, queste ossa potrebbero esse rivivere?" E io risposi: "Oh Signore, oh Eterno, tu il sai". 4. Ed egli mi disse: "Profetizza su queste ossa, e di' loro: Ossa secche, ascoltate la parola dell'Eterno! 5. Così dice il Signore, l'Eterno, a queste ossa: Ecco, io faccio entrare in voi lo spirito, e voi rivivrete; 6. e metterò su voi dei muscoli, farò nascere su voi della carne, vi coprirò di pelle, metterò in voi lo spirito, e rivivrete; e conoscerete che io sono l'Eterno". 7. E io profetizzai come mi era stato comandato; e come io profetizzavo, si fece rumore; ed ecco un movimento, e le ossa s'accostarono le une alle altre. 8. Io guardai, ed ecco venir su d'esse de' muscoli, crescervi della carne, e la pelle ricoprirle; ma, non c'era in esse spirito alcuno. 9. Allora egli mi disse: "Profetizza allo Spirito SANTO, profetizza, figliuol d'uomo, e di' allo Spirito SANTO: Così parla il Signore, l'Eterno: Vieni dai quattro venti o SANTO Spirito, soffia su questi uccisi, e fa' che rivivano!" 10. E io profetizzai, com'egli m'aveva comandato; e lo SANTO Spirito entrò in essi, e tornarono alla vita, e si rizzarono in piedi: erano un esercito grande, grandissimo. 11. Ed egli mi disse: "Figliuol d'uomo, queste ossa, sono tutta la casa d'Israele. Ecco, essi dicono: Le nostra ossa sono secche, la nostra speranza e perita, noi siam perduti! 12. Perciò, profetizza e di' loro: Così parla il Signore, l'Eterno: Ecco, io aprirò i vostri sepolcri, vi trarrò fuori dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi ricondurrò nel paese d'Israele. 13. E voi conoscerete che io sono l'Eterno, quando aprirò i vostri sepolcri, e vi trarrò fuori dalle vostre tombe, o popolo mio! 14. E metterò in voi il mio spirito, e voi tornerete alla vita; vi porrò sul vostro suolo, e conoscerete che io, l'Eterno, ho parlato, e ho messo la cosa ad effetto, dice l'Eterno".

PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Ezechiele 45:15. E la Parola dell'Eterno mi fu rivolta in questi termini: 16. "E tu, figlio d'uomo, prenditi un pezzo di legno, e scrivici sopra: "Per Giuda, e per i figliuoli d'Israele, che sono associati". Poi prenditi un altro pezzo di legno, e scrivici sopra: "Per Giuseppe, bastone d'Efraim e di tutta la casa d'Israele, che gli è associata". 17. Poi accostali l'un all'altro per farne un solo pezzo di legno, in modo che, siano uniti nella tua mano. 18. E quando i figliuoli del tuo popolo ti parleranno e ti diranno: Non ci spiegherai tu che cosa vuoi dire con queste cose? 19. tu rispondi loro: Così parla il Signore, l'Eterno: Ecco, io prenderò il pezzo di legno di Giuseppe, ch'è in mano d'Efraim e le tribù d'Israele che sono a lui associate, e li unirò a questo, ch'è il pezzo di legno di Giuda, e ne farò un solo legno, in modo che saranno una sola cosa nella mia mano. 20. E i legni sui quali tu avrai scritto, li terrai in mano tua, sotto i loro occhi. 21. E di' loro: Così parla il Signore, l'Eterno: Ecco, io prenderò i figliuoli d'Israele, di fra le nazioni dove sono andati, li radunerò da tutte le parti, e li ricondurrò nel loro paese; 22. e farò di loro una stessa nazione, nel paese, sui monti d'Israele; un solo re sarà re di tutti loro; e non saranno più due nazioni, e non saranno più divisi in due regni. 23. E non si contamineranno più con i loro idoli, con le loro abominazioni, né colle loro numerose trasgressioni; io trarrò fuori da tutti i luoghi dove hanno abitato e dove hanno peccato, e li purificherò, essi saranno mio popolo, e io sarò loro Dio. 24. Il mio servo Davide sarà re sopra loro, ed essi avranno tutti un medesimo pastore; cammineranno secondo le mie prescrizioni, osserveranno le mie leggi, e le metteranno in pratica; 25. e abiteranno nel paese che, io detti al mio servo Giacobbe, e dove abitarono i vostri padri; vi abiteranno essi, i loro figliuoli e i figliuoli dei loro figliuoli in perpetuo; e il mio servo Davide sarà loro principe, in perpetuo. 26. E io fermerò con loro un patto di pace: sarà un patto perpetuo con loro; li stabilirò fermamente, li moltiplicherò, e metterò il mio santuario in mezzo a loro per sempre; 27. la mia dimora sarà presso di loro, e io sarò loro Dio, ed essi saranno mio popolo. 28. E le nazioni conosceranno che io sono l'Eterno che santifico Israele, quando il mio santuario sarà per sempre in mezzo ad essi.
revenge Yitzhak Kaduri
20.12.2015 ] SIATE TUTTI STRAMALEDETTI! NON è POSSIBILE VINCERE LA GUERRA MONDIALE DI SATANA COMPRANDO, COMMERCIANDO, IL DENARO DA SATANA! .. è CHIARO: VOI INVECE DI CORREGGERE, EDUCARE, LA LEGA ARABA: VOI AVETE DECISO, DI UCCIDERLI TUTTI I MAOMETTANI NAZISTI, DI PUGNALARLI TUTTI ALLE SPALLE, PROPRIO COSì COME IO VI HO ORDINATO DI FARE! PROPRIO COSì COME è GIUSTO di FARE! [ Russia, Mosca pronta a entrare nella top ten dei contributori del Fmi. Christine Lagarde ha accolto con favore l'approvazione della riforma come un “passo cruciale” per il ruolo del Fmi di sostegno alla stabilità finanziaria globale e all'aumento delle sue risorse fondamentali. "Quattro paesi emergenti (Brasile, Cina, India e Russia) saranno tra i 10 più grandi contributori del Fmi — si legge nella comunicazione del Fmi. — I paesi europei avanzati si sono impegnati a ridurre la loro rappresentanza nel Consiglio combinando da due posti". Il direttore Christine Lagarde ha accolto con favore l'approvazione della riforma come un "passo cruciale" per il ruolo del Fmi di sostegno alla stabilità finanziaria globale e all'aumento delle sue risorse fondamentali. "Un Fmi più rappresentativo e moderno sarà ancora meglio attrezzata per soddisfare le esigenze di tutti i suoi 188 paesi membri nel 21esimo secolo", ha sottolineato Lagarde. Gli altri membri della top ten sono Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, Francia, Germania e Italia: http://it.sputniknews.com/economia/20151220/1760772/russia-top-ten-contributori-fmi.html#ixzz3uvhRf37p
revenge Yitzhak Kaduri
a questi nazisti MERKEL Pravy Sector sono giunti i soldi dei satanisti massoni della CIA NATO, e quindi devono far vedere che sono stati soldi spesi bene! 20 Dicembre. Donbass, filorussi denunciano bombardamenti forze ucraine a Donetsk e Spartak: http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3uvg65TAS QUELLO CHE I POPOLI PENSANO E VOGLIONO: è SOLTANTO UNA INUTILE TEORIA PER IL SISTEMA MASSONICO ROTHSCHILD BILDENBERG!
revenge Yitzhak Kaduri
il sistema dei massoni, ormai manipola le elezioni, e perverte, ANCHE, i dati elettorali, non è possibile statisticamente, che, guarda caso, i complici dei banchieri abbiano il 50,1% del consenso elettorale [ IN QUESTO MODO, CI PORTERANNO ALLA GUERRA MONDIALE NUCLEARE CONTRO LA RUSSIA, CONTRO IL NOSTRO CONSENSO! ] MADRID, 20 DIC - Mariano Rajoy porta il suo partito popolare a vincere le elezioni politiche spagnole, anche se con una percentuale, il 28,3 che lo costringerà a cercare alleanze per governare. Alle sue spalle il Partito socialista resiste al secondo posto con il 22,5,1
revenge Yitzhak Kaduri
nel sistema massonico: voi potete fare, soltanto, quella "MALA MORTE CHE VI PORTERà ALL'INFERNO!" QUESTI HILLARY OBAMA GENDER VELTRONI DALEMA RENZI, ZAPATERO, KERRY, sono i massoni delle Banche CENTRALI SpA, che, fare del loro meglio è che: possono portare tutto al Grande Fratello SATANA SpA NWO, ed il fatto che, hanno dei successi economici grazie al falso in bilancio delle SPA FMi FED, questo non deve ingannare gli stupidi, perché è sempre una: "miglioria della morte", un piccolo miglioramento transitorio prima del collasso, per tutto il popolo della schiavi, una illusoria bolla economica, che svanisce subito, quando vanno forze non gradite alla SpA Banca Centrale Mondiale!
revenge Yitzhak Kaduri
Hillary è soltanto, un altro anticristo di Obama bis, REGIA HOLLYWOOD ENLIGHTENED! IL MALE CHE QUESTI CORROTTI IPOCRITI E BUGIARDI, POSSONO FARE AL GENERE UMANO: è UN MALE ASSOLUTO E SENZA RIMEDIO! LEI HA GIà DATO IL SUO ANO SODOMA GENDER A SATANA, PER POTER ESSERE UNA PERSONA CREDIBILE! Sanders torna ad accusare una campagna elettorale corrotta e cerca di rilanciare l'immagine di una Hillary troppo vicina ai poteri forti, a quella Wall Street che "sta distrugendo l'economia e la vita di milioni di americani". Lei controbatte sostenendo la necessita' di colpire gli eccessi e gli abusi nel mondo della finanza e delle grandi banche, ma anche quella di collaborare con un settore privato che crea ricchezza e milioni di posti di lavoro. Poi la promessa piu' forte di Hillary: piu' tasse sui ricchi e sulle grandi aziende. Zero aumenti sulla classe media. "Non lo faro' mai, e' fuori discussione", giura. Ricorrendo per i saluti finali (mostrando il suo lato piu' spiritoso) a una delle citazioni che hanno fatto la storia del cinema, tratta da Guerre Stellari: "Che la forza sia con voi".
revenge Yitzhak Kaduri
KING SALMAN SAUDI ARABIA ] oggi ISRAELE è un impiccione! [ è logico pensare: che, tutti coloro che, si oppongono al REGNO di: 12 TRIBù di ISRAELE, CIOè SI OPPONGONO AL SIONISMO, poi, attenderanno, un momento di debolezza di ISRAELE, per distruggerlo, perché, in Realtà: ISRAELE è sempre una minaccia per ogni visione totalitaria, e per ogni ideologia totalizzante, in tutto il mondo! ISRAELIANI NON COMBATTERANNO PER IL BENESSERE ALTRUI, MA, LO DENUNCERANNO, almeno al 39%, IL CRIMINE DI VIOLAZIONE DEL LIBERO ARBITRIO, E QUESTO è UN PERICOLO TROPPO GRANDE PER UN NUOVO ORDINE MONDIALE MASSONICO USUROCRATICO ISLAMICO, ECC... UNA MINACCIA PER OGNI SISTEMA TOTALITARIO!
revenge Yitzhak Kaduri
KING SALMAN SAUDI ARABIA ] [ dubito che JHWH holy, abbia deciso di REALIZZARE LE SUE PROFEZIE circa il Regno di ISRALE, cioè, di distruggere la LEGA ARABA e USA, e distruggere, cioè, tutti i nemici di ISRAELE, per dire: "OK, dei satanisti massoni, usurai mondiali Rothschild, falsa stella Rothschild sulla bandiera, magia nera esoterismo Kabbalah, e Talmud satanico: culto Hitler contro genere umano goym: sacrifici umani di goym, usura mondiale contro i goym, tutto questo è buono per me: perché, in realtà io sono Satana!" COSì, io in questa realtà, di sistema massonico, io credo, che, IO VINCERò LA MIA SCOMMESSA CONTRO DIO JHWH, ED IL GENERE UMANO DURERà SOLTANTO 250 ANNI, INVECE DI 350 ANNI. PERCHé, NESSUNO DEVE CREDERE, COME UNO STUPIDO, che io sono interessato personalmente a diventare Re di ISRAELE, Unius REI sul mondo! così, voi i massoni, voi avete deciso di fare di tutto, affinché, il GENERE umano, possa diventare, come una sola Siria, fino alla fine del mondo! INFATTI FARISEI E SALAFITI PENSANO ENTRAMBI: "TANTO PEGGIO è PER TUTTI, TANTO MEGLIO è PER NOI!" SOLTANTO CHE, ARRIVERà IL MOMENTO, sicuramente, CHE I FARISEI UCCIDERANNO anche i SALAFITI.
revenge Yitzhak Kaduri
MY ISRAEL ALLELUIA ] Alzati, Gerusalemme, e rivestiti di luce“ ecco viene da te, la tua luce, la Gloria del Signore brilla su te, alleluia, alleluia (Is 55-66) a questo canto, in Chiesa, io ho pianto per te ( anche se ho cercato di non farmi notare da nessuno in questa mia debolezza ), cioè, a motivo della mia forte emozione per te: io ho pianto, e questo sarebbe successo ugualmente in una Moschea o in una Sinagoga, ecc. perché, la mia comunione è sempre e soltanto con lo Spirito Santo. io amo i salmi interpretati con il canto. [ ALLELUIA ] Anche se, è stato profetizzato, il sacrificio del mattino e della sera, io non sopporto la sofferenza degli innocenti, nessuna creatura innocente deve soffrire alla mia presenza, perché questo mi farebbe diventare violento, quindi durante il tempo del mio regno terreno, io dichiarerò salvifica, la lode, e così come io ho deciso in terra così sarà fatto in cielo!
revenge Yitzhak Kaduri
coloro che faranno tutto quello che io voglio? io li farò avvicinare a me, e LO SPIRITO SANTO, LI PERDONERà, non farà a loro del male. IO SONO LA PIENEZZA DI TUTTI I DIRITTI UMANI, MA IO NON SONO LA DEMOCRAZIA, IO SONO LA FORMA UMANA PIù ALTA DI GIUSTIZIA, CHE SIA MAI COMPARSA IN TUTTA LA STORIA DEGLI UOMINI, IO SONO LA MONARCHA ASSOLUTA TEOCRATICA LAICA UMANISTICA E METAFISICA! MA, OGGI, PURTROPPO, PIANGE IL MIO POPOLO OPPRESSO IN BABILONIA USA! [ PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Salmo: 80. Preghiera per la rinascita di Israele ] Al maestro del coro. Su «Giglio del precetto». 2. Tu, pastore d'Israele, ascolta, tu che guidi Giuseppe come un gregge. Assiso sui cherubini rifulgi, 3. davanti a Efraim, Beniamino e Manasse. Risveglia la tua potenza e vieni in nostro soccorso. 4. Rialzaci, Signore, nostro Dio, fà splendere il tuo volto e noi saremo salvi. 5. Signore, Dio degli eserciti, fino a quando fremerai di sdegno contro le preghiere del tuo popolo? 6. Tu ci nutri con pane di lacrime, ci fai bere lacrime in abbondanza. 7. Ci hai fatto motivo di contesa per i vicini, e i nostri nemici ridono di noi. 8. Rialzaci, Dio degli eserciti, fà risplendere il tuo volto e noi saremo salvi. 15. Dio degli eserciti, volgiti, guarda dal cielo e vedi e visita questa vigna, 16. proteggi il ceppo che la tua destra ha piantato, il germoglio che ti sei coltivato. 17. Quelli che l'arsero col fuoco e la recisero, periranno alla minaccia del tuo volto. 18. Sia la tua mano sull'uomo della tua destra, UNIUS REI, sul figlio dell'uomo che per te hai reso forte. 19. Da te più non ci allontaneremo, ci farai vivere e invocheremo il tuo nome. 20. Rialzaci, Signore, Dio degli eserciti, fà splendere il tuo volto e noi saremo salvi.
revenge Yitzhak Kaduri
PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Michea 5:2-4. 2. Perciò, Dio li metterà in potere altrui, fino a quando colei che deve partorire partorirà; e il resto dei tuoi fratelli ritornerà ai figli di Israele. 3. Egli starà là e pascerà con la forza del Signore, con la maestà del nome del Signore suo Dio. Abiteranno sicuri perché egli allora sarà grande, fino agli estremi confini della terra. 4 . e tale sarà la pace: EGLI STESSO SARà LA PACE!
revenge Yitzhak Kaduri
ECCO COME LEGA ARABA, CIA E LA NATO: LORO PORTANO GUERRA CIVILE DISTRUZIONE PREDAZIONE E MORTE NELLE NAZIONI! Cremlino paragona la destabilizzazione della Siria con la rivoluzione di Maidan in Ucraina [ PER I FARISEI MASSONI SALAFITI QUESTA STRATEGIA DI TERRORISMO, LA CHIAMANO "GEOPOLITICA" "TANTO PEGGIO è PER TUTTI, TANTO MEGLIO è PER NOI!" ] 20.12.2015. In Medio Oriente e Nord Africa sono state ampiamente impiegate le tecnologie per la destabilizzazione delle masse simili a quelle utilizzate in Ucraina 2 anni fa, ha rilevato il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha segnalato la somiglianza delle tecnologie di destabilizzazione delle masse impiegate in Ucraina 2 anni fa con quelle utilizzate in Medio Oriente e Nord Africa nell'ultimo periodo. Secondo Peskov, si tratta dell'incitamento delle masse al cambiamento violento del regime. "Ecco i punti rossi di queste tecnologie, che si manifestano sempre allo stesso modo. Certamente per molti aspetti quello che abbiamo visto in Ucraina 2 anni fa ha ovviamente molte caratteristiche simili a quello che abbiamo visto in Medio Oriente e Nord Africa,"- ha detto Peskov nel documentario di Saida Medvedeva "Ordine Mondiale" in diretta su "Rossiya 1". http://it.sputniknews.com/politica/20151220/1761466/Siria-Libia-Peskov.html#ixzz3utJqhDlV
revenge Yitzhak Kaduri
quale islamico io lascerò vivere in Siria, ecc.. ecc.. e IN ARABIA SAUDITA? IO SONO LA LEGGE DEL TAGLIONE! GAZA, 20 DIC - Hamas ha condannato la uccisione di Samir Kantar, il miliziano druso-libanese colpito a Damasco in un attacco attribuito ad Israele dai media libanesi. ''Si tratta di un crimine odioso'' ha affermato Hamas, in un messaggio twitter.
per ONU sharia, BILDENBERG IL NAZISTA MASSONE COMUNISTA, e LEGA ARABA MECCA KAABA: non esiste nel Genere Umano un diritto alla autodifesa! ] [ L'uccisione del comandante di Hezbollah Samir Kantar nei pressi di Damasco - addossata dal gruppo scita libanese ad un raid di stamattina dell'aviazione israeliana non confermato dallo stato ebraico - ha innescato in serata lampi di guerra al confine tra Israele e Libano. Dopo tre razzi sparati nel pomeriggio dal Libano meridionale verso Galilea, e in particolare la città di Nahariya (ad un passo dalla frontiera), aerei israeliani - secondo media arabi, ripresi dalla tv Canale 10 - hanno colpito nel Libano meridionale le postazioni dalle quali erano partiti i tre razzi. L'uccisione di Kantar è avvenuta, secondo gli stessi Hezbollah, in un edificio di un sobborgo di Damasco: "aerei sionisti - hanno detto in una nota, citata dai media - hanno colpito un palazzo residenziale in Jaramana. Il decano dei detenuti liberati dalle prigioni di Israele, il fratello Mujahid Samir Kantar ha avuto il martirio insieme ad altri cittadini siriani". E su twitter Bassam Kantar, fratello di Samir, ha commemorato come "martire" il congiunto. Dopo la notizia, il ministro israeliano dell'energia Yuval Steinitz si è limitato a dire che se il fatto era vero certo non si sarebbe rattristato. Kantar, un druso libanese, aveva scontato circa 30 anni nelle carceri israeliane da dove era stato liberato nel 2008 in cambio dei corpi dei due soldati Eldad Regev e Ehud Goldwasser, rapiti dagli Hezbollah in un'operazione al confine che dette la miccia alla Seconda Guerra del Libano. Il suo nome era legato ad un attentato particolarmente cruento avvenuto 36 anni fa a Nahariya e rimasto nella memoria degli israeliani: nell'aprile del 1979 Kantar, che allora aveva appena 16 anni, sbarcò dal mare con un commando del Fronte della liberazione della Palestina nella cittadina Nahariya. Prima uccise il poliziotto Eliyahu Shahar, poi prese in ostaggio da una casa Danny Haran e la figlia Einat di 4 anni trascinandoli sulla spiaggia. Secondo l'accusa - che lo condannò a lunghe pene detentive - Kantar uccise Haran e fracassò il cranio della figlia Einat con il calcio del fucile, e infine venne catturato. Il miliziano sostenne di non aver ucciso Einat Haran, colpita invece secondo la sua tesi durante il conflitto a fuoco. Nel rapimento morì anche l'altra figlia di Haran, Yael soffocata inavvertitamente dalla madre Smadar per impedirle di piangere e rivelare così dove erano nascoste durante l'irruzione di Kantar. La signora Smadar ha detto che "una giustizia storica è stata compiuta". E Yoram Shahar, fratello del poliziotto ucciso, ha detto "di non avere dubbi che le forze di sicurezza israeliane l'avrebbero raggiunto. Sapevo che stava vivendo giorni contati". Hamas da Gaza invece ha definito via twitter l'uccisione del druso libanese "un crimine odioso".
la dovete smettere di chiamare "martire chi fa l'assassino terrorista di bambini, e di persone pacifiche uccise a tradimento!" e per definizione nessun islamico nazista può essere definito un martire, perché ogni islamico è una minaccia per il genere umano! Secondo l'agenzia di stampa, il fratello Bassam Kuntar ha segnalato la morte di Samir con un post sulla sua pagina Facebook, dove lo ha definito un "martire". Israeli Air Force Reportedly Eliminates Mass-Murderer Samir Kuntar.
The elimination of Hezbollah commander Samir Kuntar in an Israeli Air Force airstrike has been hailed by Israelis from across the political spectrum Sunday. Kuntar was widely reviled in Israel for his role in a 1979 terrorist attack by the now-defunct Palestine Liberation Front, during which terrorists kidnapped an Israeli father and his four-year-old daughter from Nahariya and then brutally executed them on a nearby beach. Kuntar himself beat the young girl to death with the butt of his rifle; her two-year-old sister was accidentally smothered to death by their terrified mother as she stifled her cries to prevent them from being discovered. He was released after serving nearly 30 years of a 47-year sentence in a 2008 prisoner swap with Hezbollah, and was immediately feted as a hero by the Shia Islamist terror group and appointed one of its commanders. He was reportedly targeted in a previous airstrike but emerged unscathed. Israeli jets finally found their target on Saturday night, obliterating a building near Damascus where he had been living with a number of other Hezbollah commanders.
But Israelis aren't the only ones celebrating Kuntar's elimination. In an illustration of the political complexities evoked by Syria's civil war, many members of the predominantly Sunni Muslim Syrian opposition took to social media in the aftermath of the strike to thank the Jewish state for taking him out. Hezbollah has played a key - and brutal - role in propping up the regime of Bashar al-Assad at the behest of Iran, making it a subject of intense hatred for most Sunni Muslims, many of whom previously supported the group for its battle against Israel. A Lebanese Druze by birth, after his release Kuntar was lionized and even granted honorary awards by Syrian dictator Bashar al-Assad himself, as well as Hezbollah and the Iranian government, who highlighted his status as the longest-serving prisoner to be freed in such an exchange with Israel. Yet despite his enormous symbolic value to Iran's so-called "axis of resistance" Kuntar was, in operational terms, a relatively unimportant player inside Lebanon. In recent years, however, Hezbollah sought to use his links to the Druze community to further its goals in Syria, deploying him to the war-torn country's southern provinces to encourage (with ample funds) Syrian Druze to join the pro-Assad National Defense Force paramilitary. By all accounts he failed in his task; though fearful of the Islamist-dominated Syrian rebel movement, Syria's Druze population grew quickly disenfranchised with the Assad regime as well. While the regime was eager to recruit young Druze men to deploy in government strongholds elsewhere in the country, Damascus essentially abandoned the strategically-unimportant Druze heartlands to their fate. Anti-regime protests by disgruntled Druze have been met with bloody regime retribution.
Source: Arutz Sheva
20.12.2015. Putin: Occidente non ha diritto di imporre agli altri Paesi la sua idea di democrazia. MA QUELLA DEMONOCRAZIA è UNA TRUFFA MASSONICA E BANCARIA è ALTO TRADIMENTO COSTITUZIONALE, QUANTO A ME UNIUS REI, IO HO Gà DICHIARATO GUERRA A TUTTE LE NAZIONI CHE NON RISPETTANO I DIRITTI UMANI UNIVERSALI SOLENNI, di: ONU 1949: e vi accorgerete di questo! io non faccio sconti a nessuno! http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3utGO5sJr
revenge Yitzhak Kaduri
Praticamente in Siria chi vuole, si sveglia la mattina e inizia a FARE ATTENTATI, MANDARE TERRORISTI ISLAMICI: E NATO E LEGA ARABA HANNO MANDATO AL NURSA, A FARE GENOCIDI, CROCIFISSIONI DI BAMBINI, RAGAZZI, STUPRO E SGOZZAMENTI DI RAGAZZE, E A FARE I CANNIBALi CHE LA TESTA DI UN UOMO VALE UN EURO: E SI MANGIANO ANCHE IL CERVELLO! NEL SENSO CHE REGALANO E SI NUTRONO SISTEMATICAMENTE DI CARNE UMANA NELLA MACELLERIA: OVVIAMENTE, C'è UNA FATWA SAUDITA CHE CONSENTE LORO DI FARE I CANNIBALI! INOLTRE TUTTI LORO SONO TERRORISTI MODERATI, LA OPPOSIZIONE CON CUI ASSAD DOVREBBE TRATTARE! TURCHIA E ARABIA SAUDITA HANNO AGGREDITO LA SIRIA E IRAQ: senza nemmeno dichiarare guerra al governo ufficiale. La trattano come terra di nessuno ma così non è. Anni di civiltà e diritto internazionale SONO ANDATI distrutti in un attimo, PER COLPA DI ONU E CIA cioè, da noi occidentali in primis: PROPRIO LI, DOVE LA CIVILTà OCCIDENTALE è NATA: ECCO PERCHé OCCIDENTE è Merkel Pravy Sector,Blldenberg, sono soltanto un ANTICRISTO MASSoNE FARISEO SATANISTA. qUINDI SE, VOI VOLETE INCONTRARE I VERI CRISTIANI? VOI DOVETE ANDARE IN CINA, CHE QUESTO è IL VERO MOTIVO PER CUI HANNO DECISO DI DISTRUGGERE LA CINA, ED è anche, IL VERO MOTIVO PER CUI Io LA PROTEGGERò!
revenge Yitzhak Kaduri
conosco un proverbio che dice: "non sempre ride la moglie dell'islamico terrorista SHARIA!" .. e quando questo millantato Osservatorio siriano per i diritti umani, quando i suoi islamici profanavano Chiese, Moschee, e mettevano cristiani, sciiti, ecc.. ecc.. nelle fosse comuni, lui dove era? in Arabia Saudita alla MECCA Kaaba? ORA è IL LORO MOMENTO DI MORIRE! GIRATE LA TESTA E NON GUARDATE: IO NON SONO UN BUGIARDO COME OBAMA E ERDOGAN! ] [ 20 DIC - Un attacco russo sulla città di Idlib, nella Siria nordoccidentale, ha provocato la morte di 36 persone e il ferimento di molti altri. Lo riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani. Secondo testimoni citati dalla Bbc, tra i luoghi colpiti figurano un mercato delle case e edifici pubblici. La Russia, che ha cominciato una campagna aerea sulla Siria il 30 settembre diretta contro l'Isis ed altri "terroristi", non ha confermato di aver compiuto attacchi nella zona.
revenge Yitzhak Kaduri
soltanto TRUMP potrebbe fermare a guerra mondiale che Rothschild ha ordinato a CIA e NATO di realizzare al più presto e ad ogni costo! NEW YORK, 20 DIC - "Nessuno ha dimostrato che abbia ucciso qualcuno". Cosi' Donald Trump torna a difendere il presidente russo, Vladimir Putin, dopo i complimenti espressi dal leader nei suoi confronti. Secondo il tycoon, riferiscono i media Usa, non ci sono prove che il presidente abbia fatto uccidere i suoi oppositori politici o giornalisti.
revenge Yitzhak Kaduri
se, voi date un biglietto: a tutti i cristiani dl Pakistan? fuggirebbero tutti! in Pakistan i cristiani sono schiavi dhimmi, che, devono morire disperati! la storia di questi assassini Erdogan e Salman? è una storia che deve essere risolta prima della guerra mondiale nucleare, non possiamo ucciderci tra di noi appassionamente, mentre loro, gli islamici del genocidio sharia, maniaci psicopatici: tutti criminali paranoici pedopornografici poligami sgozzatori: sono ancora vivi! KABUL, 20 DIC - Solo nel 2015 il conflitto in corso in Afghanistan ha creato 1,2 milioni di profughi interni. Lo ha reso noto a Kabul la Commissione indipendente per i diritti umani afghana (Aihrc), sottolineando che la principale ragione di questo fenomeno è la mancanza di sicurezza.La presidentessa dell'Aihrc, Sima Samar,ha detto che "le statistiche del 2015 mostrano che un totale di 1.257.552 persone sono state costrette ad abbandonare le loro case,il che significa un incremento del 5% rispetto al 2009".
revenge Yitzhak Kaduri
Russia si meravigliò molto che Turchia avesse tradito Servizi segreti Israeliani in IRAN, così Iran arrestò facilmente le spie di Israele! ] LEGA ARABA SHARIA, è un solo doppio gioco, alto tradimento MECCA KAABA [ ISLAMICI LAVORANO SEMPRE IN PROPRIO! VI PUGNALERANNO TUTTI ALLE SPALLE!
revenge Yitzhak Kaduri
VELTRONI PRODI DALEMA: massoni di merda: anticristo Merkel Mogherini ] il vostro satanico Enlightened Spa Banche Centrali: NWO ha creato: OCI ONU Salafiti waabiti, islamici sharia genocidio, Mecca Kaaba: tutti ONU senza reciprocità e senza diritti umani! riesumandoli dall'inferno il vostro caro NWO vi ha condannati a morte! il vostro NWO se li può, e se li deve rimangiare: allora! LA PECORA che tu sei, NON PUò FARE L'ALLEATO DEL LUPO sharia, questo non è un gioco leale, certo la tua pecora porco Darwin GENDER scimmia: morirà!
revenge Yitzhak Kaduri
Obama Satana SpA NWO FED è uno spastico! NON RIESCE MAI A METTERE UN PASSO AVANTI A ME!
revenge Yitzhak Kaduri
se, voi non intronizzate Unius REI, in ISRAELE regno 12 Tribù: e su tutte le Nazioni del mondo, non soltanto, voi vi farete questa guerra mondiale nucleare Erdogan SALMAN sharia Mecca Kaaba il falso profeta, ma, come dice il libro di Apocalisse, presto vedrete le statue parlare (A.I. biologia sintetica: magia nera: demoni alieni) per fare mettere a morte tutti i traditori del Nuovo Ordine Mondiale!
revenge Yitzhak Kaduri
ed adesso veniamo ad un aspetto veramente inquietante! WINDOWS10 è un delitto contro tutto il genere umano, perché, è un sistema tecnologico a disposizione del Nuovo Ordine Mondiale ed annulla completamente ogni concetto di privacy! il Responsabile di un CONSORZIO mi ha detto che, windows10 si è installato nel suo computer senza il suo consenso! E VOI NON DOVETE DIRE A WINDOWS: "PERCHé TU NON SEI MORTO PER TUTELARE LA NOSTRA PRIVACY?", PERCHé CON UNA PRIVATA SPA, banche centrali spa, PROPRIETà ROTHSCHILD SPA FONDO MONETARIO? POI, OGNI CORRUZIONE DI SISTEMI POLITICI ED ECONOMICI è UNA CORRUZIONE SISTEMICA IMPOSSIBILE DA VINCERE!
revenge Yitzhak Kaduri
ALIENI DISCHI VOLANTI SONO DEMONI! quindi la loro componente invisibile è pari al 999%! Presiedono alla tecnologia delle telecomunicazioni, ecco perché i sacerdoti di satana della CIA, ti possono vedere anche al buio, nella tua camera da letto sotto le lenzuola, perché i tuoi sensi sono dei trasponder per loro, da questo punto di vista, la intuizione di ISIS di rimuovere la parabole satellitari è una precauzione patetica! l'unica difesa che abbiamo contro gli USA è la SANTITà: cioè rispettare con timore la LEGGE della torà!
revenge Yitzhak Kaduri
1. Bibbia GENESI, PARADISO TERRESTRE: RAPPORTO INTIMO DI AMICIZIA CON DIO! è IN CONTRAPPOSIZIONE A: 2. SUDDITANZA AL DIO GUFO MARDUK EPOPEA BABILONESE: TORRE DI BABELE BAAL JABULLON: questo è il Corano Talmudico: QUESTI, sono due sistemi idologici incompatibili! Ecco perché con la Creazione dell'uomo e il suo SUCCESSIVO: tradimento peccato originale: la guerra di civiltà non potrà mai terminare! CAINO ROTHSCHILD, CERCHERà SEMPRE DI UCCIDERE ABELE ISRAELE, SE ABELE NON SAPRà ESSERE PIù VELOCE DI LUI!
revenge Yitzhak Kaduri
quello che mi piace dei sacerdoti cannibali di satana come Bush Rothschild Obama e Kerry, farisei e loro salafiti, è CHE LORO CREDONO NELL'INFERNO, POI, CREDONO IN ME, E POI, CREDONO male, nella loro pervertita MERDA RELIGIOSA: il talmud coranico, ecco perché Obama è caduto in depressione cronica!
revenge Yitzhak Kaduri
Putin ha detto: "non abbiamo nessun problema a collaborare sia con USA che con Assad in Siria". REALLY? ma, USA vanno in Pakistan e bombardano un ospedale di medici senza frontiere, vanno in Siria ed uccidono l'esercito siriano, POI, vanno in Iraq ed uccidono l'esercito iracheno! CHE UCCIDONO, ANCHE, QUALChE ISLAMICO ISIS? QUESTO NON è SIGNIFICATIVO, JIHADISTI SONO ANDATI LI PER MORIRE E REALIZZARE IL CALIFFATO SAUDITA TURCO MONDIALE, POI, loro credono di andare il Paradiso ma si sveglieranno all'inferno, insieme a tutti voi!!
==================
TEL AVIV, 17 DIC. IO MANDERò MIEI MISSILI BALISTICI, SU TUTTA A LEGA ARABA SHARIA PER QUESTA AGRESSIONE! Un razzo SHARIA lanciato da Gaza è caduto in un'area aperta del sud di Israele dove poco prima sono risuonate le sirene di allarme. Lo dice il portavoce militare israeliano secondo cui non sono segnalate vittime.
die SAUDI ARABIA
my ISRAEL ] 4/4 una aberrazione religiosa! [ per tutti i satanisti sistema massonico, e per tutti i satanismi islamici sharia, del falso profeta Maometto: la equazione è istintiva: "distruggere il Regno di ISRAELE, attraverso, una falsa democrazia massonica di ISRAELE: un piccolo buco di culo, continuamente stuprato dai sodomiti GENDER europei, equivale anche a distruggere efficacemene tutti gli scopi di Dio nostro CREATORE nel Mondo intero!
================
LA RUSSIA HA SUBITO LE SANZIONI PERCHé LA CIA HA FATTO UN GOLPE, E LA NATO HA FATTO UN POGROM CONTRO I RUSSOFONI: ATTRAVERSO, I PRAVY SECTOR DELLA MERKEL! 21.12.2015. La decisione di estendere le sanzioni contro la Russia senza tener conto delle opinioni di alcuni Paesi è emblematica del livello di democrazia nell'Unione Europea, ha scritto in un articolo per il quotidiano "Izvestia" il presidente della Duma Sergey Naryshkin.
Le sanzioni contro la Russia sono umilianti e senza logica per l'Unione Europea, ha scritto in un articolo per il giornale russo "Izvestia" il presidente della Duma Sergey Naryshkin. In precedenza il Consiglio dei rappresentanti permanenti dei Paesi della UE (Coreper) aveva approvato la proroga delle sanzioni contro la Russia per altri 6 mesi. "Gli approcci di Bruxelles (come supervisore dell'intero progetto di Washington) nei confronti della Russia si reggono con una serie di errori strategici. L'idea di parlare con noi nella lingua delle sanzioni illegali è senza logica ed ovviamente umiliante per la diplomazia europea," — si legge nell'articolo. Nel suo pezzo Naryshkin osserva contemporaneamente che le sanzioni si introducono ed estendono in nome dei popoli senza che gli stessi si siano espressi in merito, "anche se il peso delle conseguenze economiche grava ancora una volta proprio sulla gente." "La stessa modalità di applicare tali decisioni senza discussione descrive chiaramente il livello di democrazia in Europa", — evidenzia Naryshkin: http://it.sputniknews.com/politica/20151221/1764649/Naryshkin-Duma-Diplomazia-USA-Sudditanza-Democrazia-Ucraina.html#ixzz3uxf4QT2T
21.12.2015. L'aver legato le sanzioni della UE contro Mosca alla risoluzione del conflitto nella parte sud-orientale dell'Ucraina (Donbass) è artificioso e senza fondamento, in questa decisione è palese l'assenza di logica di Bruxelles, hanno dichiarato al ministero degli Esteri russo. "Mosca ha rivolto l'attenzione alla decisione del 21 dicembre della UE riguardo la proroga delle misure restrittive nei confronti della Russia. Siamo costretto ad ammettere che, invece di instaurare una cooperazione costruttiva nell'ambito delle principali sfide moderne, come il terrorismo internazionale, a Bruxelles il Consiglio d'Europa preferisce continuare a giocare miopemente alle sanzioni," — si afferma nei commenti del dicastero della diplomazia russa. "Questo conflitto non è stato fomentato dalla Russia, ma dalle attuali autorità ucraine, che hanno cercato di reprimere l'opposizione del Donbass al colpo di stato di Maidan avvenuto a Kiev nel febbraio 2014. Vale la pena ricordare che il punto di partenza delle crisi registratesi negli ultimi 2 anni in Ucraina è stata la discussione intorno all'associazione di Kiev con l'Unione Europea", — ha evidenziato il ministero degli Esteri russo. Nei commenti si sottolinea che nel comportamento della UE "si registra un'evidente mancanza di logica di Bruxelles, che sta cercando di punire la Russia per qualcosa di cui è estranea, mentre al contrario è coinvolta l'Europa stessa.": http://it.sputniknews.com/politica/20151221/1767175/Russia-Ucraina-Donbass-Minsk-Maidan.html#ixzz3uyKBrcZW
La coalizione guidata dagli Stati Uniti contro il Daesh, afferma di aver distrutto il 90 per cento della capacità di petrolio dell'organizzazione terroristica in Siria e in Iraq. Lo ha riferito la televisione irachena al-Sumaria Lunedi. Giovedì il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che obbliga tutti i paesi a lottare contro le fonti di reddito per i terroristi. Secondo la Russia, la maggior parte del petrolio illegale viene contrabbandata in Turchia e rivenduta sui mercati: http://it.sputniknews.com/mondo/20151221/1765365/Daesh-coalizione-usa-distrutto-90-capacita-petrolio.html#ixzz3uyKkZFfj
Necessità, per i parlamentari del Movimento, di "una cooperazione internazionale dalla quale una potenza come quella russa non può risultare esclusa" e di attenzione a “decisioni interpretabili come provocatorie quali la scelta d’invitare" il Montenegro a entrare nella Nato. "Promuovere e sostenere in sede europea iniziative finalizzate alla revoca del reiterato regime di sanzioni" contro la Federazione russa e "attivarsi concretamente in sede europea perché venga adottato ogni intervento necessario affinché possano essere garantite maggiori risorse utili al risarcimento delle imprese e dei produttori europei danneggiati dall'embargo russo". È quanto il Movimento 5 Stelle chiede al governo italiano in una mozione che verrà discussa oggi pomeriggio alla Camera. Prima firmataria è l'onorevole Marta Grande, membro della Commissione Affari Esteri. Il blog di Beppe Grilla riferisce di un'inchiesta di sette giornali europei del Lena (Leading European Newspaper Alliance) che svela che l'Europa, per effetto delle sanzioni verso la Russia, rischia di perdere due milioni di occupati, con 100 miliardi di euro in meno di esportazioni. In particolare, per l'Italia, l'inchiesta stima un danno sul lungo periodo di quasi 12 miliardi, con una perdita di lavoro per almeno 215mila persone. Per tali motivi, anche attraverso il blog del leader del M5S, i parlamentari chiedono al governo di rimborsare gli imprenditori italiani che hanno subito la riduzione delle esportazioni con la Russia. L'esempio che i 5 stelle fanno è la "cancellazione del contratto tra Gazprom e Saipem — per l'annullamento del progetto South Stream — con un danno stimato di circa 2,2 miliardi di dollari".  Sulla base degli ultimi avvenimenti in Medio Oriente e in Siria, al Movimento 5 stelle "risulta sempre più evidente", quindi, la necessità "di una cooperazione internazionale dalla quale una potenza come quella russa non può risultare esclusa", visto che "sta portando avanti importanti e incisive iniziative in campo politico-diplomatico unitamente a un massiccio dispiegamento di forze militari". Questo tipo di cooperazione, tuttavia, per i 5 stelle "può essere minata da decisioni interpretabili come provocatorie quali ad esempio la scelta di invitare" il Montenegro a entrare nella Nato, che "non può non alimentare una già evidenziata 'sindrome da accerchiamento' ed essere perciò interpretata come una gravissima e inaccettabile provocazione": http://it.sputniknews.com/italia/20151221/1766508/M5S-rimborso-perdite-a-causa-delle-sanzioni.html#ixzz3uyLOZnzy
The Most Despised People in the World. Dec 5 2013 | by Bill Warner. The most persecuted group in the world today is Christians. Christians in Nigeria, Egypt, Syria and other nations are murdered, raped, kidnapped, enslaved and persecuted on a daily basis. The reason for the vast majority of all of this violence is that they are Christian among Muslims. But their abuse does not stop with the violence. The perpetrators of violence are measured in the thousands, but the greatest abuse is at the hands of those who should demand that the violence stop. The silence in the face this persecution is denial and justification. The persecutors are few, but the deniers are in the billions. Christians are enjoined to care for all persecuted people, but in particular, they are to care for their own brothers and sisters. They manage to ignore the persecution by doing good works, such as care for the poor. Christians have compassion but no courage to face the enemy who kills them. In Nashville, TN (the buckle on the Bible belt) the favorite indoor sport for those who should be dealing with the enemy, Islam, is going to Family of Abraham events and bridge building dialogues where they dance to the tune of Muslims. There is no problem of meeting with Islam, but the rules of engagement are that nothing will be said that offends Islam. In the parable of the Good Samaritan, an injured man is on the side of the road. Two religious leaders pass him by on the other side of the road. They don’t harm the injured man, they just ignore him. This is the same thing that Christian leaders do at dialogues such as Family of Abraham. They meet with Muslims who adhere to a doctrine that includes killing Christians. But, the leaders will not bring up the Islamic persecution to them. The Christian leadership response to murder of their brothers and sisters is silence. They pass by on the other side of the road. Their silence is consent. But Christians are not the only deniers. Normally, Jews are quick to step forward in the area of charity and support of victims, but not so with persecuted Christians. Some of this denial may be due to a dislike of Christianity, but Jews are no quicker to help their own. If you go to thereligionofpeace.com you will find an amazing data base of jihad attacks since 9/11. The current number of attacks is in excess of 22,000 attacks. It is very instructive to parse the data and see what are the top four nations of jihad attacks. When you put the data on a per capita basis, you get the following countries: Israel, Thailand, Philippines and India. Or by religion: Jews, Buddhists, Christians and Hindus. So Jews are the victims of violence by Islam, but the Jews of America love to go to Family of Abraham events and be as silent as the Christians. But what about the most sensitive victim group – the black American? Victim-ology is the dogma of a myriad black “civil rights” groups with their high priests of race hustles such as Al Sharpton. The most persecuted Christians are in Africa. But the civil rights hustlers of America just love to hang with Muslims as their brothers. All of those dead Africans? Not a problem for African Americans. It is surprising how many Buddhists are being killed in jihad, but is it a surprise that Buddhists never talk about it? And aside from a few Hindu activists, never a word is heard from the Hindu community about their deaths by jihad. The deaths in the Philippines are Catholics and what does Pope Francis say about Islam? He says,  Faced with disconcerting episodes of violent fundamentalism, our respect for true followers of Islam should lead us to avoid hateful generalizations, for authentic Islam and the proper reading of the Koran are opposed to every form of violence. Oh, I see. Over 1400 years of Christian deaths at the hands of jihadists means that they were not true Muslims and that the 22,000 jihadic attacks since 9/11 are not authentic. The annihilation of Christianity in Turkey, Middle East and Africa is not the result of “proper reading of the Koran”. The Pope is the perfect candidate for magical thinking and idiot compassion. And notice the little hate speech riff: “avoid hateful generalizations”. Pope Francis, do you mean generalizations such as conclusions that result from reading the Koran, the Sunna, the Sharia and a 1400 year history of the murder of all kinds of Kafirs (non-Muslims)? But, in his own way, Pope Francis is the leader of all Christians. He just happens to have on more elaborate clothing as he practices denial. So, it turns out that Christians are not the most despised group of people in the world. They just happen to be the largest subgroup. The most despised group in the world is the victim of Islam. And whether it is a dead Christian congregation, a murdered apostate, a sad Muslim woman with FGM, or any other victim of jihad, no one will speak out for the victim and against the perpetrator. All leaders share in the shame of being ignorant cowards practicing idiot compassion. How is this to stop? Well, being polite won’t help, because if polite worked, the problem would be solved. The key to our response is that we have the high moral ground. We must oppose the oppressor, Islam, and stand with the oppressed – Christians, Jews, Hindus, Buddhists and all others who are oppressed by jihad. Our opponents, the deniers, support the oppressor, Islam, and ignore and suppress the fate of the victims. The deniers are evil, period. If you are a Christian, get some allies, and come up with a program about the persecuted church. The program could be bringing in some persecuted Christians, such as Copts, to speak to Sunday school classes or doing a long term study of the Armenian holocaust in 20th century Turkey. When you go to leadership, do not ask permission or make a request. Make demands and if those demands are not met, then some form of protest inside your church must be launched. Stand up at services and protest, hand out brochures, do whatever it takes until “leadership” agrees to not pass by on the other side of the road and neglect the dead Christians. Point out their moral position is wrong and evil. Do not be shy. Ask them to use scripture to morally justify their denial and ignorance. Be respectful, but firm and do not stop until good prevails. This is a moral battle and if you are not a Christian, you should do the same in other venues. A possible venue is the local media. Make demands to recognize the victims of jihad and if they are not met, make a protest. Public protest is a powerful tool for change. We must acknowledge the world’s largest human rights tragedy. Being nice is the road to civilizational annihilation. Bill Warner, Director, Center for the Study of Political Islam: http://politicalislam.com/the-most-despised-people-in-the-world/ Use as needed, just give credit and do not edit. www.politicalislam.com
Sodoma GOMORRA E BORDELLO STATALE GENDER DARWIN LE SCIMMIE PAZZE: UE ANTICRISTO DEPRAVATI INZIVOSI BILDENBERG! Folle idea dai Paesi Bassi: "Patente in cambio di sesso" Gli istruttori di guida saranno autorizzati per legge ad offrire lezioni gratis in cambio di prestazioni sessuali da parte degli studenti maggiorenniLa misura introdotta dall'esecutivo olandese ha incontrato però l'opposizione dei cristiani conservatori, che con Gert-Jan Segers hanno attaccato la proposta affermando che gli studenti non avrebbero alcuna licenza per esercitare la prostituzione - legale nel Paese - e non sarebbero in grado di dichiarare le "prestazioni" ai fini fiscali. I ministri della Giustizia e dei trasporti, riporta il Messaggero, hanno però difeso l'iniziaitiva del governo in una lettera al parlamento.
====================
Ci mancava anche questa i bulli islamici a scuola. Hanno al massimo 14 anni, inneggiano alle stragi, devastano oratori, perseguitano le ragazzine "infedeli". E se vuoi punirli rischi grosso
Fausto Biloslavo - Lun, 21/12/2015 «I terroristi di Parigi? Hanno fatto bene» è la frase shock pronunciata a scuola da un minorenne pachistano di 14 anni. http://www.ilgiornale.it/news/cronache/ci-mancava-anche-questa-i-bulli-islamici-scuola-1206598.html
PERCHé NESSUNO HA IL CORAGGIO DI CONDANNARE LA SHARIA? Eliminare Daesh, anche noto come Stato Islamico o ISIS, "non porrà fine" alla minaccia globale da gruppi jihadisti, secondo un rapporto del Centro sulla religione e geopolitica - un think tank gestito dalla Tony Blair Faith Foundation. Ci sono circa 15 gruppi minori con 65.000 combattenti pronti a riempire il vuoto derivante da una sconfitta di Daesh in Siria e in Iraq per mano della coalizione guidata dagli Stati Uniti, ha detto il centro, aggiungendo che «l'Occidente rischia di cadere in un fallimento strategico concentrandosi solo sull’IS. Sconfiggere militarmente il gruppo non porrà fine al jihadismo globale. Non possiamo bombardare una ideologia, ma la nostra guerra è ideologica. " Secondo il rapporto, circa il 60 per cento dei combattenti delle fazioni ribelli in Siria si identifica con l'ideologia religiosa o politica simile a quella dei propagandisti di Daesh. "Il pericolo più grande per la comunità internazionale sono i gruppi che condividono l'ideologia dell’Isis, ma vengono ignorati sul campo di  battaglia per sconfiggere il gruppo". Guppi che includono affiliati di al-Qaeda come Jabhat al-Nusra e Ahrar al-Sham potrebbero competere per prendersi il palcoscenico in modo da assicurare e finanziare i combattenti a livello mondiale che vengono attualmente attratti da Daesh, dice il rapporto, avvertendo che meno di un quarto dei ribelli intervistati non avevano un’ideologia. La campagna militare occidentale contro Daesh deve essere accompagnata da una "sconfitta intellettuale e teologica dell'ideologia perniciosa che lo guida", ha sostenuto il centro.
=====================
Il giorno sorprendente in cui il diavolo lodò l’Immacolata Concezione di Maria. Durante un esorcismo in Italia nel 1823, due sacerdoti domenicani fecero riconoscere al demonio il dogma che sarebbe stato promulgato 30 anni dopo. 18 dicembre 2015. 8 dicembre 1854: papa Pio IX promulgò il dogma dell’Immacolata Concezione di Maria.
25 marzo 1858: nella festa dell’Incarnazione del Verbo, la Santissima Vergine apparve a Lourdes a Santa Bernadette e confermò il dogma dicendo: “Sono l’Immacolata Concezione”.
Già trent’anni prima, però, un altro fatto soprannaturale e sorprendente aveva confermato l’Immacolata Concezione della Vergine Madre di Dio, e a confessarla era stato qualcuno da cui non ce lo aspetteremmo mai. L’episodio è stato riferito da padre Gabriele Amorth.
Era il 1823. Il diavolo aveva posseduto un giovane analfabeta di appena 12 anni, residente nell’attuale provincia di Avellino. In città c’erano due religiosi domenicani, padre Gassiti e padre Pignataro, entrambi autorizzati dal vescovo a compiere esorcismi.
I sacerdoti fecero una serie di domande al diavolo che possedeva il bambino, tra le quali una sull’Immacolata Concezione.
Il diavolo confessò che la Vergine di Nazareth non era mai stata sotto il suo potere, neanche dal primo istante della sua vita, perché era stata concepita “piena di grazia” e tutta di Dio.
Pur essendo il “padre della menzogna”, il diavolo può essere obbligato nell’esorcismo a dire la verità, anche in materia di fede. È così che i due sacerdoti esorcisti lo costrinsero a riverire la Madonna e a lodare la sua Immacolata Concezione in forma di versi.
Umiliato, il diavolo si vide costretto in nome di Cristo a cantare la gloria di Maria, e lo fece mediante un sonetto perfetto a livello di costruzione e di teologia!
Ne riproduciamo il testo:
Vera Madre son Io d’un Dio che è Figlio
e son figlia di Lui, benché sua Madre;
ab aeterno nacqu’Egli ed è mio Figlio,
in tempo Io nacqui e pur gli sono Madre.
Egli è mio creator ed è mio Figlio,
son Io sua creatura e gli son Madre;
fu prodigo divin l’esser mio Figlio
un Dio eterno, e Me d’aver per Madre.
L’esser quasi è comun tra Madre e Figlio
perché l’esser dal Figlio ebbe la Madre,
e l’esser dalla Madre ebbe anche il Figlio.
Or, se l’esser dal Figlio ebbe la Madre,
o s’ha da dir che fu macchiato il Figlio,
o senza macchia s’ha da dir la Madre.
==============
BILDENBERG LO HA DETTO, E GAY LOBBY GENDER DARWIN GLI SCHIAVI DHIMMI GOYM, SI DEVONO ALLIENARE A TROIKA I DEBITORI SCHIAVI ROTHSCHILD: PERCHé, anche, IN GENOCIDIO GRECI ALLAH è AKBAR! ] 21 DIC - La Grecia utilizzerà in tutti i documenti pubblici il termine Palestina e non più 'Autorità palestinese'. Lo ha annunciato il premier Alexis Tsipras in conferenza stampa congiunta con il presidente dell'Anp Abu Mazen (Mahmoud Abbas), alla vigilia del voto del Parlamento ellenico che domani chiederà il riconoscimento dello Stato Palestinese, passando una mozione non vincolante per l'esecutivo.
================
tutto è per la gloria di Sharia SALMAN ALLAH AKBAR MECCA KAABA ] 'Bimbi-kamikaze' si fanno esplodere in Nigeria, sei morti. Avevano tra i 10 e i 15 anni. Si sono fatti esplodere contro un checkpoint nello stato del Borno. Sospetti sul gruppo terroristico di Boko Haram
===================
di questo Dio, che akbar Allah non ti taglia la testa? almeno un buon piatto di spaghetti rimane! 'Chiesa spaghetti volanti' celebrerà matrimoni. Adepti venerano un mostro di spaghetti con scolapasta in testa
Benjamin Netanyahu EIH, SONO SIMPATICI I TUOI "AMERI-CANI 666" CHE TI HANNO RIEMPITO DI ARMI PER FARTI MEGLIO AMMAZZARE! BAY BAY Benjamin Netanyahu


Capitolo VII (Indice Capitoli)

GUARDARSI DALLE VANE SPERANZE E FUGGIRE LA SUPERBIA

Chi mette la sua fiducia negli uomini e nelle altre creature è un insensato. Non ti rincresca di star sottoposto ad altri, per amore di Gesù Cristo, e di sembrare un poveretto, in questo mondo. Non appoggiarti alle tue forze, ma salda la tua speranza in Diose farai tutto quanto sta in te, Iddio aderirà al tuo buon volere. Non confidare nel sapere tuo o nella capacità di un uomo purchessia, ma piuttosto nella grazia di Dio, che sostiene gli umili e atterra i presuntuosi. Non vantarti delle ricchezze, se ne hai, e neppure delle potenti amicizie; il tuo vanto sia in Dio, che concede ogni cosa, ed ama dare se stesso, sopra ogni cosa. Non gonfiarti per la prestanza e la bellezza del tuo corpo; alla minima malattia esse si guastano e si deturpano. Non compiacerti di te stesso, a causa della tua abilità e della tua intelligenza, affinché tu non spiaccia a Dio, a cui appartiene tutto ciò che di buono hai sortito dalla natura. Non crederti migliore di altri, affinché, per avventura, tu non sia ritenuto peggiore dinanzi a Dio, che ben conosce quello che c'è in ogni uomo (cfr. Gv 2,25). Non insuperbire per le tue opere buone, perché il giudizio degli uomini è diverso da quello di Dio, cui spesso non piace ciò che piace agli uomini. Anche se hai qualcosa di buono, pensa che altri abbia di meglio, cosicché tu mantenga l'umiltà. Nulla di male se ti metti al di sotto di tutti gli altri; molto male è invece se tu ti metti al di sopra di una sola persona. Nell'umile è pace indefettibile; nel cuore del superbo sono, invece, continua smania e inquietudine.

Capitolo VIII (Indice Capitoli)

EVITARE L'ECCESSIVA FAMILIARITA'

"Non aprire il tuo cuore al primo che capita" (Sir 8,22); i tuoi problemi, trattali invece con chi ha saggezza e timore di Dio. Cerca di stare raramente con persone sprovvedute e sconosciute; non metterti con i ricchi per adularli; non farti vedere volentieri con i grandi. Stai, invece, accanto alle persone umili e semplici, devote e di buoni costumi; e con esse tratta di cose che giovino alla tua santificazione. Non avere familiarità con alcuna donna, ma raccomanda a Dio tutte le donne degne. Cerca di essere tutto unito soltanto a Dio e ai suoi angeli, evitando ogni curiosità riguardo agli uomini. Mentre si deve avere amore per tutti, la familiarità non è affatto necessaria. Capita talvolta che una persona che non conosciamo brilli per fama eccellente; e che poi, quando essa ci sta dinanzi, ci dia noia solo al vederla. D'altra parte, talvolta speriamo di piacere a qualcuno, stando con lui, e invece cominciamo allora a non piacergli, perché egli vede in noi alcunché di riprovevole.

Capitolo IX (Indice Capitoli)

OBBEDIENZA E SOTTOMISSIONE

 1. Stare sottomessi, vivere soggetti a un superiore e non disporre di sé è cosa grande e valida. E' molto più sicura la condizione di sudditanza, che quella di comando. Ci sono molti che stanno sottomessi per forza, più che per amoreda ciò traggono sofferenza, e facilmente se ne lamentano; essi non giungono a libertà di spirito, se la loro sottomissione non viene dal profondo del cuore e non ha radice in Dio. Corri pure di qua e di là; non troverai pace che nell'umile sottomissione sotto la guida di un superiore. Andar sognando luoghi diversi, e passare dall'uno all'altro, è stato per molti un inganno.

2. Certamente ciascuno preferisce agire a suo talento, ed è maggiormente portato verso chi gli dà ragione. Ma, se Dio è dentro di noi, dobbiamo pur talvolta lasciar perdere i nostri desideri, per amore della pace. C'è persona così sapiente che possa conoscere pienamente ogni cosa? Perciò non devi avere troppa fiducia nelle tue impressioni; devi ascoltare volentieri anche il parere degli altri. Anche se la tua idea era giusta, ma la abbandoni per amore di Dio seguendo quella di altri, da ciò trarrai molto profitto. Stare ad ascoltare ed accettare un consiglio - come spesso ho sentito dire - è cosa più sicura che dare consigli. Può anche accadere che l'idea di uno sia buona; ma è sempre segno di superbia e di pertinacia non volersi arrendere agli altri, quando la ragionevolezza o l'evidenza lo esigano.

Capitolo X (Indice Capitoli)

ASTENERSI DAI DISCORSI INUTILI

 1. Per quanto possibile, stai lontano dall'agitarsi che fa la gente. Infatti, anche se vi si attende con purezza di intenzione, l'occuparsi delle faccende del mondo è un grosso impaccio, perché ben presto si viene inquinati dalle vanità, e fatti schiavi. Più di una volta vorrei essere stato zitto, e non essere andato in mezzo alla gente.

 2. Ma perché andiamo parlando e chiacchierando così volentieri con altri, anche se poi è raro che, quando torniamo a star zitti, non abbiamo qualche guasto alla coscienza? Parliamo così volentieri perché, con queste chiacchiere, cerchiamo di consolarci a vicenda, e speriamo di sollevare il nostro animo oppresso dai vari pensieri. Inoltre molto ci diletta discorrere e fantasticare delle cose che amiamo assai e che desideriamo, o di ciò che sembra contrastarci. Ma spesso purtroppo tutto questo è vano e inutile; giacché una simile consolazione esteriore va molto a scapito di quella interiore e divina.

 3. Non dobbiamo passare il nostro tempo in ozio, ma in vigilie e in orazioni; e, se possiamo o dobbiamo parlare, dire cose edificanti. Infatti, mentre il malvezzo e la trascuratezza del nostro progresso spirituale ci induce facilmente a tenere incustodita la nostra lingua, giova assai al nostro profitto interiore una devota conversione intorno alle cose dello spirito; tanto più quando ci si unisca, nel nome di Dio, a persone animate da pari spiritualità.

Capitolo XI (Indice Capitoli)

LA CONQUISTA DELLA PACE INTERIORE E L'AMORE DEL PROGRESSO SPIRITUALE

 1. Se non ci volessimo impicciare di quello che dicono o di quello che fanno gli altri, e di cose che non ci riguardano, potremmo avere una grande pace interiore. Come, infatti, è possibile che uno mantenga a lungo l'animo tranquillo se si intromette nelle faccende altrui, se va a cercare all'esterno i suoi motivi di interesse, se raramente e superficialmente si raccoglie in se stesso? Beati i semplici, giacché avranno grande pace. Perché mai alcuni santi furono così perfetti e pieni di spirito contemplativo? Perché si sforzarono di spegnere completamente in sé ogni desiderio terreno, cosicché - liberati e staccati da se stessi - potessero stare totalmente uniti a Dio, con tutto il cuore. Noi, invece, siamo troppo presi dai nostri sfrenati desideri, e troppo preoccupati delle cose di quaggiù; di rado riusciamo a vincere un nostro difetto, anche uno soltanto, e non siamo ardenti nel tendere al nostro continuo miglioramento. E così restiamo inerti e tiepidi. Se fossimo, invece, totalmente morti a noi stessi e avessimo una perfetta semplicità interiore, potremmo perfino avere conoscenza delle cose di Dio, e fare esperienza, in qualche misura, della contemplazione celeste. Il vero e più grande ostacolo consiste in ciò, che non siamo liberi dalle passioni e dalle brame, e che non ci sforziamo di entrare nella via della perfezione, che fu la via dei santianzi, appena incontriamo una difficoltà, anche di poco conto, ci lasciamo troppo presto abbattere e ci volgiamo a consolazioni terrene.

 2. Se facessimo di tutto, da uomini forti, per non abbandonare la battaglia, tosto vedremmo venire a noi dal cielo l'aiuto del Signore. Il quale prontamente sostiene coloro che combattono fiduciosi nella sua grazia; anzi, ci procura occasioni di lotta proprio perché ne usciamo vittoriosi. Che se facciamo consistere il progresso spirituale soltanto in certe pratiche esteriori, tosto la nostra religione sarà morta. Via, mettiamo la scure alla radice, cosicché, liberati dalle passioni, raggiungiamo la pace dello spirito. Se ci strappassimo via un solo vizio all'anno diventeremmo presto perfetti. Invece spesso ci accorgiamo del contrario; troviamo cioè che quando abbiamo indirizzata la nostra vita a Dio eravamo più buoni e più puri di ora, dopo molti anni di vita religiosa. Il fervore e l'avanzamento spirituale dovrebbe crescere di giorno in giorno; invece già sembra gran cosa se uno riesce a tener viva una particella del fervore iniziale.

 3. Se facessimo un poco di violenza a noi stessi sul principio, potremmo poi fare ogni cosa facilmente e gioiosamente. Certo è difficile lasciare ciò a cui si è abituati; ancor più difficile è camminare in senso contrario al proprio desiderio. Ma se non riesci a vincere nelle cose piccole e da poco, come supererai quelle più gravi? Resisti fin dall'inizio alla tua inclinazione; distaccati dall'abitudine, affinché questa non ti porti, a poco a poco, in una situazione più ardua. Se tu comprendessi quanta pace daresti a te stesso e quanta gioia procureresti agli altri, e vivendo una vita dedita al bene, sono certo che saresti più sollecito nel tendere al tuo profitto spirituale.

Capitolo XII (Indice Capitoli)

I VANTAGGI DELLE AVVERSITA'

 1. E' bene per noi che incontriamo talvolta difficoltà e contrarietà; queste, infatti, richiamano l'uomo a se stesso, nel profondo, fino a che comprenda che quaggiù egli è in esilio e che la sua speranza non va riposta in alcuna cosa di questo mondo. E' bene che talvolta soffriamo contraddizione e che la gente ci giudichi male e ingiustamente, anche se le nostre azioni e le nostre intenzioni sono buone. Tutto ciò suol favorire l'umiltà, e ci preserva dalla vanagloria. Invero, proprio quando la gente attorno a noi ci offende e ci scredita, noi aneliamo con maggior forza al testimone interiore, Iddio.

 2. Dovremmo piantare noi stessi così saldamente in Dio, da non avere necessità alcuna di andar cercando tanti conforti umani. Quando un uomo di buona volontà soffre tribolazioni e tentazioni, o è afflitto da pensieri malvagi, allora egli sente di aver maggior bisogno di Dio, e di non poter fare nulla di bene senza di lui. E si rattrista e piange e prega, per il male che soffre; gli viene a noia che la vita continui; e spera che sopraggiunga la morte (2 Cor 1,8), così da poter scomparire e dimorare in Cristo (Fil 1,23). Allora egli capisce che nel mondo non può esserci completa serenità e piena pace.

Capitolo XIII (Indice Capitoli)

RESISTERE ALLE TENTAZIONI

 1. Finché saremo al mondo, non potremo essere senza tribolazioni e tentazioni; infatti sta scritto nel libro di Giobbe che la vita dell'uomo sulla terra (Gb 7,1) è tutta una tentazione. Ognuno dovrebbe, dunque, stare attento alle tentazioni e vigilare in preghiera (1Pt 4,7), affinché il diavolo non trovi il punto dove possa esercitare il suo inganno; il diavolo, che mai non posa, ma va attorno cercando chi possa divorare (1Pt 5,8). Nessuno è così avanzato nella perfezione e così santo da non aver talvolta delle tentazioni. Andare esenti del tutto da esse non possiamo. Tuttavia, per quanto siano moleste e gravose, le tentazioni spesso sono assai utili; perché, a causa delle tentazioni, l'uomo viene umiliato, purificato e istruito. I santi passarono tutti per molte tribolazioni e tentazioni, e progredirono; invece coloro che non seppero sostenere le tentazioni si pervertirono e tradirono. Non esiste una istituzione così perfetta, o un luogo così nascosto, dove non si trovano tentazioni e avversità. L'uomo non è mai del tutto esente dalla tentazione, fin che vive. Ciò per cui siamo tentati è dentro di noi, poiché siamo nati nella concupiscenza. Se vien meno una tentazione o tribolazione, un'altra ne sopraggiunge e c'è sempre qualcosa da sopportare, perché abbiamo perduto il bene della nostra felicità. Molti, di fronte alle tentazioni, cercano di fuggire, ma cadono poi in esse anche più gravemente. Non possiamo vincere semplicemente con la fuga; ma è con la sopportazione e con la vera umiltà che saremo più forti di ogni nemico. Ben poco progredirà colui che si allontana un pochino e superficialmente dalle tentazioni, senza sradicarletosto ritorneranno ed egli sarà ancor peggio. Vincerai più facilmente, a poco a poco, con una generosa pazienza e con l'aiuto di Dio; più facilmente che insistendo cocciutamente nel tuo sforzo personale. Accogli frequentemente il consiglio di altri, quando sei nella tentazione; e non essere aspro con colui che è tentato, ma dagli conforto, come desidereresti fosse fatto a te.

 2. Causa prima di ogni perversa tentazione è la mancanza di stabilità spirituale e la scarsezza di fiducia in Dio; giacché, come una nave senza timone viene spinta qua e là dalle onde, così l'uomo infiacchito, che abbandona i suoi propositi, viene in vario modo tentato. Come il fuoco serve a saggiare il ferro (Sir 31,26), così la tentazione serve a saggiare la santità di una persona (Sir 27,6). Quali possibilità ciascuno abbia in potenza, spesso non lo sappiamo; ma la tentazione dispiega palesemente ciò che siamo. Tuttavia bisogna vigilare, particolarmente intorno all'inizio della tentazione; poiché il nemico si vince più facilmente se non gli si permette per nulla di varcare le porte della nostra mente; e se gli si sbarra la strada al di là della soglia, non appena abbia bussato. Di qui il detto"resisti agli inizi; è troppo tardi quando si prepara la medicina" (Ovidio, Remedia amoris, II,91). Infatti, dapprima viene alla mente un semplice pensiero, di poi una forte immaginazione, infine un compiacimento, un impulso cattivo e un'acquiescenza. E così, piano piano, il nemico malvagio penetra del tutto, proprio perché non gli si è resistito all'inizio. E quanto più a lungo uno ha tardato torpidamente a resistere, tanto più si è, via via, interiormente indebolito, mentre il nemico è andato crescendo di forze contro di lui.

 3. Alcuni sentono le maggiori tentazioni al principio della loro conversione a Dio; altri invece alla fine. Alcuni sono fortemente turbati pressoché per tutta la vita; altri sentono tentazioni piuttosto lievisecondo quanto dispongono la sapienza e la giustizia di Dio, le quali pesano la condizione e i meriti di ciascuno e preordinano ogni cosa alla salvezza degli eletti. Perciò non dobbiamo lasciarci cogliere dalla disperazione, quando siamo tentati. Dobbiamo invece, pregare Iddio ancor più fervorosamente, affinché si degni di aiutarci in ogni tentazione; Lui che, in verità, secondo quanto dice Paolo (1Cor 10,13), farà in modo che la tentazione sia accompagnata dai mezzi per poterla sopportare. Abbassiamo, dunque, in umiltà, l'anima nostra sotto la mano di Dio, quando siamo tentati e tribolati, giacché il Signore salverà gli umili di spirito e li innalzerà (1Pt 5,6; Sal 33,19). Quanto uno abbia progredito si dimostra nella tentazione e nella tribolazione; qui sta il suo maggior merito; qui appare più chiaramente la sua virtù. Non è gran cosa esser devoti e fervorosi quando non si hanno difficoltà; sapere invece sopportare se stessi nel momento dell'avversità dà a sperare in un grande avanzamento spirituale. Avviene che alcuni sono al riparo da grandi tentazioni, ma sono spesso sconfitti nelle piccole tentazioni di ogni giorno; e così, umiliati per essere caduti in cose tanto da poco, non ripongono più fiducia in se stessi, nelle cose più grandi.

Capitolo XIV (Indice Capitoli)

EVITARE I GIUDIZI TEMERARI

 1. Rivolgi gli occhi a te stesso e stai attento a non giudicare quel che fanno gli altri. In tale giudizio si lavora senza frutto; frequentemente ci si sbaglia e facilmente si cade in peccato. Invece, nel giudizio e nel vaglio di se stessi, si opera sempre fruttuosamente. Spesso giudichiamo secondo un nostro preconcetto; e così, per un nostro atteggiamento personale, perdiamo il criterio della verità. Se il nostro desiderio fosse diretto soltanto a Dio, non ci lasceremmo turbare così facilmente dalla resistenza opposta dal nostro senso umano. Di più, spesso, c'è qualcosa, già nascosto, latente in noi, o sopravveniente dall'esterno, che ci tira di qua o di là. Molti, in tutto ciò che fanno, cercano se stessi, senza neppure accorgersene. Sembrano essere in perfetta pace quando le cose vanno secondo i loro desideri e i loro gusti; se, invece, vanno diversamente, subito si agitano e si rattristano.

 2. Avviene di frequente che nascono divergenze tra amici e concittadini, persino tra persone pie e devote, per diversità nel modo di sentire e di pensare. Giacché è difficile liberarsi da vecchi posizioni abituali, e nessuno si lascia tirare facilmente fuori dal proprio modo di vedere. Così, se ti baserai sui tuoi ragionamenti e sulla tua esperienza, più che sulla forza propria di Gesù Cristo, raramente e stentatamente riuscirai ad essere un uomo illuminato; Dio vuole, infatti, che noi ci sottomettiamo perfettamente a lui, e che trascendiamo ogni nostro ragionamento grazie ad un fiammeggiante amore.

Capitolo XV (Indice Capitoli)

LE OPERE FATTE PER AMORE

 1. Non si deve fare alcun male, per nessuna cosa al mondo né per compiacenza verso chicchessia; talora, invece, per giovare a uno che ne ha bisogno, si deve senza esitazione lasciare una cosa buona che si sta facendo, o sostituirla con una ancora più buonain tal modo non si distrugge l'opera buona, ma soltanto la si trasforma in meglio.

 2. A nulla giova un'azione esterna compiuta senza amore; invece, qualunque cosa, per quanto piccola e disprezzata essa sia, se fatta con amore, diventa tutta piena di frutti. In verità Iddio non tiene conto dell'azione umana in sé e per sé, ma dei moventi di ciascuno. Opera grandemente colui che agisce con rettitudine; opera lodevolmente colui che si pone al servizio della comunità, più che del suo capriccio. Accade spesso che ci sembri amore ciò che è piuttosto attaccamento carnale; giacché è raro che, sotto le nostre azioni, non ci siano l'inclinazione naturale, il nostro gusto, la speranza di una ricompensa, il desiderio del nostro comodo. Chi ha un amore vero e perfetto non cerca se stesso, in alcuna sua azione, ma desidera solamente che in ogni cosa si realizzi la gloria di Dio. Di nessuno è invidioso colui che non tende al proprio godimento, né vuole personali soddisfazioni, desiderando, al di là di ogni bene, di avere beatitudine in Dio. Costui non attribuisce alcunché di buono a nessuno, ma riporta il bene totalmente a Dio; dal quale ogni cosa procede, come dalla sua fonte e, nel quale, alla fine, tutti i santi godono pace. Oh, chi avesse anche una sola scintilla di vera carità, per certo capirebbe che tutto ciò che è di questa terra è pieno di vanità.

Capitolo XVI (Indice Capitoli)

SOPPORTARE I DIFETTI DEGLI ALTRI

 1. Quei difetti, nostro od altrui, che non riusciamo a correggere, li dobbiamo sopportare con pazienza, fino a che Dio non disponga altrimenti. Rifletti che, per avventura, questa sopportazione è la cosa più utile per te, come prova di quella pazienza, senza della quale ben poco contano i nostri meriti. Tuttavia, di fronte a tali difficoltà, devi chiedere insistentemente che Dio si degni di venirti in aiuto e che tu riesca a sopportarle lietamente. Se uno, ammonito una volta e un'altra ancora, non si acquieta, cessa di litigare con lui; rimetti invece ogni cosa in Dio, affinché in tutti noi, suoi servi, si faccia la volontà e la gloria di Lui, che ben sa trasformare il male in bene. Sforzati di essere paziente nel tollerare i difetti e le debolezze altrui, qualunque essi siano, giacché anche tu presenti molte cose che altri debbono sopportare.

 2. Se non riesci a trasformare te stesso secondo quella che pure è la tua volontà, come potrai pretendere che gli altri si conformino al tuo desiderio? Vogliamo che gli altri siano perfetti; mentre noi non correggiamo le nostre manchevolezze. Vogliamo che gli altri si correggano rigorosamente; mentre noi non sappiamo correggere noi stessi. Ci disturba una ampia libertà degli altri; mentre non sappiamo negare a noi stessi ciò che desideriamo. Vogliamo che gli altri siano stretti entro certe regole; mentre noi non ammettiamo di essere un po' più frenati. In tal modo, dunque, è chiaro che raramente misuriamo il prossimo come noi stessi. Se fossimo tutti perfetti, che cosa avremmo da patire dagli altri, per amore di Dio? Ora, Dio così dispone, affinché apprendessimo a portare l'uno i pesi dell'altro (Gal 6,2). Infatti non c'è alcuno che non presenti difetti o molestie; non c'è alcuno che basti a se stesso e che, di per sé, sia sufficientemente saggio. Occorre, dunque, che ci sopportiamo a vicenda, che a vicenda ci consoliamo, che egualmente ci aiutiamo e ci ammoniamo. Quanta virtù ciascuno di noi abbia, ciò appare al momento delle avversitànon sono le occasioni che fanno fragile l'uomo, ma esse mostrano quale esso è.

Capitolo XVII (Indice Capitoli)

LA VITA NEI MONASTERI

 1. Se vuoi mantenere pace e concordia con gli altri, devi imparare a vincere decisamente te stesso in molte cose. Non è cosa facile stare in un monastero o in un gruppo, e viverci senza lamento alcuno, mantenendosi fedele sino alla morte. Beato colui che vi avrà vissuto santamente e vi avrà felicemente compiuta la vita. Se vuoi stare saldo al tuo dovere e avanzare nel bene, devi considerarti esule pellegrino su questa terra. Per condurre una vita di pietà, devi farti stolto per amore di Cristo.

 2. Poco contano l'abito e la tonsura; sono la trasformazione della vita e la completa mortificazione delle passioni, che fanno il monaco. Chi tende ad altro che non sia soltanto Dio e la salute dell'anima, non troverà che tribolazione e dolore. Ancora, non avrà pace duratura chi non si sforza di essere il più piccolo, sottoposto a tutti. Qui tu sei venuto per servire, non comandare. Ricordati che sei stato chiamato a sopportare e a faticare, non a passare il tempo in ozio e in chiacchiere. Qui si provano gli uomini, come si prova l'oro nel fuoco (cfr. Sir 27,6). Qui nessuno potrà durevolmente stare, se non si sarà fatto umile dal profondo del cuore, per amore di Dio.

Capitolo XVIII (Indice Capitoli)

GLI ESEMPI DEI GRANDI PADRI SANTI

 1. Guarda ai luminosi esempi dei grandi santi padri, nei quali rifulse una pietà veramente perfetta e vedrai come sia ben poco, e quasi nulla, quello che facciamo noi. Ahimé!, che cosa è la nostra vita, paragonata alla vita di quei santi? Veramente santi, e amici di Cristo, costoro servirono il Signore nella fame e nella sete; nel freddo, senza avere di che coprirsi; nel faticoso lavoro; nelle veglie e nei digiuni; nelle preghiere e nelle pie meditazioni; spesso nelle ingiurie e nelle persecuzioni. Quante tribolazioni, e quanto gravi, hanno patito gli apostoli, i martiri, i testimoni della fede, le vergini e tutti gli altri che vollero seguire le orme di Cristo; essi infatti, ebbero in odio se stessi in questo mondo, per possedere le loro anime nella vita eterna. Quale vita rigorosa, e piena di rinunce, vissero questi grandi padri nel deserto; quante lunghe e gravi tentazioni ebbero a sopportare; quanto spesso furono tormentati dal diavolo; quante ripetute e fervide preghiere offrirono a Dio; quali dure astinenze seppero sopportare. Come furono grandi l'ardore e il fervore con i quali mirarono al loro progresso spirituale; come fu coraggiosa la battaglia che essi fecero per vincere i loro vizi; come fu piena e retta la loro intenzione, che essi tennero sempre volta a Dio! Lavoravano per tutta la giornata, e la notte la passavano in continua preghiera; ma neppure durante il lavoro veniva mai meno in loro l'orazione interiore. Tutto il loro tempo era impiegato utilmente; e a loro sembrava troppo corta ogni ora dedicata a Dio; ancora, per la grande soavità della contemplazione, dimenticavano persino la necessità di rifocillare il corpo. Rinunciavano a tutte le ricchezze, alle cariche, agli onori, alle amicizie e alle parentele; nulla volevano avere delle cose del mondo; mangiavano appena quanto era necessario alla vita e si lamentavano quando si dovevano sottomettere a necessità materiali.

 2. Erano poveri di cose terrene, molto ricchi invece di grazia e di virtù; esteriormente miserabili, ricompensati però interiormente dalla grazia e dalla consolazione divina; lontani dal mondo, ma vicini a Dio, amici intimi di Dio,; si ritenevano un nulla ed erano disprezzati dagli uomini, ma erano preziosi e cari agli occhi di Dio. Stavano in sincera umiltà, vivevano in schietta obbedienza; camminavano in amore e sapienzaper questo progredivano spiritualmente ogni giorno, e ottenevano tanta grazia presso Dio. Essi sono offerti come esempio per tutti coloro che si sono dati alla vita religiosa; essi ci devono indurre all'avanzamento nel bene, più che non ci induca al rilassamento la schiera delle persone poco fervorose.

 3. Quanto fu grande l'ardore di questi uomini di Dio, quando diedero inizio alle loro istituzioni. Quale devozione nella preghiera, quale slancio nella vita, quale rigore in esso vigoreggiò; quanto rispetto e quanta docilità sotto la regola del maestro fiorì in tutti loro. Restano ancora certi ruderi abbandonati, ad attestare che furono veramente uomini santi e perfetti, costoro, che con una strenua lotta, schiacciarono il mondo. Oggi, invece, già uno è ritenuto buono se non tradisce la fede; se riesce a sopportare con pazienza quel che gli tocca. Tale è la nostra attuale condizione di negligente tiepidezza, che ben presto cadiamo nel fervore iniziale; pigri e stanchi, già ci viene a noia la vita. Voglia il cielo che in te non si vada spegnendo del tutto l'avanzamento nelle virtù; in te che frequentemente hai avuto sotto gli occhi gli esempi dei santi.

Capitolo XIX (Indice Capitoli)

COME SI DEVE ADDESTRARE COLUI CHE SI E' DATO A DIO

 1. La vita di colui che si è dato a Dio deve essere rigogliosa di ogni virtù, cosicché, quale egli appare esteriormente alla gente, tale sia anche interiormente. Anzi, e a ragione, di dentro vi deve essere molto più di quanto appare di fuori; giacché noi siamo sotto gli occhi di Dio, e a lui dobbiamo sommo rispetto, ovunque ci troviamo; Dio, dinanzi al quale dobbiamo camminare puri come angeli. Ogni giorno dobbiamo rinnovare il nostro proposito e spronare noi stessi al fervore, come fossimo appena venuti, oggi, alla vita del monastero. Dobbiamo direaiutami, Signore Iddio, nel mio buon proposito e nel santo servizio che ti è dovuto; concedimi di ricominciare oggi radicalmente, perché quel che ho fatto fin qui è nulla. Il nostro progresso spirituale procede di pari passo con il nostro proposito. Grande vigilanza occorre per chi vuol avanzare nel bene; ché, se cade spesso colui che ha forti propositi, che cosa sarà di colui che soltanto di rado si propone alcunché, e con poca fermezza? Svariati sono i modi nei quali ci accade di abbandonare il nostro proposito; anche la semplice omissione di un solo esercizio di pietà porta quasi sempre qualche guasto. In verità, la fermezza di proposito dei giusti dipende, più che dalla loro saggezza, dalla grazia di Dio, nel quale essi ripongono la loro fiducia, qualunque meta riescano a raggiungere, giacché l'uomo propone ma chi dispone è Dio, le cui vie noi non conosciamo. Se talvolta, per fare del bene o per essere utili ai fratelli, si omette un abituale esercizio di pietà, esso potrà facilmente essere recuperato più tardi; che se, invece, quasi senza badare, lo si tralascia per malavoglia o negligenza, ciò costituisce già una colpa, e deve essere sentito come una perdita.

 2. Per quanto ci mettiamo tutto l'impegno possibile, sarà facile che abbiamo a cadere ancora, in varie occasioni. Tuttavia dobbiamo fare continuamente qualche proponimento preciso, specialmente in contrapposto a ciò che maggiormente impedisce il nostro profitto spirituale. Cose esterne e cose interiori sono necessarie al nostro progresso spirituale, perciò, le une come le altre, dobbiamo esaminarle attentamente e metterle nel giusto ordine. Se non riesci a stare sempre concentrato in te stesso, raccogliti di tempo in tempo, almeno una volta al giorno, la mattina o la serala mattina per fare i tuoi propositi, la sera per esaminare come ti sei comportato, cioè come sei stato, nelle parole, nonché nei pensieri, con i quali forse hai più spesso offeso Dio o il prossimo. Armati, come un soldato, contro le perversità del diavolo. Tieni a freno la gola; così terrai più facilmente a freno ogni altra cattiva tendenza del corpo. Non stare mai senza far nullasii occupato sempre, a leggero o a scrivere, a pregare o a meditare, o a fare qualche lavoro utile per tutti. Gli esercizi corporali di ciascuno siano compiuti separatamente; né tutti possono assumersene ugualmente. Se non sono esercizi di tutta la comunità, non devono essere palesati a tutti, giacché ciò che è personale si fa con maggior profitto nel segreto. Tuttavia guarda di non essere tardo alle pratiche comunitarie; più pronto, invece, a quelle tue proprie. Che, compiuto disciplinatamente e interamente il dovere imposto, se avanza tempo, ritornerai a te stesso, come vuole la tua devozione personale. Non è possibile che tutti abbiano a fare il medesimo esercizio, giacché a ciascuno giova qualcosa di particolare. E poi si amano esercizi diversi secondo i momentialcuni ci sono più graditi nei giorni di festa, altri nei giorni comuni. Inoltre, nel momento della tentazione e nel momento della pacifica tranquillità, abbiamo bisogno di esercizi ben diversi. Infine quando siamo nella tristezza ci piace pensare a certe cose; ad, invece quando siamo nella Letizia del Signore.

 3. Nelle feste più solenni dobbiamo rinnovare gli esercizi di pietà ed implorare con fervore più grande l'aiuto dei santi. I nostri proponimenti devono andare da una ad altra festività, come se in quel punto dovessimo lasciare questo mondo e giungere alla festa eterna. Per questo, nei periodi di particolare devozione, dobbiamo prepararci con cura, e mantenerci in più grande pietà, attenendoci più rigorosamente ai nostri doveri, quasi stessimo per ricevere da Dio il premio delle nostre fatiche. Che se tale premio sarà rimandato, dobbiamo convincerci che non eravamo pienamente preparati e che non eravamo ancora degni della immensa gloria, che ci sarà rivelata (Rm 8,18) nel tempo stabilito; e dobbiamo fare in modo di prepararci meglio alla morte. "Beato quel servo - dice Luca evangelista - che il padrone, al suo arrivo, avrà trovato sveglio e pronto. In verità vi dico che gli darà da amministrare tutti i suoi beni" (Lc 12,44; cfr. Lc 12,37).

Capitolo XX (Indice Capitoli)

L'AMORE DELLA SOLITUDINE E DEL SILENZIO

 1. Cerca il tempo adatto per pensare a te e rifletti frequentemente sui benefici che vengono da Dio. Tralascia ogni cosa umanamente attraente; medita argomenti che ti assicurino una compunzione di spirito, piuttosto che un modo qualsiasi di occuparti. Un sufficiente spazio di tempo, adatto per dedicarti a buone meditazioni, lo troverai rinunciando a fare discorsi inutilmente oziosi e ad ascoltare chiacchiere sugli avvenimenti del giorno. I più grandi santi evitavano, per quanto possibile, di stare con la gente e preferivano stare appartati, al servizio di Dio. E' stato dettoogni volta che andai tra gli uomini ne ritornai meno uomo di prima (Seneca, Epist. VII, 3). E ne facciamo spesso esperienza, quando stiamo a lungo a parlare con altri. Tacere del tutto è più facile che evitare le intemperanze del discorrere, come è più facile stare chiuso in casa che sapersi convenientemente controllare fuori casa. Perciò colui che vuole giungere alla spiritualità interiore, deve, insieme con Gesù, ritirarsi dalla gente. Soltanto chi ama il nascondimento sta in mezzo alla gente senza errare; soltanto chi ama il silenzio parla senza vaneggiare; soltanto chi ama la sottomissione eccelle senza sbagliare; soltanto chi ama obbedire comanda senza sgarrare; soltanto colui che è certo della sua buona coscienza possiede gioia perfetta.

 2. Però, anche nei santi, questo senso di sicurezza ebbe fondamento nel timore di Dio. Essi brillarono per straordinarie virtù e per grazia, ma non per questo furono meno fervorosi e intimamente umili. Il senso di sicurezza dei cattivi scaturisce, invece, dalla superbia e dalla presunzione; e, alla fine, si muta in inganno di se stessi. Non sperare di avere sicurezza in questo mondo, anche se sei ritenuto buon monaco o eremita devoto; spesso, infatti, coloro che sembravano eccellenti agli occhi degli uomini sono stati messi nelle più gravi difficoltà. Per molte persone è meglio dunque non essere del tutto esenti da tentazioni ed avere sovente da lottare contro di queste, affinché non siamo troppo sicure di sé, non abbiamo per caso a montare in superbia o addirittura a volgersi sfrenatamente a gioie terrene. Quale buona coscienza manterrebbe colui che non andasse mai cercando le gioie passeggere e non si lasciasse prendere dal mondo! Quale grande pace, quale serenità avrebbe colui che sapesse stroncare ogni vano pensiero, meditando soltanto intorno a ciò che attiene a Dio e alla salute dell'anima, e ponendo ben fissa ogni sua speranza in Dio! Nessuno sarà degno del gaudio celeste, se non avrà sottoposto pazientemente se stesso al pungolo spirituale. Ora, se tu vuoi sentire dal profondo del cuore questo pungolo, ritirati nella tua stanza, lasciando fuori il tumulto del mondo, come sta scrittopungolate voi stessi, nelle vostre stanze (Sal 4,4). Quello che fuori, per lo più, vai perdendo, lo troverai nella tua cella; la quale diventa via via sempre più cara, mentre reca noi soltanto a chi vi sta di mal animo. Se, fin dall'inizio della tua venuta in convento, starai nella tua cella, e la custodirai con buona disposizione d'animo, essa diventerà per te un'amica diletta e un conforto molto gradito.

 3. Nel silenzio e nella quiete l'anima devota progredisce e apprende il significato nascosto delle Scritture; nel silenzio e nella quiete trova fiumi di lacrime per nettarsi e purificarsi ogni notte, e diventa tanto più intima al suo creatore quanto più sta lontana da ogni chiasso mondano. Se, dunque, uno si sottrae a conoscenti e ad amici, gli si farà vicino Iddio, con gli angeli santi. E' cosa migliore starsene appartato a curare il proprio perfezionamento, che fare miracoli, dimenticando se stessi. Cosa lodevole, per colui che vive in convento, andar fuori di rado, evitare di apparire, persino schivare la gente. Perché mai vuoi vedere ciò che non puoi avere? "Il mondo passa, e passano i suoi desideri" (1Gv 2,17). I desideri dei sensi portano a vagare con la mente; ma, passato il momento, che cosa ne ricavi se non un peso sulla coscienza e una profonda dissipazione? Un'uscita piena di gioia prepara spesso un ritorno pieno di tristezza; una veglia piena di letizia rende l'indomani pieno di amarezza; ogni godimento della carne penetra con dolcezza, ma alla fine morde e uccide. Che cosa puoi vedere fuori del monastero, che qui tu non veda? Ecco, qui hai il cielo e la terra e tutti glie elementi dai quali sono tratte tutte le cose. Che cosa altrove potrai vedere, che possa durare a lungo sotto questo sole? Forse credi di poterti saziare pienamente; ma a ciò non giungerai. Ché, se anche tu vedessi tutte le cose di questo mondo, che cosa sarebbe questo, se non un sogno senza consistenza? Leva i tuoi occhi in alto, a Dio, e prega per i tuoi peccati e per le tue mancanze. Lascia le vanità alla gente vana; e tu attendi invece a quello che ti ha comandato Iddio. Chiudi dietro di te la tua porta, chiama a te Gesù, il tuo diletto, e resta con lui nella cella; ché una sì grande pace altrove non la troverai. Se tu non uscirai e nulla sentirai dal chiasso mondano, resterai più facilmente in una pace perfetta. E poiché talvolta sentire cose nuove reca piacere, occorre che tu sappia sopportare il conseguente turbamento dell'animo.

Capitolo XXI (Indice Capitoli)

LA COMPUNZIONE DEL CUORE

 1. Se vuoi fare qualche progresso conservati nel timore di Dio, senza ambire a una smodata libertà; tieni invece saldamente a freno i tuoi sensi, senza lasciarti andare a una stolta letizia. Abbandonati alla compunzione di cuore, e ne ricaverai una vera devozione. La compunzione infatti fa sbocciare molte cose buone, che, con la leggerezza di cuore, sogliono subitamente disperdersi. E' meraviglia che uno possa talvolta trovare piena letizia nella vita terrena, se considera che questa costituisce un esilio e se riflette ai tanti pericoli che la sua anima vi incontra. Per leggerezza di cuore e noncuranza dei nostri difetti spesso non ci rendiamo conto dei guai della nostra anima; anzi, spesso ridiamo stoltamente, quando, in verità, dovremmo piangere. Non esiste infatti vera libertà, né santa letizia, se non nel timore di Dio e nella rettitudine di coscienza. Felice colui che riesce a liberarsi da ogni impaccio dovuto a dispersione spirituale, concentrando tutto se stesso in una perfetta compunzione. Felice colui che sa allontanare tutto ciò che può macchiare o appesantire il suo spirito. Tu devi combattere da uomol'abitudine si vince con l'abitudine. Se impari a non curarti della gente, questa lascerà che tu attenda tranquillamente a te stesso. Non portare dentro di te le faccende degli altri, non impicciarti neppure di quello che fanno le persone più in vista; piuttosto vigila sempre e in primo luogo su di te, e rivolgi il tuo ammonimento particolarmente a te stesso, prima che ad altre persone, anche care. Non rattristarti se non ricevi il favore degli uomini; quello che ti deve pesare, invece, è la constatazione di non essere del tutto e sicuramente nella via del bene, come si converrebbe a un servo di Dio e a un monaco pieno di devozione.

 2. E' grandemente utile per noi, e ci dà sicurezza di spirito, non ricevere molte gioie in questa vita; particolarmente gioie materiali. Comunque, è colpa nostra se non riceviamo consolazioni divine o ne proviamo raramente; perché non cerchiamo la compunzione del cuore e non respingiamo del tutto le vane consolazioni che vengono dal di fuori. Riconosci di essere indegno della consolazione divina, e meritevole piuttosto di molte sofferenze, Quando uno è pienamente compunto in se stesso, ogni cosa di questo mondo gli appare pesante e amara. L'uomo retto, ben trova motivo di pianto doloroso. Sia che rifletta su di sé o che vada pensando agli altri, egli comprende che nessuno vive quaggiù senza afflizioni; e quanto più severamente si giudica, tanto maggiormente si addolora. Sono i nostri peccati e i nostri vizi a fornire materia di giusto dolore e di profonda compunzione; peccato e vizi dai quali siamo così avvolti e schiacciati che raramente riusciamo a guardare alle cose celesti. Se il nostro pensiero andasse frequentemente alla morte, più che alla lunghezza della vita, senza dubbio ci emenderemmo con maggior fervore. Di più, se riflettessimo nel profondo del cuore alle sofferenze future dell'inferno e del purgatorio, accetteremmo certamente fatiche e dolori, e non avremmo paura di un duro giudizio. Invece queste cose non penetrano nel nostro animo; perciò restiamo attaccati alle dolci mollezze, restiamo freddi e assai pigri. Spesso, infatti, è sorta di spirituale povertà quella che facilmente invade il nostro misero corpo. Prega dunque umilmente il Signore che ti dia lo spirito di compunzione; e di', con il profetanutrimi, o Signore, "con il pane delle lacrime; dammi, nelle lacrime, copiosa bevanda" (Sal 79,6).

Capitolo XXII (Indice Capitoli)

LA MEDITAZIONE DELLA MISERIA UMANA

 1. Dovunque tu sia e dovunque ti volga, sei sempre misera cosa; a meno che tu non ti volga tutto a Dio. Perché resti turbato quando le cose non vanno secondo la tua volontà e il tuo desiderio? Chi è colui che tutto ha secondo il suo beneplacito? Non io, non tu, né alcun altro su questa terra. Non c'è persona al mondo, anche se è un re o un papa, che non abbia qualche tribolazione o afflizione. E chi è dunque che ha la parte migliore? Senza dubbio colui che è capace di sopportare qualche male per amore di Dio. Dice molta gente, debole e malata nello spiritoguarda che vita beata conduce quel tale; come è ricco e grande, come è potente e come è salito in alto! Ma, se poni mente ai beni eterni, vedrai che tutte queste cose passeggere sono un nulla, anzi qualcosa di molto insicuro e particolarmente gravoso, giacché le cose temporali non si possono avere senza preoccupazioni e paure. Per la felicità non occorre che l'uomo possieda beni terreni in sovrabbondanza; basta averne una modesta quantità, giacché la vita di quaggiù è veramente una misera cosa. Quanto più uno desidera elevarsi spiritualmente, tanto più la vita presente gli appare amara, perché constata pienamente le deficienze dovute alla corrotta natura umana. Invero mangiare, bere, star sveglio, dormire, riposare, lavorare, e dover soggiacere alle altre necessità che ci impone la nostra natura, tutto ciò, in realtà, è una miseria grande e un dolore per l'uomo religioso; il quale amerebbe essere sciolto e libero da ogni peccato. In effetti l'uomo che vive interiormente si sente schiacciato, come sotto un peso, dalle esigenze materiali di questo mondo; ed è perciò che il profeta prega fervorosamente di essere liberato, dicendo"Signore, toglimi da queste necessità" (Sal 24,17).

 2. Guai a quelli che non riconoscono la loro miseria. Guai, ancor più, a quelli che amano questa vita miserabile e destinata a finire; una vita alla quale tuttavia certa gente - anche se, lavorando o elemosinando, mette insieme appena appena il necessario - si abbarbica, come se potesse restare quaggiù in eterno, senza darsi pensiero del regno di Dio. Gente pazza, interiormente priva di fede; gente sommersa dalle cose terrene, tanto da gustare solo ciò che è materiale. Alla fine, però, constateranno, con pena, quanto poco valessero - anzi come fossero un nulla - le cose che avevano amato. Ben diversamente, i santi di Dio, e tutti i devoti amici di Cristo; essi non andavano dietro ai piaceri del corpo o a ciò che rende fiorente questa vita mortale. La loro anelante tensione e tutta la loro speranza erano per i beni eterni; il loro desiderio - per non essere tratti al basso dall'attaccamento alle cose di quaggiù - si elevava interamente alle cose invisibili, che non vengono meno. O fratello, non perdere la speranza di progredire spiritualmente; ecco, ne hai il tempo e l'ora. Perché, dunque, vuoi rimandare a domani il tuo proposito? Alzati, e comincia all'istante, dicendoè questo il momento di agire; è questo il momento di combattere; è questo il momento giusto per correggersi. Quando hai dolori e tribolazioni, allora è il momento per farti dei meriti. Giacché occorre che tu passi attraverso il "fuoco e l'acqua" prima di giungere nel refrigerio (Sal 65,12). E se non farai violenza a te stesso, non vincerai i tuoi vizi. Finché portiamo questo fragile corpo, non possiamo essere esenti dal peccato, né vivere senza molestie e dolori. Ben vorremmo aver tregua da ogni miseria; ma avendo perduto, a causa del peccato, la nostra innocenza, abbiamo perduto quaggiù anche la vera felicità. Perciò occorre che manteniamo in noi una ferma pazienza, nell'attesa della misericordia divina, "fino a che sia scomparsa l'iniquità di questo mondo" (Sal 56,2) e le cose mortali "siano assunte dalla vita eterna" (2Cor 5,4).

 3. Tanto è fragile la natura umana che essa pende sempre verso il vizio. Ti accusi oggi dei tuoi peccati e domani commetti di nuovo proprio ciò di cui ti sei accusato. Ti proponi oggi di guardarti dal male, e dopo un'ora agisci come se tu non ti fossi proposto nulla. Ben a ragione, dunque, possiamo umiliarci; né mai possiamo avere alcuna buona opinione di noi stessi, perché siamo tanto deboli e instabili. Inoltre, può andare rapidamente perduto per negligenza ciò che a stento, con molta fatica, avevamo alla fine raggiunto, per grazia di Dio. E che cosa sarà di noi alla fine, se così presto ci prende la tiepidezza? Guai a noi, se pretendessimo di riposare tranquillamente, come se già avessimo raggiunto pace e sicurezza, mentre, nella nostra vita, non si vede neppure un indizio di vera santità. Occorrerebbe che noi fossimo di nuovo plasmati, quasi in un buon noviziato, a una vita irreprensibile; in tal modo potremo sperare di raggiungere un certo miglioramento e di conseguire un maggior profitto spirituale.

Capitolo XXIII (Indice Capitoli)

LA MEDITAZIONE DELLA MORTE

 1. Ben presto la morte sarà qui, presso di te. Considera, del resto, la tua condizionel'uomo oggi c'è e domani è scomparso; e quando è sottratto alla vista, rapidamente esce anche dalla memoria. Quanto grandi sono la stoltezza e la durezza di cuore dell'uomoegli pensa soltanto alle cose di oggi e non piuttosto alle cose future. In ogni azione, in ogni pensiero, dovresti comportarti come se tu dovessi morire oggi stesso; ché, se avrai retta la coscienza, non avrai molta paura di morire. Sarebbe meglio star lontano dal peccato che sfuggire alla morte. Se oggi non sei preparato a morire, come lo sarai domani? Il domani è una cosa non sicurache ne sai tu se avrai un domani? A che giova vivere a lungo, se correggiamo così poco noi stessi? Purtroppo, non sempre una vita lunga corregge i difetti; anzi spesso accresce maggiormente le colpe. Magari potessimo passare santamente anche una sola giornata in questo mondo. Molti fanno il conto degli anni trascorsi dalla loro conversione a Dio; ma scarso è sovente il frutto della loro emendazione. Certamente morire è cosa che mette paura; ma forse è più pericoloso vivere a lungo. Beato colui che ha sempre dinanzi agli occhi l'ora della sua morte ed è pronto ogni giorno a morire. Se qualche volta hai visto uno morire, pensa che anche tu dovrai passare per la stessa strada. La mattina, fa conto di non arrivare alla sera; e quando poi si farà sera non osare sperare nel domani. Sii dunque sempre pronto; e vivi in tal modo che, in qualunque momento, la morte non ti trovi impreparato.

 2. Sono molti coloro che muoiono in un istante, all'improvviso; giacché "il Figlio dell'uomo verrà nell'ora in cui non si pensa che possa venire" (Mt 24,44; Lc 12,40). Quando sarà giunto quel momento estremo, comincerai a giudicare ben diversamente tutta la tua vita passata, e molto ti dorrai di esser stato tanto negligente e tanto fiacco. Quanto é saggio e prudente l'uomo che, durante la vita, si sforza di essere quale desidera esser trovato al momento della morte! Ora, una piena fiducia di morire santamente la daranno il completo disprezzo del mondo, l'ardente desiderio di progredire nelle virtù, l'amore del sacrificio, il fervore nella penitenza, la rinuncia a se stesso e il saper sopportare ogni avversità per amore di Cristo. Mentre sei in buona salute, molto puoi lavorare nel bene; non so, invece, che cosa potrai fare quando sarai ammalato. Giacché sono pochi quelli che, per il fatto di essere malati, diventano più buoni; così come sono pochi quelli che, per il fatto di andare frequentemente in pellegrinaggio, diventano più santi. Non credere di poter rimandare a un tempo futuro la tua salvezza, facendo affidamento sui suffragi degli amici e dei parenti; tutti costoro ti dimenticheranno più presto di quanto tu non creda. Perciò, più che sperare nell'aiuto di altri, è bene provvedere ora, fin che si è in tempo, mettendo avanti un po' di bene. Ché, se non ti prendi cura di te stesso ora, chi poi si prenderà cura di te? Questo è il tempo veramente prezioso; sono questi i giorni della salvezza; è questo il tempo che il Signore gradisce (2Cor 6,2). Purtroppo, invece, questo tempo tu non lo spendi utilmente in cose meritorie per la vita eterna. Verrà il momento nel quale chiederai almeno un giorno o un'ora per emendarti; e non so se l'otterrai. Ecco, dunque, mio caro, di quale pericolo ti potrai liberare, a quale pericolo ti potrai sottrarre, se sarai stato sempre nel timore di Dio, in vista della morte. Procura di vivere ora in modo tale che, nell'ora della morte, tu possa avere letizia, anziché paura; impara a morire al mondo, affinché tu cominci allora a vivere con Cristo; impara ora a disprezzare ogni cosa, affinché tu possa allora andare liberamente a Cristo; mortifica ora il tuo corpo con la penitenza, affinché tu passa allora essere pieno di fiducia.

 3. Stolto, perché vai pensando di vivere a lungo, mentre non sei sicuro di avere neppure una giornata? Quante persone sono state ingannate, inaspettatamente tolte a questa vita! Quante volte hai sentito dire che uno è morto di ferite e un altro è annegato; che uno, cadendo dall'alto, si è rotto la testa; che uno si è soffocato mentre mangiava e un altro è morto mentre stava giocando? Chi muore per fuoco, chi per spada; chi per una pestilenza, chi per un assalto dei predoni. Insomma, comunque destino è la morte; e passa rapidamente come un'ombra la vita umana. Chi si ricorderà di te, dopo che sarai scomparso, e chi pregherà per te? Fai, o mio caro, fai ora tutto quello che sei in grado di fare, perché non conosci il giorno della tua morte; né sai che cosa sarà di te dopo. Accumula, ora, ricchezze eterne, mentre sei in tempo. Non pensare a nient'altro che alla tua salvezza; preoccupati soltanto delle cose di Dio. Fatti ora degli amici, venerando i santi di Dio e imitando le loro azioni, "affinché ti ricevano nei luoghi eterni, quando avrai lasciato questa vita" (Lc 16,9). Mantienti, su questa terra, come uno che è di passaggio; come un ospite, che non ha a che fare con le faccende di questo mondo. Mantieni libero il tuo cuore, e rivolto al cielo, perché non hai stabile dimora quaggiù (Eb 13,14). Al cielo rivolgi continue preghiere e sospiri e lacrime, affinché, dopo la morte, la tua anima sia degna di passare felicemente al Signore. Amen.

Capitolo XXIV (Indice Capitoli)

IL GIUDIZIO DIVINO E LA PUNIZIONE DEI PECCATI

 1. In ogni cosa tieni l'occhio fisso al termine finale; tieni l'occhio, cioè, a come comparirai dinanzi al giudice supremo; al giudice che vede tutto, non si lascia placare con doni, non accetta scuse; e giudica secondo giustizia (cfr. Is 11,4). Oh!, sciagurato e stolto peccatore, come potrai rispondere a Dio, il quale conosce tutto il male che hai fatto; tu che tremi talvolta alla vista del solo volto adirato di un uomo? Perché non pensi a quel che avverrà di te nel giorno del giudizio, quando nessuno potrà essere scagionato e difeso da altri, e ciascuno costituirà per se stesso un peso anche troppo grave? E' adesso che la tua fatica è producente; è adesso che il tuo pianto e il tuo sospiro possono piacere a Dio ed essere esauditi; è adesso che il tuo dolore può ripagare il male compiuto e renderti puro.

 2. Un grave e salutare purgatorio l'ha colui che sa sopportare. Questi, ricevendo ingiustizie, si dispiace della cattiveria altrui, più che del male patito; è pronto a pregare per quelli che lo contrastano e perdona di cuore le loro colpe; non esita a chiedere perdono agli altri; è più incline ad aver compassione che ad adirarsi; fa violenza sovente a se stesso e si sforza di sottoporre interamente la carne allo spirito. Stroncare ora i vizi e purgarsi ora dai peccati è miglior cosa che lasciarli da purgare in futuro. Invero noi facciamo inganno a noi stessi amando le cose carnali, contro l'ordine stabilito da Dio. Che altro divorerà, quel fuoco, se non i tuoi peccati? Perciò, quanto più indulgi a te stesso quaggiù, seguendo la carne, tanto più duramente pagherai poi, preparando fin d'ora materiale più abbondante per quelle fiamme. Ciascuno sarà più gravemente punito in ciò in cui ebbe a peccare. Colà i pigri saranno incalzati da pungoli infuocati; e i golosi saranno tormentati da grande sete e fame. Colà sui lussuriosi e sugli amanti dei piaceri saranno versati in abbondanza pece ardente e zolfo fetido; e gli invidiosi, per il grande dolore, daranno in ululati, quali cani rabbiosi. Non ci sarà vizio che non abbia il suo speciale tormento. Colà i superbi saranno pieni di ogni smarrimento; e gli avari saranno oppressi da gravissima miseria. Un'ora trascorsa colà, nella pena, sarà più grave di cento anni passati qui in durissima penitenza. Nessuna tregua, colà, nessun conforto per i dannati; mentre quaggiù talora ci si stacca dalla fatica e si gode del sollievo degli amici.

 3. Devi darti da fare adesso, e piangere i tuoi peccati, per poter essere senza pensiero nel giorno del giudizio. In quel giorno, infatti, i giusti staranno in piena tranquillità in faccia a coloro che li oppressero (Sap 5,1) e li calpesteranno. Starà come giudice colui che ora si sottomette umilmente al giudizio degli uomini. In quel giorno, grande speranza avranno il povero e l'umile, e sarà pieno di paura il superbo; apparirà che è stato saggio in questo mondo colui che ha saputo essere stolto e disprezzato per amore di Cristo. In quel giorno sarà cara ogni tribolazione che sia stata sofferta pazientemente, e "ogni iniquità chiuderà la sua bocca" (Sal 106,42); l'uomo pio sarà nella gioia, mentre sarà nel dolore chi è vissuto senza fede. In quel giorno il corpo tribolato godrà più che se fosse stato nutrito di delizie; risplenderà la veste grossolana e quella fine sarà oscurata; una miserabile dimora sarà più ammirata che un palazzo dorato. In quel giorno una pazienza che non sia venuta mai meno, gioverà più che tutta la potenza della terra; la schietta obbedienza sarà glorificata più che tutta l'astuzia del mondo. In quel giorno la pura e retta coscienza darà più gioia che la erudita dottrina; il disprezzo delle ricchezze varrà di più che i tesori di tutti gli uomini. In quel giorno avrai maggior gioia da una fervente preghiera che da un pranzo prelibato; trarrai più gioia dal silenzio che avrai mantenuto, che da un lungo parlare. In quel giorno le opere buone varranno di più che le molte parole; una vita rigorosa è una dura penitenza ti saranno più care di ogni piacere di questa terra.

 4. Impara a patire un poco adesso, affinché allora tu possa essere liberato da patimenti maggiori. Prova te stesso prima, quaggiù, per sapere di che cosa sarai capace allora. Se adesso sai così poco patire, come potrai sopportare i tormenti eterni? Se adesso un piccolo patimento ti rende così incapace di sopportazione, come ti renderà la Geenna? Ecco, in verità, non le puoi avere tutte e due, queste gioiegodere in questa vita e poi regnare con Cristo. Che ti gioverebbe, se, fino ad oggi, tu fossi sempre vissuto tra gli onori e i piaceri, e ora ti accadesse di morire improvvisamente? Tutto, dunque, è vanità, fuorché amare Iddio e servire a Lui solo. E perciò, colui che ama Dio con tutto il suo cuore non ha paura né della morte, né della condanna, né del giudizio, né dell'inferno. Un amore perfetto porta con tutta sicurezza a Dio; chi invece continua ad amare il peccato ha paura e - ciò non fa meraviglia - della morte e del giudizio. Se poi non hai ancora amore bastante per star lontano dal male, è bene che almeno la paura dell'inferno ti trattenga; in effetti, chi non tiene nel giusto conto il timore di Dio non riuscirà a mantenersi a lungo nella via del bene, ma cadrà ben presto nei lacci del diavolo.

Capitolo XXV (Indice Capitoli)

CORREGGERE FERVOROSAMENTE TUTTA LA NOSTRA VITA

 1. Che tu sia attento e preciso, nel servire Iddio; ripensa frequentemente alla ragione per la quale sei venuto qui, lasciando il mondo. Non è stato forse per vivere in Dio e farti tutto spirito? Che tu sia, dunque, fervoroso, giacché in breve tempo sarai ripagato dei tuoi sforzi; né avrai più, sul tuo orizzonte, alcun timore e dolore faticherai qui per un poco, e poi troverai una grande pace, anzi, una gioia perpetua. Se sarai costante nella fede e fervoroso nelle opere, Dio, senza dubbio, sarà giusto e generoso nella ricompensa. Che tu mantenga la santa speranza di giungere alla vittoria, anche se non è bene che tu ne abbia alcuna sicurezza, per non cadere in stato di torpore o di presunzione. Una volta, un tale, dibattuto interiormente tra il timore e la speranza, sfinito dal doloro, si prostrò in chiesa davanti ad un altare dicendo tra sé"Oh! Se sapessi di poter perseverare!". E subito, di dentro, udì una risposta, che veniva da Dio"Perché, se tu sapessi di poter perseverare, che cosa vorresti fare? Fallo adesso, quello che vorresti fare, e sarai del tutto tranquillo". Allora, rasserenato e confortato, egli si affidò alla volontà di Dio, e cessò in lui quella angosciosa incertezza; egli non volle più cercar di sapere quel che sarebbe stato di lui in futuro, e si diede piuttosto a cercare "quale fosse la volontà del Signorevolontà di bene e di perfezione", (Rm 12, 2) per intraprendere e portare a compimento ogni opera buona. Dice il profeta"Spera nel Signore e fa il bene; abita la terra e nutriti delle sue ricchezze" (Sal 36,3).

 2. Una sola cosa è quella che distoglie molta gente dal progresso spirituale e dal fervoroso sforzo di correzionelo sgomento di fronte agli ostacoli e l'asprezza di questa lotta. Invero avanzano nelle virtù coloro che si sforzano di superare virilmente ciò che è per essi più gravoso, e che più li contrasta; giacché proprio là dove più si vince se stessi, mortificandosi nello spirito, più si guadagna, e maggior grazia si ottiene. Certo che non tutti gli uomini hanno pari forze per vincere se stessi e per mortificarsi. Tuttavia, uno che abbia tenacia e buon volere, anche se le sue passioni sono più violente, riuscirà a progredire più di un altro, pur buono, ma meno fervoroso nel tendere verso le virtù. Due cose giovano particolarmente al raggiungimento di una totale emendazioneil fare violenza a se stessi, distogliendosi dal male, a cui ciascuno è portato per natura; e il chiedere insistentemente il bene spirituale di cui ciascuno ha maggior bisogno. Inoltre tu devi fare in modo di evitare soprattutto ciò che più spesso trovi brutto in altri. Da ogni parte devi saper trarre motivo di profitto spirituale. Così, se ti capita di vedere o di ascoltare dei buoni esempi, devi ardere dal desiderio di imitarli; se, invece, ti pare che qualcosa sia degno di riprovazione, devi guardarti dal fare altrettanto; se talvolta l'hai fatto, procura di emendarti. Come il tuo occhio giudica gli altri, così, a tua volta, sarai giudicato tu dagli altri. Quale gioia e quale dolcezza, vedere dei frati pieni di fervore e di devozione, santi nella vita interiore e nella loro condotta; quale tristezza, invece, e quale dolore, vedere certi frati, che vanno di qua e di là, disordinatamente, tralasciando di praticare proprio ciò per cui sono stati chiamati! Gran danno procura, questo dimenticarsi delle promesse della propria vocazione, volgendo i desideri a cose diverse da quelle che ci vengono ordinate.

 3. Ricordati della decisione che hai presa, e poni dinanzi ai tuoi occhi la figura del crocifisso. Riflettendo alla vita di Gesù Cristo, avrai veramente di che vergognarti, ché non hai ancora cercato di farti più simile a lui, pur essendo stato per molto tempo nella vita di Dio. Il monaco che si addestra con intensa devozione sulla vita santissima e sulla passione del Signore, vi troverà in abbondanza tutto ciò che gli può essere utile e necessario; e non dovrà cercare nulla di meglio, fuor di Gesù. Oh, come saremmo d'un colpo pienamente addottrinati se avessimo nel nostro cuore Gesù crocifisso! Il monaco pieno di fervore sopporta ogni cosa santamente e accetta ciò che gli viene imposto; invece quello negligente e tiepido trova una tribolazione sull'altra ed è angustiato per ogni verso, perché gli manca la consolazione interiore, e quella esterna gli viene preclusa. Il monaco che vive fuori della regola va incontro a piena rovina. Infatti chi tende ad una condizione piuttosto libera ed esente da disciplina sarà sempre nell'incertezza, poiché ora non gli andrà una cosa, ora un'altra. Come fanno gli altri monaci, così numerosi, che vivono ben disciplinati dalla regola del convento? Escono di rado e vivono liberi da ogni cosa; mangiano assai poveramente e vestono panni grossolani; lavorano molto e parlano poco; vegliano fino a tarda ora e si alzano per tempo; pregano a lungo, leggono spesso e si comportano strettamente secondo la regola. Guarda i Certosini, i Cistercensi, e i monaci e le monache di altri Ordini, come si alzano tutte le notti per cantare le lodi di Dio. Ora, sarebbe vergognoso che, in una cosa tanto meritoria, tu ti lasciassi prendere dalla pigrizia, mentre un grandissimo numero di monaci comincia i suoi canti di gioia, in unione con Dio. Oh!, se noi non avessimo altro da fare che lodare il Signore, nostro Dio, con tutto il cuore e con tutta la nostra voce. Oh!, se tu non avessi mai bisogno di mangiare, di bere, di dormire; e potessi invece, lodare di continuo il Signore, e occuparti soltanto delle cose dello spirito. Allora saresti più felice di adesso, che sei al servizio del tuo corpo per varie necessità. E volesse il Cielo che non ci fossero, queste necessità, e ci fossero soltanto i pasti spirituali dell'anima, che purtroppo gustiamo ben di rado.

 4. Quando uno sarà giunto a non cercare il proprio conforto in alcuna creatura, allora egli comincerà a gustare perfettamente Dio; allora accetterà di buon grado ogni cosa che possa succedere; allora non si rallegrerà, o rattristerà, per il molto o il poco che possieda. Si rimetterà del tutto e con piena fiducia in Dioin Dio, che per lui sarà tutto, in ogni circostanza; in Dio, agli occhi del quale nulla muove o va interamente perduto; in Dio, e per il quale ogni cosa vive, servendo senza esitazione al suo comando. Abbi sempre presente che tutto finisce e che il tempo perduto non ritorna. Non giungerai a possedere forza spirituale, se non avrai sollecitudine e diligenza. Se comincerai ad essere spiritualmente malato. Se invece ti darai tutto al fervore, troverai una grande pace, e sentirai più lieve la fatica, per la grazia di Dio e per la forza dell'amore. Tutto può, l'uomo fervido e diligente. Impresa più grande delle sudate fatiche corporali è quella di vincere i vizi e di resistere alle passioni. E colui che non sa evitare le piccole mancanze, cade, a poco a poco, in mancanze maggiori. Sarai sempre felice, la sera, se avrai spesa la giornata fruttuosamente. Vigila su te stesso, scuoti e ammonisci te stesso; checché facciano gli altri, non dimenticare te stesso. Il tuo progresso spirituale sarà pari alla violenza che avrai fatto a te stesso. Amen.

FINISCONO LE ESORTAZIONI UTILIPER LA VITA DELLO SPIRITO
======================

Benjamin Netanyahu --- PERCHé, YOUTUBE NON PUBBLICA PIù, I MIEI COMMENTI? PERCHé ESISTEIL CONTROLLO GLOBALENWO, DI TUTTE LE COMUNICAZIONI DEL PIANETA! QUESTA è LA INTELLIGENZA ARTIFICIALE, A.I. ALIENA! è COME SE, YOUTUBE MI DICESSE"idiota! tu sai tutto questo, e, quindi, tu non hai PIù bisogno di pubblicare, anche da me, i tuoi articoli! " PER LA MIA ATTIVITà IN YOUTUBELA CIA HA PAGATO 4 SATANISTI, E YOUTUBE HA MESSO A DISPOSIZIONE UN IMPIEGATO, IO AL NWO SONO COSTATO, COME MINIMO, CINQUE STIPENDI ALL'ANNO NEGLI ULTIMI SEI ANNI! PERCHé COME IO SONO COMPARSO IN INTERNET COME LORENZOJHWH, IL RE DI ISRAELE, POI, IL SATANISMO SISTEMA MASSONICOHA SUBITO PERCEPEPITO LA POTENZIALITà DEVASTANTE DEL MIO MINISTERO!
https://www.youtube.com/user/UniusRei3/discussion [[ Si è verificato un problema durante il salvataggio del tuo commento. Riprova CON IL PIFFERO. ]] Bahia PetersSaleem Jaan.. THE LORD GOD BLESS YOU AND KEEP YOU, THE LORD GOD MAKE HIS FACE TO SHINE UPON YOU AND BE GRACIOUS UNTO YOU THE LOR GOD TURN HIS FACE TOWARDS YOU AND GIVE YOU PEACE. SLEEP WELL AND GOD BLESS YOU MY GOD AIVEN FRIEND AND BROTHER IN CHRIST AMEN!!!!:):):) https://www.facebook.com/saleem.jaan.9847

Benjamin Netanyahu --- CERTO, youtube potrebbe quantificarein milioni di dollariil danno economio, che, ha dovuto subire, per permettere a me, la libertà di parola. per poter parlare io? ora, più nessuno può riuscire a parale in youtube! e per youtube, sono stati anni terribili! ora, è più che giustosollevare quei poveri cristi di youtube, e poggiare la croce Unius REI, sul cireneo facebook!

Benjamin Netanyahu --- ovviamente, anche facebook si può rifiutare, ma, poi con una guerra mondiale? lui non avrebbe soltanto dei problemi aziendali, da piangere, ma, perderebbe anche la sua vita! infatti, non c'è nessuno al mondo, che, può fermare questa guerra mondiale nucleare, al di fuori di me!

Benjamin Netanyahu --- ovviamente, io non ho la telepatia, e non ho nulla di soprannaturale, o di carismatico! no! niente di tutto questo! IO NON ho VOLUTO AVERE QUESTE COSE, E, NON HO VOLUTO ESSERE UN MISTICO, PERCHé, eppure, io avrei potuto, se avessi voluto, perché, NON CI SONO LIMITI ALLA MIA FEDE CREATIVA! MA, C'è QUALCOSA DI PIù POTENTE del soprannaturale, PERCHé è OGGETTIVO, ED UNIVERSALEINFATTI, LA METAFISICA è PURA RAZIONALITà, ED INTUIZIONE! questo è il divinol'uomo giusto compassionevole, e razionale.. ecco perché, è scrittola Gloria di Dio è l'uomo vivente!

tutta la civiltà criminale di Merkel e Mogherini! il sistema massonico rothschild bildenberg" ] [ Nel Donbass rinvenuti i corpi di centinaia di donne stuprate dai paramilitari ucraini. A Krasnoarmeysk, nella regione di Donetsk, durante l'occupazione delle forze di sicurezza ucraine sono scomparse circa 400 donne di età compresa tra i 18 e i 25 anni. Recentemente in città, dove era dislocato il battaglione "Dnepr-1", e nei sobborghi sono stati trovati 286 corpi di donnesu tutti sono stati rilevati segni di violenza. Lo ha dichiarato il primo ministro del governo separatista di Donetsk Alexander Zakharchenko. http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_31/Nel-Donbass-rinvenuti-i-corpi-di-centinaia-di-donne-stuprate-dai-paramilitari-ucraini-5453/

1 ottobre, Vicino Donetsk trovati 400 corpi nelle fosse comuni. A Donetsk si trovano negli obitori comunali 400 corpi non identificati, trovati nelle fosse comuni nei pressi della città, ha raccontato ai giornalisti russi il difensore dei diritti umani lettone Einārs Graudiņš. Graudiņš ha riferito che insieme ad una task force di 8 esperti della UE, accompagnata dai rappresentanti delle autorità filorusse, ha visitato 2 fosse comuni. Secondo lui, i corpo giacevano sotto uno strato di terra fresca poco profondo, facendo così presupporre che i cadaveri siano stati gettati frettolosamente nelle fosse.
Le donne dei centri abitati vicini hanno raccontato a Graudiņš che le loro case erano state saccheggiate dagli uomini delle forze di sicurezza ucraine ed hanno aggiunto di essere state ripetutamente violentate.
Lo scorso 23 settembre le milizie separatiste hanno trovate nelle vicinanze di Donetsk diverse fosse comuni, dove le forze filo-Kiev avrebbero giustiziato i civili, secondo i racconti degli abitanti locali.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_01/Vicino-Donetsk-trovati-400-corpi-nelle-fosse-comuni-7446/
Le forze di sicurezza ucraine riprendono i bombardamenti su Donetsk. Almeno un civile ha perso la vita, mentre altri 6 sono rimasti feriti a seguito dei bombardamenti delle forze di sicurezza ucraine su Donetsk.
Sono stati bombardati i quartieri di Kievsky, Kuibyshevsky e Petrovsky.
Complessivamente negli ultimi giorni le milizie filorusse hanno registrato 12 casi di violazioni del cessate il fuoco da parte dei militari ucraini nelle regioni di Lugansk e Donetsk. La situazione rimane tesa. Sulla linea del fronte, le forze armate ucraine hanno intensificato le azioni di guerra.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_31/Le-forze-di-sicurezza-ucraine-riprendono-i-bombardamenti-su-Donetsk-1448/
PUTIN -- sorry, MA, la Cia, anche se, 666 ha scoperto, che, è inutile, TUTTAVIA, 322 vuole dimostrare ad Obama GENDER, il sodomita, che, loro guadagnano bene lo stipendio, che, loro datagate rubano ai contribuenti americani, quindi, mi hanno messo un filtro, ed oltre, a non poter pubblicare su youtube? ora, io non posso più pubblicare, neanche,, su http://italian.ruvr.ru/ MA, IO HO UN SOLO FAVORE DA CHIEDERTI, TU VAI SU UN MISSILE INTERCONTINENTALE, QUELLO CHE, HA LA ATOMICA PIù POTENTE, CHE, PUò SVILUPPARE UN TERREMOTO DA 15 GRADI DELLA SCALA MERCALLI, E SCRIVI"ROTHSCHILD TI AMO, anche Unius REI ti ama!".. e che poi, non è una bugia!
==================
Egidio Cavallini · Top Commentator · Verona
ucciso perchè "sospettato". lasciato morire in mezzo alla strada, per dissanguamento, con la polizia israeliana che sparava pallottole di gomma contro chi tentava di portargli soccorso. ma ormai non mi stupisco più, questi sono gli ebrei, un popolo di nazisti.
 Lorenzo Scarola · Teologico dell'Italia Meridionale
 https://www.facebook.com/egidio.cavallini tu sei un islamico nazista shariah pedofilo, poligamo, maniaco religiosopena di morte per apostasia.. Califfato mondiale genocidio a tutti i dhimmi? senza diritti umani, assassino seriale? questi uccidono 300 martiri cristiani, tutti i giorni.. e anche tu, risponderai per questo! Quando siamo andati in Kosovoa proteggere i musulmani, questonon ha impedito A lorodi POTER fare il genocidio di tutti i cristiani! [QUANTI SOLDATI DELLA NATO SONO STATI UCCISI IN KOSOVO? NON è MAI STATO PUBBLICATO! ] non ne è rimasto neanche unoDI CRISTIANI IN KOSOVO! islamici, hanno raso al suolo 3000tra, monasteri chiese e cimiteri! IN QUESTE CONDIZIONI? SOLTANTO, UN APPROCCIO BRUTALE PUò PRESERVARE LA NOSTRA SOPRAVVIVENZA.. è TERRIBILE DIRE QUESTE COSSE, CHE, NON APPARTENGONO ALLA NOSTRA CIVILTà UMANISTICA.. MA, è QUESTO CHE, LA LEGA ARABA CI COSTRINGERà A FARE, SE, NOI VOGLIAMO SOPRAVVIVERE!
==================
QUANDO FARò IO LA MIA GIORNATA DELLA RABBIA? POI, è STATO SCRITTO, CHE, UNIUS REI è LA LEGGE DEL TAGLIONE, CONTRO TUTTI I GENOCIDI CHE HANNO FATTO DAL FALSO PROFETA MAOMETTO AD OGGI!! TEL AVIV, 31 OTTOBRE - Fatah, l'organizzazione del presidente palestinese Abu Mazen, ha chiamato ad una ''giornata di rabbia'' a Gerusalemme e in Cisgiordania dopo l'uccisione di Muataz Hijazi, sospettato di aver sparato al rabbino ultra' Yehuda Glick. Lo riporta la stampa palestinese. Fonti di Fatah, citate da Haaretz, hanno annunciato marce di protesta in Cisgiordania dopo le preghiere del Venerdi' e hanno segnalato una generale atmosfera ''di tensione''. http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2014/10/31/fatah-giornata-rabbia-a-gerusalemme_a23692f9-049d-4dc1-b2e8-baf4d967b110.html

https://fbcdn-sphotos-b-a.akamaihd.net/hphotos-ak-xpf1/v/t1.0-9/1959619_450217268449574_410310219259088280_n.jpg?oh=0269fa3f474b38268243cef85319df1b&oe=54B7FCBC&__gda__=1420973136_e4ac3a12204682c42a371fcde35c0041
ERDOGAN SHARIAH BUSH 322 ROTHSCHILD 666 GRAZIE!

Il Nuovo Testamento non annulla i 10 comandamenti.
La misericordia di Dio è SOLTANTO per chi si pente e cambia vita. https://scontent-b-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-xpa1/v/t1.0-9/1551781_817061315007168_9017534314172753546_n.jpg?oh=7c977b7a002f2ebffaf514f9215febe8&oe=54AB7947

 THIS IS ISLAM SHARIA! https://fbcdn-sphotos-b-a.akamaihd.net/hphotos-ak-xpf1/v/t1.0-9/1959619_450217268449574_410310219259088280_n.jpg?oh=36f55fad975807a3e7eae81e0fca4981&oe=54DF89BC&__gda__=1420973136_f8eb777d61256d82791f87bab4868f28 THIS IS ISLAM SHARIA!


THIS IS ISLAM SHARIA! https://www.facebook.com/video.php?v=509913785811942
THIS IS ISLAM SHARIA!
=================
tutti i genocidi dimerkel mogherini bildenberg rothschild la troika usurocrazia, per l'alba radiosa di satana NWO!
Mosca chiede indagini sui crimini contro le donne in Ucraina orientale
Alexander Brod. Il direttore dell'ufficio di Mosca per i diritti umani Alexander Brod ha chiesto un'indagine sulla scoperta di una fossa comune in cui sono stati rinvenuti i corpi di donne nella regione di Donetsk, esortando la partecipazione nell'inchiesta delle organizzazioni internazionali, dell'ONU e dell'OSCE.
Lo stesso attivista dei diritti umani intende al più presto recarsi in visita nella regione di Donetsk e fare domande personalmente alla popolazione locale per far luce sulla vicenda. Ha espresso fiducia sul fatto che le autorità separatiste di Donetsk abbiano avviato già un'inchiesta.
In precedenza il primo ministro delle autorità filorusse di Donetsk Alexander Zakharchenko aveva riferito che nella parte occidentale della regione di Donetsk erano stati trovati in una fossa comune i corpi di 286 donne.
http://italian.ruvr.ru/2014_10_31/Difensore-russo-dei-diritti-umani-chiede-indagini-sui-crimini-contro-le-donne-in-Ucraina-orientale-6502/

La Russia non esclude il ritrovamento di altre fosse comuni nel Donbass.
Nella Camera Civica della Russia non escludono che in futuro possano essere ritrovate altre fosse comuni nei territori controllati dalla Guardia Nazionale nel sud-est dell'Ucraina e rilevano con amarezza il silenzio delle organizzazioni internazionali dei diritti umani riguardo ai relativi fatti.
Il membro della Camera Georgy Fedorov ha sottolineato che gli attivisti russi hanno rivolto costantemente appelli alle organizzazioni internazionali, che tuttavia "hanno chiuso gli occhi".

Secondo Federov, sembra che siano influenzate dagli Stati Uniti ed evitino di entrare in conflitto con Washington, pertanto non prestano attenzione alle prove e alle notizie di eccidi, torture e violenze.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_31/La-Russia-non-esclude-il-ritrovamento-di-altre-fosse-comuni-nel-Donbass-3073/

Mosca chiede ai difensori dei diritti umani di indagare fosse comuni di donne nel Donbass. Le informazioni riguardanti il ritrovamento nel sud-est dell'Ucraina, nella regione di Donetsk, di una fossa comune con i corpi di 286 donne devono essere verificate da parte di esperti internazionali indipendenti, soprattutto dagli attivisti dei diritti umani ucraini e russi.
Lo ha dichiarato il responsabile del Consiglio della presidenza russa per i diritti umani Mikhail Fedotov.
Ha sottolineato che "tali notizie in qualsiasi caso non devono rimanere nel silenzio."
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_31/Mosca-chiede-ai-difensori-dei-diritti-umani-di-indagare-fosse-comuni-di-donne-nel-Donbass-6451/

VIENNA è UN MASSONE COGLI0NE, FACCIA DI CUL0! PARLANO COSì, QUANDO SANNO TUTTI, CHE, IN JABULLON FMI SPA NWO 322 GMOS CIA, LA GUERRA MONDIALE è STATA DATA PER INEVITABILE! ]
Vienna è convinta che all'Europa serve ripristinare i rapporti con Mosca. L'Europa ha bisogno di ripristinare le relazioni con la Russia e fermare la retorica delle sanzioni.
Lo ha dichiarato il presidente austriaco Heinz Fischer, nel corso della sua visita ufficiale a Sofia.
Una posizione analoga è stata espressa dal capo di Stato bulgaro Rosen Plevneliev. Inoltre i due presidenti hanno ribadito di sostenere la costruzione in tempi rapidi del gasdotto "South Stream". Questo progetto, alla cui realizzazione sono interessati molti Paesi europei, è al momento congelato dalla Commissione Europea.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_31/Il-presidente-dellAustria-sicuro-allEuropa-serve-ripristinare-i-rapporti-con-Mosca-3653/
=======================
Benjamin Netanyahu -- CHE COSA èQUESTO NUMERO DI TELEFONO? 39000000000000
http://it.unknownphone.com/search.php?num=39000000000000 Aggiungi una segnalazione telefonica perNumero di telefono.
[ si! i fresconi cannibali 322 Bush agenda talmud! in questo modocon una comunicazione della tua posta elettronica, datagate aliens abductionsCIA, i sacrifici umani sull'altare di satana, loro hanno circoscritto, le tue coordinate, in modo perfetto, e ti entrano anche gli alieni in casa, che, poi sono sempre demoni!!

Lorenzo Scarola · Teologico dell'Italia Meridionale
========================
Benjamin Netanyahu PUTIN -- C'è un segreto, che, io vi devo comunicare! poiché, gli USA utilizzano, una tecnologia alienaadattata, RIDIMENSIONATA, per costuire le loro armi? Poi, loro con me, sono nel panico più totale! Perché, se, tu metti tutti i demoni da una parte, e poi metti me dall'altra? loro li vedrai, semprecome una sola piattola, e me, mi vedrai semprecome una supernova! SE TU CONSIDERI CHE, IL MIO MINISTERO è IMMORTALE? BENE QUESTO è IL PIù GRANDE PROBLEMA, CHE, IL NWO 322 TALMUD 666 FMI FED BCE, AGENDA GMOS kabbalah, HANNO BISOGNO DI AFFRONTARE.. MA, LORO A TUTT'OGGI? LORO NON HANNO trovato ancora UNA SOLUZIONE, perché non esiste una soluzione! ecco perché ieri youtube il governo massonico mondiale, dopo 6 anni di laceranti conflittie perdite immense, di creaturee di risorsesi è dovuto arrendere, ed ha gettato la spugna!

0005500000000 ] [ ok! adesso il numero telefonicoche, mi ha chiamato, è diventato questo! ma, se non ti risponde nessuno?, non è perché, c'è dietro soltanto un computer, no! è che gli alieni hanno tre difetti1. puzzano a cane morto, e poi, 2. sono froci! 3. non hanno neanche una lingua per poter parlare!!

Benjamin Netanyahu PUTIN - ovviamentequeste creature GENDER GMOSaliens abductions, chesono un cesso assoluto? Bush 322 Kerryli chimano"la civiltà!"
===================
secondo metutti, o quasi tuttii dirigenti cinesisono diventati i cristiani nascosti! QUINDIPOI,VOI VEDRETE CHE, QUESTA MERDA DEI SATANISTI HALLOWEENSARà RIGETTATA, RINNEGATA DALLA CIVILTà UMANISTICA! COME, GLI ATEISCIMMIONI EVOLUTI PENE, LORO SIANO POTUTI CADERENELLA STREGONERIASUPERSTIZIONE, OROSCOPO, E NEL SATANISMO STESSO? QUESTO è QUALCOSA, CHE, DOVREBBE FAR RIFLETTERE AI GENDER MASSONI DEL SISTEMA USUROCRATICO ROTHSCHILD! La polizia di Pechino ha avvertito la popolazione che chi viaggerà sulla metropolitana con costumi legati alla festività di Halloween rischia di essere arrestato.
 Lo riferiscono oggi i media di Hong Kong. La decisione rientra in un pacchetto di misure di sicurezza prese in vista del vertice dei Paesi dell' Asia/Pacifico (Apec) che si svolgerà a Pechino dal 7 al 12 novembre. Al vertice parteciperanno una ventina di capi di Stato e di governo tra cui il presidente americano Barack Obama.
 http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/asia/2014/10/31/cina-no-costumi-halloween-a-summit-apec_d50c1262-a241-4ed3-b320-ae515b839309.html
I SATANITI CANNIBALI DELLA CIA? SONO OVUNQUE! IDIOTI 322 666 GENDER GMOS DATAGATE, VOI SAPETE MOLTO BENE, CHE, IO SONO IN FASTWEB! NON RIUSCIRETE A PROTEGGERE IL VOSTRO DEMONIO HALLOWEEN, DA ME! YOUTUBE SA MOLTO BENE, CHE, QUANDO, IO PRENDO UNA PREDA? LA DILANIO! ]] [ Potrebbero esserti addebitati i costi per la trasmissione di dati standard. facebook. Spiacenti, 0.facebook.com è supportato solo da alcuni operatori di telefonia mobile, tra i quali non c'è il tuo.
Se decidi di contattare il tuo operatore mobile, comunicagli che il tuo indirizzo IP 93.43.137.178 non è supportato.
Vai a m.facebook.com (Potrebbero esserti addebitati i costi per la trasmissione di dati standard) · Segnala un problema
=======================
666 SHARIAH NWO 322 AGENDA TALMUD FMI GMOS? IL COMPLOTTO DEI FAARISEICONTRO ISRAELE! PER LA PURIFICAZIONE, della SHARIAH ONU ISLAMICA, DEL CALIFFATO MONDIALE, genocidio a tutto il PIANETA? ANCHE MUSULMANI MODERATI SONO UN OBIETTIVO! Il vescovo della città nigeriana circondata da Boko Haram«La nostra vita vale meno del sale». ottobre 30, 2014 Redazione
Il vescovo di Maiduguri Oliver Doeme davanti alla minaccia dei terroristi«Siamo seduti su un barilotto di polvere da sparo. Tanti tra noi sono stati cacciati dalle loro case e vivono sulle montagne o nelle foreste»
Nigeria-doeme-MAIDUGURI«Di solito si pensa che il sale sia la merce più economica sul mercato. Bene, oggi la vita vale meno del sale nel nord-est della Nigeria». Scrive così in un documento Oliver Doeme, vescovo di Maiduguri, la capitale dello Stato di Borno quasi accerchiata da Boko Haram.
CACCIATI DALLE CASE. «Nell'ultimo mese si sono intensificate le aggressive devastazioni di Boko Haram nella parte settentrionale, centrale e meridionale della mia diocesi», continua il vescovo, come riferito da Acn.
«Tanti tra noi sono stati cacciati dalle loro case e dai loro villaggi. Anche ora migliaia stanno vivendo all'interno di cave sulle montagne, alcuni nelle foreste. Chi è riuscito a scappare vengono accolti da amici e parenti a Maiduguri, Mubi e Yola. In migliaia sono fuggiti in Camerun e vivono in condizioni davvero difficili per la mancanza di cibo, riparo e cure mediche».
CONTRO CRISTIANI E MUSULMANI. Per il vescovo, quella di Boko Haram non è una guerra contro i cristiani perché «sia cristiani che musulmani sono colpiti, sia cristiani che musulmanicristiani che musulmani si ritrovano sfollati e rifugiati nel loro stesso paese». Resta il fatto che solo nell'ultimo mese i terroristi hanno bruciato decine di chiese e «convertito a forza all'islam le donne che non sono riuscite a scappare» dalle «25 città che hanno conquistato negli Stati di Borno, Yobe e Adamawa».
«SIAMO MINACCIATI». Infine, lancia l'allarme per la situazione di Maiduguri«Anche qui siamo minacciati, siamo seduti su un barilotto di polvere da sparo. Ci sono più di sette campi per gli sfollati ma la gente dorme per le strade. Stiamo sprofondando velocemente nella sabbia, dobbiamo inghiottire il nostro vuoto orgoglio di nigeriani e chiede l'assistenza internazionale per affrontare questo problema»
Leggi di PiùNigeria, vescovo«La vita qui vale meno del sale» | Tempi.it
=====================
IL NAZISMO IDEOLOGIA DEL GENDER? UN MALE MALEFICO!
Houston ritira l'ordine per i pastori di consegnare i sermoni sull'omosessualità. «Vittoria formidabile» ottobre 30, 2014 Redazione.
annise-parker-houston«I sostenitori della libertà religiosa hanno appena ottenuto una vittoria formidabile. La giornata di oggi è una risposta a una preghiera». Così il senatore del Texas Ted Cruz, uno degli esponenti più importanti del Partito repubblicano anche a livello nazionale, ha annunciato ieri su Facebook che il sindaco di Houston Annise Parker, lesbica dichiarata e pasdaran dell'agenda Lgbt, ha deciso di ritirare la citazione in giudizio avanzata due settimane fa nei confronti di cinque pastori cristiani, un mandato che li avrebbe costretti a consegnare e a fare esaminare dagli avvocati della città tutte le prediche e le altre comunicazioni in cui si siano occupati di omosessualità, di identità di genere o dello stesso sindaco Parker.
LA RAPPRESAGLIA. Come ha già scritto tempi.it in questo articolo, la mossa del Comune è stata intrapresa nell'ambito di una causa legale contro la Equal Rights Ordinance, la legge bandiera della Parker, molto contestata per via di alcune misure estreme come l'obbligo per le aziende aperte al pubblico di lasciare utilizzare alle persone indifferentemente i bagni dei maschi o delle femmine, a seconda della loro "identità di genere". Perciò la "minaccia" di utilizzare le prediche dei pastori in tribunale contro di loro è apparsa subito come una forma di rappresaglia contro l'opposizione. La notizia però ha scatenato una polemica infuocata in Texas e in tutti gli Stati Uniti, si sono moltiplicate sui media le denunce di questo «attacco inaudito alla libertà religiosa» e così la prima cittadina di Houston ha deciso di tornare sui propri passi (non senza prima cercare inutilmente di prendere le distanze dalla decisione senza precedenti).
«UN MESSAGGIO FORTE». Il senatore Cruz è stato uno dei politici più attivi nella mobilitazione contro la Parker. «Insieme – esulta adesso su Facebbok – migliaia di persone si sono sollevate e hanno detto alla città di ritirare quel mandato. Gli americani hanno difeso il nostro diritto di professare la fede liberamente e senza paura di una intimidazione del governo, inviando un messaggio così alto e forte e che la città di Houston non ha potuto ignorarlo. (…) Plaudo al coraggio dei pastori che hanno fatto sentire la propria voce, attirando l'attenzione della nazione sugli attacchi in corso contro le persone di fede». Tempi.it
================
russia cina israele -- vampiri 322 CIA 666, si gettano sulla mia 100Mg fibra ottica? e me la spengono..
open letter a FECEBOOK ] cerchiamo di capircitra di noi! se, io ho 80 GRUPPI40 gruppi cattolici E 40 GRUPPI LAICI, e io voglio condividere, il mio messaggio, circa, il satanismo 322 halloween Kerry CIA, SOLTANTO, con tutti i miei 40 gruppi CATTOLICI CRISTIANI?, poi, tu non devi FARE IL NAZISTA, E dire A ME (CON I FATTI), dopo 10 gruppi, che, io ho visitato, che, io sto facendo spam! perché, io ho 40 gruppi DI CRISTIANI, e non 10! in questo modo, allo stesso modo, molti impiegati in youtube? si sono fatti male, molto seriamente! INFATTI LA CIA MI HA BLOCCATO LA ADSL, OPPURE, VOI MI AVETE BLOCCATO IL FLUSSO DATI!

==============
siè vero! ma, Merkel e Mogherini erano innocenti, perché non ne sapevano niente! ] Nel Donbass rinvenuti i corpi di centinaia di donne stuprate dai militari ucraini.
Le informazioni riguardanti il ritrovamento nel sud-est dell'Ucraina, nella regione di Donetsk, di una fossa comune con i corpi di 286 donne devono essere verificate da parte di esperti internazionali indipendenti, soprattutto dagli attivisti dei diritti umani ucraini e russi.
Lo ha dichiarato il responsabile del Consiglio della presidenza russa per i diritti umani Mikhail Fedotov.
Ha sottolineato che "tali notizie in qualsiasi caso non devono rimanere nel silenzio."
Nella Camera Civica della Russia non escludono che in futuro possano essere ritrovate altre fosse comuni nei territori controllati dalla Guardia Nazionale nel sud-est dell'Ucraina e rilevano con amarezza il silenzio delle organizzazioni internazionali dei diritti umani riguardo ai relativi fatti.
Il membro della Camera Georgy Fedorov ha sottolineato che gli attivisti russi hanno rivolto costantemente appelli alle organizzazioni internazionali, che tuttavia "hanno chiuso gli occhi".
Secondo Federov, sembra che siano influenzate dagli Stati Uniti ed evitino di entrare in conflitto con Washington, pertanto non prestano attenzione alle prove e alle notizie di eccidi, torture e violenze.
Il direttore dell'ufficio di Mosca per i diritti umani Alexander Brod ha chiesto un'indagine sulla scoperta di una fossa comune in cui sono stati rinvenuti i corpi di donne nella regione di Donetsk, esortando la partecipazione nell'inchiesta delle organizzazioni internazionali, dell'ONU e dell'OSCE.
Lo stesso attivista dei diritti umani intende al più presto recarsi in visita nella regione di Donetsk e fare domande personalmente alla popolazione locale per far luce sulla vicenda. Ha espresso fiducia sul fatto che le autorità separatiste di Donetsk abbiano avviato già un'inchiesta.
In precedenza il primo ministro delle autorità filorusse di Donetsk Alexander Zakharchenko aveva riferito che nella parte occidentale della regione di Donetsk erano stati trovati in una fossa comune i corpi di 286 donne.
A Krasnoarmeysk, nella regione di Donetsk, durante l'occupazione delle forze di sicurezza ucraine sono scomparse circa 400 donne di età compresa tra i 18 e i 25 anni.
Recentemente in città, dove era dislocato il battaglione "Dnepr-1", e nei sobborghi sono stati trovati 286 corpi di donnesu tutti sono stati rilevati segni di violenza. Lo ha dichiarato il primo ministro del governo separatista di Donetsk Alexander Zakharchenko.
 http://italian.ruvr.ru/2014_10_31/Nel-Donbass-rinvenuti-i-corpi-di-centinaia-di-donne-stuprate-dai-paramilitari-ucraini-9652/
in nessun modo, noi possiamo indulgere, con il BULLISMOteppismo! ma, la UE USA LEGA ARABA, ONU, AMNESTY, sono indulgenti e minimizzano, CIRCA, il terrorismo islamico! SE, IO ERO ISRAELE? IO DICHIARAVO GUERRA AL MONDO! Incidenti tra manifestanti palestinesi e forze israeliane son avvenuti al check point di Qalandia, tra, Gerusalemme e Cisgiordania. Lo riporta l'agenzia Maan secondo cui ci sarebbero 8 feriti, tra, i palestinesi. Gli scontri sono avvenuti dopo le preghiere del venerdì in una marcia di protesta di Fatah e Hamas nell'ambito della "giornata di rabbia" indetta, contro, la chiusura della Spianata delle Moschee e l'uccisione del palestinese ritenuto responsabile dell'attentato all'attivista di destra ebreo Yehuda Glick.
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2014/10/31/mo-otto-feriti-in-giornata-della-rabbia_1376af3f-f7fe-4719-883f-325e0dc0b914.html

 TO GOOGLE -- http://uniusrei3.blogspot.com/ PERCHé NON RIESCO A SPEDIRE GLI ARTICOLI A QUESTO SITO? https://www.blogger.com/blogger.g?blogID=3170391582048536686#emailandmobilesettings