KAABA CANCELLA FACEBOOK

Bush MERKEL Rothschild ] io darò un solo sganassone al vostro SATANA SpA, che 40 miliardi di demoni, e 80 miliardi di anime maledette e dannate: come voi, impiegheranno almeno 100 anni, per rimettere insieme tutti i pezzettini del suo scheletro marcio puzzle.
Bush Satana Rothschild ] perché ti lamenti contro di me? 1. io non sono nel tuo libro paga! 2. E certamente, uccidere tutti i musulmani del mondo? QUESTO NON FARà DI ME UN UOMO FELICE, LOL. olo: lol, ALMENO FINCHé IO NON TI AVRò UCCISO!
in effetti anche in tutta la LEGA ARABA SHARIA, come in Corea del Nord, la deliquenza non esite: IL TERRORE! PERCHé LORO NON HANNO METODI RIEDUCATIVI! E LA DIFFERENZA DEL MIO REGNO UNIVERSALE: è CHE, NEANCHE CON ME, PUò ESISTE DELINQUENZA E QUESTO A A MOTIVO DEL MIO PIù ALTO LIVELLO DI GIUSTIZIA: L'AMORE! IL CAIRO, 21 DIC - L'Isis a Sirte, in Libia, ha pubblicato sul web un nuovo video di propaganda in cui mostra la sua polizia islamica che pattuglia la città. Allineati e incappucciati, con indosso mitra ed una divisa grigio scura i 'poliziotti' ricevono gli ordini da un comandante. "Il vostro ruolo è di rendere sicuri i musulmani ed il loro onore voi siete quelli che combattono al fronte contro l'ingiustizia e la corruzione. Il tasso di criminalità a Sirte è pari a zero e questa città è la più sicura al mondo"
revenge Yitzhak Kaduri
SALMAN MY BROTHER ] se invece di metterti a fottere le bambine, di nove anni, come quell'animale del tuo falso profeta Maometto, tu avessi studiato il profeta Daniele, poi, tu avresti capito che la creta non si può mai fondere con il ferro: ecco perché il tuo gigante Golia cazzone Bush di Nuovo Ordine Mondiale: il GUFO BAAL ALLAH MARDUK JaBullOn: deve venire giù: inevitabilmente, con un grande tonfo boato: comunque! ed anche se nel Mondo, io fossi unico e solo? Questo non vuol dire che la mia fede potrebbe risultare perdente! IO VINCERò! perché Dio JHWH può ricominciare il genere umano, tutto da solo, anche senza di me: se volesse! e lui deve essere veramente un SANTO, dato che non si è ancora stancato di tutti noi!
revenge Yitzhak Kaduri
SALMAN MY BROTHER ] lol. dopotutto i satanisti massoni non potranno mai diventare i miei complici, o miei alleati soltanto perché hanno ubbidito a me: ed hanno distrutto la LEGA ARABA, invece di distruggere CINA RUSSIA INDIA; BRASILE, ecc.. come era nei loro progetti iniziali!
revenge Yitzhak Kaduri
SALMAN MY BROTHER ] nessuno, per VERO amore di Satana, più dei satanisti ROTHSCHILD BUSH E KERRY, può essere interessato a studiare i segreti della mia TEOLogia METAFISICA RAZIONALE. COSì ANCHE LORO SI PREPARANO A MORIRE ED A SCENDERE ALL'INFERNO, INSIEME A TE, CONSAPEVOLMENTE!
revenge Yitzhak Kaduri
ANCHE MUSSOLINI COME MAOMETTO IL POLIGAMO: HANNO ENTRAMBI LEGALIZZATO LA PROSTITUZIONE, due studentesse musulmane: una libanese, ed una tunisina, entrambe, molto ipocrite, anche, se formalmente religiosamente islamiche ferventi, cioè, queste musulmane giustificavano, alla studentessa italiana: convivente: nello stesso appartamento: cioè nei loro discorsi, di fatto: legalizzavano l'adulterio occidentale, attraverso la ragionevolezza della loro poligamia! MENTRE TUTTI SANNO CHE LA LUSSURIA COLPEVOLE, è UN DEMONE DA COMBATTERE E NON DA RAZIONALIZZARE COERCITIVAMENTE IN UN MATRIMONIO BLASFEMO!
revenge Yitzhak Kaduri
PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Ezechiele 45:9 [ stop signoraggio bancario ] 9. Così parla il Signore, l'Eterno: Basta, o principi d'Israele! Lasciate da parte la violenza e le rapine, praticate il diritto e la giustizia, liberate il mio popolo dalle vostre estorsioni! dice il Signore, l'Eterno. 10. Abbiate bilance giuste, efa giusto, bat giusto. [ stop signoraggio bancario, poi, questo avverrà ] Ezechiele 37. 1. La mano dell'Eterno fu sopra me, e l'Eterno mi trasportò in ispirito, e mi depose in mezzo a una valle ch'era piena d'ossa. 2. E mi fece passare presso d'esse, tutt'attorno; ed ecco erano numerosissime sulla superficie della valle, ed erano anche molto secche. 3. E mi disse: "Figliuol d'uomo, queste ossa potrebbero esse rivivere?" E io risposi: "Oh Signore, oh Eterno, tu il sai". 4. Ed egli mi disse: "Profetizza su queste ossa, e di' loro: Ossa secche, ascoltate la parola dell'Eterno! 5. Così dice il Signore, l'Eterno, a queste ossa: Ecco, io faccio entrare in voi lo spirito, e voi rivivrete; 6. e metterò su voi dei muscoli, farò nascere su voi della carne, vi coprirò di pelle, metterò in voi lo spirito, e rivivrete; e conoscerete che io sono l'Eterno". 7. E io profetizzai come mi era stato comandato; e come io profetizzavo, si fece rumore; ed ecco un movimento, e le ossa s'accostarono le une alle altre. 8. Io guardai, ed ecco venir su d'esse de' muscoli, crescervi della carne, e la pelle ricoprirle; ma, non c'era in esse spirito alcuno. 9. Allora egli mi disse: "Profetizza allo Spirito SANTO, profetizza, figliuol d'uomo, e di' allo Spirito SANTO: Così parla il Signore, l'Eterno: Vieni dai quattro venti o SANTO Spirito, soffia su questi uccisi, e fa' che rivivano!" 10. E io profetizzai, com'egli m'aveva comandato; e lo SANTO Spirito entrò in essi, e tornarono alla vita, e si rizzarono in piedi: erano un esercito grande, grandissimo. 11. Ed egli mi disse: "Figliuol d'uomo, queste ossa, sono tutta la casa d'Israele. Ecco, essi dicono: Le nostra ossa sono secche, la nostra speranza e perita, noi siam perduti! 12. Perciò, profetizza e di' loro: Così parla il Signore, l'Eterno: Ecco, io aprirò i vostri sepolcri, vi trarrò fuori dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi ricondurrò nel paese d'Israele. 13. E voi conoscerete che io sono l'Eterno, quando aprirò i vostri sepolcri, e vi trarrò fuori dalle vostre tombe, o popolo mio! 14. E metterò in voi il mio spirito, e voi tornerete alla vita; vi porrò sul vostro suolo, e conoscerete che io, l'Eterno, ho parlato, e ho messo la cosa ad effetto, dice l'Eterno".

PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Ezechiele 45:15. E la Parola dell'Eterno mi fu rivolta in questi termini: 16. "E tu, figlio d'uomo, prenditi un pezzo di legno, e scrivici sopra: "Per Giuda, e per i figliuoli d'Israele, che sono associati". Poi prenditi un altro pezzo di legno, e scrivici sopra: "Per Giuseppe, bastone d'Efraim e di tutta la casa d'Israele, che gli è associata". 17. Poi accostali l'un all'altro per farne un solo pezzo di legno, in modo che, siano uniti nella tua mano. 18. E quando i figliuoli del tuo popolo ti parleranno e ti diranno: Non ci spiegherai tu che cosa vuoi dire con queste cose? 19. tu rispondi loro: Così parla il Signore, l'Eterno: Ecco, io prenderò il pezzo di legno di Giuseppe, ch'è in mano d'Efraim e le tribù d'Israele che sono a lui associate, e li unirò a questo, ch'è il pezzo di legno di Giuda, e ne farò un solo legno, in modo che saranno una sola cosa nella mia mano. 20. E i legni sui quali tu avrai scritto, li terrai in mano tua, sotto i loro occhi. 21. E di' loro: Così parla il Signore, l'Eterno: Ecco, io prenderò i figliuoli d'Israele, di fra le nazioni dove sono andati, li radunerò da tutte le parti, e li ricondurrò nel loro paese; 22. e farò di loro una stessa nazione, nel paese, sui monti d'Israele; un solo re sarà re di tutti loro; e non saranno più due nazioni, e non saranno più divisi in due regni. 23. E non si contamineranno più con i loro idoli, con le loro abominazioni, né colle loro numerose trasgressioni; io trarrò fuori da tutti i luoghi dove hanno abitato e dove hanno peccato, e li purificherò, essi saranno mio popolo, e io sarò loro Dio. 24. Il mio servo Davide sarà re sopra loro, ed essi avranno tutti un medesimo pastore; cammineranno secondo le mie prescrizioni, osserveranno le mie leggi, e le metteranno in pratica; 25. e abiteranno nel paese che, io detti al mio servo Giacobbe, e dove abitarono i vostri padri; vi abiteranno essi, i loro figliuoli e i figliuoli dei loro figliuoli in perpetuo; e il mio servo Davide sarà loro principe, in perpetuo. 26. E io fermerò con loro un patto di pace: sarà un patto perpetuo con loro; li stabilirò fermamente, li moltiplicherò, e metterò il mio santuario in mezzo a loro per sempre; 27. la mia dimora sarà presso di loro, e io sarò loro Dio, ed essi saranno mio popolo. 28. E le nazioni conosceranno che io sono l'Eterno che santifico Israele, quando il mio santuario sarà per sempre in mezzo ad essi.
revenge Yitzhak Kaduri
20.12.2015 ] SIATE TUTTI STRAMALEDETTI! NON è POSSIBILE VINCERE LA GUERRA MONDIALE DI SATANA COMPRANDO, COMMERCIANDO, IL DENARO DA SATANA! .. è CHIARO: VOI INVECE DI CORREGGERE, EDUCARE, LA LEGA ARABA: VOI AVETE DECISO, DI UCCIDERLI TUTTI I MAOMETTANI NAZISTI, DI PUGNALARLI TUTTI ALLE SPALLE, PROPRIO COSì COME IO VI HO ORDINATO DI FARE! PROPRIO COSì COME è GIUSTO di FARE! [ Russia, Mosca pronta a entrare nella top ten dei contributori del Fmi. Christine Lagarde ha accolto con favore l'approvazione della riforma come un “passo cruciale” per il ruolo del Fmi di sostegno alla stabilità finanziaria globale e all'aumento delle sue risorse fondamentali. "Quattro paesi emergenti (Brasile, Cina, India e Russia) saranno tra i 10 più grandi contributori del Fmi — si legge nella comunicazione del Fmi. — I paesi europei avanzati si sono impegnati a ridurre la loro rappresentanza nel Consiglio combinando da due posti". Il direttore Christine Lagarde ha accolto con favore l'approvazione della riforma come un "passo cruciale" per il ruolo del Fmi di sostegno alla stabilità finanziaria globale e all'aumento delle sue risorse fondamentali. "Un Fmi più rappresentativo e moderno sarà ancora meglio attrezzata per soddisfare le esigenze di tutti i suoi 188 paesi membri nel 21esimo secolo", ha sottolineato Lagarde. Gli altri membri della top ten sono Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, Francia, Germania e Italia: http://it.sputniknews.com/economia/20151220/1760772/russia-top-ten-contributori-fmi.html#ixzz3uvhRf37p
revenge Yitzhak Kaduri
a questi nazisti MERKEL Pravy Sector sono giunti i soldi dei satanisti massoni della CIA NATO, e quindi devono far vedere che sono stati soldi spesi bene! 20 Dicembre. Donbass, filorussi denunciano bombardamenti forze ucraine a Donetsk e Spartak: http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3uvg65TAS QUELLO CHE I POPOLI PENSANO E VOGLIONO: è SOLTANTO UNA INUTILE TEORIA PER IL SISTEMA MASSONICO ROTHSCHILD BILDENBERG!
revenge Yitzhak Kaduri
il sistema dei massoni, ormai manipola le elezioni, e perverte, ANCHE, i dati elettorali, non è possibile statisticamente, che, guarda caso, i complici dei banchieri abbiano il 50,1% del consenso elettorale [ IN QUESTO MODO, CI PORTERANNO ALLA GUERRA MONDIALE NUCLEARE CONTRO LA RUSSIA, CONTRO IL NOSTRO CONSENSO! ] MADRID, 20 DIC - Mariano Rajoy porta il suo partito popolare a vincere le elezioni politiche spagnole, anche se con una percentuale, il 28,3 che lo costringerà a cercare alleanze per governare. Alle sue spalle il Partito socialista resiste al secondo posto con il 22,5,1
revenge Yitzhak Kaduri
nel sistema massonico: voi potete fare, soltanto, quella "MALA MORTE CHE VI PORTERà ALL'INFERNO!" QUESTI HILLARY OBAMA GENDER VELTRONI DALEMA RENZI, ZAPATERO, KERRY, sono i massoni delle Banche CENTRALI SpA, che, fare del loro meglio è che: possono portare tutto al Grande Fratello SATANA SpA NWO, ed il fatto che, hanno dei successi economici grazie al falso in bilancio delle SPA FMi FED, questo non deve ingannare gli stupidi, perché è sempre una: "miglioria della morte", un piccolo miglioramento transitorio prima del collasso, per tutto il popolo della schiavi, una illusoria bolla economica, che svanisce subito, quando vanno forze non gradite alla SpA Banca Centrale Mondiale!
revenge Yitzhak Kaduri
Hillary è soltanto, un altro anticristo di Obama bis, REGIA HOLLYWOOD ENLIGHTENED! IL MALE CHE QUESTI CORROTTI IPOCRITI E BUGIARDI, POSSONO FARE AL GENERE UMANO: è UN MALE ASSOLUTO E SENZA RIMEDIO! LEI HA GIà DATO IL SUO ANO SODOMA GENDER A SATANA, PER POTER ESSERE UNA PERSONA CREDIBILE! Sanders torna ad accusare una campagna elettorale corrotta e cerca di rilanciare l'immagine di una Hillary troppo vicina ai poteri forti, a quella Wall Street che "sta distrugendo l'economia e la vita di milioni di americani". Lei controbatte sostenendo la necessita' di colpire gli eccessi e gli abusi nel mondo della finanza e delle grandi banche, ma anche quella di collaborare con un settore privato che crea ricchezza e milioni di posti di lavoro. Poi la promessa piu' forte di Hillary: piu' tasse sui ricchi e sulle grandi aziende. Zero aumenti sulla classe media. "Non lo faro' mai, e' fuori discussione", giura. Ricorrendo per i saluti finali (mostrando il suo lato piu' spiritoso) a una delle citazioni che hanno fatto la storia del cinema, tratta da Guerre Stellari: "Che la forza sia con voi".
revenge Yitzhak Kaduri
KING SALMAN SAUDI ARABIA ] oggi ISRAELE è un impiccione! [ è logico pensare: che, tutti coloro che, si oppongono al REGNO di: 12 TRIBù di ISRAELE, CIOè SI OPPONGONO AL SIONISMO, poi, attenderanno, un momento di debolezza di ISRAELE, per distruggerlo, perché, in Realtà: ISRAELE è sempre una minaccia per ogni visione totalitaria, e per ogni ideologia totalizzante, in tutto il mondo! ISRAELIANI NON COMBATTERANNO PER IL BENESSERE ALTRUI, MA, LO DENUNCERANNO, almeno al 39%, IL CRIMINE DI VIOLAZIONE DEL LIBERO ARBITRIO, E QUESTO è UN PERICOLO TROPPO GRANDE PER UN NUOVO ORDINE MONDIALE MASSONICO USUROCRATICO ISLAMICO, ECC... UNA MINACCIA PER OGNI SISTEMA TOTALITARIO!
revenge Yitzhak Kaduri
KING SALMAN SAUDI ARABIA ] [ dubito che JHWH holy, abbia deciso di REALIZZARE LE SUE PROFEZIE circa il Regno di ISRALE, cioè, di distruggere la LEGA ARABA e USA, e distruggere, cioè, tutti i nemici di ISRAELE, per dire: "OK, dei satanisti massoni, usurai mondiali Rothschild, falsa stella Rothschild sulla bandiera, magia nera esoterismo Kabbalah, e Talmud satanico: culto Hitler contro genere umano goym: sacrifici umani di goym, usura mondiale contro i goym, tutto questo è buono per me: perché, in realtà io sono Satana!" COSì, io in questa realtà, di sistema massonico, io credo, che, IO VINCERò LA MIA SCOMMESSA CONTRO DIO JHWH, ED IL GENERE UMANO DURERà SOLTANTO 250 ANNI, INVECE DI 350 ANNI. PERCHé, NESSUNO DEVE CREDERE, COME UNO STUPIDO, che io sono interessato personalmente a diventare Re di ISRAELE, Unius REI sul mondo! così, voi i massoni, voi avete deciso di fare di tutto, affinché, il GENERE umano, possa diventare, come una sola Siria, fino alla fine del mondo! INFATTI FARISEI E SALAFITI PENSANO ENTRAMBI: "TANTO PEGGIO è PER TUTTI, TANTO MEGLIO è PER NOI!" SOLTANTO CHE, ARRIVERà IL MOMENTO, sicuramente, CHE I FARISEI UCCIDERANNO anche i SALAFITI.
revenge Yitzhak Kaduri
MY ISRAEL ALLELUIA ] Alzati, Gerusalemme, e rivestiti di luce“ ecco viene da te, la tua luce, la Gloria del Signore brilla su te, alleluia, alleluia (Is 55-66) a questo canto, in Chiesa, io ho pianto per te ( anche se ho cercato di non farmi notare da nessuno in questa mia debolezza ), cioè, a motivo della mia forte emozione per te: io ho pianto, e questo sarebbe successo ugualmente in una Moschea o in una Sinagoga, ecc. perché, la mia comunione è sempre e soltanto con lo Spirito Santo. io amo i salmi interpretati con il canto. [ ALLELUIA ] Anche se, è stato profetizzato, il sacrificio del mattino e della sera, io non sopporto la sofferenza degli innocenti, nessuna creatura innocente deve soffrire alla mia presenza, perché questo mi farebbe diventare violento, quindi durante il tempo del mio regno terreno, io dichiarerò salvifica, la lode, e così come io ho deciso in terra così sarà fatto in cielo!
revenge Yitzhak Kaduri
coloro che faranno tutto quello che io voglio? io li farò avvicinare a me, e LO SPIRITO SANTO, LI PERDONERà, non farà a loro del male. IO SONO LA PIENEZZA DI TUTTI I DIRITTI UMANI, MA IO NON SONO LA DEMOCRAZIA, IO SONO LA FORMA UMANA PIù ALTA DI GIUSTIZIA, CHE SIA MAI COMPARSA IN TUTTA LA STORIA DEGLI UOMINI, IO SONO LA MONARCHA ASSOLUTA TEOCRATICA LAICA UMANISTICA E METAFISICA! MA, OGGI, PURTROPPO, PIANGE IL MIO POPOLO OPPRESSO IN BABILONIA USA! [ PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Salmo: 80. Preghiera per la rinascita di Israele ] Al maestro del coro. Su «Giglio del precetto». 2. Tu, pastore d'Israele, ascolta, tu che guidi Giuseppe come un gregge. Assiso sui cherubini rifulgi, 3. davanti a Efraim, Beniamino e Manasse. Risveglia la tua potenza e vieni in nostro soccorso. 4. Rialzaci, Signore, nostro Dio, fà splendere il tuo volto e noi saremo salvi. 5. Signore, Dio degli eserciti, fino a quando fremerai di sdegno contro le preghiere del tuo popolo? 6. Tu ci nutri con pane di lacrime, ci fai bere lacrime in abbondanza. 7. Ci hai fatto motivo di contesa per i vicini, e i nostri nemici ridono di noi. 8. Rialzaci, Dio degli eserciti, fà risplendere il tuo volto e noi saremo salvi. 15. Dio degli eserciti, volgiti, guarda dal cielo e vedi e visita questa vigna, 16. proteggi il ceppo che la tua destra ha piantato, il germoglio che ti sei coltivato. 17. Quelli che l'arsero col fuoco e la recisero, periranno alla minaccia del tuo volto. 18. Sia la tua mano sull'uomo della tua destra, UNIUS REI, sul figlio dell'uomo che per te hai reso forte. 19. Da te più non ci allontaneremo, ci farai vivere e invocheremo il tuo nome. 20. Rialzaci, Signore, Dio degli eserciti, fà splendere il tuo volto e noi saremo salvi.
revenge Yitzhak Kaduri
PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Michea 5:2-4. 2. Perciò, Dio li metterà in potere altrui, fino a quando colei che deve partorire partorirà; e il resto dei tuoi fratelli ritornerà ai figli di Israele. 3. Egli starà là e pascerà con la forza del Signore, con la maestà del nome del Signore suo Dio. Abiteranno sicuri perché egli allora sarà grande, fino agli estremi confini della terra. 4 . e tale sarà la pace: EGLI STESSO SARà LA PACE!
revenge Yitzhak Kaduri
ECCO COME LEGA ARABA, CIA E LA NATO: LORO PORTANO GUERRA CIVILE DISTRUZIONE PREDAZIONE E MORTE NELLE NAZIONI! Cremlino paragona la destabilizzazione della Siria con la rivoluzione di Maidan in Ucraina [ PER I FARISEI MASSONI SALAFITI QUESTA STRATEGIA DI TERRORISMO, LA CHIAMANO "GEOPOLITICA" "TANTO PEGGIO è PER TUTTI, TANTO MEGLIO è PER NOI!" ] 20.12.2015. In Medio Oriente e Nord Africa sono state ampiamente impiegate le tecnologie per la destabilizzazione delle masse simili a quelle utilizzate in Ucraina 2 anni fa, ha rilevato il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha segnalato la somiglianza delle tecnologie di destabilizzazione delle masse impiegate in Ucraina 2 anni fa con quelle utilizzate in Medio Oriente e Nord Africa nell'ultimo periodo. Secondo Peskov, si tratta dell'incitamento delle masse al cambiamento violento del regime. "Ecco i punti rossi di queste tecnologie, che si manifestano sempre allo stesso modo. Certamente per molti aspetti quello che abbiamo visto in Ucraina 2 anni fa ha ovviamente molte caratteristiche simili a quello che abbiamo visto in Medio Oriente e Nord Africa,"- ha detto Peskov nel documentario di Saida Medvedeva "Ordine Mondiale" in diretta su "Rossiya 1". http://it.sputniknews.com/politica/20151220/1761466/Siria-Libia-Peskov.html#ixzz3utJqhDlV
revenge Yitzhak Kaduri
quale islamico io lascerò vivere in Siria, ecc.. ecc.. e IN ARABIA SAUDITA? IO SONO LA LEGGE DEL TAGLIONE! GAZA, 20 DIC - Hamas ha condannato la uccisione di Samir Kantar, il miliziano druso-libanese colpito a Damasco in un attacco attribuito ad Israele dai media libanesi. ''Si tratta di un crimine odioso'' ha affermato Hamas, in un messaggio twitter.
per ONU sharia, BILDENBERG IL NAZISTA MASSONE COMUNISTA, e LEGA ARABA MECCA KAABA: non esiste nel Genere Umano un diritto alla autodifesa! ] [ L'uccisione del comandante di Hezbollah Samir Kantar nei pressi di Damasco - addossata dal gruppo scita libanese ad un raid di stamattina dell'aviazione israeliana non confermato dallo stato ebraico - ha innescato in serata lampi di guerra al confine tra Israele e Libano. Dopo tre razzi sparati nel pomeriggio dal Libano meridionale verso Galilea, e in particolare la città di Nahariya (ad un passo dalla frontiera), aerei israeliani - secondo media arabi, ripresi dalla tv Canale 10 - hanno colpito nel Libano meridionale le postazioni dalle quali erano partiti i tre razzi. L'uccisione di Kantar è avvenuta, secondo gli stessi Hezbollah, in un edificio di un sobborgo di Damasco: "aerei sionisti - hanno detto in una nota, citata dai media - hanno colpito un palazzo residenziale in Jaramana. Il decano dei detenuti liberati dalle prigioni di Israele, il fratello Mujahid Samir Kantar ha avuto il martirio insieme ad altri cittadini siriani". E su twitter Bassam Kantar, fratello di Samir, ha commemorato come "martire" il congiunto. Dopo la notizia, il ministro israeliano dell'energia Yuval Steinitz si è limitato a dire che se il fatto era vero certo non si sarebbe rattristato. Kantar, un druso libanese, aveva scontato circa 30 anni nelle carceri israeliane da dove era stato liberato nel 2008 in cambio dei corpi dei due soldati Eldad Regev e Ehud Goldwasser, rapiti dagli Hezbollah in un'operazione al confine che dette la miccia alla Seconda Guerra del Libano. Il suo nome era legato ad un attentato particolarmente cruento avvenuto 36 anni fa a Nahariya e rimasto nella memoria degli israeliani: nell'aprile del 1979 Kantar, che allora aveva appena 16 anni, sbarcò dal mare con un commando del Fronte della liberazione della Palestina nella cittadina Nahariya. Prima uccise il poliziotto Eliyahu Shahar, poi prese in ostaggio da una casa Danny Haran e la figlia Einat di 4 anni trascinandoli sulla spiaggia. Secondo l'accusa - che lo condannò a lunghe pene detentive - Kantar uccise Haran e fracassò il cranio della figlia Einat con il calcio del fucile, e infine venne catturato. Il miliziano sostenne di non aver ucciso Einat Haran, colpita invece secondo la sua tesi durante il conflitto a fuoco. Nel rapimento morì anche l'altra figlia di Haran, Yael soffocata inavvertitamente dalla madre Smadar per impedirle di piangere e rivelare così dove erano nascoste durante l'irruzione di Kantar. La signora Smadar ha detto che "una giustizia storica è stata compiuta". E Yoram Shahar, fratello del poliziotto ucciso, ha detto "di non avere dubbi che le forze di sicurezza israeliane l'avrebbero raggiunto. Sapevo che stava vivendo giorni contati". Hamas da Gaza invece ha definito via twitter l'uccisione del druso libanese "un crimine odioso".
la dovete smettere di chiamare "martire chi fa l'assassino terrorista di bambini, e di persone pacifiche uccise a tradimento!" e per definizione nessun islamico nazista può essere definito un martire, perché ogni islamico è una minaccia per il genere umano! Secondo l'agenzia di stampa, il fratello Bassam Kuntar ha segnalato la morte di Samir con un post sulla sua pagina Facebook, dove lo ha definito un "martire". Israeli Air Force Reportedly Eliminates Mass-Murderer Samir Kuntar.
The elimination of Hezbollah commander Samir Kuntar in an Israeli Air Force airstrike has been hailed by Israelis from across the political spectrum Sunday. Kuntar was widely reviled in Israel for his role in a 1979 terrorist attack by the now-defunct Palestine Liberation Front, during which terrorists kidnapped an Israeli father and his four-year-old daughter from Nahariya and then brutally executed them on a nearby beach. Kuntar himself beat the young girl to death with the butt of his rifle; her two-year-old sister was accidentally smothered to death by their terrified mother as she stifled her cries to prevent them from being discovered. He was released after serving nearly 30 years of a 47-year sentence in a 2008 prisoner swap with Hezbollah, and was immediately feted as a hero by the Shia Islamist terror group and appointed one of its commanders. He was reportedly targeted in a previous airstrike but emerged unscathed. Israeli jets finally found their target on Saturday night, obliterating a building near Damascus where he had been living with a number of other Hezbollah commanders.
But Israelis aren't the only ones celebrating Kuntar's elimination. In an illustration of the political complexities evoked by Syria's civil war, many members of the predominantly Sunni Muslim Syrian opposition took to social media in the aftermath of the strike to thank the Jewish state for taking him out. Hezbollah has played a key - and brutal - role in propping up the regime of Bashar al-Assad at the behest of Iran, making it a subject of intense hatred for most Sunni Muslims, many of whom previously supported the group for its battle against Israel. A Lebanese Druze by birth, after his release Kuntar was lionized and even granted honorary awards by Syrian dictator Bashar al-Assad himself, as well as Hezbollah and the Iranian government, who highlighted his status as the longest-serving prisoner to be freed in such an exchange with Israel. Yet despite his enormous symbolic value to Iran's so-called "axis of resistance" Kuntar was, in operational terms, a relatively unimportant player inside Lebanon. In recent years, however, Hezbollah sought to use his links to the Druze community to further its goals in Syria, deploying him to the war-torn country's southern provinces to encourage (with ample funds) Syrian Druze to join the pro-Assad National Defense Force paramilitary. By all accounts he failed in his task; though fearful of the Islamist-dominated Syrian rebel movement, Syria's Druze population grew quickly disenfranchised with the Assad regime as well. While the regime was eager to recruit young Druze men to deploy in government strongholds elsewhere in the country, Damascus essentially abandoned the strategically-unimportant Druze heartlands to their fate. Anti-regime protests by disgruntled Druze have been met with bloody regime retribution.
Source: Arutz Sheva
20.12.2015. Putin: Occidente non ha diritto di imporre agli altri Paesi la sua idea di democrazia. MA QUELLA DEMONOCRAZIA è UNA TRUFFA MASSONICA E BANCARIA è ALTO TRADIMENTO COSTITUZIONALE, QUANTO A ME UNIUS REI, IO HO Gà DICHIARATO GUERRA A TUTTE LE NAZIONI CHE NON RISPETTANO I DIRITTI UMANI UNIVERSALI SOLENNI, di: ONU 1949: e vi accorgerete di questo! io non faccio sconti a nessuno! http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3utGO5sJr
revenge Yitzhak Kaduri
Praticamente in Siria chi vuole, si sveglia la mattina e inizia a FARE ATTENTATI, MANDARE TERRORISTI ISLAMICI: E NATO E LEGA ARABA HANNO MANDATO AL NURSA, A FARE GENOCIDI, CROCIFISSIONI DI BAMBINI, RAGAZZI, STUPRO E SGOZZAMENTI DI RAGAZZE, E A FARE I CANNIBALi CHE LA TESTA DI UN UOMO VALE UN EURO: E SI MANGIANO ANCHE IL CERVELLO! NEL SENSO CHE REGALANO E SI NUTRONO SISTEMATICAMENTE DI CARNE UMANA NELLA MACELLERIA: OVVIAMENTE, C'è UNA FATWA SAUDITA CHE CONSENTE LORO DI FARE I CANNIBALI! INOLTRE TUTTI LORO SONO TERRORISTI MODERATI, LA OPPOSIZIONE CON CUI ASSAD DOVREBBE TRATTARE! TURCHIA E ARABIA SAUDITA HANNO AGGREDITO LA SIRIA E IRAQ: senza nemmeno dichiarare guerra al governo ufficiale. La trattano come terra di nessuno ma così non è. Anni di civiltà e diritto internazionale SONO ANDATI distrutti in un attimo, PER COLPA DI ONU E CIA cioè, da noi occidentali in primis: PROPRIO LI, DOVE LA CIVILTà OCCIDENTALE è NATA: ECCO PERCHé OCCIDENTE è Merkel Pravy Sector,Blldenberg, sono soltanto un ANTICRISTO MASSoNE FARISEO SATANISTA. qUINDI SE, VOI VOLETE INCONTRARE I VERI CRISTIANI? VOI DOVETE ANDARE IN CINA, CHE QUESTO è IL VERO MOTIVO PER CUI HANNO DECISO DI DISTRUGGERE LA CINA, ED è anche, IL VERO MOTIVO PER CUI Io LA PROTEGGERò!
revenge Yitzhak Kaduri
conosco un proverbio che dice: "non sempre ride la moglie dell'islamico terrorista SHARIA!" .. e quando questo millantato Osservatorio siriano per i diritti umani, quando i suoi islamici profanavano Chiese, Moschee, e mettevano cristiani, sciiti, ecc.. ecc.. nelle fosse comuni, lui dove era? in Arabia Saudita alla MECCA Kaaba? ORA è IL LORO MOMENTO DI MORIRE! GIRATE LA TESTA E NON GUARDATE: IO NON SONO UN BUGIARDO COME OBAMA E ERDOGAN! ] [ 20 DIC - Un attacco russo sulla città di Idlib, nella Siria nordoccidentale, ha provocato la morte di 36 persone e il ferimento di molti altri. Lo riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani. Secondo testimoni citati dalla Bbc, tra i luoghi colpiti figurano un mercato delle case e edifici pubblici. La Russia, che ha cominciato una campagna aerea sulla Siria il 30 settembre diretta contro l'Isis ed altri "terroristi", non ha confermato di aver compiuto attacchi nella zona.
revenge Yitzhak Kaduri
soltanto TRUMP potrebbe fermare a guerra mondiale che Rothschild ha ordinato a CIA e NATO di realizzare al più presto e ad ogni costo! NEW YORK, 20 DIC - "Nessuno ha dimostrato che abbia ucciso qualcuno". Cosi' Donald Trump torna a difendere il presidente russo, Vladimir Putin, dopo i complimenti espressi dal leader nei suoi confronti. Secondo il tycoon, riferiscono i media Usa, non ci sono prove che il presidente abbia fatto uccidere i suoi oppositori politici o giornalisti.
revenge Yitzhak Kaduri
se, voi date un biglietto: a tutti i cristiani dl Pakistan? fuggirebbero tutti! in Pakistan i cristiani sono schiavi dhimmi, che, devono morire disperati! la storia di questi assassini Erdogan e Salman? è una storia che deve essere risolta prima della guerra mondiale nucleare, non possiamo ucciderci tra di noi appassionamente, mentre loro, gli islamici del genocidio sharia, maniaci psicopatici: tutti criminali paranoici pedopornografici poligami sgozzatori: sono ancora vivi! KABUL, 20 DIC - Solo nel 2015 il conflitto in corso in Afghanistan ha creato 1,2 milioni di profughi interni. Lo ha reso noto a Kabul la Commissione indipendente per i diritti umani afghana (Aihrc), sottolineando che la principale ragione di questo fenomeno è la mancanza di sicurezza.La presidentessa dell'Aihrc, Sima Samar,ha detto che "le statistiche del 2015 mostrano che un totale di 1.257.552 persone sono state costrette ad abbandonare le loro case,il che significa un incremento del 5% rispetto al 2009".
revenge Yitzhak Kaduri
Russia si meravigliò molto che Turchia avesse tradito Servizi segreti Israeliani in IRAN, così Iran arrestò facilmente le spie di Israele! ] LEGA ARABA SHARIA, è un solo doppio gioco, alto tradimento MECCA KAABA [ ISLAMICI LAVORANO SEMPRE IN PROPRIO! VI PUGNALERANNO TUTTI ALLE SPALLE!
revenge Yitzhak Kaduri
VELTRONI PRODI DALEMA: massoni di merda: anticristo Merkel Mogherini ] il vostro satanico Enlightened Spa Banche Centrali: NWO ha creato: OCI ONU Salafiti waabiti, islamici sharia genocidio, Mecca Kaaba: tutti ONU senza reciprocità e senza diritti umani! riesumandoli dall'inferno il vostro caro NWO vi ha condannati a morte! il vostro NWO se li può, e se li deve rimangiare: allora! LA PECORA che tu sei, NON PUò FARE L'ALLEATO DEL LUPO sharia, questo non è un gioco leale, certo la tua pecora porco Darwin GENDER scimmia: morirà!
revenge Yitzhak Kaduri
Obama Satana SpA NWO FED è uno spastico! NON RIESCE MAI A METTERE UN PASSO AVANTI A ME!
revenge Yitzhak Kaduri
se, voi non intronizzate Unius REI, in ISRAELE regno 12 Tribù: e su tutte le Nazioni del mondo, non soltanto, voi vi farete questa guerra mondiale nucleare Erdogan SALMAN sharia Mecca Kaaba il falso profeta, ma, come dice il libro di Apocalisse, presto vedrete le statue parlare (A.I. biologia sintetica: magia nera: demoni alieni) per fare mettere a morte tutti i traditori del Nuovo Ordine Mondiale!
revenge Yitzhak Kaduri
ed adesso veniamo ad un aspetto veramente inquietante! WINDOWS10 è un delitto contro tutto il genere umano, perché, è un sistema tecnologico a disposizione del Nuovo Ordine Mondiale ed annulla completamente ogni concetto di privacy! il Responsabile di un CONSORZIO mi ha detto che, windows10 si è installato nel suo computer senza il suo consenso! E VOI NON DOVETE DIRE A WINDOWS: "PERCHé TU NON SEI MORTO PER TUTELARE LA NOSTRA PRIVACY?", PERCHé CON UNA PRIVATA SPA, banche centrali spa, PROPRIETà ROTHSCHILD SPA FONDO MONETARIO? POI, OGNI CORRUZIONE DI SISTEMI POLITICI ED ECONOMICI è UNA CORRUZIONE SISTEMICA IMPOSSIBILE DA VINCERE!
revenge Yitzhak Kaduri
ALIENI DISCHI VOLANTI SONO DEMONI! quindi la loro componente invisibile è pari al 999%! Presiedono alla tecnologia delle telecomunicazioni, ecco perché i sacerdoti di satana della CIA, ti possono vedere anche al buio, nella tua camera da letto sotto le lenzuola, perché i tuoi sensi sono dei trasponder per loro, da questo punto di vista, la intuizione di ISIS di rimuovere la parabole satellitari è una precauzione patetica! l'unica difesa che abbiamo contro gli USA è la SANTITà: cioè rispettare con timore la LEGGE della torà!
revenge Yitzhak Kaduri
1. Bibbia GENESI, PARADISO TERRESTRE: RAPPORTO INTIMO DI AMICIZIA CON DIO! è IN CONTRAPPOSIZIONE A: 2. SUDDITANZA AL DIO GUFO MARDUK EPOPEA BABILONESE: TORRE DI BABELE BAAL JABULLON: questo è il Corano Talmudico: QUESTI, sono due sistemi idologici incompatibili! Ecco perché con la Creazione dell'uomo e il suo SUCCESSIVO: tradimento peccato originale: la guerra di civiltà non potrà mai terminare! CAINO ROTHSCHILD, CERCHERà SEMPRE DI UCCIDERE ABELE ISRAELE, SE ABELE NON SAPRà ESSERE PIù VELOCE DI LUI!
revenge Yitzhak Kaduri
quello che mi piace dei sacerdoti cannibali di satana come Bush Rothschild Obama e Kerry, farisei e loro salafiti, è CHE LORO CREDONO NELL'INFERNO, POI, CREDONO IN ME, E POI, CREDONO male, nella loro pervertita MERDA RELIGIOSA: il talmud coranico, ecco perché Obama è caduto in depressione cronica!
revenge Yitzhak Kaduri
Putin ha detto: "non abbiamo nessun problema a collaborare sia con USA che con Assad in Siria". REALLY? ma, USA vanno in Pakistan e bombardano un ospedale di medici senza frontiere, vanno in Siria ed uccidono l'esercito siriano, POI, vanno in Iraq ed uccidono l'esercito iracheno! CHE UCCIDONO, ANCHE, QUALChE ISLAMICO ISIS? QUESTO NON è SIGNIFICATIVO, JIHADISTI SONO ANDATI LI PER MORIRE E REALIZZARE IL CALIFFATO SAUDITA TURCO MONDIALE, POI, loro credono di andare il Paradiso ma si sveglieranno all'inferno, insieme a tutti voi!!
==================
TEL AVIV, 17 DIC. IO MANDERò MIEI MISSILI BALISTICI, SU TUTTA A LEGA ARABA SHARIA PER QUESTA AGRESSIONE! Un razzo SHARIA lanciato da Gaza è caduto in un'area aperta del sud di Israele dove poco prima sono risuonate le sirene di allarme. Lo dice il portavoce militare israeliano secondo cui non sono segnalate vittime.
die SAUDI ARABIA
my ISRAEL ] 4/4 una aberrazione religiosa! [ per tutti i satanisti sistema massonico, e per tutti i satanismi islamici sharia, del falso profeta Maometto: la equazione è istintiva: "distruggere il Regno di ISRAELE, attraverso, una falsa democrazia massonica di ISRAELE: un piccolo buco di culo, continuamente stuprato dai sodomiti GENDER europei, equivale anche a distruggere efficacemene tutti gli scopi di Dio nostro CREATORE nel Mondo intero!
================
LA RUSSIA HA SUBITO LE SANZIONI PERCHé LA CIA HA FATTO UN GOLPE, E LA NATO HA FATTO UN POGROM CONTRO I RUSSOFONI: ATTRAVERSO, I PRAVY SECTOR DELLA MERKEL! 21.12.2015. La decisione di estendere le sanzioni contro la Russia senza tener conto delle opinioni di alcuni Paesi è emblematica del livello di democrazia nell'Unione Europea, ha scritto in un articolo per il quotidiano "Izvestia" il presidente della Duma Sergey Naryshkin.
Le sanzioni contro la Russia sono umilianti e senza logica per l'Unione Europea, ha scritto in un articolo per il giornale russo "Izvestia" il presidente della Duma Sergey Naryshkin. In precedenza il Consiglio dei rappresentanti permanenti dei Paesi della UE (Coreper) aveva approvato la proroga delle sanzioni contro la Russia per altri 6 mesi. "Gli approcci di Bruxelles (come supervisore dell'intero progetto di Washington) nei confronti della Russia si reggono con una serie di errori strategici. L'idea di parlare con noi nella lingua delle sanzioni illegali è senza logica ed ovviamente umiliante per la diplomazia europea," — si legge nell'articolo. Nel suo pezzo Naryshkin osserva contemporaneamente che le sanzioni si introducono ed estendono in nome dei popoli senza che gli stessi si siano espressi in merito, "anche se il peso delle conseguenze economiche grava ancora una volta proprio sulla gente." "La stessa modalità di applicare tali decisioni senza discussione descrive chiaramente il livello di democrazia in Europa", — evidenzia Naryshkin: http://it.sputniknews.com/politica/20151221/1764649/Naryshkin-Duma-Diplomazia-USA-Sudditanza-Democrazia-Ucraina.html#ixzz3uxf4QT2T
21.12.2015. L'aver legato le sanzioni della UE contro Mosca alla risoluzione del conflitto nella parte sud-orientale dell'Ucraina (Donbass) è artificioso e senza fondamento, in questa decisione è palese l'assenza di logica di Bruxelles, hanno dichiarato al ministero degli Esteri russo. "Mosca ha rivolto l'attenzione alla decisione del 21 dicembre della UE riguardo la proroga delle misure restrittive nei confronti della Russia. Siamo costretto ad ammettere che, invece di instaurare una cooperazione costruttiva nell'ambito delle principali sfide moderne, come il terrorismo internazionale, a Bruxelles il Consiglio d'Europa preferisce continuare a giocare miopemente alle sanzioni," — si afferma nei commenti del dicastero della diplomazia russa. "Questo conflitto non è stato fomentato dalla Russia, ma dalle attuali autorità ucraine, che hanno cercato di reprimere l'opposizione del Donbass al colpo di stato di Maidan avvenuto a Kiev nel febbraio 2014. Vale la pena ricordare che il punto di partenza delle crisi registratesi negli ultimi 2 anni in Ucraina è stata la discussione intorno all'associazione di Kiev con l'Unione Europea", — ha evidenziato il ministero degli Esteri russo. Nei commenti si sottolinea che nel comportamento della UE "si registra un'evidente mancanza di logica di Bruxelles, che sta cercando di punire la Russia per qualcosa di cui è estranea, mentre al contrario è coinvolta l'Europa stessa.": http://it.sputniknews.com/politica/20151221/1767175/Russia-Ucraina-Donbass-Minsk-Maidan.html#ixzz3uyKBrcZW
La coalizione guidata dagli Stati Uniti contro il Daesh, afferma di aver distrutto il 90 per cento della capacità di petrolio dell'organizzazione terroristica in Siria e in Iraq. Lo ha riferito la televisione irachena al-Sumaria Lunedi. Giovedì il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che obbliga tutti i paesi a lottare contro le fonti di reddito per i terroristi. Secondo la Russia, la maggior parte del petrolio illegale viene contrabbandata in Turchia e rivenduta sui mercati: http://it.sputniknews.com/mondo/20151221/1765365/Daesh-coalizione-usa-distrutto-90-capacita-petrolio.html#ixzz3uyKkZFfj
Necessità, per i parlamentari del Movimento, di "una cooperazione internazionale dalla quale una potenza come quella russa non può risultare esclusa" e di attenzione a “decisioni interpretabili come provocatorie quali la scelta d’invitare" il Montenegro a entrare nella Nato. "Promuovere e sostenere in sede europea iniziative finalizzate alla revoca del reiterato regime di sanzioni" contro la Federazione russa e "attivarsi concretamente in sede europea perché venga adottato ogni intervento necessario affinché possano essere garantite maggiori risorse utili al risarcimento delle imprese e dei produttori europei danneggiati dall'embargo russo". È quanto il Movimento 5 Stelle chiede al governo italiano in una mozione che verrà discussa oggi pomeriggio alla Camera. Prima firmataria è l'onorevole Marta Grande, membro della Commissione Affari Esteri. Il blog di Beppe Grilla riferisce di un'inchiesta di sette giornali europei del Lena (Leading European Newspaper Alliance) che svela che l'Europa, per effetto delle sanzioni verso la Russia, rischia di perdere due milioni di occupati, con 100 miliardi di euro in meno di esportazioni. In particolare, per l'Italia, l'inchiesta stima un danno sul lungo periodo di quasi 12 miliardi, con una perdita di lavoro per almeno 215mila persone. Per tali motivi, anche attraverso il blog del leader del M5S, i parlamentari chiedono al governo di rimborsare gli imprenditori italiani che hanno subito la riduzione delle esportazioni con la Russia. L'esempio che i 5 stelle fanno è la "cancellazione del contratto tra Gazprom e Saipem — per l'annullamento del progetto South Stream — con un danno stimato di circa 2,2 miliardi di dollari".  Sulla base degli ultimi avvenimenti in Medio Oriente e in Siria, al Movimento 5 stelle "risulta sempre più evidente", quindi, la necessità "di una cooperazione internazionale dalla quale una potenza come quella russa non può risultare esclusa", visto che "sta portando avanti importanti e incisive iniziative in campo politico-diplomatico unitamente a un massiccio dispiegamento di forze militari". Questo tipo di cooperazione, tuttavia, per i 5 stelle "può essere minata da decisioni interpretabili come provocatorie quali ad esempio la scelta di invitare" il Montenegro a entrare nella Nato, che "non può non alimentare una già evidenziata 'sindrome da accerchiamento' ed essere perciò interpretata come una gravissima e inaccettabile provocazione": http://it.sputniknews.com/italia/20151221/1766508/M5S-rimborso-perdite-a-causa-delle-sanzioni.html#ixzz3uyLOZnzy
The Most Despised People in the World. Dec 5 2013 | by Bill Warner. The most persecuted group in the world today is Christians. Christians in Nigeria, Egypt, Syria and other nations are murdered, raped, kidnapped, enslaved and persecuted on a daily basis. The reason for the vast majority of all of this violence is that they are Christian among Muslims. But their abuse does not stop with the violence. The perpetrators of violence are measured in the thousands, but the greatest abuse is at the hands of those who should demand that the violence stop. The silence in the face this persecution is denial and justification. The persecutors are few, but the deniers are in the billions. Christians are enjoined to care for all persecuted people, but in particular, they are to care for their own brothers and sisters. They manage to ignore the persecution by doing good works, such as care for the poor. Christians have compassion but no courage to face the enemy who kills them. In Nashville, TN (the buckle on the Bible belt) the favorite indoor sport for those who should be dealing with the enemy, Islam, is going to Family of Abraham events and bridge building dialogues where they dance to the tune of Muslims. There is no problem of meeting with Islam, but the rules of engagement are that nothing will be said that offends Islam. In the parable of the Good Samaritan, an injured man is on the side of the road. Two religious leaders pass him by on the other side of the road. They don’t harm the injured man, they just ignore him. This is the same thing that Christian leaders do at dialogues such as Family of Abraham. They meet with Muslims who adhere to a doctrine that includes killing Christians. But, the leaders will not bring up the Islamic persecution to them. The Christian leadership response to murder of their brothers and sisters is silence. They pass by on the other side of the road. Their silence is consent. But Christians are not the only deniers. Normally, Jews are quick to step forward in the area of charity and support of victims, but not so with persecuted Christians. Some of this denial may be due to a dislike of Christianity, but Jews are no quicker to help their own. If you go to thereligionofpeace.com you will find an amazing data base of jihad attacks since 9/11. The current number of attacks is in excess of 22,000 attacks. It is very instructive to parse the data and see what are the top four nations of jihad attacks. When you put the data on a per capita basis, you get the following countries: Israel, Thailand, Philippines and India. Or by religion: Jews, Buddhists, Christians and Hindus. So Jews are the victims of violence by Islam, but the Jews of America love to go to Family of Abraham events and be as silent as the Christians. But what about the most sensitive victim group – the black American? Victim-ology is the dogma of a myriad black “civil rights” groups with their high priests of race hustles such as Al Sharpton. The most persecuted Christians are in Africa. But the civil rights hustlers of America just love to hang with Muslims as their brothers. All of those dead Africans? Not a problem for African Americans. It is surprising how many Buddhists are being killed in jihad, but is it a surprise that Buddhists never talk about it? And aside from a few Hindu activists, never a word is heard from the Hindu community about their deaths by jihad. The deaths in the Philippines are Catholics and what does Pope Francis say about Islam? He says,  Faced with disconcerting episodes of violent fundamentalism, our respect for true followers of Islam should lead us to avoid hateful generalizations, for authentic Islam and the proper reading of the Koran are opposed to every form of violence. Oh, I see. Over 1400 years of Christian deaths at the hands of jihadists means that they were not true Muslims and that the 22,000 jihadic attacks since 9/11 are not authentic. The annihilation of Christianity in Turkey, Middle East and Africa is not the result of “proper reading of the Koran”. The Pope is the perfect candidate for magical thinking and idiot compassion. And notice the little hate speech riff: “avoid hateful generalizations”. Pope Francis, do you mean generalizations such as conclusions that result from reading the Koran, the Sunna, the Sharia and a 1400 year history of the murder of all kinds of Kafirs (non-Muslims)? But, in his own way, Pope Francis is the leader of all Christians. He just happens to have on more elaborate clothing as he practices denial. So, it turns out that Christians are not the most despised group of people in the world. They just happen to be the largest subgroup. The most despised group in the world is the victim of Islam. And whether it is a dead Christian congregation, a murdered apostate, a sad Muslim woman with FGM, or any other victim of jihad, no one will speak out for the victim and against the perpetrator. All leaders share in the shame of being ignorant cowards practicing idiot compassion. How is this to stop? Well, being polite won’t help, because if polite worked, the problem would be solved. The key to our response is that we have the high moral ground. We must oppose the oppressor, Islam, and stand with the oppressed – Christians, Jews, Hindus, Buddhists and all others who are oppressed by jihad. Our opponents, the deniers, support the oppressor, Islam, and ignore and suppress the fate of the victims. The deniers are evil, period. If you are a Christian, get some allies, and come up with a program about the persecuted church. The program could be bringing in some persecuted Christians, such as Copts, to speak to Sunday school classes or doing a long term study of the Armenian holocaust in 20th century Turkey. When you go to leadership, do not ask permission or make a request. Make demands and if those demands are not met, then some form of protest inside your church must be launched. Stand up at services and protest, hand out brochures, do whatever it takes until “leadership” agrees to not pass by on the other side of the road and neglect the dead Christians. Point out their moral position is wrong and evil. Do not be shy. Ask them to use scripture to morally justify their denial and ignorance. Be respectful, but firm and do not stop until good prevails. This is a moral battle and if you are not a Christian, you should do the same in other venues. A possible venue is the local media. Make demands to recognize the victims of jihad and if they are not met, make a protest. Public protest is a powerful tool for change. We must acknowledge the world’s largest human rights tragedy. Being nice is the road to civilizational annihilation. Bill Warner, Director, Center for the Study of Political Islam: http://politicalislam.com/the-most-despised-people-in-the-world/ Use as needed, just give credit and do not edit. www.politicalislam.com
Sodoma GOMORRA E BORDELLO STATALE GENDER DARWIN LE SCIMMIE PAZZE: UE ANTICRISTO DEPRAVATI INZIVOSI BILDENBERG! Folle idea dai Paesi Bassi: "Patente in cambio di sesso" Gli istruttori di guida saranno autorizzati per legge ad offrire lezioni gratis in cambio di prestazioni sessuali da parte degli studenti maggiorenniLa misura introdotta dall'esecutivo olandese ha incontrato però l'opposizione dei cristiani conservatori, che con Gert-Jan Segers hanno attaccato la proposta affermando che gli studenti non avrebbero alcuna licenza per esercitare la prostituzione - legale nel Paese - e non sarebbero in grado di dichiarare le "prestazioni" ai fini fiscali. I ministri della Giustizia e dei trasporti, riporta il Messaggero, hanno però difeso l'iniziaitiva del governo in una lettera al parlamento.
====================
Ci mancava anche questa i bulli islamici a scuola. Hanno al massimo 14 anni, inneggiano alle stragi, devastano oratori, perseguitano le ragazzine "infedeli". E se vuoi punirli rischi grosso
Fausto Biloslavo - Lun, 21/12/2015 «I terroristi di Parigi? Hanno fatto bene» è la frase shock pronunciata a scuola da un minorenne pachistano di 14 anni. http://www.ilgiornale.it/news/cronache/ci-mancava-anche-questa-i-bulli-islamici-scuola-1206598.html
PERCHé NESSUNO HA IL CORAGGIO DI CONDANNARE LA SHARIA? Eliminare Daesh, anche noto come Stato Islamico o ISIS, "non porrà fine" alla minaccia globale da gruppi jihadisti, secondo un rapporto del Centro sulla religione e geopolitica - un think tank gestito dalla Tony Blair Faith Foundation. Ci sono circa 15 gruppi minori con 65.000 combattenti pronti a riempire il vuoto derivante da una sconfitta di Daesh in Siria e in Iraq per mano della coalizione guidata dagli Stati Uniti, ha detto il centro, aggiungendo che «l'Occidente rischia di cadere in un fallimento strategico concentrandosi solo sull’IS. Sconfiggere militarmente il gruppo non porrà fine al jihadismo globale. Non possiamo bombardare una ideologia, ma la nostra guerra è ideologica. " Secondo il rapporto, circa il 60 per cento dei combattenti delle fazioni ribelli in Siria si identifica con l'ideologia religiosa o politica simile a quella dei propagandisti di Daesh. "Il pericolo più grande per la comunità internazionale sono i gruppi che condividono l'ideologia dell’Isis, ma vengono ignorati sul campo di  battaglia per sconfiggere il gruppo". Guppi che includono affiliati di al-Qaeda come Jabhat al-Nusra e Ahrar al-Sham potrebbero competere per prendersi il palcoscenico in modo da assicurare e finanziare i combattenti a livello mondiale che vengono attualmente attratti da Daesh, dice il rapporto, avvertendo che meno di un quarto dei ribelli intervistati non avevano un’ideologia. La campagna militare occidentale contro Daesh deve essere accompagnata da una "sconfitta intellettuale e teologica dell'ideologia perniciosa che lo guida", ha sostenuto il centro.
=====================
Il giorno sorprendente in cui il diavolo lodò l’Immacolata Concezione di Maria. Durante un esorcismo in Italia nel 1823, due sacerdoti domenicani fecero riconoscere al demonio il dogma che sarebbe stato promulgato 30 anni dopo. 18 dicembre 2015. 8 dicembre 1854: papa Pio IX promulgò il dogma dell’Immacolata Concezione di Maria.
25 marzo 1858: nella festa dell’Incarnazione del Verbo, la Santissima Vergine apparve a Lourdes a Santa Bernadette e confermò il dogma dicendo: “Sono l’Immacolata Concezione”.
Già trent’anni prima, però, un altro fatto soprannaturale e sorprendente aveva confermato l’Immacolata Concezione della Vergine Madre di Dio, e a confessarla era stato qualcuno da cui non ce lo aspetteremmo mai. L’episodio è stato riferito da padre Gabriele Amorth.
Era il 1823. Il diavolo aveva posseduto un giovane analfabeta di appena 12 anni, residente nell’attuale provincia di Avellino. In città c’erano due religiosi domenicani, padre Gassiti e padre Pignataro, entrambi autorizzati dal vescovo a compiere esorcismi.
I sacerdoti fecero una serie di domande al diavolo che possedeva il bambino, tra le quali una sull’Immacolata Concezione.
Il diavolo confessò che la Vergine di Nazareth non era mai stata sotto il suo potere, neanche dal primo istante della sua vita, perché era stata concepita “piena di grazia” e tutta di Dio.
Pur essendo il “padre della menzogna”, il diavolo può essere obbligato nell’esorcismo a dire la verità, anche in materia di fede. È così che i due sacerdoti esorcisti lo costrinsero a riverire la Madonna e a lodare la sua Immacolata Concezione in forma di versi.
Umiliato, il diavolo si vide costretto in nome di Cristo a cantare la gloria di Maria, e lo fece mediante un sonetto perfetto a livello di costruzione e di teologia!
Ne riproduciamo il testo:
Vera Madre son Io d’un Dio che è Figlio
e son figlia di Lui, benché sua Madre;
ab aeterno nacqu’Egli ed è mio Figlio,
in tempo Io nacqui e pur gli sono Madre.
Egli è mio creator ed è mio Figlio,
son Io sua creatura e gli son Madre;
fu prodigo divin l’esser mio Figlio
un Dio eterno, e Me d’aver per Madre.
L’esser quasi è comun tra Madre e Figlio
perché l’esser dal Figlio ebbe la Madre,
e l’esser dalla Madre ebbe anche il Figlio.
Or, se l’esser dal Figlio ebbe la Madre,
o s’ha da dir che fu macchiato il Figlio,
o senza macchia s’ha da dir la Madre.
==============
BILDENBERG LO HA DETTO, E GAY LOBBY GENDER DARWIN GLI SCHIAVI DHIMMI GOYM, SI DEVONO ALLIENARE A TROIKA I DEBITORI SCHIAVI ROTHSCHILD: PERCHé, anche, IN GENOCIDIO GRECI ALLAH è AKBAR! ] 21 DIC - La Grecia utilizzerà in tutti i documenti pubblici il termine Palestina e non più 'Autorità palestinese'. Lo ha annunciato il premier Alexis Tsipras in conferenza stampa congiunta con il presidente dell'Anp Abu Mazen (Mahmoud Abbas), alla vigilia del voto del Parlamento ellenico che domani chiederà il riconoscimento dello Stato Palestinese, passando una mozione non vincolante per l'esecutivo.
================
tutto è per la gloria di Sharia SALMAN ALLAH AKBAR MECCA KAABA ] 'Bimbi-kamikaze' si fanno esplodere in Nigeria, sei morti. Avevano tra i 10 e i 15 anni. Si sono fatti esplodere contro un checkpoint nello stato del Borno. Sospetti sul gruppo terroristico di Boko Haram
===================
di questo Dio, che akbar Allah non ti taglia la testa? almeno un buon piatto di spaghetti rimane! 'Chiesa spaghetti volanti' celebrerà matrimoni. Adepti venerano un mostro di spaghetti con scolapasta in testa.
Benjamin Netanyahu EIH, SONO SIMPATICI I TUOI "AMERI-CANI 666" CHE TI HANNO RIEMPITO DI ARMI PER FARTI MEGLIO AMMAZZARE! BAY BAY Benjamin Netanyahu
Al‑Masjid al‑Haram KAABA Pietra Nera VAGINA SATANICA SHARIA Moschea del Profeta
===================
ALLA VIGILIA DEL MASSACRO GUERRA MONDIALE VOLUTO DAI BANCHIERI MASSONI SPA FMI NWO, I POPOLI EUROPEI SONO STREMATI DALLA FAME E DALLA DISPERAZIONE! Che fine avrà fatto la Grecia? Sono in molti a chiederselo, visto che le peripezie elleniche sono sparite dalle prime pagine dei giornali dopo che Tsipras ha piegato il capo alle richieste dell’UE. Se il dramma che il popolo greco sta vivendo è adesso ignorato dalle cronache significa che i pennivendoli lavorano solo per fare la propaganda che viene chiesta loro di fare da chi li stipendia. La Grecia rappresentava un titolone facile finché veniva messa in pericolo la supremazia degli euroburocrati, quando ad essere messi in gioco erano quegli interessi economici e finanziari dei burattinai che muovono i fili delle redazioni occidentali. Superato il fastidioso impasse ellenico, ecco che di come vivano oggi i greci, degli effetti delle imposizioni della Troika, delle prospettive di un Paese non più sovrano nessun giornale mainstream se ne occupa più. Perchè la permanenza forzata all'interno del club UE ha un costo sociale elevatissimo che, chissà come mai, non fa notizia.  Grecia e UE, ancora insieme? Grecia, verso la ricapitalizzazione delle banche.  Da nessun giornale a tiratura nazionale abbiamo sentito che per ottenere il via libera ai nuovi aiuti finanziari il governo greco — minacciato dai creditori — abbia dovuto ritirare un pacchetto di misure economiche con finalità sociali. Il fatto che senza questo pacchetto oltre 2,5 milioni di greci non possano accedere alla sanità pubblica, dopo i tagli intimati dalla UE e dal Fmi e messi in pratica dai vari Papandreou, Papadimos e Samaras, è una notizia troppo scomoda per essere resa pubblica: sarebbe infatti difficile per i media dire che la "democratica" Unione Europea blocca un disegno di legge che prevedeva tariffe sociali per l'elettricità, agevolazioni per l'accesso ai servizi sociali per le famiglie con almeno tre figli, lavori socialmente utili per i disoccupati, l'offerta di pasti agli alunni delle scuole elementari. Quindi molto meglio oscurare l'informazione e tappare gli occhi ai cittadini, per non mostrare il vero volto delle politiche dell'UE. Invece per i giornalisti è molto più semplice e remunerativo in termini di consenso mostrare la povertà e la mancanza di diritti di certi Paesi del Medio Oriente, ma solo di alcuni, quelli non alleati con l'Occidente, è ovvio. Peccato che in questo modo si costruisca una immagine distorta e al servizio di una campagna militare di pseudo-liberazione. Raccontare di un popolo occidentale piegato dalle richieste insensate ed egoiste di alcuni Paesi europei sarebbe un atto eversivo in un secolo di pace apparente tra i popoli del nostro continente. Ed è così che nel silenzio generale si passa da una democrazia a una dittatura democratica. Tsipras: 4 anni per cambiare la Grecia. Nei Tg nazionali sono state riportate almeno le cifre diffuse dal Comitato greco dell'UNICEF in un rapporto dal titolo "La Condizione dell'Infanzia in Grecia", che analizza la situazione dei bambini nella penisola ellenica. In questo studio sono contenuti dati estremamente preoccupanti. Il 23% dei bambini è povero; i minorenni che vivono sotto la soglia di povertà sarebbero oltre 400.000; le famiglie povere sono il 20,1% della popolazione (per un terzo dei casi sono nuclei familiari composti da un unico genitore). Una percentuale preoccupante se letta insieme al fatto che in 8 anni di crisi una persona su quattro ha perso il proprio posto di lavoro. E a questa drammatica fotografia si aggiunge che il 90% delle famiglie, risiedenti nei quartieri più poveri, deve affidarsi per la sopravvivenza alla banca del cibo e alle mense dei poveri. Il 28,7% delle famiglie con bambini si sono trovate in condizione di povertà o esclusione sociale, e cifra che arriva al 34,7% per le famiglie con adolescenti. Crisi economica ucraina, mendicante in centro a Kiev, “Per le decisioni di Kiev gli ucraini hanno stipendi più bassi che in Africa”Infine la Grecia ha la più alta percentuale di bambini sottopeso dei paesi OCSE. Con dati del genere è veramente peculiare che i giornalisti concentrino le proprie attenzioni sull'Africa o sull'Asia invece di lanciare inchieste sulla situazione di quello che possiamo considerare il cortile di casa. Come possiamo chiamarci esportatori di valori e di diritti se non li si riesce a garantire — anzi non li si difende proprio — all'interno dei propri confini? Da definire "coloniali" non sono soltanto le politiche europee, ma tutto il giornalismo nel Vecchio Continente, perché abbraccia cause a seconda della convenienza, invece di ricerca una verità.  E come si scardina la dignità di un popolo? Semplice lavoretto da euroburocrati non eletti: a fronte degli 86 miliardi di conto presentato per gli aiuti "concessi" dai creditori la scorsa estate, il governo Tsipras ha dovuto ridurre di 1,8 miliardi gli stanziamenti per le pensioni. Deve essere chiaro: i politici greci hanno fatto degli sbagli, ma qual è la linea oltre la quale la cura diventa sanzione, anzi malattia? Persino nel sistema penale si parla di pene rieducative e non esclusivamente punitive. Da anni sulla Grecia sembra che si sperimenti la somministrazione di acido invece che di antibiotici. Ma in gioco vi è non solo una generazione di greci, ma anche una generazione di futuri cittadini europei. Con quale visione dell'Occidente cresceranno?  http://it.sputniknews.com/economia/20151221/1764238/grecia-sparita-dai-mass-media.html#ixzz3uysFGpLc
OBAMA è UN COGLIONE CHE lui PENSA, NO! LUI NON PENSA PERCHé è DAL NEUROLOGO, CIOè, CHE 666 SPA NWO KAABA, GLI FANNO PENSARE, CHE IO SONO UN FELINO!
==============
cioè, i gay per donare il sangue? loro si fanno tutte: sorelle suore di: clausura: tutte con cintura di ferro castità: Monaca di Monza, perché, i batteri intestinali fecali escrementi Sodoma inquinano il sangue, per essere Darwin Obama GENDER, i più evoluti con qualche, scala evolutiva in assestamento Gmos, ancora piccolo difetto imperfezione evoluzione virus Cattolico ribelle omofobo, fanatico beghino religioso bigotto, da correggere ancora? ] QUESTA è UNA NUOVA FRONTIERA EVOLUTIVA PER LA moderna modernista CANONIZZAZIONE SANTITà CATTOLICA! [ Aids: in Usa revocato il bando a vita per le donazioni di sangue dei gay. Nuove restrizioni impongono un anno astinenza sesso a donatori. 21 dicembre 2015
==================
questo (Abu Antar) che, lui faceva il doppio agente sciita segreto di: IRAN e SIRIA, ( come diceva 187AudioHostem, lui era sempre a fare lo amico dei sacerdoti di satana della CIA: sulla pagina di youtube/user/youtube/discussion ma, però, lui era sempre mio nemico, che, diceva di essere cristiano per anni! Poi, disse che le ragazze musulmane erano le più pulite ragazze del mondo! e tutti capimmo che era soltanto un altro musulmano ipocrita falso traditore di un bugiardo assassino sharia Mecca Kaaba! Quando, a me, ieri, una studentessa italiana, che viveva con due studentesse musulmane una libanese ed una tunisina, era disgustata da entrare nel bagno dopo di loro, perché, i  loro vestiti sintetici di estate le facevano sudare molto, e perché mangiavano cipolle crude, così come noi mangiamo le mele!

EIH! DARWIN? COSA è TUTTA QUESTA TUA MERDA DI RELIGIONE DOGMATICA SULLA SCIMMIA EVOLUTA CHE, TU, ED I TUOI ATEI AD OGGI, NON HANNO SAPUTO DIMOSTRARE?










IO NON MI MERAVIGLIERI, SE, CON LA MIA FEDE IO POTESSI SCONFIGGERE EBOLA, IN CASO DI CONTAGIO! MI, MERAVIGLIEREI SE NON POTESSI SCONFIGGERLA!
ECCO PERCHé CON LA MIA FEDE IO HO DECISO DI ABBATTERE IL FMI NWO 322, APOSTASIA CORANO TALMUD!
Ebola: Obama annulla viaggi per emergenza. Presidente ferma campagna elettorale dopo riunione governo
Antonio Continisio · IPSIA M. DENORA ALTAMURA
Le banconote e le monete possono essere veicolo di contagio di Ebola???????????
Lorenzo Scarola · Teologico dell'Italia Meridionale HA DETTO: "SI!
L'UNICO MOTIVO, PER ESSERE OSTILI A PUTIN, è CHE, IL FONDO MONETARIO HA BISOGNO DELLA GUERRA MONDIALE! TUTTO IL RESTO SONO CALUNNIE, DI SPREGEVOLI MASSONI FARISEI SALAFITI GENDER, BILDENBERG, ASSASSINI SHARIAH LADRI USUROCRAZIA MONDIALE! ED ISRAELE? MORIRà PER LA TERZA VOLTA, PER TUTTO QUESTO CRIMINE, CHE, NON RIESCE A DENUNCIARE!! ED IO CREDO, CHE, IL MIO AMICO, APOSTASIA TALMUD, USURA MONDIALE, https://www.facebook.com/antimo.marandola?fref=ts [[ Impossibile pubblicare sulla bacheca
Il messaggio non può essere pubblicato in questa bacheca. Purtroppo questa pagina non è disponibile, È possibile che il link che hai seguito sia corrotto o che la pagina sia stata rimossa. ]] HA GIà UN PIANO PER FUGGIRE DA ISRAELE, PUR DI NON RINUNCIARE AL SUO SOGNO IMPERIALISTICO, IL FMI-NWO SPA! ] [ Putin, Obama 'ostile' verso Russia. Intervista a quotidiano serbo Politika a vigilia visita Belgrado. 16 ottobre 2014. MOSCA - In un'intervista il presidente russo Vladimir Putin ha accusato il presidente americano Barack Obama di avere un'attitudine ''ostile'' verso la Russia. L'intervista di Putin e' stata rilasciata al quotidiano serbo Politika, alla vigilia della visita ufficiale del presidente russo a Belgrado, e diffusa ieri sera dal Cremlino. Putin ha anche avvertito gli Stati Uniti e i loro alleati dei rischi che presenterebbero ''i tentativi di esercitare dei ricatti sulla Russia'' per la ''stabilita' stategica'' del mondo.
=================
pravy sektor, SETTORE DESTRO? KIEV HITLER è MERKEL BILDENBERG! DOPOTUTTO, I RUSSOFONI HANNO VOTATO INUTILEMENTE, ED I NAZISTI ONU SHARIAH AMNESTY HANNO DETTO: "A NOI CHE?" ]
Putin, neonazismo in Paesi baltici. Intervista a Politika, in Ucraina a febbraio fu colpo di stato. 16 ottobre 2014
BELGRADO - Il presidente russo Vladimir Putin ha denunciato i fenomeni di neonazismo che si manifestano in alcune parti d'Europa, citando in particolare i Paesi baltici, e ha definito "un colpo di stato" gli eventi dello scorso febbraio in Ucraina. In una intervista al quotidiano serbo Politika, in occasione della sua visita odierna a Belgrado, Putin afferma che "fenomeni di neonazismo sono diventati abituali in Lettonia e negli altri Paesi baltici".
all CIA, si sono risentiti per questo mio articolo, e mi hanno messo un filtro su google+, CIRCA QUESTO MESSAGGIO! [MESSAGGIO] CIA INCOMINCIANO A GIRARE NEL LORO GIRONE INFERNALE PRIMA DEL TEMPO! PERCHé L'INFERNO è DETRO DI LORO! Il sito web hebusermsga.fulba.com è stato segnalato come sito contraffatto ed è stato bloccato sulla base delle impostazioni di sicurezza. Il Team di G.mail <pclvicenza@gmail.com>
 MA QUESTA è LA VERITà: "IO NON RIESCO, CIRCA GMAIL, A TROVARE LA FUNZIONE: "DISATTIVA ALTRI COMPUTER" che c'era in passato.. ed infatti, in casa mia, un altro computer era attivo su: iredisraele@gmail.com, ovviamente, anche in questo erano entrati gli hacker, CIA:  93.47.147.211 Milano, 93.47.78.219 .. e poiché, lo Spirito Santo ha stuprato, la mente del satanista Synnek1 (oggi, 187AudioHostem, ex-direttore generale di youtube, che, io ho fatto cacciare), si, lui è stato cacciato, ma, qualcuno dovrebbe provare, lo strazio che, un criminale può provare a stare vicino a me: UNIUS REI, un Fuoco divorante di JHWH! che, Synnek1 lui non è colpevole, per lamentarsi, di non riuscire ad ottenere la password del mio canale principale: uniusrei3@gmail.com. ora, se, la CIA a Milano ha una connessione aperta, in modo permanente su iredisraele@gmail.com, io sono rovinato, perché, questa gmail, è la mail di recupero di uniusrei3@gmail.com. DA QUESTO PUNTO DI VISTA, ANCHE CAMBIARE PASSWORD, NON MI SERVIREBBE A NIENTE! ED è VERAMENTE GRAVE, CHE ANCHE LA PROCEDURA DEL DOPPIO PASSAGGIO NON SAPPIA TUTELARE I MIEI GMAIL! E SE NON SONO SICURI I GMAIL? POI, NULLA è SICURO!
====================
CI RISIAMO, HANNO GIà PRESO IL CONTROLLO SULLA PASSWORD, CHE, IO HO CAMBIATO QUESTA NOTTE! ADESSO MI DISATTIVANO DI NUOVO L'ACCOUNT, COME HANNO FATTO IERI! SOLTANTO, LA CIA DATAGATE PUò FARE QUESTE COSE!
uniusrei3@gmail.com La password o il nome utente inserito non è corretto. ?  [ Assistenza per l'account ] UniusRei3 Inserisci l'ultima password che ricordi
https://www.google.com/settings/recovery
La connessione è stata annullata!
====================
humanumgenus 19 minuti fa ( CIA 666 DATAGATE [[ A CHE GIOCO STIAMO GIOCANDO ? ]] UniusRei3 uniusrei3@gmail.com[[ SOLTANTO QUESTA NOTTE, IO HO CAMBIATO LA PASSWORD! ED ORA? NON È PIÙ DISPONIBILE!
07:34 Accesso eseguito da Firefox (Linux) Bari, Italia, Indirizzo IP 93.43.168.85 fast webnet.it
00:52 Password modificata Bari, Italia Indirizzo IP 93.43.120.35
00:52 Accesso eseguito da Firefox (Linux) Indirizzo IP 93.43.120.35 fastwebnet.it Bari, Italia
14 ott, Accesso eseguito da Firefox (Windows) Bari, Italia Indirizzo IP 93.43.163.165 fastwebnet.it
14 ott. Password modificata Bari, Italia, Indirizzo IP 93.43.163.165
14 ott. Account attivato Bari, Italia Indirizzo IP 93.43.163.165
14 ott. Account disattivato, Dati sconosciuti Posizione, Dati sconosciuti  Ulteriori informazioni
13 ott. Accesso eseguito da Firefox (Windows) Bari, Italia Indirizzo IP 93.43.130.11 fastwebnet.it
==========================
https://www.facebook.com/antimo.marandola caro, io ho visto un pseudo musulmano (alias satanista CIA) che, ti ha detto: "verremo a stuprare le vostre donne" .. ok, tutto il resto, sgozzamenti fosse comuni, ecc.. si può immaginare! e questo, non perché un musulmano non pensa proprio, in questo modo, ma, è che lui, non lo direbbe mai, a motivo della sua ipocrisia, come, tu a motivo della tua ipocrisia, non condannerai mai, il signoraggio bancario parassitario, di rothschild usurocrazia schiavitù mondiale, che, sta per ucciderti come israeliano, perché è questo che, tu devi sapere, MUSULMANI SONO SOLTaNTO ESECUTORI MATERIALI! POICHé, ESISTE IL NWO, CON LA FONDAZIONE BANCA DI INGHILTERRA DEL 1600D.C., POI, TUTTO QUELLO CHE è SUCCESSO, AGLI EBREI, DI MALE, DA QUELLA DATA IN POI, è SCIeNTIFICAMENTE ASCRIVIBILE AI FARISEI! CERTO, QUESTA CONGIURA SI è AFFERMATA, CONTRO, IL RE SALOMONE (apostasia talmudica), MA, NON POTREBBE ESSERE DIMOSTRATA SCIENTIFICAMENTE PRIMA DEL 1600d.C.!
Ora, ipotizzando che tu sei un ebreo, io ti insegnerò ad uccidere in modo soprannaturale i tuoi nemici! PERCHé PRIMA OGNI DIFFICOLTà DEVE ESSERE DISTRUTTA, SUL PIANO SOPrANNATURALE, E POI, SI POTRà PASSARE IN MODO VINCENTE SUL CAMPO DI BATTAGLIA O SUL CAMPO DELLA DIPLOMAZIA!
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/africa/2014/10/13/pistorius-psicologa-e-un-uomo-a-pezzi_ac0fb472-b48d-470c-b4a1-07336903d5a7.html
Ariel Shimona Edith Besozzi 14 h · Veneto, Italy · Se vogliamo contrastare quotidianamente la controinformazione dilagante e l'antisemitismo strisciante.
Se sosteniamo che la vita deve prevalere sulla morte e vogliamo continuare ad affermare che Israele è un sogno possibile e rivoluzionario che può e deve essere sostenuto da tutti.
Se vogliamo che la Federazione Sionistica Italiana rispecchi la dinamicità che ha dato vita allo Stato d'Israele. Se vogliamo dare fattivamente il nostro aiuto ad Israele, non in ristretti circoli culturali radical chic, ma nelle piazze e nelle strade.
Se vogliamo essere con e dove la gente vera vive, se vogliamo un cambio generazionale che porti energia al progetto di Herzl e Ben Gurion.
Se vogliamo che la Federazione Sionistica Italiana diventi qualcosa in più di una pagina facebook e di un sito che viene aggiornato solo in occasione della giornata della memoria.
Se vogliamo che la Federazione Sionistica Italiana non si riduca ad un'organizzazione di combattenti e reduci, e che non sia un luogo statico e chiuso.
Se vogliamo essere noi le attrici e gli attori di questo cambiamento, iscriviamoci, sosteniamo e diffondiamo il progetto Over The Rainbow http://overtherainbow.org/italy/ , perché il sogno sionista continui ad essere realtà viva nel nostro quotidiano.
Antimo Marandola commented on an article.
13 ottobre alle ore 18.32 ·
19 milioni di euro presi dalle tasche degli italiani per finanziare la nuova guerra di hamas. Italiani svegliatevi: l'Italia può finire sotto il fango, la disoccupazione dilaga e le faccie di merda del governo pensano a finanziare i terroristi di hamas. voglio proprio vedere se ci sarà una manifestazione di protesta, cosa dicono i social, cosa dirà la stampa nazionale ma già so la risposta: silenzio assoluto, salvo poi lamentarsi quando Israele sarà costretto a bombardare di nuovo i terroristi che si saranno riarmati con i soldi degli italiani
====================
https://www.facebook.com/antimo.marandola ti rimprovera la Spirito Santo! tu non puoi usare contemporaneamente, gli strumenti di Dio, e quelli di satana! Quindi, per avere la potenza di JHWH, tu devi abiurare il Talmud, e, IL SUO SISTEMA MASSONICO, E il suo Fondo monetario internazionale! poi, devi sgomberare, il tuo cuore, da ogni sentimento di odio, e da ogni sentimento di vendetta! Poi, devi sentire amore, verso il nemico! SE, TU FARAI QUESTO, POTRAI LIBERARE L'IRA DI DIO JHWH, CONTRO IL TUO NEMICO! POI, PUNIRE IL TUO NEMICO è UN LAVORO DI DIO, SECONDO IL METODO DI DIO, IL TUO METODO è AMARE IL TUO NEMICO! OVVIAMENTE, QUESTO NON LEGA LE MANI ALLA TUA LEGITTIMA DIFESA, PERCHé, TUTTI HANNO IL DOVERE DI DIFENDERE LA PROPRIA VITA!
LA BIBBIA è PIENA DI BENEDIZIONI, E MALEDIZIONI!
QUINDI, LE DEVI ESTRAPOLARE DAL CONTESTO STORICO, E LE DEVI OGGETTIVIZZARE, PER TE, RIVENDICANDONE IL DIRITTO ALL'ESERCIZIO, DELLE BENEDIZIONI PER TE, E DELLE MALEDIZIONI, PER I TUOI NEMICI!
SE, RIUSCIRAI A PROVARE FRATELLANZA UNIVERSALE, COMPASSIONE PER OGNI CREATURA, POI, DIVENTERANNO DIVINAMENTE OPERATIVE.
PERCHé, è VERA LA FEDE NELLA PAROLA DI DIO TANAKH, che ha detto: "benedirò quelli che ti benediranno, e maledirò quelli che ti malediranno".
Circa, la mia Persona ed il mio ministero, di Unius REI, io non vincolo la mia amicizia alle mie credenze! Io non forzo la coscienza di nessuno!
Io non ti obbligherò mai, ad appoggiare il mio progetto politico del re di Israele, semplicemente, perché, io sono la legge naturale, la libertà di coscienza!
al mio all'ebreo giudeo https://www.facebook.com/antimo.marandola ottenuta una coscienza pura e retta, perché, tu ami tutti gli uomini del mondo, allo stesso modo! tu ami un musulmano, così, come tu potresti amare un ebreo, in modo indifferente. anzi, tu ami molto di più, un musulmano onesto, di come potresti amare un ebreo disonesto!
A questo punto, tu puoi prendere in fede, e in fantasa visiva, la tua posizione ETERNA, nel tempio Ebraico Celeste di JHWH. Ovviamente, il tuo posto sacerdotale è nel SaNTO, dove puoi, esercitare in tuo culto spirituale, in verità giustizia amore, nei confronti del SANTISSIMO, lode ed adorazione: perpetue!
Tu puoi essere distratto, peccatore, nel materiale psichico: SENZA PROBLEMI, ma, il tuo spirito, che è indipendente da te, eserciterà il servizio SPIRITUALE, che tu gli hai affidato, di giorno e di notte, in modo continuativo!
Quindi, nel Santo, tu puoi accendere la Menorah (lode adorazione), oppure ti puoi dedicare alla mensa dei 12 pani (sfamare i poveri del mondo), ecc.. quello che, tu puoi fare in questo luogo sacerdotale, può avere infinite applicazioni!
al mio all'ebreo giudeo https://www.facebook.com/antimo.marandola ovviamente, se, è una attività spirituale del tuo spirito, questo non comporta per te, un affaticamento di tipo mentale, cioè, uno stess psicologico, o degli impegni di tipo religioso!
Quindi, tutte le volte che, tu devi affrontare un lavoro impegnatvo o una difficoltà, ti sembrerà spontaneo, di ricongiungere il tuo uomo psichico, al tuo uomo spirituale, perché, la tua identità è stabilita, da quello che, è la posizione di fede, cioè, da quello che, tu hai deciso di essere spiritualmente, nella sala del SANTO, nel tempio ebraico celeste!
è chiaro che, cade ogni relazione simbiotica, con istituzioni persone, gruppi, ecc... e ti senti un uomo solo con il tuo Dio JHWH, nel silenzio della anima: con il tuo JHWH silenzioso, che, è questo che fa morire alle passioni del mondo!
Ma, ogni uomo spirituale è sempre un uomo solo con Dio, in fede arida e pura, razionale, spiritualmente,
Perché JHWH è geloso di ognuno di noi, e quindi, tenderà sempre, ad isolarci da tutti gli altri, nel silenzio della nostra anima!
post 6000 to antimo.marandola http://uniusreixkingdom.blogspot.com/2014/10/post-6000-to-antimomarandola.html
===============
Hubert Conrad https://www.youtube.com/watch?v=tpRaRb-vlwU
Contagion - Trailer Italiano (2011). Contagion è un film del 2011 diretto da Steven Soderbergh, con protagonisti Matt Damon, Kate... youtube.com Hubert Conrad ...un film già visto, ma questa volta ebola non è solo sullo schermo..
Hubert Conrad‎ ...attacco a tenaglia all'Europa: dal mare con masse di soggetti affamati, da terra con l'Isis in Turchia e Albania, sostenute da Pakistan e altri paesi musulmani, dall'aria con gli aerei dove un ammalato infetta centinaia di persone...... questa è la vera terza guerra mondiale. Chi sopravviverà? Noi no. https://www.youtube.com/watch?v=YesaFTw1HoA
===================
Franco Masci Bellissima riflessione signor Lorenzo . È vero che nella spiritualizzazione di assoluta fede in Dio si diventa soli e in un silenzio quasi avvolti dalla Sua presenza. A me però mi succede anche con qualcuno che veramente si catapulta nel mio cuore e diventiamo due a adorare la stessa sensazione e talvolta anche in gruppi che veramente si arrendono a quel momento vero. Mi sono accorto che molti se ne approfittano di questa vulnerabilità di amore arreso alla debolezza della presenza dello Spirito .
Lorenzo Scarola grazie! ma, SOLO l'amore psichico è debole fragile, DELUSO, VULNERABILE, emotivo, bisognoso di un riscontro, e si lascia ferire dalla ingratitudine, ma, non è così l'amore spirituale: non è questo l'amore spirituale! PERCHé COME, IL SOLE DONA SE STESSO, GRATUITAMENTE, così, DIO AMA NOI SPIRITUALMENTE, E NESSUNO DIRà MAI: "IL SOLE è VULNERABILE Debole!" E, inoltre, NON C'è DEBOLEZZA NELLA PRESENZA DELLO SPIRITO Santo! ad maiora! di gloria in gloria, di vittoria in vittoria! Ecco perché, tu devi focalizzare nella tua mente / fantasia, nel trovare una posizione nei confronti del Trono di Dio, se, tu sei il corpo di Cristo come Chiesa (Sposa), poi, tu hai una posizione in Paradiso, ma, se tu sei il corpo di Cristo, come un ministero di evangelizzazione, poi, tu sei il corpo dello Sposo, quindi, il tuo posto è in Cristo, un Trono tuo nel cuore di Gesù, alla destra del PAdre! Perché, tu sei partecipe della vita divina, dei figli di Dio! LA GELOSIA DEGLI ANGELI!
==========================
QUESTI GIGANTI INCUTONO RISPETTO e TIMORE, E MOLTE VOLTE LA PROFESSIONALITà, NON è SUFFICIENTE, ECCO PERCHé OGNI 500 METRI DI QUOTA, DEVE ESSERCI UN RIFUGIO, A PIRAMIDE DI CEMENTO ARMATO! KATHMANDU, 15 OTT - Almeno 24 persone sono state uccise dalla tempesta di neve che ha colpito il nord del Nepal negli ultimi due giorni, mentre altre cinque risultano disperse. Lo riferisce The Himalayan Times in un nuovo aggiornamento del disastro. Tra le vittime ci sono 12 escursionisti stranieri, mentre gli altri sono nepalesi, secondo fonti locali
    per limitare la coglionaggine criminale, dei nostri politici massoni: cogli0ni, e per risolvere i problemi ecologici, i rifiuti biologici potrebbero confluire in una cavità sotterrannea, per la formazione di gas metano! Io credo, ch,e una industria di riciclaggio dei rifiuti, possa aprire molte prospottive per il reperimento di materie prime! ]  [ Impossibile "sfondare una porta chiusa", Gazprom si riorienta verso l'Asia. Al Forum internazionale sul gas, che si è svolto a San Pietroburgo, il capo di Gazprom, Aleksej Miller, ha dichiarato che la sua compagnia intende rivedere la propria strategia sul mercato europeo, in quanto "è difficile sfondare una porta chiusa".
========================
https://www.facebook.com/diego.brandolin.14 Diego Brandolin · Milano
Ho atteso due settimane prima di scrivere un commento a questo tipo di notizie; aspettavo una nota, un post scriptum, una velina, una qualsiasi forma di comunicazione che menzionasse il fatto che, al fianco degli ormai idolatrati curdi, combattessero anche componenti del Free Syrian Army, grazie ai quali Kobane non ancora caduta. Quindi mi chiedevo: non ne siete a conoscenza o quella di non menzionare mai il FSA è una scelta?
Lorenzo Scarola · Teologico dell'Italia Meridionale
tu sei un genio, anche io pensavo perché Assad non convince Al-Nursa, e tutti i componenti del Free Syrian Army, per fare una coalizione contro: ISIS shariah? MA, LA RISPOSTA PUò ESSERE UNA SOLA: " NON ESISTONO ISLAMICI TERRORISTI MODERATI! " E questo è tutto un complotto, Onu Amnesty shariah, della LEGA ARABA, per fare il genocidio degli sciiti, poi, degli israeliani e poi, dopo arriverà anche il nostro turno!
QUESTI FARISEI, AMERICANI SATANISTI MASSONI, BILDENBERG USUROCRAZIA ROTHSCHHILD? HANNO ROVINATO IL MONDO!
=======================
    Il prezzo del petrolio. A metà luglio sui mercati mondiali è iniziato il rapido declino dei prezzi del petrolio. Le quotazioni del Brent dell'"oro nero" sono scese al 22%. Il 12 ottobre le futures di questo petrolio con consegna a novembre sono scese sotto gli 88 dollari al barile per la prima volta in 4 anni.
Alla politica di riduzione dei prezzi si è unito l'Iran, verso cui l'Unione Europea ha parzialmente revocato le sanzioni petrolifere. Seguito dall'Arabia Saudita, l'Iran ha ridotto il prezzo del petrolio per gli acquirenti provenienti dall'Asia. Cosa spiega questo crollo dei prezzi: la volontà di alcuni produttori di petrolio o motivi economici oggettivi?
Il Politologo e Orientalista Vladimir Sazhin fa notare:
Nelle ultime settimane i prezzi del petrolio sono scesi così nettamente da causare nel campo dell'informazione globale una forte ondata di discussioni, calcoli analitici, ipotesi e previsioni. Sono state riferite una miriade di ragioni per questo fenomeno, di tipo obiettivo (ciò sarebbe indipendente dalla volontà dei produttori e consumatori di petrolio) e soggettivo (si parla di una cospirazione globale).
A ragioni oggettive gli economisti hanno principalmente attribuito il surplus di petrolio sul mercato mondiale. Questa situazione si spiega con l'eccesso di offerta rispetto alla domanda, che è il risultato di diversi fattori. In primo luogo, l'aumento della produzione di petrolio. In secondo luogo, il rallentamento economico nel mondo. Così, grazie alla rivoluzione del gas shale, la produzione di petrolio negli Stati Uniti è aumentata nel corso dei tre anni del 47%, ossia da 5,7 a 8,4 milioni di barili al giorno. L'OPEC (l'Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio) ha anche iniziato a produrre più petrolio, andando al di là delle quote, e si è affermata a quasi 1 milione di barili al giorno. Nel mercato mondiale del petrolio i maggiori produttori sono Iran, Iraq e Libia. Al tempo stesso vi è un calo della domanda mondiale di "oro nero". Ad esempio, la Cina, che sta rallentando il suo rapido sviluppo economico, richiede già meno energia. Anche se di tanto in tanto Pechino aumenta gli acquisti, aggiungendo alle sue riserve strategiche. Nella situazione dell'economia globale sono costantemente in calo le previsioni del Fondo Monetario Internazionale (FMI). L'EIA (l'Agenzia di Informazione sull'Energia degli Stati Uniti) ha abbassato le previsioni di crescita della domanda di petrolio nel mondo di 100 mila barili al giorno, ossia fino a 1,24 milioni di barili, che naturalmente ha portato a un calo dei prezzi del petrolio. In queste condizioni, l'Arabia Saudita deve urgentemente cambiare la politica sul petrolio, iniziando a combattere per la quota di mercato in termini di prezzi più bassi. Riyad, vendendo sotto costo nell'ultimo mese ha ridotto del doppio il prezzo del petrolio ai clienti asiatici. Si intende compensare le perdite finanziarie saudite aumentando il volume delle consegne. Si tratta di un accordo per l'acquisto di grandi quantità di petrolio che è un prerequisito per ottenere un prezzo ridotto sul petrolio saudita.
Anche l'Iran, che ha appena iniziato a ritornare sul mercato petrolifero mondiale dopo lunghi e difficili anni di sanzioni, nonostante i costi finanziari si è precipitato a lottare per i clienti riducendo il prezzo del petrolio di 85 centesimi al barile fino a quasi 96 dollari. Anche se l'Iran non è interessato ad abbassare il prezzo sotto i 100 dollari al barile, per non perdere clienti è costretto a vendere il petrolio al prezzo al quale è disposto a comprare. Gli affari sono affari.
Iran e Arabia Saudita ed Iraq in ciò sono uniti.
Il calo dei prezzi del petrolio nel mondo è accompagnato dalla speculazione circa la minaccia di una "guerra dei prezzi" nel gruppo OPEC, che fornisce circa il 40% della fornitura mondiale di materie prime. Il mercato si sta restringendo ed i fornitori di petrolio cominciano a combattere tra di loro per una quota delle vendite globali. Sebbene il Ministro del Petrolio iraniano Bijan Namdar Zanganeh ha detto che "le azioni dei singoli Paesi per ridurre il prezzo del proprio petrolio non possono essere considerate come una guerra per l'abbassamento dei prezzi a livello mondiale."
Tuttavia alcuni analisti politici vedono nella riduzione dei prezzi del petrolio intenti "politici cattivi" che cercano di usare il petrolio come arma nella lotta politica ed economica. Esiste una versione secondo cui le azioni di dumping dell'Arabia Saudita sono dirette contro la rivoluzione americana del gas shale, che nasce tra le monarchie petrolifere. L'olio di scisto americano si sviluppa proficuamente solo ad un prezzo di 80-85 dollari, non di meno. Un'altra versione opposta è che Washington ha convinto i sauditi ad aumentare la produzione per abbattere i prezzi del petrolio e così punire la Russia per la Crimea ed il sud-est dell'Ucraina. Tuttavia, queste popolari teorie cospirative non sono del tutto in sintonia con il fatto che il petrolio a buon mercato è dannoso per gli stessi Stati Uniti.
La situazione attuale del mercato del petrolio ha portato il panico. Gli esperti non esitano ad ammettere che è impossibile dare una previsione precisa del prezzo del petrolio. Vi è un'ampia gamma di opinioni scritte che vanno da un ritorno a 100 dollari al barile fino alla caduta al livello di 60 dollari al barile. Nonostante il panico, il FMI ha ancora calcolato il prezzo annuo del petrolio. Brent è a 60 dollari in meno, con una la probabilità del 0,6%, per il prezzo di 60-70 dollari con una probabilità del 2,3%, 70-80 dollari con una probabilità del 7.2%, 80-90 dollari con una probabilità del 22,9%, 90-100 con una probabilità del 50,8% e più di 110 con una probabilità del 23,3%.
La situazione è aggravata dal fatto che le posizioni iniziali dei giocatori in campo petrolifero non sono le stesse. I loro bilanci sono disposti in base a diversi indici dei prezzi del petrolio: l'Arabia Saudita ha un prezzo del petrolio critico di 89 dollari a barile, la Federazione Russa di 96 dollari e l'Iran è sopra i 100 dollari al barile. Pertanto, la lotta politica ed economica per il petrolio sarà per ogni centesimo e per ogni cliente.
http://italian.ruvr.ru/2014_10_15/Il-prezzo-del-petrolio-9705/
    Proseguono i bombardamenti nelle città filorusse in Ucraina orientale. Solo questa notte e alle prime luci dell'alba a seguito dei bombardamenti sono rimasti uccisi 4 civili nella regione di Donetsk in Ucraina orientale, mentre altre 23 persone e 7 combattenti separatisti sono stati feriti, hanno segnalato dal quartier generale della milizia filorussa.
Sono state bombardate le città di Donetsk, Gorlovka, Yenakyevo, il distretto di Shakhtersy e la periferia di Novoazovsk.
Oggi si conclude il periodo di 5 giorni, durante il quale sia l'esercito ucraino che la milizia del Donbass avevano annunciato di rispettare rigorosamente il cessate il fuoco. Secondo i patti, le parti in conflitto si erano impegnate a ritirare l'artiglieria pesante all'interno dei territori controllati.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/Proseguono-i-bombardamenti-nelle-citta-filorusse-in-Ucraina-orientale-4137/ Il ministro dello Sviluppo Economico della Russia Aleksej Ulukayev ritiene che le agenzie di rating internazionali non hanno ragioni per abbassare il rating sovrano della Russia, nonostante "le voci che girano su di esso". Il ministro crede che se tali azioni avranno luogo, "indicherebbero o l'incompetenza o la politicizzazione".
Ulukayev ha riferito che oggi il debito estero della Russia è inferiore al 3% del PIL, e l'intero debito pubblico è l'11% del PIL. "Questo debito può essere rimborsato in un anno", ha detto il ministro. Secondo le sue parole, non ci sono rischi di mancato rimborso del debito.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/Ulukayev-ha-criticato-le-agenzie-di-rating-2194/
IL SATANISTA ASSASSINO LADRO, PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO! Oggi 15 ottobre il presidente Barack Obama terrà una videoconferenza con i leader dei Paesi europei: Gran Bretagna, Francia, Italia e Germania.
I 5 capi di governo europei hanno intenzione di discutere i piani per la lotta contro Ebola e il gruppo radicale Stato Islamico (ISIS), così come la crisi ucraina.
Inoltre durante la conferenza, secondo la Casa Bianca, Obama ha intenzione di discutere le eventuali nuove sanzioni contro la Russia. http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/Oggi-Barack-Obama-in-videoconferenza-con-i-leader-dei-Paesi-UE-0702/
http://cdn.ruvr.ru/2014/10/15/1493876051/9AP413178021169.jpg OPEN LETTER TO: "Pravy Sektor" OK, RAGAZZI, VOI MI FATE CONOSCERE L'INDIRIZZO DELLE VOSTRE FIDANZATE? voi avete deciso di diventare i cadaveri! ] [ In un'intervista al quotidiano serbo Politika, il presidente russo Vladimir Putin ha espresso preoccupazione per la rinascita del "virus del nazismo" negli Stati Baltici e in Ucraina ed ha esortato a non permettere una replica delle esperienze della Seconda Guerra Mondiale e la glorificazione del nazismo.
"Settanta anni fa fu distrutta l'ideologia dell'odio, bisogna fare tutto il possibile affinchè una tragedia simile non si ripeta," - ha detto il capo di Stato russo.
Putin si recherà in visita a Belgrado il 16 ottobre, dove prenderà parte alle celebrazioni del 70° anniversario della liberazione della capitale serba dagli invasori nazisti nella Seconda Guerra Mondiale. Inoltre avrà dei colloqui con il presidente ed il premier del Paese.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/Allarme-di-Putin-in-Europa-prende-vita-nuovamente-il-virus-del-nazismo-3283/
ok è stato BUSH 322 CIA KIEV 666 MASSONICA! ] [ Il premier russo Medvedev commenta il disastro aereo del Boeing malese in Ucraina.
Le autorità ucraine hanno commesso una "grave violazione del diritto" consentendo agli aerei civili di sorvolare la zona di guerra nel Donbass, causando così la sciagura aerea del Boeing malese nella regione di Donetsk, ha dichiarato il primo ministro russo Dmitry Medvedev in un'intervista con i giornalisti americani.
Ha sottolineato che l'Ucraina è pienamente responsabile di ciò che avviene nel suo spazio aereo e se ad un certo punto non riusciva a controllare parte del suo territorio, le autorità di Kiev avrebbero dovuto far modificare le rotte di volo. "Loro non lo hanno fatto," - ha constatato Medvedev.
Il capo del governo russo ha respinto tutte le accuse nei confronti di Mosca in relazione all'incidente ed ha evidenziato come gli investigatori debbano necessariamente far luce sui motivi del disastro aereo.
Mosca spera nella consegna delle scatole nere del Boeing malese ai tecnici dell'ICAO
22 luglio, 18:04
I media perdono interesse sul disastro aereo del Boeing malese in Ucraina
12 settembre, 22:59
Ministro della Difesa malese a Mosca per le indagini sull'incidente del Boeing
10 settembre, 13:29
Putin assicura l'impegno della Russia per indagini complete sul disastro aereo in Ucraina
22 luglio, 16:05
Mosca preoccupata da clima attorno a indagini su incidente Boeing malese
11 settembre, 00:18
Gaffe del capo dei servizi segreti ucraini sulle indagini del Boeing malese
10 ottobre, 14:53
Scatole nere non sufficienti per far luce sullo schianto del Boeing malese
30 luglio, 13:27
Mosca soddisfatta dalla risoluzione ONU sul disastro aereo in Ucraina
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/Il-premier-russo-Medvedev-commenta-il-disastro-aereo-del-Boeing-malese-in-Ucraina-9168/
DUE PESI E DUE MISURE, QUELLI DEL GOLPE, NON ERANO TERRORISTI TEPPISTI! NON CREDO, CHE, QUALCUNO PUò RIMANERE IN PIEDI, QUANDO LE REGOLE DEMOCRATICHE, REPUBBLICANE, ELETTIVE, PLEBISCITARIE DEL DOMBASS, VENGONO CALPESTATE, COME SATANISTI MASSONI BILDENBERG USA UE, HANNO FATTO IN MODO SPUDURATO, CONTINUAMENTE E CLAMOROSAMENTE, NEGLI ULTIMI 10 ANNI! ORMAI, IL DIRITTO INTERNAZIONALE, è FINITO NELLA PEZZA LURIDA, DEL CESSO DEI DIRITTI UMANI ONU SHARIAH, BAN-KIMONO GENDER AMNESTY AFFANCUL0! ] [ In Ucraina decina di arresti per gli scontri davanti il Parlamento.
Il sottosegretario del ministero degli Interni dell'Ucraina Zorian Shkiryak ha comunicato la convalida degli arresti di 10 delle 37 persone fermate a seguito dei disordini nei pressi del Parlamento ucraino (Verchovna Rada) avvenuti nella giornata di ieri.
Shkiryak ha sottolineato che queste persone sono arrestate su disposizione dei giudici per il reato di teppismo. Inoltre gli altri 17 fermati sono stati multati.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/In-Ucraina-decina-di-arresti-per-gli-scontri-davanti-il-Parlamento-3102/
In Ucraina è stata raggiunta una tregua fragile, ha dichiarato il numero uno dell'amministrazione presidenziale russa Sergej Ivanov in un'intervista con i giornalisti russi.
"Molto sangue è stato versato, ci sono migliaia di morti e casi di tortura. In questo contesto negoziare e fidarsi della controparte è molto difficile. La tregua è molto fragile. Tuttavia, a mio parere, la milizia separatista e il governo centrale ucraino sono consapevoli che non ci siano alternative,"- ha rilevato Ivanov.
"Se verrà raggiunto l'accordo di pace definitivo, la Russia può in qualche modo agire da garante. E' prassi nei rapporti internazionali", - ha aggiunto il capo dell'amministrazione presidenziale.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/Per-il-Cremlino-in-Ucraina-orientale-la-tregua-e-fragile-5991/
#Russia, Medvedev: il governo siriano è l'unico portatore della sovranità del popolo siriano. Mosca, SANA - Il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha detto che la Siria è " L'unico portatore della sovranità del popolo siriano", sottolineando che il consenso del governo della Siria è indispensabile se l'alleanza internazionale di recente formazione è decidesse di intraprendere qualsiasi azione nei confronti dell'organizzazione terroristica dello Stato islamico in #Iraq e in #Siria (#ISIS) .
"Se è veramente necessario questo tipo di azione [dall'alleanza], quindi è essenziale raggiungere una posizione comune e ottenere il via libera dal governo legittimo della Siria", ha detto Medvedev, Mercoledì, in un'intervista con il canale televisivo americano CNBC.
Egli ha osservato che la posizione della Russia verso l'alleanza internazionale anti-ISIS non è legato alla posizione degli Stati Uniti sulla Siria, dove quest'ultima ha cambiato la sua precedente posizione ed ha cominciato recentemente a cercare i canali per comunicare direttamente con la leadership siriana .
Commentando la cooperazione di antiterrorismo della Russia con altri paesi, compresi gli Stati Uniti, Medvedev ha dichiarato: "Il mandato per le operazioni antiterrorismo deve essere ottenuto in conformità con il diritto internazionale e sulla base di un consenso."
"E' sempre sbagliato quando tali azioni vengono fatti sulla base di decisioni individuali dei paesi, anche se hanno buone intenzioni", ha osservato, aggiungendo che "Questo è successo in molte occasioni in Iraq, in Afghanistan, e sta accadendo ora in Siria. " Siria respinge categoricamente creazione di zone cuscinetto sul suo territorio, adotterà, in consultazione con i suoi amici tutte le misure per proteggere la propria sovranità nazionale
* Il Ministero degli Affari Esteri e degli Espatriati ha detto: Il governo turco, sin dall'inizio dell'attuale crisi in Siria, non ha mai smesso di fare, sistematicamente, tutto ciò che fosse possibile per infiammare la situazione e colpire la stabilità in Siria, e minacciare la sua sovranità, l'unità e l'integrità territoriale.
Il ministero ha detto in un comunicato la cui copia è stata ricevuta dall'agenzia SANA che: "Questo governo ha fornito tutte le forme di sostegno politico, militare e supporto logistico alle organizzazioni terroristiche armate, oltre ad avere offerto il rifugio, il finanziamento, la formazione, e l'agevolazione per il movimento e l'ingresso di terroristi provenienti da 83 paesi verso la Siria, cosa che ha reso la Turchia la base principale del terrorismo che colpisce la Siria e l'Iraq, minaccia il resto della regione, e l'evidente cospirazione in atto contro la città di Aein Al-Arab (#Kobane), non è altro che la prova scandalosa dello stretto rapporto esistente tra Ankara e l'organizzazione terroristica #ISIS (Daesh).
Il ministero ha proseguito: I tentativi della Turchia di creare una zona cuscinetto sui territori siriani costituiscono una flagrante violazione dei principi e degli obiettivi della Carta delle Nazioni Unite e le norme del diritto internazionale, secondo le quali la sovranità nazionale e la non interferenza negli affari interni vanno rispettate, oltre ad essere una violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza legate alla lotta al terrorismo e la necessità di asciugare le sue risorse, in particolare le risoluzioni n° 1373- 2170-2178, ciò richiede da parte della comunità internazionale, in particolare il Consiglio di Sicurezza a muoversi rapidamente per porre fine alle violazioni del governo turco, che rappresentano una minaccia per la pace e la sicurezza, regionale e internazionale.
Il ministero ha sottolineato che: "Il popolo siriano, che con la sua fermezza, l'eroismo e i sacrifici del suo esercito e dei suoi soldati, è l'unico che possiede il diritto di disegnare il suo futuro, e non permetterà né al governo turco né a qualsiasi altro governo di intromettersi nei suoi affari interni, ed è oggi più che mai determinato ad affrontare e respingere quei progetti che colpiscano l'unità e la sicurezza della Siria, per proteggere la sua sovranità e decisionalità nazionale indipendente".
Il ministero ha concluso : Sulla base di ciò che è stato detto, la Repubblica araba siriana rifiuta categoricamente la creazione di zone cuscinetto su qualsiasi parte del territorio siriano, qualunque sia il pretesto, come rifiuta anche qualsiasi interferenza o ingresso di truppe straniere nel suo territorio. La Siria prenderà, in consultazione con i suoi amici, tutte le misure necessarie per la protezione della sovranità nazionale, l'unità e l'integrità territoriale.
==========================
è ARRIVATO IL MOMENTO DI SCAVARE LA FOSSA A TURCHIA E ARABIA SAUDITA! SOLO LORO TUTTA QUESTA MERDA DI SHARIAH PER IL MONDO! ] [ BERLINO, 15 OTT - Nuovo drammatico appello di uno dei due tedeschi rapiti nelle Filippine dal gruppo terroristico islamico Abu Sayyaf. L'ostaggio racconta che i terroristi hanno già preparato la fossa e gliela hanno mostrata, in vista della scadenza dell'ultimatum il 17 ottobre. "Dicono che questa sia la mia fossa", ha affermato secondo quanto scrive la Dpa. Nuovi violenti combattimenti sono scoppiati mercoledì allo scalo Benina di Bengasi tra gli jihadisti di Ansar al Sharia e le forze speciali del generale Khalifa Haftar, filo-governative. Almeno sei i morti tra i soldati. Stamani l'ex generale aveva annunciato una controffensiva. I caccia bombardano Ansar, causando "gravi perdite" tra i miliziani, riferisce la Mena.
=====================
// *** dice: l'agenzia di stampa iraniana Fars News Agency (FNA) è ANDATA  A COMBATTERE A KOBANE? lol. forse, DEVE ESSERE UN ALTRO TROLL MALEDETTO, DELLA CIA, CHE, DICE, UN FIUME DI FANGO, PER FAR SOFFOCARE IL GENERE UMANO, NELLE MENZOGNE DEL SISTEMA MASSONICO, LA USUROCRAZIA MONDIALE ROTHSCHILD!
oh my holy JHWH, about[ ***.***] ? io tutti questi satanisti massoni complici rothschild satana sinanoga NWO FMI Bildenberg? non so tu, ma, io non li vedo molto fortunati!
=====================
capo Papa Francesco, io ho due, classi della federazione calcistica, nella mia scuola, ed ovviamente la FEDERAZIONE ha un tutor che segue questi ragazzi! e durante l'ora di religione? lol. non si capisce bene, se, io sono il suo assistente, o se lei è il mio assistente! lol.
REALMENTE, SI TRATTA DI UNA DONNA STRAODINARIA, COMPLETAMENTE CONSACRATA ALLA FORMAZIONE DI QUESTI RAGAZZI! QUESTO è STATO L'ARGOMENTO DI OGGI, QUESTE LE CONCLUSIONI!
OVVIAMENTE, IL MATRIMONIO è UN SACRAMENTO NATURALE, DIO VEDE SPOSATE, LE PERSONE CHE FANNO SESSO, CONVIVENZA, ECC.. ecc.. sono IL SACRAMENTO NATURALE, DEL MATRIMONIO! CHE, poi, IL SACRAMENTO ECCLESIASTICO, NON è PIù NECESSARIO DARLO, E NON SI DEVE PIù DARE, A CHI NON HA UN COERENTE CAMMINO DI PARROCCHIA!
QUINDI, NON SI deve CEDERE SULLA DOTTRINA! ANZI, BISOGNA DIVENTARE PIù INTRANSIGENTI! si può OFFrIRE LA EUCARISTIA, A TUTTI COME UN ATTO DI COSCIENZA, individuale! E poi, soltanto, RISERVARE: EFFUSIONE PENTECOSTALE, CRESIMA E SACRAMENTO DEL MATRIMONIO, SOLTANTO, AI CRISTIANI CON LE PALLE! OPPURE, PIù NESSUNO CAPIRà A COSA PUò SERVIRE IL CRISTIANESIMO NELLA VITA DELLE PERSONE, E DISTRUGGEREMO LA CIVILTà CRISTIANA!!
MATRIMONIO SACRAMENTO E CRESIMA, SOLTANTO A COLORO CHE NE HANNO LA MATURITà!
 ROMA, 14 OTT - I pastori siano più umili, essere sposi è difficile, ed è comunque un ''sacerdozio''. Lo ha detto mons. Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona-Osimo, tra i partecipanti al Sinodo straordinario sulla famiglia. ''Ogni persona è un dono di Dio'' ha aggiunto parlando dei gay. E nessuno può cancellare quanto possono offrire. ''Il problema è ciò che queste persone chiamano diritto, e che non corrisponde al progetto di Dio contenuto nella Bibbia''.
 14-10-2014 14:47 Politica
Mons. Menichelli, pastori più umili, arcivescovo di Ancona-Osimo, tra i partecipanti al Sinodo straordinario sulla famiglia. ''Ogni persona
13-10-2014 11:44 Cronaca
Sinodo: farsi carico di unioni gay
separazione o del divorzio sui figli". Queste le raccomandazioni pastorali dal Sinodo
Francesco al Sinodo dei vescovi del 6 ottobre scorso. Capello sarà premiato il 16 ottobre all
07-10-2014 11:51Politica
Sinodo: mons. Gaenswein, matrimonio è indissolubile".
Mentre è in svolgimento il Sinodo sulla famiglia voluto da Papa Francesco, monsignor Georg Gaenswein
06-10-2014 Papa al Sinodo: "Parlare chiaro, senza paura"
Entra nel vivo, dopo tanta attesa e tante polemiche, il confronto al Sinodo sulla famiglia
06-10-2014
La messa del Papa durante il Sinodo dei vescovi
05-10-2014 16:32Politica
Tutto sul Sinodo: i partecipanti, lo svolgimento dei lavori
straordinaria del Sinodo dei Vescovi, dedicata al tema della pastorale familiare, inaugurata domenica
06-10-2014 11:13Cronaca
Bergoglio, il Papa garantisce tutti
(ANSA) - ROMA, 6 OTT - "Il Sinodo si svolge sempre 'cum Petro e sub
06-10-2014 11:02VideoGallery
Il papa apre il sinodo sulla famiglia
Francesco: "Non la caricate pesi insopportabili. Parlate chiaro"...
06-10-2014 10:13PhotoGallery
Papa Francesco apre i lavori del Sinodo sulla famiglia
06-10-2014 09:04Cronaca
Famiglia:Papa,parlare chiaro e ascoltare
(ANSA) - ROMA, 6 OTT - Il Papa, aprendo i lavori del sinodo
05-10-2014 Sinodo, Papa Francesco: "Dio ci indichi il cammino"
"Mentre diamo inizio al Sinodo sulla Famiglia, preghiamo il Signore di indicarci il cammino
=====================
15 OTT - I miliziani dell'Isis stanno circondando Ameriya, a sud di Falluja, a soli 40 chilometri da Baghdad, uno degli ultimi capisaldi dell'esercito iracheno nella provincia di Al Anbar. Lo ha detto il comandante locale. "Siamo quasi completamente isolati", ha affermato aggiungendo che i jihadisti hanno circondato la città su tre lati.
    Ameriya è 20 chilometri a sud di Falluja, che dal gennaio scorso e' nelle mani dell'Isis. "Se la citta' cade, la battaglia arrivera' alle porte di Baghdad". Alessandro Zonetti · Top Commentator · Università degli Studi di Roma "Tor Vergata"
a obama ma te voi sveglià ! aspetta ancora un pò e l isis arrivera non a baghdad ma in libano , in iran, in turchia

Lorenzo Scarola · Teologico dell'Italia Meridionale
se, oggi fosse quì, Maometto, l'esoterico profeta? lui andrebbe con ISIS shariah! la purificazione sanguinaria, dei popoli musulmani, è quello che Erdogan in Saudi Arabia si aspettano!
=========================
questa è la dimostrazione, che, Erdogan ONU, e Saudi Arabia sono, la gallasia jihadista: ISIS shariah, [ per ottenere il genocidio di tutti gli sciiti! un genocidio alla volta, io ti tolgo il genere umano, poco per volta! hanno detto i sunniti ] SANAA, 15 OTT - Almeno 12 morti negli scontri esplosi ieri notte nel centro dello Yemen tra combattenti di al Qaida e ribelli sciiti, che controllano la capitale Sanaa e il porto strategico di Hodeida. I combattimenti si sono verificati a Radah nella provincia di Baida a 130 km a sud-est della capitale. Tra le vittime ci sono 6 miliziani, 5 ribelli di Ansar Allah ed un civile, secondo la sicurezza. Oggi un ufficiale dell'esercito, il colonnello Ali Zaid al-Dhari è stato ucciso da al Qaida a sud-est di Sanaa.
=============================
questo concetto, è giusto e si può condividere, perché, soltanto i siriani, in favore di: Kobane sono lo 0,3%, mentre, per la galassia jihadista ISIS, Al-Qauda, shariah, poi, possono passare tutti, da tutto il mondo, cioè, il 97%, ] [ ANKARA, 15 OTT - Il premier turco Ahmet Davutoglu ha ribadito che solo i siriani sono autorizzati a varcare la frontiera turca per andare a combattere a Kobane, la città siriana assediata dall'Isis, respingendo in questo modo l'appello della Francia che aveva chiesto una apertura delle frontiere. "Quelli che vengono dalla Siria possono ripartire per unirsi alla lotta" per Kobane ha detto Davutoglu, ribadendo che il suo governo rifiuterà il passaggio ai cittadini di altre nazionalità, in particolare turchi.
===================
gli ameri-cani 666 CIA, NWO FMI, sono dei satanisti bugiardi, criminali inguaribili, perché, se la loro determinazione contro ISIS shariah, è assoluta?, poi, avrebbero già raso al suolo Turchia shariah, e Arabia Saudita shariah!
WASHINGTON, 15 OTT - Si chiama 'Determinazione assoluta' (in inglese 'Inherent Resolve'), l'operazione lanciata dalla coalizione contro i jihadisti dello stato islamico in Iraq e in Siria. Lo ha annunciato il Pentagono, a due mesi dai raid contro lo Stato islamico. "Il nome dell'operazione è 'Inherent resolve'", ha detto il colonnello Ed Thomas, portavoce del generale Martin Dempsey. La decisione, ha spiegato, è stata presa alcuni giorni fa senza fornire ulteriori dettagli.
   ======================
https://www.facebook.com/antimo.marandola?fref=ts Amministratori di Pagine, Antimo Marandola, sei tu il responsabile di questo sito https://www.facebook.com/forzaisraele/info, e di tutto questo odio, contro il Regno di Dio, in questo modo SPREGEVOLE? tu sei un agente di rothschild, QUINDI, tu sei la vera minaccia contro Israele! [ TU SEI PIENO DI ODIO COME SATANA! ]  HITLER ERA UN BRAVO CATTOLICO, PER AVERE STERMINATO ALMENO 40.000 TRA PRETI E SUORE! 10.000 FURONO UCCISI, SOLTANTO, PER LA CONDANNA DEL NAZISMO, CHE, AVEVA FATTO L'EPISCOPATO OLANDESE! io ho incontrato sacerdoti di satana, che, citano il Vangelo, e che, fingono di essere cristiani! COSA è TUTTO QUESTO ODIO DEL PASSATO? PER RICORDARE CHE LA VIOLENZA LA HANNO INIZIATA GLI EBREI, CONTRO, I CRISTIANI, ECC.. ECC..? SOLTANTO A SATANA ROTHSCHILD GIOVANO QUESTI ARGOMENTI, NOI ABBIAMO IL CONCILIO VATICANO II, e siamo cambiati, MA, VOI AVETE ANCORA SATANA NEL VOSTRO ODIO, perché, il Vostro Talmud apostasia giudaismo, USUROCRAZIA SIGNORAGGIO BANCARIO? NON è STATO ANCORA ABOLITO!
VERGOGNA! VI RIMPROVERA LO SPIRITO SANTO!
http://www.lacucinaditonia.com/dblog/articolo.asp?articolo=110
=============
VERGOGNA  AI CULATTONI GENDER, HANNO VOTATO ED HANNO DETTO, CHE, è GIUSTO, CHE, TUTTI I GAY DEVONO ESSERE IMPICCATI, IN TUTTA LA LEGA ARABA ONU SHARIAH! TANTO è GRANDE IL LORO ODIO CONTRO, IL REGNO DI DIO, CHE, IN QUESTO CASO, RINUNCIANO A TUTTI I DIRITTI UMANI! MA, SENZA DIRITTI UMANI, NON SI PUò RICONOSCERE NULLA E NESSUNO! QUINDI SEL HA CONDANNATO A MORTE I GAY, E UNIUS REI HA COMBATTUTO PER SALVARLI DAL GENOCIDIO SHARIAH NAZI, SENZA DIRITTI, SENZA LIBERTà DI RELIGONE CHE ISLAM OGGI è PEGGIO DEL NAZISMO, VERGOGNA !! ] [ Mozione Sel a Senato,ok Stato Palestina. Testo simile a provvedimento approvato da Camera Comuni inglese
 ] ROMA, 15 OTTOBRE - Riconoscere lo Stato di Palestina oltre allo Stato di Israele come contributo ad assicurare una soluzione negoziata dei due Stati. Lo chiedono al Governo i senatori di Sinistra ecologia e Libertà, De Cristofaro, Petraglia, De Petris, Barozzino, Uras, Cervellini e Stefàno, e la senatrice Mussini del Gruppo Misto che hanno presentato oggi una mozione in Aula simile a quella approvata a larghissima maggioranza il 13 ottobre scorso dalla Camera dei Comuni inglese.
=====================
#Siria, Terroristi Nusra eliminati durante tentativo infiltrazionE. [ TUTTA LA CATTIVERIA DELL'ISLAM CORANICO SHARIAH IN SIRIA, TUTTI  I CRIMINI SHARIAH, DELLA LEGA ARABA CONTRO SE STESSA! ] VOI MASSONI BILDENBERG AVETE SEMINATO VENTO, E NOI ORA DOBBIAMO RACCOGLIERE LA TEMPESTA!
L'esercito sventa tentativo infiltrazione di terroristi Nusra in quartiere Zablataneh est Damasco, neutralizza decine di loro
William Benjamin The corpses of Obama´s dogs. CIA paid mercenaries sent to hell where they belong. CIA ha pagato mercenari inviati all´inferno, a qui appartengono. I cadaveri di cani Obama´s.
William Benjamin Syrian Army has killed more terrorists than NATO has done in 13 years.
Simone Moiraghi Ma sono gli infami che scappano dal quartiere Jobar credo? sti bastardi amici dei sionisti!!!!!!!!!!!!!!
Ismet Bey vedere queste immagini non m'incute nessun sentimento di pietà,anzi.
Mahdi Haidar good job:) there is no more room in hell!haha
Romano Vallarin Onore, onore, onore, onore e GLORIA all'esercito Arabo-Siriano!!!!
 "La pressione militare dell'ISIS in Siria e in Iraq implica rischi rilevanti per l'Europa e per l'Italia", "l'Italia, insieme a Onu e Ue, consideri con estrema attenzione gli eventi" ed "eserciti ogni possibile sforzo per prevenire, in particolare, l'ulteriore destabilizzazione della Libia". E' quanto afferma il Consiglio Supremo di Difesa.
=======================
TG 24 Siria, MERCENARI DAESH-ISIL USANO ARMI CHIMICHE CONTRO COMBATTENTI CURDI
ECCO CHI CONTINUA A USARE ARMI CHIMICHE!!!I MERCENARI DAESH-ISIL USANO GAS CHIMICI (PROBABILMENTE TURCHI) CONTRO COMBATTENTI CURDI IN SIRIA.
L'evidenza di questi attacchi con armi chimiche contro i combattenti resistenti curdi sono stati evidenziati e riportati in un video trasmesso da Russia Today di oggi, con interventi di esperti e anche con il commento del giornalista freelance siriano Alaa Ibrahim, noto per molti resoconti video sui campi di battaglia siriani e quale tele-cronista per i notiziari TV in lingua inglese da Damasco.

Gabriele Bonfiglio E' scandaloso il modo in cui i nostri giornalisti (pure quelli dell'opposizione...LA7, Fatto Quotidiano) stiano pompando sta cosa dell'Isis...vogliono portarci alla guerra totale. Ed è ancora più assurdo che ci siano analisti di geopolitica (molti dei quali pure a Limes) che per giustificare quanto fatto dall'Occidente negli ultimi 25 anni è stato frutto di incapacità. Dire che la politica americana ha prodotto danni e che l'Isis è stato sottovalutato per incapacità è davvero criminale. La Cia ha i migliori analisti al mondo. Loro hanno provocato volontariamente la destabilizzazione del mondo. Bisogna avere il coraggio di capire e ammettere che siamo dal lato sbagliato della storia. Bisogna dichiararsi neutrali subito, e se necessario stabilire buoni rapporti con la Russia, se no gli americani ci porteranno gradualmente alla catastrofe. Non sottovalutate quanto scritto
13 ottobre alle ore 14.08
Marco Madeo Ma come hanno fatto quelli dell'isis a procurasi le armi Chimiche...???'.... Ameri-cani... merdosi...
13 ottobre alle ore 14.28
Giuseppe Graziano Turchi ecco come ..
13 ottobre alle ore 14.35
Enzo Lecci Da incorniciare Gabriele
13 ottobre alle ore 21.10
Francesco Il Principe Princigalli Infatti è tutto previsto. E la reazione turca è la prova.
Ieri alle 0.39
Gabriele Bonfiglio E sai qual'è il problema? Che se uno stronzo come me già tre anni fa aveva previsto tutto quello che sarebbe successo dall'ucraina a tutto il mondo arabo figurati se loro non potevano non saperlo!!!! Sono dei criminali. Mi dispiace, ma l'italia ha bisogno di un nuovo regime, appoggiato dalla russia...perché da soli non siamo in grado di far rispettare la nostra sovranità. Bisogna disfarsi di questi parassiti venduti e renderci conto che bisogna passare con l'est.
=========================
ERDOGAN SAUDI ARABIA SHARIAH NAZI GENOCIDIO, ALLAH AKBAR MORTE ALL'INFEDELE! .. #Siria, Gruppo terroristico assassina il parlamentare della provincia di Hama Waris al-Younes
Il rappresentante della provincia di Hama all'assemblea del Popolo, Waris al-Younes, è stato ucciso quando i terroristi hanno aperto il fuoco sulla sua auto sulla strada tra Hama e al-Salamiya.
Una fonte al Comando di Polizia di Hama ha detto a SANA che i terroristi hanno aperto il fuoco sulla vettura di al-Younes 'vicino all'incrocio di Um al-Twaikiye, Martedì mezzanotte, mentre si stava dirigendo dalla città di Hama in città al-Salamiya.
La fonte ha aggiunto che l'attacco terroristico ha provocato l'uccisione di un altro civile che era alla guida della sua auto nelle vicinanze dove l'attacco ha avuto luogo.
Una fonte al National Hospital di al-Salamiya ha detto che Al-Younes è morto a causa di grave sanguinamento causato da un colpo di pistola che ha colpito il lato sinistro del petto.
Al-Younes è nato nel villaggio di al-Sabboura nella campagna della provincia di Hama nel 1969.
======================
perché gli USA sono i satanisti! PERCHé LA LEGA ARABA SONO ISIS SHARIAH ] TG 24 Siria, 13 ottobre, #Mercenari del #BAHRAIN in #Siria: IL FANTOCCIO DI OBAMA, #AL_KHALIFA, MENTRE PARTECIPA ALLA COALIZIONE USA CONTRO DAESCH-ISIL, HA NUMEROSI CITTADINI, ANCHE DEI SERVIZI, DEL BAHRAIN TRA CAPI MERCENARI #DAESH-#ISIL AGLI ORDINI DI ABU BAKR #AL_BAGHDADI. Desi­de­rosa di com­pia­cere gli alleati ame­ri­cani — gli Stati Uniti in que­sto minu­scolo arci­pe­lago del Golfo hanno la base della V Flotta -, la monar­chia al Kha­lifa il mese scorso ha ade­rito alla (pre­sunta) Coa­li­zione anti-Isis. Que­sto "impe­gno con­tro il ter­ro­ri­smo" si scon­tra con la pre­senza di nume­rosi cit­ta­dini del Bah­rain tra capi e mili­ziani agli ordini dell'emiro dello Stato Isla­mico, Abu Bakr al Bagh­dadi. Manama. Nabil Rajab, noto attivista dei diritti umani, è stato arrestato perchè ha denunciato ciò che è evidente da tempo. La monarchia al Khalifa da un lato fa parte della Coalizione voluta da Obama e dall'altro non ferma, se non addirittura favorisce, l'adesione allo Stato Islamico di bahraniti sunniti, non pochi dei quali sono ex membri dei servizi di sicurezza. Nabil Rajab ha pagato ancora una volta con l'arresto la denun­cia della poli­tica della monar­chia asso­luta del Bah­rain. Scar­ce­rato appena qual­che mese fa, il diret­tore del Cen­tro per i Diritti Umani nel Golfo, è finito die­tro le sbarre per un tweet che ha messo a nudo una realtà che si vuole nascon­dere. Il Bah­rain par­te­cipa alla Coa­li­zione capeg­giata da Barack Obama con­tro lo Stato Isla­mico. Allo stesso tempo, ha scritto Rajab, il paese è un «incu­ba­tore ideo­lo­gico» per jiha­di­sti sun­niti che vanno a com­bat­tere in Iraq e Siria. Non solo. L'attivista bah­ra­nita ha accu­sato ex dipen­denti del mini­stero dell'interno di essersi uniti all'Isis. La poli­zia poli­tica, fa capire Rajab, uti­lizza feroci leggi anti­ter­ro­ri­smo per far tacere gli oppo­si­tori ma non muove un dito con­tro i pre­di­ca­tori che esor­tano al jihad. Pre­di­ca­tori che evi­den­te­mente ser­vono alla monar­chia per fomen­tare l'attivismo con­tro la mag­gio­ranza sciita della popo­la­zione che – con il soste­gno di espo­nenti sun­niti demo­cra­tici – da anni lotta per l'uguaglianza e un nuovo Bah­rain. Per re Hamad bin Isa al Kha­lifa invece gli oppo­si­tori sareb­bero solo dei burat­tini di Teh­ran e del movi­mento liba­nese Hez­bol­lah, "sov­ver­sivi" che inten­de­reb­bero con­se­gnare il Bah­rain agli ayatollah. Desi­de­rosa di com­pia­cere gli alleati ame­ri­cani — gli Stati Uniti in que­sto minu­scolo arci­pe­lago del Golfo hanno la base della V Flotta -, la monar­chia al Kha­lifa il mese scorso ha ade­rito alla (pre­sunta) Coa­li­zione anti-Isis. Que­sto "impe­gno con­tro il ter­ro­ri­smo" si scon­tra con la pre­senza di nume­rosi cit­ta­dini del Bah­rain tra capi e mili­ziani agli ordini dell'emiro dello Stato Isla­mico, Abu Bakr al Bagh­dadi. Che quella di Nabil Rajab non sia solo una tesi lo dimo­stra un video, messo in rete qual­che giorno fa, in cui un ex tenente, Moha­med Isa al Binali, assieme ad altri bah­ra­niti — Abu-Laden Albah­raini, Abu-Alfida Al Salami and Qaswara Albah­raini – esorta i sun­niti del suo paese ad unirsi all'Isis. Al Binali un anno fa era all'Accademia Mili­tare. A set­tem­bre le auto­rità hanno annun­ciato il suo licen­zia­mento per "assenza pro­lun­gata" eppure già da quat­tro mesi si sapeva che il "tenente" si era unito all'Isis. Al Binali fa parte di una fami­glia molto vicina alla monar­chia ed è il cugino di Turki al Binali, un noto pre­di­ca­tore sun­nita rite­nuto un "con­si­gliere" dell'emiro al Bagh­dadi. Arre­stato più volte per le sue esor­ta­zioni al jihad regio­nale e glo­bale con­tro gli sciiti e gli "infe­deli", Turki al Binali è stato libe­rato, ogni volta, dopo qual­che giorno di car­cere. Un video recente (https://www.youtube.com/watch?v=7CKv56mqPBU#t =61) lo mostra men­tre tiene un raduno di pro­te­sta davanti all'ambasciata ame­ri­cana a Manama. La poli­zia resta a guar­dare men­tre non avrebbe esi­tato a disper­dere con la forza una paci­fica mani­fe­sta­zione dell'opposizione. Peral­tro i libri del pre­di­ca­tore al Binali, che inci­tano all'odio set­ta­rio, sono dispo­ni­bili ovun­que nel paese dove invece sono oscu­rati i siti sco­modi. Al movi­mento anta­go­ni­sta bah­ra­nita resta dispo­ni­bile solo un gior­nale, al Wasat. «L'arresto di Nabil Rajab non deve sor­pren­dere, ormai la monar­chia ha messo da parte qual­siasi idea di riforma ed è tor­nata al pugno di ferro. Pur­troppo il mondo non guarda al Bah­rain, a ciò che accade qui. Il re con la par­te­ci­pa­zione alla Coa­li­zione ritiene di essersi garan­tito un ulte­riore via libera dell'Occidente alla linea dura all'interno del paese», si lamenta la gior­na­li­sta e atti­vi­sta Reem al Kha­lifa, rimar­cando che a novem­bre oltre alle ele­zioni — desti­nate a ricon­fer­mare al potere la mino­ranza sun­nita che appog­gia il re — si terrà in Bah­rain un impor­tante ver­tice sulla sicu­rezza regio­nale. Nes­suno – aggiunge la gior­na­li­sta — ricorda più la san­gui­nosa repres­sione della rivolta di Piazza della Perla nel 2011, attuata dallo "Scudo del Golfo", le truppe di pronto inter­vento del Con­si­glio della Coo­pe­ra­zione del Golfo domi­nato dall'Arabia sau­dita, pro­tet­trice della monar­chia al Khalifa. Tra la popo­la­zione cre­scono nel frat­tempo fru­stra­zione e rab­bia, ben pochi dei bah­ra­niti che lot­tano per cam­biare il paese, cre­dono ancora alle pos­si­bi­lità di un pro­cesso poli­tico. «Dopo tre anni di pro­te­ste – con­clude Reem Kha­lifa – di mani­fe­sta­zioni represse nel san­gue (un cen­ti­naio i morti, ndr), di arre­sti e con­danne degli oppo­si­tori, i bah­ra­niti sono stan­chi e delusi. I gio­vani guar­dano con scet­ti­ci­smo alla lotta paci­fica». I social net­work per­ciò ser­vono a orga­niz­zare le pro­te­ste ma anche a con­te­stare chi è troppo soft con una monar­chia che non esita ad usare la vio­lenza set­ta­ria e a sbat­tere in galera, nel silen­zio degli alleati occi­den­tali, atti­vi­sti dei diritti umani pre­sti­giosi come Nabil Rajab, Abde­lhadi al Kha­waja e sua figlia Maryam al Kha­waja (libera su cau­zione ma sotto processo).
http://cristianofobia.altervista.org/blog/il-bahrain-con-e-contro-lisis-il-manifesto/
Maud Chifamba via Change.org (mail@change.org) 15/10/2014 Newsletter. A: lorenzo_scarola@fastwebnet.it
Maud è un'orfana dello Zimbabwe e a 16 anni si sta per laureare. Ha lanciato una petizione per chiedere che l'istruzione delle ragazze venga inserita nell'agenda dello sviluppo post 2015. Unisciti a lei.
Firma la petizione  Ciao lorenzo, Mi chiamo Maud, ho sedici anni e ho cominciato a svegliarmi alle cinque per andare a scuola esattamente nove anni fa. La mia scuola era molto distante da casa, con strade impraticabili durante la stagione delle piogge. A qualcuno di voi sembrerà strana questa situazione, ma non lo è per la maggior parte delle ragazze e dei ragazzi del mio Paese, lo Zimbabwe, dove frequentare la scuola è spesso una fortuna a maggior ragione quando si è orfani. Io ho perduto mio padre quando avevo cinque anni. Mia madre subito dopo si è ammalata di tumore ed è morta qualche anno dopo. L'unico che ha potuto occuparsi di me è stato mio fratello maggiore.
Io però non ho mollato. Mi piaceva studiare e usavo ogni istante per imparare, così sono diventata, a soli 14 anni, la più giovane studentessa universitaria africana. Per questo Forbes mi ha segnalato come una delle 5 giovani donne più influenti d'Africa. Non credo di essere più intelligente della maggior parte dei miei coetanei. Devo molto al mio impegno e molto alla fortuna e all'aiuto dei miei cari. Oggi, quello di cui sono più orgogliosa, è il fatto di rappresentare un modello e una speranza per tante ragazze che all'istruzione non possono accedere. Ragazze il cui destino è spesso quello doversi sposare a 13 o 14 anni. O di rischiare una gravidanza precocealla stessa età. O peggio, di finire sfruttate e abusate. Ecco perché vi racconto la mia storia.
Le ragazze che vivono in contesti di povertà, come il mio sono ad alto rischio e l'istruzione è per noi l'unica arma per cambiare il mondo in cui viviamo e partecipare alla vita economica, sociale e culturale dei nostri paesi. Eppure quando all'ONU hanno deciso di fissare gli Obiettivi del Millennio si sono dimenticati di noi ragazze. Questo non deve succedere più. Dobbiamo cambiare le cose. So che le Nazioni Unite stanno lavorando, insieme alla società civile, per creare una nuova agenda dello sviluppo. Nel mese di Settembre del prossimo anno l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite dovrà adottare i nuovi obiettivi che potranno avere un impatto importante sulla vita delle ragazze. Chiedo in quell'occasione di poter portare la mia testimonianza e la voce delle milioni di ragazze che vivono in contesti di povertà come il mio: chiedo che l'istruzione delle ragazze diventi un obiettivo prioritario della comunità internazionale e venga inserita nell'agenda dello sviluppo post 2015. Grazie, Maud Chifamba via Change.org Firma la petizione
===========================
questo è un mondo senza logica, PERCHé QUALCUNO COME https://www.facebook.com/antimo.marandola?fref=ts NON HA RISPOSTO ALLE DOMANDE DI UNIUS REI! E POI, è VENUTA LA DIPLOMAZIA, E COSì LA GENTE MUORE!
15 ottobre 2014, La Francia dice sì alle armi ai curdi per la guerra contro ISIS. Le autorità francesi forniranno ai soldati armati delle milizie curde in guerra contro gli uomini del gruppo radicale Stato Islamico (ISIS) nel nord della Siria.
Secondo il presidente francese Francois Hollande, Parigi ha intenzione di consegnare le armi ai combattenti della milizia curda per fermare l'avanzata dei militanti di ISIS verso la città siriana di Kobani. Il capo di Stato ha sottolineato che Parigi "farà tutto il possibile per aiutare" i curdi siriani.
Non è stato segnalato il tipo di armi che verranno inviate ai curdi.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/La-Francia-dice-si-alle-armi-ai-curdi-per-la-guerra-contro-ISIS-4436/
MA, STARE NELLA NATO, PER LA TURCHIA COSA SIGNIFICA? QUESTA DELLA LEGA ARABA NAZI SHARIAH, è TUTTO UN ATTO DI ALTO TRADIMENTO! ] [ 15 ottobre 2014, Se la Turchia entra nella UE collaborerà nella creazione di un esercito europeo.. Nel caso di adesione all'Unione Europea, la Turchia contribuirà alla creazione di un esercito europeo di 60mila uomini, ha dichiarato il ministro per gli Affari Europei della Turchia Volkan Bozkir in un'intervista al quotidiano turco Milliyet.
Bozkir ha inoltre affermato che la Turchia soddisfa i 4 criteri chiave per l'ingresso nella UE e ciò potrebbe avere un impatto strategico positivo sul futuro dell'Unione Europea. Secondo il politico, si tratta di una forte economia, una popolazione giovane e laboriosa, una posizione strategica sulle rotte di approvvigionamento energetico, in una regione in cui si trova il 70% delle risorse petrolifere e di gas mondiali, ed infine le sue forze armate.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/Se-la-Turchia-entra-nella-UE-collaborera-nella-creazione-di-un-esercito-europeo-5128/
ANCHE ALLA UE PIACE FARE IL GENOCIO, ADESSO, COME FA ANCHE LA LEGA ARABA, ED ENTRAMBI SONO NATI DALL'ALTARE DI SATANA IN USA 322 BUSH! ] [15 ottobre 2014, [[ PERCHé, SI TELEFONANO QUESTE ZAVORRE, SE, HANNO GIà DECISO TUTTO NELLA MASSONERIA? HHhhh LO SPETTACOLO DELLA POLITICA, PER IL POPOLO SCHIAVO DELLA USUROCRAZIA ROTHSCHILD! ]] Kiev accusa i filorussi di aver violato la tregua in oltre mille casi nel Donbass. Il ministero degli Esteri dell'Ucraina ha affermato che, dalla firma dell'accordo di cessate il fuoco di Minsk, i combattenti delle Repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk hanno violato la tregua più di 1.400 volte, è scritto nella pagina Twitter del dicastero della diplomazia ucraina. Inoltre nel tweet si rileva che negli scontri sono rimasti uccisi 68 militari ucraini, mentre 428 sono stati feriti. Inoltre sono rimasti uccisi 51 civili. Secondo i dati delle Nazioni Unite, in Ucraina durante il cessate il fuoco sono rimaste uccise più di 330 persone.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/Kiev-accusa-i-filorussi-di-aver-violato-la-tregua-in-oltre-mille-casi-nel-Donbass-7215/
http://cdn.ruvr.ru/2014/10/15/1493902013/9femen-44582714.jpg
KILL PUTIN! ] lol. è una vera fotuna, che, Putin aveva messo le mani per proteggere il suo pene! [ Il tribunale di Parigi ha giudicato colpevole l'attivista del movimento femminista ucraino Femen Yana Zhdanova di vandalismo e l'ha condannata a pagare una multa di 6000 € per i danni fatti sulla scultura in cera del presidente russo Vladimir Putin. La multa è stata inflitta congiuntamente ai reati di atti osceni in luogo pubblico, disturbo della quiete pubblica, danni materiali all'esposizione di una mostra e danni morali.
Il fatto è avvenuto il 5 giugno scorso. Poco prima dell'arrivo di Putin per le celebrazioni dello sbarco degli Alleati in Normandia, la ragazza aveva buttato per terra la statua di cera del capo di Stato russo per poi farla a pezzi con una paletta.
 http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/Multa-da-6-000-ad-attivista-Femen-per-aver-danneggiato-scultura-in-cera-di-Putin-5856/
L'ex Femen Amina Sboui è stata simbolicamente condannata dal tribunale di Parigi ad una multa di 1.500 euro (che però è stata sospesa) per aver inventato di essere stata aggredita mentre usciva da una stazione del metrò parigino. I fatti risalgono a luglio, quando la tunisina di 19 anni pubblicò una sua foto sul suo profilo Facebook affermando che cinque salafiti l'avevano minacciata e le avevano rasato le sopracciglia ed un ciuffo di capelli.
Egidio Cavallini · Top Commentator · Verona
perchè "simbolicamente"? chi inventa accuse cosi gravi, capaci di fomentare odio razzistico non dovrebbe essere severamente punito?
=====================
ok! CHI RIMPROVERA LA NATO, PER LE SUE MANOVRE MILITARI ADESSO? QUINDI SOLO LA RUSSIA DEVE ESSERE RIMPROVERATA? E POI, AVETE INIZIATO TUTTO QUESTO GIRO DI AVVOLTOI, PERCHé, VOI AVETE DETTO, TUTTO QUELLO CHE DICE IL POPOLO SIRIANO ED IL POPOLO DEI RUSSOFONI? A NOI I NAZISTI BILDENBERG? NON IMPORTA NIENTE! ] 15 ottobre 2014, NATO, nel Mediterraneo iniziate le esercitazioni militari della nuova forza di risposta rapida. Nel Mediterraneo hanno preso il via le esercitazioni militari internazionali della forza di risposta rapida della NATO, con la partecipazione di oltre 5mila militari dei 14 Paesi firmatari il Trattato Nord Atlantico: Belgio, Gran Bretagna, Germania, Grecia, Spagna, Italia, Canada, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Stati Uniti d'America, Turchia e Francia. Nelle manovre sono coinvolti militari della Finlandia e della Svezia, Paesi partner della NATO. Le esercitazioni continueranno fino al 26 ottobre: in esse prendono parte 20 navi da guerra, sottomarini e diversi aerei.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_10_15/NATO-nel-Mediterraneo-iniziate-le-esercitazioni-militari-della-nuova-forza-di-risposta-rapida-4708/
MOSCA, 23 SET - Mosca ha organizzato nell'estremo oriente russo la più colossale esercitazione delle sue forze armate dai tempi dell'Urss mobilitando - a quanto riferisce la tv Russia Today - 100.000 militari, più di 1.500 carri armati, 120 aerei, 5.000 mezzi bellici e 70 navi da guerra. Durante l'esercitazione - denominata Vostok-2014 - i militari russi si sono addestrati tra le altre cose a rispondere a un attacco aereo, respingere uno sbarco di truppe nemiche e attaccare una portaerei.
MA, GESù HA DETTO: "CHE SCHIFO, FATE SCHIFO, ARRIVERà IL GIORNO CHE IO VI ROMPERò IL CUL0! " Divorzio 'facile' anche con figli minori. Lo prevede il dl di riforma del processo civile, domani in aula. 15 ottobre 2014. Giuseppe Cucca, Orlando, Senato, Partito Democratico. 15 OTT - Divorzio facile anche se in presenza di figli minori o disabili. In Commissione Giustizia del Senato, con la mediazione del ministro Orlando e del relatore Giuseppe Cucca (PD) passa la parte del dl di riforma del processo civile in cui si prevede la negoziazione assistita anche per la separazione tra coniugi, pur prevedendo la possibilità di un passaggio in Procura. Il dl da domani all'esame dell'aula. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2014/10/15/divorzio-facile-anche-con-figli-minori_db103e98-8216-4599-b41c-9879a53a7668.html
IL DIVORZIO è UN CRIMINE SOCIALE! DEVONO INTERVENIRE GLI PSICOLOGI, E GLI ASSISTENTI SOCIALI, CONSULTORI, ECC.. A TUTELA DEL GIUDICE! QUELLI CHE VOGLIONO DIVORZIARE? DEVO FARE LA ESPERIENZA DI CHE COSA SIGNIFICA LA PAURA! ED IL CONIUGE COLPEVOLE, DEVE ESSERE PUNITO CON IL CODICE PENALE!
Divorzio 'facile' anche con figli minori
Lo prevede il dl di riforma del processo civile, domani in aula
http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2014/10/15/divorzio-facile-anche-con-figli-minori_db103e98-8216-4599-b41c-9879a53a7668.html

18 marzo, 13:27
Lettere dai Lettori

In questo spazio pubblichiamo le lettere ricevute all'indirizzo di posta elettronica Web-it@ruvr.ru

RIFLESSIONI CINEMATOGRAFICHE, "IL SACRIFICIO" E "SOLARIS"

Il sacrificio

Il Sacrificio è l'ultimo film di Tarkovskij, questo grande regista Russo nato nel 1932 e morto nel 1986. Perché sacrificio? Il sacrificio è stato quello di abbandonare la Russia nel periodo Sovietico, dove una volta usciti non si poteva più rientrare e questo per un Russo equivale alla dannazione eterna. Lo stesso è capitato al mio amico Victor Motko, nato a Odessa nel 1940 e desaparecido dal 1981, forse messo in una fossa comune in Italia, fu uno dei più grandi pittori dell'unione Sovietica, allevato all'accademia di Mosca, la mancanza della Russia lo portò alla disperazione totale come in Maldel'stam nell'ultimo periodo ebbe crisi uditive e poi la pazzia. (Gli eventi che succedono in Ucraina ne sono un presagio). Scriveva Turgenev " la Russia per capirla, non la puoi capire né vedendola né con la ragione, la puoi solo sentire".

Ho studiato la letteratura Russa fino all'età di sedici anni, quando conobbi nel 1976 Victor entrai nel mondo della Russia antica,quello delle Cattedrali Russe e delle sue Iconastasi (Andreyj Rublev di Tarkovskij o Ivan il terribile di Ejzenstejn). Ma queste sono solo reminiscenze d'un vecchio poeta. Andando al nodo di quanto ho scritto sopra "La Russia e l'occidente" difficilmente conciliabili. Prendendo il capolavoro di Tarkovskij "Solaris" film estremamente poetico, talmente profondo da incarnare tutta la letteratura Russa ( la versione Italiana è stata mozzata di venti minuti di film) è come tagliare un pezzo del giudizio universale di Michelangelo. Al di là delle inquadrature, delle musiche, della ricostruzione poetica del suo linguaggio, del suo messaggio che prima di violentare lo spazio per cercare la sua identità, l'uomo la deve cercare qui sulla terra se no vive coi fantasmi.

Questo film è un film di memoria e Solaris non fa che rincarnare nel protagonista la memoria della donna amata e perduta e far rinascere tutte le ferite dell'anima che aveva sepolte come il suicidio della stessa amata. Ma ciò che si è commesso non può più rinascere è pura illusione, il tempo passato si è perduto e dagli errori commessi non si può uscirne fuori. Il ripensamento del protagonista "tutto simbolico" di tornare sulla terra e chiedere scusa al padre e sperare nella resurrezione, tema profondamente Russo. Di questi pensieri la nostra letteratura Italiana si assimila alla Russa con l'esempio del "Petrarca e del Leopardi, due poeti della memoria". Il Solaris Americano diretto Steven Sodebergh, anche se è un bel film, non ha neanche minimamente la profondità del film di Tarkovskij, la sua chiusa è una telenovela, il protagonista rimane con la sua indefinita amata in una probabile quanto illusoria eternità.



Mario Pozzi



INVITO

Roma, 11 ottobre 2014,

Convegno politico e scientifico della Rete No War (e altri)

"E' NATO per la guerra"

c/o Casa internazionale delle donne, via della Lungara 19Locandina qui: http://bit.ly/nato-e

La Nato non ci protegge dalle guerre. Le crea – costringendoci poi a parteciparvi. E' ora di ripensare la nostra adesione.

Ecco la premessa del convegno sulla Nato che la Rete NoWar-Roma (nowar@gmx.com) terrà sabato, 11 ottobre 2014, presso la Casa delle Donne in via della Lungara 19, Roma.

L'incontro s'intitola: "E' NATO per la guerra: come uscire dal patto Atlantico".

Il convegno si propone, infatti, di analizzare i gravi rischi ai quali l'adesione alla NATO espone l'Italia nei prossimi anni e quindi dilanciare una campagna per l'uscita dell'Italia dal patto atlantico, anche a tappe e anche con l'impiego di strumenti legislativi.

Parleranno la mattina, a partire dalle ore 10:

Antonio Mazzeo,

peace-researcher e Premio Bassani 2010 per il giornalismo, sul "Sistema delle basi militari in Italia";

Manlio Dinucci,

giornalista del Manifesto, saggista ed esperto di geopolitica, sulla "Strategia della nuova Nato";

Claudio Giangiacomo,

giurista, membro della IALANA (giuristi per il disarmo nucleare) e redattore della Legge di Iniziativa Popolare contro le basi e le servitù militari, sulla "Illegittimità costituzionale della Nato".

Ci sarà anche un collegamento internazionale tramite Skype con un parlamentare irlandese sul ruolo dell'Irlanda nella NATO (l'Irlanda, pur essendo un partner, non deve partecipare alle guerre NATO o ospitare basi NATO sul proprio suolo) e un messaggio dal Premio Nobel per la Pace, l'irlandese Mairead Maguire.



buonasera, volevo semplicemente fare gli auguri di buon compleanno al presidente Sig. Putin, apprezzo moltissimo la sua persona,e garantisco che tanti italiani sono con Lei. amo moltissimo il suo paese e la sua cultura, ancora tanti auguri Sig. Presidente di cuore e da amico.



grazie



luca



Le Acli: l'Italia, come la Svezia, riconosca lo Stato palestinese



Roma, 7 ottobre 2014- Per porre fine al conflitto tra Israeliani e Palestinesi le Acli (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani) ribadiscono il sostegno alla soluzione 'due Popoli e due Stati' e ritengono che l'immediato riconoscimento dello stato palestinese da parte della Comunità intenzionale favorisca tale prospettiva la quale non può prescindere da un riconoscimento reciproco delle due parti.

"Per questo – afferma Alfredo Cucciniello, responsabile Pace Acli nazionali - le Acli valutano positivamente la decisione annunciata venerdì scorso dal nuovo primo ministro svedese Stefan Löfven di riconoscere lo Stato della Palestina. La Svezia è la quarta nazione dell'Ue a riconoscere la Palestina, dopo l'Ungheria, la Polonia e la Slovacchia. Le Acli chiedono che anche il governo di Roma proceda all'immediato riconoscimento dello stato di Palestina come atto concreto e significativo per impegnare le parti in conflitto a trovare al più presto una accordo di pace che garantisca la sicurezza e la libertà dei popoli Israeliano e Palestinese".

Ufficio stampa Acli nazionali Via Marcora 18/20 - 00153 Roma Tel. 335.6197480 -




Buongiorno Direttore!

Sono l'Avv. Giovanni Giuliano, Presidente dell'Associazione Puglia - Russia.

Vi faccio i complimenti per per come sapete mostrare la Russia al mondo occidentale con i vostri articoli giornalistici.

Purtroppo qui in Italia le informazioni sulla Russia vengono fornite distorte e non veritiere per le ovvie pressioni

degli Stati Uniti e dell'Unione Europea che hanno potere incontrastato in Italia.

Vi scrivo per proporvi una collaborazione.

Sul sito dell'Associazione Puglia - Russia (www.puglia-russia.com) ho già inserito il link diretto al vostro sito web.

Vorrei inserire anche alcune notizie, le più significative, ricevute dal vostro sito tramite RSS

e che, quindi, si aggiornano automaticamente e che rimandano al vostro sito per la lettura dell'intero articolo.

In più posizionerò il logo de La Voce della Russia prima dei riquadri con le notizie.

Posso avere la Vostra Autorizzazione?

Ovviamente potete considerare l'Associazione Puglia - Russia come vostra parter,

sarei felice di poter collaborare con voi in futuro per ulteriori iniziative dirette a far conoscere

meglio in Italia la nazione ed il popolo russo.

In attesa di riscontro, Le porgo i migliori e più cordiali saluti.

Avv. Giovanni Giuliano





Il Vescovo di Aleppo: l'intervento armato contro l'ISIS porterà altro caos

http://oraprosiria.blogspot.it/2014/09/il-vescovo-di-aleppo-lintervento-armato.html







Intervista a padre Georges Abou Khazen

di Davide Malacaria



Ormai il 60% della popolazione ha abbandonato Aleppo, la città siriana che sta diventando il simbolo di questa guerra che dura tempo e che molti si ostinano a chiamare civile, ma che di civile non ha nulla. Simbolo perché la presenza cristiana è più numerosa che altrove in Siria, anche se ora è ridotta a un piccolo gregge. E perché ormai da anni resta in un tragico stallo che vede metà città occupata dai tagliagole anti-Assad che rendono impossibile la vita nei quartieri non occupati. I cosiddetti ribelli vi imperversano con bombardamenti continui, giorno e notte, e nei mesi scorsi hanno tagliato per ben due volte le tubature che rifornivano di acqua l'intera popolazione civile. Il vescovo di Aleppo, padre Georges Abou Khazen, racconta di quei giorni, quando flussi continui di gente si affollavano presso le fontane edificate vicino a chiese e moschee per tentare di limitare i danni di quell'atto terroristico che ha prostrato la città. Una penuria di acqua che ancora continua, nonostante il ripristino della rete idrica, aumentando i disagi di una popolazione stremata dai bombardamenti continui.



È a Roma il vescovo, come altri nuovi vescovi di fresca nomina riuniti in Vaticano. E lo incontriamo alla Delegazione di Terra Santa, sua dimora provvisoria prima di tornare alla sua città che da poco, rivela, sta conoscendo un nuovo orrore: i cannoni dell'inferno, come gli jihadisti chiamano il loro ultimo ritrovato balistico. Si tratta di bombole di gas che i cosiddetti ribelli anti-Assad lanciano a grande distanza e fanno esplodere contro civili inermi, spesso modificati applicando sulla bomba artigianale pezzi si ferro e altro che, nell'esplosione, spandono all'intorno schegge, aumentandone la portata letale. Una sorta di bombe a frammentazione fatte in casa, vietate dalle convenzioni internazionali. Bombole di gas che probabilmente arrivano in Siria sotto forma di aiuti umanitari alla popolazione…



Inoltre, prosegue il presule, i miliziani hanno iniziato a usare i tunnel sotterranei che partono dalla cittadella, l'antica fortezza di Aleppo, per raggiungere le varie zone della città: in particolare per piazzare i loro ordigni esplosivi sotto gli edifici storici; ormai il suk, dichiarato patrimonio dell'umanità dall'Unesco, è un cumulo di macerie.



A monsignore chiediamo dell'Isis, che incombe a 20 chilometri da Aleppo. «Ora si parla tanto di Isis– risponde – e americani e altri vogliono intervenire per fermarlo. Ma temo che si stia ripetendo un tragico errore: ogni volta che gli americani sono intervenuti militarmente in una regione hanno solo alimentato il caos e le divisioni. A proposito di questo Isis c'è poi da ricordare che Hillary Clinton di recente ha detto che gli Usa si trovano a combattere ciò che hanno creato loro stessi. Già perché l'Isis fu creato per andare contro Assad… ».

Non che non serva intervenire, specifica monsignore, ma per fermare questo mostro serve ben altro che le bombe: «Anzitutto occorre fermare i finanziamenti e il flusso di armi verso questi miliziani: hanno armi sofisticatissime, chi gliele dà?». Gli diciamo che sui giornali italiani scrivono che questi armamenti sono stati saccheggiati dall'Isis all'esercito iracheno. Sorride ironico: vero in parte, spiega, e in parte no. «Poi bisogna smettere di comprare il petrolio dall'Isis», continua. Anche qui accenniamo a quanto riferiscono i giornali, secondo i quali sarebbe venduto ad Assad e agli iracheni. Sorride di nuovo: «Lo comprano le grandi compagnie petrolifere, a dieci dollari al barile invece che a cento…», afferma con sicurezza, come di cosa che in Siria sanno anche i sassi.



E invece continuano a rullare i tamburi di guerra. «Un intervento militare – prosegue il presule – aumenterà la destabilizzazione e renderà ancora più difficile la convivenza tra islamici e cristiani. E dire che questa è andata avanti per secoli, nonostante episodi critici. La Siria era esemplare in questo: c'era convivenza, pluralismo, rispetto. Una caratteristica che ancora dura, anche sotto le bombe cristiani e musulmani si sostengono a vicenda, si aiutano come possono. Questo anche perché per secoli il punto di riferimento degli islamici è stata l'Università di Al Azar, al Cairo, che propugnava un islam moderato. Oggi si sta diffondendo un islam più intransigente, quello wahabita dell'Arabia Saudita: i miliziani apportatori di morte e distruzione vengono da queste scuole, sono formati da muftì e imam di questo ramo islamico. Anche in Siria, quando arrivano, cacciano le autorità religiose locali e mettono le loro. E istituiscono i loro tribunali. Sono cose ignote all'islam della regione. E dire che l'Arabia Saudita sembra sia l'asse portante dell'alleanza che si sta formando contro l'Isis… ». Chiosa monsignore. Lo incalziamo, spiegando che in Occidente si pensa che siamo di fronte a una guerra tra islam e cristianesimo. Non è così, ripete: gli jihadisti ammazzano anche gli islamici che non la pensano come loro, buttano giù le loro moschee. Non è così, ripete.



Gli Stati Uniti, oltre a programmare l'intervento militare, hanno deciso di armare i ribelli moderatisiriani. Chiediamo a monsignore cosa ne pensa di questa decisione. «Moderati? E quali sono? Ce lo dicano, noi in Siria non ne vediamo. Tutto il mondo ora parla dell'Isis, ma tutti i gruppi armati che stanno insanguinando la Siria fanno barbarie simili a quelle dell'Isis. Un tempo c'erano anche siriani tra i cosiddetti ribelli, ma oggi l'80% di questi sono stranieri. Non ci sono moderati in Siria. Tra l'altro lo stesso Obama ha detto solo un mese fa che parlare di ribelli moderati in Siria è solo "fantasia"… non ne verrà nulla di buono da questa decisione. Sono armi che vanno in mano a terroristi, ad Al Qaeda». Tra l'altro racconta dei tanti siriani che sono fuoriusciti dalle fila dei ribelli per tornare con Damasco. Un fenomeno carsico che ha interessato centinaia, se non migliaia di persone, del quale l'Occidente ignora l'esistenza.



Resta che Assadè dipinto come un tiranno sanguinario da tutti i media nostrani… «Non sarà la Regina d'Inghilterra, ma ci sono tanti regimi dispotici nel mondo arabo – risponde monsignore -. Parlano delle violazioni dei diritti dell'uomo da parte di Assad… guardino l'Arabia Saudita, dove alle donne è proibito praticamente tutto. Dove a chi non è wahabita è proibito anche pregare in pubblico… Avevano chiesto che il regime si aprisse: Assad ha aperto al pluralismo e nelle ultime elezioni c'erano diversi partiti. Nonostante la guerra sono state abolite le leggi d'emergenza. Ha dato vita a una nuova Costituzione. Alle elezioni il popolo lo ha votato in massa. Certo, non si tratta di una democrazia occidentale, ma ci sono regimi molto peggiori in Medio Oriente…», conclude. E aggiunge che dei cristiani non c'è più traccia nelle zone cadute in mano ai ribelli: le chiese sono state distrutte e non ci sono più sacerdoti né suore né fedeli. Una situazione particolarmente dolorosa per il vescovo.



Già, la Chiesa, come vive in questa tempesta? Monsignor Abou Khazen non fa discorsi teorici, parla di cose. E racconta dei 25.000 pasti che i gesuiti preparano ogni giorno per gli abitanti di Aleppo, cristiani e islamici. Un'opera sostenuta anche grazie alle donazioni di musulmani in quello che appare un ecumenismo della carità. Come tanta è la carità dispiegata nei quartieri cristiani verso i profughi musulmani che vi si affollano. Racconta dell'ospitalità delle famiglie cristiane, della loro sollecitudine verso questa gente che ha perso tutto. «Ci sono tanti ragazzi volontari che portano assistenza a queste persone, sia a livello umanitario, sia a livello psicologico, con particolare riguardo ai bambini». Ma cose analoghe capitano anche all'inverso, nei quartieri islamici dove trovano rifugio i cristiani.







Quindi racconta degli anziani e dei portatori di handicap ospitati in un locale del Vicariato: «Si trovavano in una struttura islamica che è stata bombardata dai miliziani, così li abbiamo ospitati noi. All'inizio c'erano anche dei bambini di un orfanotrofio, ma questi ultimi abbiamo dovuto spostarli in un'altra struttura, dal momento che era un po' ingestibile. Questi locali appartenevano a uno studentato tenuto dalle suore. Pieni di crocifissi e immagini religiose. Immagini e crocifissi sono ancora tutti lì, insieme ai nostri ospiti che li hanno rispettati in maniera commovente». Il volto di monsignore si illumina mentre parla dei suoi "ospiti", e rallegra il cuore.



Lo studentato è dedicato a "Gesù operaio", specifica il presule. Quel titolo umile sta ancora lì, scolpito sulla pietra all'ingresso di questa struttura che ospita gli ultimi degli ultimi. Stride questa umiltà con il mostro feroce che ruggisce d'attorno.. Ma da queste parti è così da duemila anni. Dalla strage degli innocenti. Quella compiuta da Erode: non un truce islamista, ma uno scaltro funzionario dell'Impero.



Le ferite di Aleppo. Parla il vescovo Abou Khazen

«Mi viene da piangere confrontando quello che Aleppo e la Siria hanno rappresentato per secoli nella cultura, nell'arte e nella religione con lo scempio a cui siamo sottoposti in questi mesi. Ma sono convinto che siamo ancora in tempo per salvare questo tesoro dell'umanità»





1 OTTOBRE - ROMA - CASA DELLE DONNE - VIA DELLA LUNGARA 19 - CONVEGNO SULLA NATO ORGANIZZATO DA NO WAR ROMA



Il convegno analizza i rischi ai quali l'adesione alla Nato espone l' Italia e lanica una campagna per l' uscita dell' Italia dal patto atlantico



relazioni 10-14.30

dibattito 14.30-18



relatori: Manlio Dinucci " La strategia della nuova Nato ", Claudio Giangiacomo " l' Illeggittimità costituzionale della Nato", Antonio Mazzeo " Il sistema delle basi militari in Italia"



coordinatori : Nella Ginatempo, Vincenzo Brandi



CRISI UCRAINA: IL SIGNOR WOLFOWITZ NEL PAESE DEGLI IGNORANTI HA FATTO SCUOLA . di Antonio de Martini e Massimo Morigi



Anche se c'è da nutrire seri dubbi che gli agenti strategici e i centri decisionali istituzionali della politica estera statunitense nella loro attività di destabilizzazione portata avanti a livello globale siano stati ispirati, oltre che da un pensiero geopolitico e hobbesiano, da suggestioni di tipo letterario, nella vicenda Ucraina – come del resto in altre consimili come ( un caso con profonde analogie operative di tentato rovesciamento dei poteri legittimamente alla guida del paese è il Venezuela prima e dopo la morte di Hugo Chavez) – questa certezza sembrerebbe per un attimo vacillare. In fondo cosa hanno cercato – e tentano tuttora – di fare gli Stati uniti con l'Ucraina?

Molto semplicemente hanno cercato di replicare quanto il grande scrittore ucraino Gogol aveva immaginato nelle Anime morte attraverso la creazione del suo immortale antieroe Cicicov, il quale attraversava la Russia in lungo e in largo per acquistare i nomi dei defunti servi della gleba che, in seguito, avrebbero dovuto essere truffaldinamente esibiti alle autorità per potere ottenere dei cospicui finanziamenti.

E se certamente l'attività di acquisto e di corruzione da parte degli Stati uniti dei settori più disperati e di quelli gangsteristicamente più vocati della società ucraina richiama veramente l'idea di una compravendita di "anime morte" da esibire di fronte al mondo per giustificare il definitivo passaggio dell'Ucraina al Washington consensus, quello che sorprende non è tanto che gli agenti strategici statunitensi dimostrino di non conoscere come va a finire l'immortale romanzo di Gogol(Cicicov non riesce nel suo intento e l'ignobile furbata viene scoperta) ma di non aver preso nemmeno per un attimo in considerazione l'immancabile e scontata reazione della Russia che mai avrebbe accettato – e mai accetterà – il proposito americano di annientarla in quanto superpotenza (ed anche di progressivamente contrarla e sminuzzarla pure territorialmente facendo leva sulle sue varie componenti etnico-culturali).

Nel caso specifico della crisi ucraina, la reazione russa a questa impostazione statunitense (Grand strategy americana che non è una nostra elucubrazione ma che ha trovato già da più di due decenni una sua elaborazione esplicita nella cosiddetta dottrina Wolfowitz, della politica estera statunitense dopo la fine della guerra fredda, della quale il primo commento fu fatto dal New York Times l' 8 marzo 1992 con il significativo titolo "U.S. Strategy Plan Calls for Insuring No Rivals Develop.


A One-Superpower World. Pentagon's Document Outlines Ways to Thwart Challenges to Primacy of America") anche se parimenti del suo rivale americano nulla deve alla letteratura, forse qualcosa deve ad una visione certamente più creativa e meno nichilistica di quella portata avanti dagli agenti strategici del caos americani.

Di questo passo aspettiamoci pure, tanto per fare un esempio che coinvolge il nostro paese, che un eventuale referendum per uscire dall'Euro anch'esso troverà qualche autorità internazionale che sentenzierà sulla sua illegalità).

La Russia mostrando una sorta di astuzia luciferina (cosa c'è infatti di più sacro dal punto di vista delle liberaldemocrazie e soprattutto dal punto di vista americano, del principio di autodeterminazione dei popoli: vedi il nefasto ruolo del presidente americano Wilson alla conferenza di pace di Parigi, dopo la prima guerra mondiale nello smembrare – con l'assai poco previdente appoggio delle principali potenze vincitrici – alla luce dei suoi "Quattordici punti", senza alcun ritegno e logica geopolitica – se non una già allora incipiente "strategia del caos" – l'impero asburgico e vedi l'accusa americana perdurante durante tutta la guerra fredda che l'Unione sovietica non permetteva la libera espressione dei popoli sottoposti al patto di Varsavia), ha dato alla truffa Stati uniti/Cicicov una soluzione che non sarebbe nemmeno dispiaciuta all'autore delle Anime morte.

Quale soluzione? Molto semplicemente la Russia dice questo agli Stati uniti (e ai suoi alleati). Se volete, tenetevi pure le vostre anime morte (una Ucraina fallita economicamente e che dopo essere stata accolta a braccia aperte dall'Occidente diverrà preda dei mortali e avari aiuti internazionali, Grecia docet), noi ve le lasciamo volentieri e, se ci riuscite, traetene pure un profitto.

Noi, da parte nostra, ci limitiamo ad offrire una alternativa a coloro che non vogliono accettare di essere acquistati (la Crimea russofona) come una sorta di "anima morta" dalla truffa del novello Cicicov americano.

La morale finale della storia vale non solo per quegli ucraini (chi in buona fede e chi direttamente pagati) si sono fatti trattare come carne da cannone in omaggio alla strategia del caos americana ma anche per quegli alleati di una superpotenza che ha ormai perso ogni ritegno nella sua hubris imperialistica.

Al contrario che nel romanzo di Gogol, per le anime morte della strategia statunitense c'è una possibilità di ritorno alla vita. Dubitiamo fortemente che questa possibilità sia ancora a disposizione di un'Ucraina territorialmente integra.

Il repubblicanesimo geopolitico crede fermamente invece che lo sia per quei paesi i cui agenti strategici abbiano un loro lungo e sedimentato passato che non può essere ridotto – come evidentemente nel caso ucraino – ad una triste ed opaca storia di famiglia di vecchie corrotte burocrazie di partito in cannibalesca ricerca di un agognato riciclaggio "democratico" e che, al contrario dell'Ucraina, si siano nel tempo legati allo sviluppo di forti appartenenze, tradizioni e culture nazionali.

E dove in questo atlante geopolitico di forze ed agenti strategici che alla luce delle storie di "lunga durata" delle loro vite nazionali cercano una fuoruscita dagli idola theatri e dalle pratiche del Secolo breve sia la futura naturale collocazione dell'Italia è, pensiamo, persino offensivo accennarlo.




DOVE VANNO I SOLDI CHE GLI ITALIANI DEPOSITANO IN BANCA

Alla cortese attenzione della emittente della Voce della Russia



L' Italia a mio parere non è un paese povero di risorse monetarie visto la tendenza al risparmio degli Italiani. Tutti i soldi di risparmio entrano nelle banche ed a questo punto mi viene in mente una domanda: non è che le banche italiane investono i nostri risparmi in armamenti piuttosto che in opere sociali? Quando è cosi' facile portare i soldi all'estero anche per le nostre banche, ma poi chi controlla per che usi sono usati questi soldi? Pare che investire in armi sia molto redditizio sia per i banchieri, per le assicurazioni, per l'industria.

Dai media ci vengono continuamente informazioni di massacri, guerre, guerriglie in Africa, in Asia, in Medio Oriente. Guerre intorno all'Europa.

Sembra che le banche Europee, Italiane, e le loro finanziarie invece di investire i soldi per creare lavoro occupazione giovanile, regalino stipendi ed armi a gruppi terroristici che più che di terroristi si possono definire dei balordi e pagliacci, che adesso ci fanno piangere a vedere massacri di donne bambini, anziani, popolo inerme, quasi più per divertimento mediatico, accecati più per la voglia di far spettacolo che a portare avanti delle ideologie.

Sarebbe comunque arrivato il momento di farci ridere da questi pagliacci e dai loro finanzieri, piuttosto che farci piangere per le loro azioni balorde ed esecrabili.



Cordiali da Bruno B.





BUGIE E CONSIDERAZIONI

Cari della Redazione
Cari Lettori,


ma quando finirà questo teatrino pieno di bugie su Ucraina, Siria, Iraq, Afghanistan ed indietro dalla Guerra di Corea, del Vietnam, ed indietro ancora sulla "liberazione" dell'Europa con bombardamenti, tipo quello assurdo su Dresda alla fine della guerra con l'Armata Rossa già alle porte di Berlino.
Qualsiasi Italiano che abbia sofferto un bombardamento come me, avevo 10 anni, quello inutile di Trieste del 10 giugno del 1944 con 600 vittime civili, inorridisce a sentire il discorso di Obama, Presidente di una Nazione che si atteggia a "giustiziera" del Pianeta.
Gli USA spendevano nel 2009 ben 663 miliardi per armamenti contro 98 della Cina, 69 del Regno Unito, 67 della Francia e 61 della Russia. Non credo che oggi le proporzioni siano cambiate di tanto. Siamo sui 650 USA contro 88 della Russia e ricomincia la "guerra fredda".
E'vero che meritavamo una punizione per aver applaudito Mussolini. Pochi ricordano che abbiamo invaso la Russia, violato le loro case, sparato e fatto violenza e questa Nazione non ci ha bombardato, ucciso civili...anzi ci ha mandato Istruttoriper i Nostri Partigiani, quelli della Resistenza, citati nella Nostra Costituzione. Le loro spoglie sono, con troppo pochi fiori,nel Cimitero Monumentale di Milano.
Alcune considerazioni:
1) l'industria aeronautica civile e militare americana e relative vendite sono determinanti per l'economia USA.
2) l'industria degli armamenti americana e le relative esportazioni sono le prime del Pianeta.
3) gli USA, tranne rare eccezioni, hanno fatto guerre sempre in Paesi interessati a petrolio, gas e relative via di transito.
4) gli USA consumano il 25% delle risorse del Pianeta, il 22% del petrolio estratto...!! contro una media del 3% della Germania, Regno Unito, Russia ecc.
5) "guerra fredda", "terrorismo", "nuova guerra fredda" servono a distrarre l'opinione pubblica dai veri problemi del Pianeta che sono l'enorme divario fra i pochi RICCHI e l'enorme numero di POVERI, la insufficiente scolarizzazione di certe REALTA' sociali, compresa l'Italia, le ideologie sopratutto con componente religiosa, la mortalità infantile ecc. L'uomo normale pensa che se quei miliardi spesi per gli armamenti andassero a migliorare questi problemi forse ci sarebbe più PAX nel Mondo o almeno MIR in Europa e PEACE in Medio Oriente.
6) facendo qualche conto le cifre di vittime civili delle bombe del dopoguerra, dei profughi annegati, della miseria, delle malattie per cause di guerre locali, cominciano ad avvicinarsi a quelle della mattanza del '39-'45.
7) e che dire delle migliaia sotto le macerie di Gaza. Silenzio e nessuna "sanzione".....
8) e dove son finiti i cecchini, i mercenari di Kiev?? dove sono i corpi dei presunti "decapitati" giornalisti americani??
Ci sveglieremo finalmente dal sogno americano anche in Italia?? Chi ci minaccia, chi ci vuol male?? che ci servono F35, metaniere con gas di fracking americano, NATO a guida d'oltreoceano, Chrysler e perfino cocacola.. al posto della S.Pellegrino!!!
Grazie per l'attenzione.
Guido Sartorio



UN LIBRO SU ERITREA E URSS

Gentile Direttrice,
ho scritto un libro con un piglio di uno stile "amarcord" felliniano e goliardico sulla storia dell'Eritrea da me vissuta in un periodo critico per arrivare a vedere la storia della seconda guerra mondiale sotto un'ottica anticonformista.
Il popolo eritreo ha subìto 150 anni di tragedie che stanno approdando ora con i morti annegati a Lampedusa e la Sicilia.
Parlo mollto della guerra, segretamente preparata dalle potenze occidentali, di aggressione subita dall'URSS.

Cordiali saluti.

Mario Ruffin.

Il libro si intitola "Il Duce si è fatto male", l'autore può essere contattato al seguente indirizzo mail atoakim@email.it



LETTERA DI SALUTO

Gentile Direttore, sono venuto a conoscenza attraverso una mia amica ucraina,d'origine russa dell'esistenza del vostro sito internet. A tale riguardo mi preme farvi presente che da oltre sei anni studio,come autodidatta,la lingua russa,le sue tradizioni e la sua storia.Sono sempre stato affascinato da questa terra e dal suo popolo che ha combattuto per la liberazione del nostro paese dal nazi-fascismo.

Sono stato diverse volte in Russia come lo sono stato nell'Ucraina dell'est,quella,che io ritengo, conserva ancora i valori del mondo russo.Approvo incondizionatamente l'aiuto che state dando alla popolazione del Donbass e di altre citta' perché questa è la missione che la Russia,sin dai tempi dello zar Ivan III,ha svolto per riunire tutte le genti russe che nel 1240 a seguito dell'invasione mongola e della distruzione di Kiev si erano disperse. Sono altrettanto convinto che si possa fare ben poco con le attuali oligarchie ucraine atteso il sostegno che hanno trovato nell'ovest ucraina da parte della destra fascista.Gli stessi non hanno capito che l'Ucraina è un paese economicamente morto e che solo la Russia poteva aiutarla.Gli USA fanno la loro parte,quella di colonizzare territori nuovi per vendere armi e strumenti di guerra,l'Europa da parte sua promette di dare soldi ma non li da perché non li ha(vedesi crisi Italia,Spagna,Grecia etc).

Anche gli USA promettono ma non danno anche perché i loro soldi(debiti) si trovano dentro le banche cinesi.E gli Ucraini stanno in finestra aspettando,come hanno sempre aspettato,l'elemosina che cada dal cielo. Bisogna ricordare agli stessi ucraini che il periodo storico piu' brutto lo hanno trascorso con l'occupazione polacca del 1569 e con l'occupazione nazista.In entrambi i casi è sempre stata la madre Russia ad aiutarli.Da parte mia ritengo che la Russia debba fare tuto il possibile per salvaguardare la minoranza russa che vive nelle zone di confine dell'est proponendo una sorta di "zona franca" e lasciare al suo destino la popolazione del centro-ovest.

Vi faccio i complimenti per il lavoro di informazione che state svolgendo e resto in attesa di un vs contatto anche telefonico per ogni forma di collaborazione che potra' essere ritenuta utile.

francesco sperti


LIBIA : 5 GIORNALISTI RAPITI

Cinque giornalisti sono stati rapiti in un falso controllo vicino alla città di Ajdabiya. Martedì scorso, mentre tornavano da Tubruk dove erano andati a coprire l' apertura del "nuovo parlamento" .

Informacióne basata nella pupblicazióne del periódico The Libya Herald, formata da giornalisti che lavorano per la TV della Cirenaica. Appartiene al leader federalista Ibrahim Jadhran.

I fatti sono successi a 40 km dalla città di Ajdabiyah, in un falso controllo da cui sembra essere che fossero di Ansar al Sharia che opera in questa área, sono cioè di nuovo i cosidetti estremisti islamici, seminando terrore e violando tutte le leggi.

La notizia si può leggere in http://www.europapress.es/internacional/noticia-secuestrados-cinco-periodistas-cerca-ajdabiya-cubrir-apertura-sesiones-nuevo-parlamento-20140806011140.htpl

Ora dobbiamo andare a vedere le "informazioni" che daránno i media per raggiungere gli obiettivi che pretendono rapendo queste persone con mire internazionali. Ovviamente questo rapimento ha un obiettivo e sicuro che non è per favorire i libici.

Leonor Massanet Arbona



Le milizie verdi delle tribù hanno ottenuto il controllo dell' accampamento 27 a Tripoli e hanno arrestato alcuni terroristi. Si sono trovati mercenari di tutte le nazionalità e specialmente del Pakistán.
http://www.facebook.com/photo.php?v=71370132198339&set=vb.267151173320025&type=2&theater
Tras recuperar Trípoli, la morar de las milicias verdes sube.
https://www.facebook.com/LibyanWarTheTruth/posts/537384456389244?notif_t=notify_me

Senza dubbio questa notte ci sono stati nuovi scontri nell' accampamento 27 dopo che i mercenari di Misurata hanno ricevuto rinforzi e munizioni da Misurata via mare. E' un esempio della ragióne per la quale la NATO ha bombardato e distrutto la città libica di Tawerga, precisamente perchè Misurata si era connessa via mare a Trípoli o Benghazi.

La Libia continua a stare senza elettricità per il taglio provocato dai terroristi di Misurata e la Sharia. La città di Sabha stá soffrendo specialmente dato che è situata in pieno deserto a temperature molto alte e tutta l' acqua che utilizzano viene estratta con le pompe. La situazione sta diventando crítica come nell' assedio del 2011 da parte della NATO quando gli animali morivano di sete e le persone vivevano solo per trovare acqua e alimenti.

Di nuovo ricordiamo e mai dimenticheremo che questa situazione esiste e si mantiene solo perché l' occidente si stá movendo e sta appoggiando tutti questi mercenari del mondo intero, mentre gli USA mandano armi e dirigono l' invasión.
Le embasciate hanno abbandonato la Libia, ma i gruppi armati dall' Italia, dalla Spagna, dalla Francia, dall' Inghilerra e sopratutto dagli USA non solo non abbandonano la Libia bensì entrano di più e di queste cose i mezzi di comunicazióne non ci informano.

I libici che hanno sollevato la Libia scegliendo di lottare contro l' imperialismo, i libici che hanno lavorato per un' África unita stánno nelle cárceri mentre i criminali di tutto il mondo vengono protetti dall'occidente perchè distruggano il paese. Diffícile da credere ma vero :



Estos son los partidarios de la Sharia que occidente y la ONU apoyan para que gobiernen Libia:

Questi sono gli aderenti alla Sharia che l' occidente appoggia perché governino la Libia:

L' editore capo delle notizie tunisino Taoufik Ayadi ha dichiarato alla radio che il presidente del partito Watan (estremisti islámici in Libia che lottano contro i libici appoggiando la NATO e gli USA ) di Libia, ha offerto 4 millones de dollari per ripulire l' imnagine del famoso dirigente di alqaeda Abdel Hakim Bilhaj. Se ricordiamo un poco quando la NATO fece il colpo di stato a Trípoli, colllocò come capo della sicurezza questo signor Bil Haj, quando il mondo intero sa che era riconosciuto a livello mondiale di alqaeda, è stato in Guantanamo e nelle prigioni dell' Inghilterra, i libici torturati a Tripoli sempre lo nominano come dirigente, quando è iniziata l' aggressióne alla Siria è stato lui che si trasferì in Siria con un gran número di mercenari addestrati. La spiegazione che ha dato lui dicendogli cóme potesse dirigire Tripoli essendo un riconosciuto terrorista, disse che era cambiato… Realmente stava dove stava e faceva e fa ciò che fa perché aveva e ha appoggio dall' occidente

Un hombre "supuestamente" muy peligroso y muy útil para EEUU.

Un uomo "che si suppone" pericoloso e molto utile per gli USA.

Misurata apre un nuovo canale dove solo si trasmette festa e minaccie a tutti i libici che non obbediscono agli ordini.

La scarsità di petrólio, gas, elettricità, alimenti etc. sta provocando lunghe code in tutti i punti di possibili distribuzioni e i prezzi esplodono .



Leonor Massanet Arbona



PER LA MALESIA E' STATA KIEV

La Malaysia: è stata Kiev

Maurizio Blondet

10 Agosto 2014

L'accusa è apparsa sul New Straits Times, il maggior giornale malaysiano in inglese, il principale giornale del Sud-Est asiatico, e (come si dice) «molto vicino al Governo»: è stata l'aviazione di Kiev ad abbattere l'aereo MH17 e ad assassinare i 298 passeggeri. Il giornale scrive: «Analisti dell'intelligence degli Stati Uniti hanno già concluso che il volo MH17 è stato abbattuto da un missile aria-aria, e finito con il cannone di bordo di un caccia che gli stava dietro».

È la conferma della versione fornita da Mosca fin dai primi giorni, e sostenuta con dati radar e satellitari, che mostrava un Sukhoi 25 attaccato alla coda del Boeing malaysiano prima che precipitasse. Il giornale di Singapore cita un monitor dell'OSCE fra i primi a giungere sul luogo del disastro. Costui, un canadese-ucraino di nome Michael Bociurkiw, parlando alla tv canadese CBC il 29 luglio, già aveva dichiarato: «Ci sono due o tre pezzi della fusoliera che appaiono crivellate da qual che sembra un fuoco di mitragliatrice, un fuoco molto nutrito». Anche un pilota della Lufthansa a riposo, Peter Haisenko, dalle foto dei resti dell'aereo, ha dichiarato che parte della fusoliera era crivellata da colpi di mitragliatrice; aggiungendo – è stato il primo a notarlo – che i proiettili avevano colpito i pannelli sia a destra sia a sinistra, ciò che esclude un missile lanciato da terra e fa pensare a un accanito inseguimento di un caccia.

Il giornale ha anche ricordato che il Governo di Kiev ha sequestrato le registrazioni della torre di controllo del momento dell'incidente, e intervistato l'Ambasciatore ucraino in Malaysia, Igor Humennyi, il quale ha balbettato: «Non ci sono prove che i nastri siano stati confiscati dallo SBU (i servizi di Kiev). L'ho letto sul giornale». Ha detto anche di non sapere se i nastri sono stati consegnati al gruppo d'indagine tecnica sul disastro.

Ma le peggiori rivelazioni incriminanti per il regime ucraino sono tratte da un articolo di Robert Parry, giornalista d'inchiesta di lungo corso (fu lui a rivelare lo scandalo Iran-Contra, ai tempi di Reagan) da lui postato sul sito ConsortiumNewsfin dal 22 luglio, e – chissà perché – del tutto ignorato dai liberi media occidentali. In questo articolo Parry cita la «intelligence community» americana (IC): «È possibile che il Malaysia Airlines 17 sia stato abbattuto in un fallito tentativo di assassinare il presidente russo Vladimir Putin, il cui aereo sta va tornando dal Sudamerica lo stesso giorno». Reduce dagli incontri coi BRICS a Belo Horizonte, l'aereo presidenziale russo «ha gli stessi colori rosso-bianco blu della compagnia malaysiana». L'iniziativa di abbatterlo non sarebbe venuta dal Governo di Kiev nel suo complesso, ma dall'iniziativa privata e improvvisata di «certi estremisti ucraini»: «Evidentemente costoro, nella loro idea di fare un agguato all'aereo di Putin, hanno avuto solo pochi minuti per identificare l'aereo e decidere di sparargli; è possibile che abbiano preso una decisione affrettata, prima di accorgersi di aver commesso un tragico errore».



Andriy Parubiy

Se vi sembra una storia incredibile – «estremisti ucraini» che prendono la cloche di un Sukhoi 25, e ubriachi si mettono a mitragliare un Boeing credendolo l'aereo di Putin – tenete almeno presente questo fatto: sùbito dopo l'incidente, a Kiev s'è dimesso dalla poltrona della Sicurezza Nazionale (ossia da Ministro, di fatto, del settore militare) Andriy Parubiy. «Grosso leader neonazista – racconta Parry, imbeccato dall'Intelligence Communitystatunitense – Parubiy è quello che ha organizzato e diretto le forze paramilitari che hanno fatto il putsch del 22 febbraio, obbligando Yanukovitch e il suo Governo alla fuga». Ora, costui, a capo della sicurezza nazionale, era non solo il tipo giusto, ma anche nella posizione di tentare la bravata criminale di ammazzare Putin abbattendo il suo aereo, lanciandogli dietro un Su-25. Quasi certamente – almeno così afferma la IC – Parubiy non ha avvertito il presidente Poroshenko né il capo del Governo Yatsenyuk: anche questo è nello stile dei caporioni del Pravi Sektor, che il la componente «rispettabile» del regime s'è dovuta associare al Governo, ma che fanno di testa loro e mantengono verso i «rispettabili» un atteggiamento di sfida.

Effettivamente, il 24 luglio è avvenuto uno scontro violento ed oscuro ai vertici del Governo. Arseni Yatsenyuk, il Primo Ministro, l'uomo di Scientology, il preferito dal Dipartimento di Stato, la faccia pulita della giunta, ha annunciato le dimissioni; invece poi a dare le dimissioni è stato il teppista Parubiy, senza alcuna spiegazione. È facile immaginare che la faccia pulita non volesse condividere col teppista la responsabilità del criminale eccidio del volo MH17; alla fine, il Governo ha accettato di coprire il crimine, goffamente e malamente, confiscano i nastri della torre di controllo ed accusando una postazione missilistica dei russofoni del Donbass di avere abbattuto il volo malaysiano: insomma la versione ufficiale strombazzata da tutti i «grandi media», all'unisono, in Europa.

Il punto è capire cosa sia l'Intelligence Community(IC) degli Stati Uniti, e perché faccia filtrare a Robert Parry la vera versione dei fatti, in questo modo insieme anonimo ed autorevole. Lo adombra lo stesso Parry: il fatto è, scrive, «che solo tre giorni dopo l'abbattimento, il segretario di Stato Kerry faceva il giro dei talk-show domenicali sostenendo di avere "straordinarie e precise" prove che erano stati i ribelli ad abbattere l'aereo con missili forniti dalla Russia; e già io (Parry) era stato avvertito che l'Intelligence Commmunitymancava di qualunque immagine satellitare che confermasse le accuse di Kerry, e che il solo sistema missilistico BUK nell'area era sotto il controllo dei militari ucraini».

Oggi, mentre le prove in contrario si accumulano, Kerry non demorde: e «i potenti sono notoriamente restii ad ammettere gli errori», sospira Parry.

Dunque la Intelligence Community nel suo complesso sta facendo arrivare un messaggio a Kerry. Forse quel messaggio è: stavolta, non contate su di noi per sostenere la vostra menzogna. Forse è: dateci ascolto, evitare di fare una figura ripugnante da idioti e complici di delinquenti, ormai la verità è venuta a galla. scrive Parry: «Già un giudizio affrettato portò gli USA, un anno fa, quando il gas Sarin uccise centinaia di persone a Damasco il 21 agosto, a puntare il dito accusatore contro il presidente Bashar al-Assad... nei mesi seguenti l'accusa di Kerry è caduta in pezzi, essendo molti analisti convinti che sono stati gli estremisti siriani a lanciare il gas come provocazione, per trascinare le forze armate USA al loro fianco nella guerra civile».





APPELLO AL GOVERNO ITALIANO E ALLA COMUNITA' EUROPEA CONTRO LE SANZIONI

Al Presidente del Consiglio dei Ministri
Matteo Renzi

Al Presidente del Consiglio Europeo
Herman Van Rompuy

Al Presidente della Commissione Europea
Jose' Manuel Barroso

Al Presidente del Parlamento Europeo
Martin Schulz

I sottoscritti imprenditori italiani, sicuri di esprimere le preoccupazioni di centinaia di aziende del nostro Paese sulla politica delle sanzioni europee contro la Federazione Russa, fanno appello al Governo Italiano e alla Comunita' Europea dicendo basta alla politica delle sanzioni.

Le sanzioni, come giustamente rilevato da qualche ministro italiano, colpiscono sia
chi le riceve che chi le impone.

La Russia non e' un Paese, che vive in un mondo separato dal resto del contesto internazionale,
ma e' un Paese di libero mercato, integrato al resto dell'Europa e del pianeta, sia dal punto di vista
economico che culturale.

Se le sanzioni e la conseguente politica europea metteranno in difficoltà l'economia russa,
questo diventerà un boomerang in primo luogo contro l'Europa e contro
il nostro Paese.

Siamo legati alla Russia non solo per le questioni energetiche, gas e
petrolio, ma su tanti campi della economia.
Migliaia di imprese italiane, che danno lavoro a milioni di persone,
fanno affari con l'immenso mercato russo, nel campo del turismo, della moda, delle
calzature, dell'arredamento, nel campo alimentare e tecnologico e in tanti altri settori.

La Russia e' un Paese europeo e la Comunita' Europea si deve adoperare,
seriamente e a tutti i livelli, per riprendere il dialogo.

E' ora di uscire dalla logica da guerra fredda ed aprire una nuova fase
della politica europea, improntata al dialogo e ad una politica di pace,
nel nostro continente.

Solo il dialogo potra' risolvere li problemi e ristabilire normali
rapporti tra i nostri Paesi.
Speriamo e ci auguriamo che nel semestre italiano, questo dialogo venga ripreso e il nostro Paese possa svolgere
un ruolo di ricucitura, per l'interesse di tutti, dei rapporti con la Federazione Russa.

Cordiali saluti

Antonio D'Ettorre
Presidente Consiglio di Amministrazione - promotore appello + 39 338 6431869
Indaco Travel S.r.L. - Terracina LT

Presidenza e Direzione
Camera di Commercio Italo - Russa - Milano
(in rappresentanza di circa 200 associati)

Giangrandi Robero
Italia Russia e Business - Firenze

Antonio Simeoni
Direttore Hotel Villa dei Principi - Lido di Fondi LT

Simonetta Ricci
Iscra Viaggi - Genova

Alfonso Adinolfi
Fadi Travel - Salerno

Giovanni Amuro
Titolare degli hotels - Torre del Sole - River Palace - Sporting - Villa del Sole.
Terracina LT

Adriana Trapani
Guida Turistica - Napoli

Angelo Spinosa
Titolare Hotel Villa Irlanda - Gaeta LT

Ubaldo Fusco
Titolare Villaggio Le Palme - Terracina LT

Antonietta Consalvi
Titolare Grand Hotel Palace - Terracina LT

Angelo Sangiorgi
Titolare Hotel Il Guscio - Terracina LT

Leandro La Croix
Titolare Hotel Summit - Gaeta LT

Vincenzo Lieto
Noleggiatore con conducente - Napoli

Ivan Marino
Guida Turistica - Napoli

Roberto De Filippis
Titolare Hotel Albatros - Terracina LT

Fabrizio Bombieri
Direttore Circeo Park Hotel - San Felice Circeo LT


Stabellini Alessandra
Titolare Ottica Stabellini - Terracina LT

Vera Klimova - Guida Turistica - Napoli



Sulla trasmissione di RAI Storia dedicata a Stalin


Ieri sera ho sentito la storia su Stalin. Mi è piaciuto il finale in cui si dice che i Cittadini russi non rifiutano questo Personaggio. Oggi i Russi sono più di centoquaranta milioni, scolarizzati al 98%. Forse andava raccontato, a noi Italiani con una scolarizzazione non troppo brillante, cosa Stalin aveva fatto a Baku,quando nelle distillerie gli operai crepavano per le esalazioni e lui, chiamato Koba, perseguitato dalla polizia degli Zar di tutte le Russie, li incitava alla ribellione. Fino al primo tentativo di rivoluzione del 1905. Forse andava raccontato come i mercenari americani, inglesi e francesi operavano contro la "rivoluzione"socio-economica portata nell'immenso territorio dai Commissari politici di Stalin e quanto la Standard Oil americana tremava e tramava, già allora, contro la Russia per contenderle le vendite sui mercati europei esu quelli asiatici, del suo petrolio caspico. Forse andava raccontato con più dettagli quando, con gli aggressori tedeschi, italiani, romeni e ungheresi alla periferia di Mosca, anzichè scappare come hanno fattoi nostri Capi nel '43, è rimasto al suo posto coi suoi ragazzi dell'Armata Rossa!! E andava rimarcato il suo carisma determinante nell'enorme sforzo bellico sovietico, uomo contro uomo, per liberare l'Europa rispetto a quello degli Alleati, bombardieri contro civili nelle città, Dresda rasa al suolo, 174 mila edifici colpiti, negli ultimi giorni di aprile '45, chiese, scuole, ospedali, Russi ormai quasi a Berlino.E fra l'altro gli egregi storici non parlino di milionate di vittime. Negli anni trenta, quelli della "ferocia" e dei"mangia bambini", l'URSS contava 148 milioni di abitanti ed è passata in dieci anni a 162 milioni. Il calodemografico consistente è avvenuto durante la mattanza del '41-'45 ed in Ucraina, trovi centinaia di cimiteri con foto di giovani soldati con stella rossa sul berretto e fiori freschi. Ancora oggi. E non erano cecchini mercenari pagati con dollari, per fare montare la nuova non certo costruttiva guerra fredda.

Buon lavoro.
Dott.Guido Sartorio


I segreti sporchi dell'oro nero

Egregi della Redazione,

Ho letto l'articolo "RUSSIA-USA sulla guerra del petrolio.

Nel 2008 ho fatto una ricerca sulla storia del petrolio in relazione ai rapporti USA-RUSSIA. Ho tentato con un paio di Case di pubblicarla senza alcun esito. Ho stampato una ventina di copie per amici e parenti senza ricavarne troppo interesse, purtroppo.

Negli anni che son seguiti posso dire che fatti e mie osservazioni descritti hanno assunto sempre maggior importanza. Dalle tensioni in Ucraina, alle difficoltà nella realizzazione del South Stream.
Ritengo che sia un grosso errore la scarsa informazione obiettiva sull'argomento petrolio, gas e rapporti con la Russia.

Sono un pensionato di 80 anni, sono "nessuno" e non ho altro interessese non quello di dividere con altri il mio modesto"sapere". Non ho idea come Voi potreste collaborare, ma tento lo stesso.

Vi allego presentazione e indice del mio elaborato. Se siete interessati vi spedisco l'intero lavoro.

In attesa grazie per l'attenzione.
Dott. Guido Sartorio

Di seguito pubblichiamo l'introduzione al lavoro del Dott. Sartorio, inviataci da quest'ultimo. Chi, tra i lettori, fosse interessato può scrivere all'autore guido.sartorio at gmail.com

Il tiranno liquido - Breve storia dell'Oro Nero

Nel lontano 1877 entrò in vigore la legge Coppino che rese obbligatoria, gratuita elaica la frequenza della scuola elementare.Da centotrentatre anni saper leggere e scrivere è un diritto-dovere ed oggi per saperebasta una scatoletta metallica, un po' d'energia elettrica ed uno schermo di qualchecentimetro quadrato.Ritengo quindi che " non sapere", ovvero l'ignoranza, prima di essere una piagasociale, è una grossa responsabilità individuale.Ho scritto queste pagine con l'intento di donare ai giovani la curiosità e lo stimolo aun'attenta ricerca sull'argomento oro nero.Questo libretto, un centinaio di cartelle fitte di dati, è l'inizio di un viaggio in un mondopoco conosciuto, quello di uno dei mercati più ricchi e redditizi che cominciò nel 1855.Il mercato del petrolio!E' un viaggio senza fine o peggio senza meta?Non lo so.Uno studente col quale mi trovai a parlare di petrolio definì questa materia prima"tiranno liquido".

Sono un chimico e una delle mie prime attività lavorative l'ho svolta negli anni sessantain un impianto petrolchimico.Allora non sapevo nulla di economia, di storia, di politica, del petrolio stesso.Oggi ne so poco di più e so pure che c'è ancora tanto da scoprire, da leggere, dadiscutere.Il mio cervello cominciò a ronzare quando, sfogliando distrattamente il volume di DanielYergin, "Il premio", appresi che i Nobel, quelli del premio, gente dall'animo sensibile egeneroso avevano a che fare col petrolio russo e che i Rockefeller, che consideravopilastri della beneficenza, esemplari dispensatori di borse di studio, fautori della ricercascientifica, pure loro avevano a che fare col petrolio americano.Sfogliando ancora il testo di Yergin lessi la sigla APOC, Anglo Persian Oil Company.La Persia, oggi Iran, ricordi della mia giovinezza, quando la cronaca mondana sioccupava dello Scià e della sua stupenda moglie Soraja. Sfarzi e feste, oro e gioielli,ricchezza sfacciata di tutti gli Scià del Medio Oriente che ritenevo venisse dai loro padri enonni, conquistatori e tiranni. Invece era rendita da vendita di petrolio.La rivalità fra tedeschi e inglesi, francesi, russi nella prima guerra mondiale e la finedell'impero ottomano.

C'erano anche interessi per il petrolio del Medio Oriente! Le tristi pagine della seconda guerra mondiale, l'aggressione alla Russia e la disfatta diStalingrado, la guerra nel Pacifico fra Giapponesi e USA. Sempre causa-effetto ilpetrolio caucasico, quello romeno, quello del Golfo Arabico e quello delle IndieOlandesi. Quanti in Italia conoscono la storia dell'AGIP, di Enrico Mattei, dell'ENI e l'entità dellasua produzione nel mondo? Noi italiani fra i grandi del petrolio!Cosa rappresentano il petrolio ed il gas russo provenienti dal Mar Caspio?? Perché si parla di barili di petrolio anziché di litri o altra misura?Quanti sanno veramente cos'è l'OPEC? Perché si è costituita? Cosa c'entra ilVenezuela, paese sudamericano, con gli Arabi?? Tanti vedono la gialla conchiglia della Shell. Conoscono la ragione di quel simbolo? Perché e da dove arrivano l' Esso, la Mobil, l'Amoco, la Chevron, la Texaco, la Gulf,la BP, la Rosneft, la Gazprom ? Russia ed Iran, due Paesi, che per il gas rappresentano il 42% delle risorse delpianeta.

Si parla quasi ogni giorno di petrolio. Quanti sanno che è venduto a circa 10 volte il suocosto di produzione in un mercato che rende in totale più di 8 miliardi di dollari algiorno!!Non sono uno storico, né un'economista o un ecologista, sono un italiano che cerca dicapire quello che è successo, che sta succedendo in Medio Oriente e nel mondo e cheha a che fare con la ricerca, con la produzione e la vendita del petrolio ed oggi anche delgas naturale.Il mercato e le speculazioni sul petrolio, i continui aumenti di prezzo dell'energia, letensioni nelle aree geografiche che hanno a che fare con pozzi petroliferi o oleodotti egasdotti.Il Petrolio nero, puzzolente, inquinante è per momento la principale materia prima perprodurre energia ed altri materiali indispensabili alla vita dell'uomo moderno.Nella storia del pianeta ci sono stati periodi in cui situazioni ambientali, fenomeniatmosferici, impatti o interferenze con altri corpi celesti hanno rappreso la materia e creatola vita.Molti pensano che ci sia stata un' intelligenza a creare tutto quello che ci sta intorno e noistessi.L'era dell'uomo dura da qualche milione di anni, ma solo da poco più di un secolo stadiventando determinante per la sorte di sé medesima. Co2, effetto serra, ghiacci che si sciolgono, catastrofi ambientali.Come si concluderà??? Non c'è nulla di certo !! …tranne che la terra continuerà agirare, portandosi sulla pelle tracce dell'uomo come si è portata quelle dei dinosauri, finoa quando si dissolverà nel calore del sole in agonia, quando anche lui, stanco esaurirà lasua attività e tutto il suo sistema collasserà.Fra milioni di anni, ma ineluttabilmente.Importante è che l'uomo, nella sua evoluzione non commetta errori madornali, non sicarichi anche della responsabilità di aver contribuito alla fine della specie.

Per non sbagliare bisogna conoscere, leggere, riflettere.Stiamo vivendo un periodo della nostra storia che esige dei cambiamenti radicali, dellescelte ponderate.La storia è un enorme otre pieno di avvenimenti, di fatti accaduti, di donne e di uominiautentici che hanno creato, realizzato, distrutto cose.Se lo si apre ne esce un vento impetuoso che spazza via una nebbia puzzolente satura dichiacchiere pronunciate e riportate da donne e uomini fantasma.





La Russia di oggi - convegno a Roma

Che cosa è la Russia nel 2014?

Venerdì 11 luglio si svolgerà a Roma nella sala Pietro Cortona del Campidoglio un convegno intitolato "Che cosa è la Russia nel 2014? Le prospettive delle relazioni italo-russe". Tra i relatori Vitalj Fadeev, consigliere dell'Ambasciata di Russia aRoma, Irina Osipova vice presidente del RIM, Movimento Giovani Italo-Russi estudentessa dell'Accademia Presidenziale Russa, Luca Bertone,presidentedell'Asssociazione Lombardia-Russia, Alfonso Piscitelli, autore di Rai Radio Uno eresponsabile del progetto culturale Eu-Rus.

Al convegno partecipano altresì Alfonso Rosanova presidente dell'AssociazioneMade in Roma, il manager Pietro Furlan che svolge attività di consulente industrialein Russia.In rappresentanza delle forze politiche parteciperanno Alfredo Antoniozzi, giàparlamentare europeo di Forza Italia e Giordano Tredicine Vicepresidente delConsiglio Comunale di Roma di Forza Italia, Francesco Fillini esponente del partitodi Fratelli d'Italia.

Il convegno patrocinato dall'Ambasciata Russa in Italia si celebra negli stessi giorniin cui il Ministro degli Esteri, Mogherini, prepara il suo viaggio Mosca per rinsaldarei rapporti bilaterali dopo i giorni della crisi ucraina.Che cosa è la Russia nel 2014 lo chiediamo ad Alfonso Piscitelli: "La Russia è oggila principale valvola di ossigeno per la nostra economia.

L'Italia dopo la Germania èil principale partner europeo della Russia. Dalla Russia arriva l'energia e un flusso dituristi (un milione all'anno) che ha superato la presenza degli stessi giapponesi. IRussi risentono del fascino della moda italiana e del made in Italy. A partire dalduemila i due protagonisti del dibattito politico, Silvio Berlusconi e Romano Prodi,hanno entrambi compreso la fondamentale importanza geopolitica dell'integrazioneitalo - russa. Sulla base di questa consapevolezza si sono sviluppati i progetti dicooperazione energetica tra Eni e Gazprom. Il colosso energetico russo"

Il falco del Cremlino sbarca a Milano per (ri)lanciare la sfida Eurasiatica


6 Luglio 2014
Buongiorno,
Vi invio in allegato un articolo riguardante un'interessante intervi-
sta col Prof. Aleksandr G. Dugin comparso sul noto sito Internet i-
taliano meridionalista "RETE TRADIZIONALISTA DELLE DUE SICI-
LIE", per il caso che possa esserVi utile.

http://iltalebano.com/2014/07/02/il-falco-del-cremlino-sbarca-a-milano-per-rilanciare-la-sfida-eurasiatica/

Tuttavia, con questo numero a me non riesce di aprirlo. Perciò ne
ho fatta una copia, che è quella che Vi mando.

Cordiali saluti,
Raffaele Pasculli



Le responsabilità dell'Europa in Ucraina

La situazione di crisi dei rapporti che viviamo oggi in Europa, riferita al caso ucraino, ha gran parte delle responsabilita' nella politica della Comunita Europea.

In questi anni l'Europa ha affidato la sua politica estera agli Usa, non ponendosi mai come soggetto autonomo e con un compito di mediazione, anche perche' paesi come Polonia, i Baltici, hanno condizionato la politica estera europea, nel senso antirusso.

Oltre questo, l'Europa ha giocato un ruolo ambiguo nei confronti della Federazione Russa. Da una parte quest'ultima e' stata corteggiata perche' fonte di grande possibilita' economiche, che difatti hanno salvato l'Europa da una profonda crisi economica. Proviamo ad immaginarci cosa sarebbe stata l'Europa senza questo grande mercato, rappresentato dalla Federazione Russa, non solo, come spesso si dice per le sue ricchezze energetiche, gas e petrolio, che soddisfano il fabbisogno di gran parte dei Paesi Europei ma, anche per le grandi opportunita' di tante imprese europee che hanno trovato una grande valvola di sfogo nel campo del turismo, dell'abbigliamento, dell'arredamento, delle auto, macchinari in genere, dei prodotti alimentari e della ristorazione, che hanno dato e danno lavoro a milioni di persone.

Dall'altra parte l'Europa ha lavorato per portarsi nella sua sfera di influenza, facendoli entrare nella comunita', tutta una serie di Paesi, cercando di tenere isolata la Federazione Russa. Una politica che nei fatti ha tradito la stessa Russia e l'idea futura di una Europa di cui la Russia divenisse parte integrante.
Ultimo atto quello di voler portare l'Ucraina dentro la Comunita' Europea, per adesso con il primo accordo di associazione, e accerchiare la Russia, magari favorendo, nel prossimo futuro, l'installazione delle basi Nato, ai confini russi.

In Russia non c'e' piu' il sistema socialista,ma l'Europa continua a mantenere un atteggiamento pregiudiziale antirusso, come se i vecchi retaggi mentali e culturali, dell'epoca Sovietica, non fossero ancora stati liberati da questo pregiudizio storico.
Questa pregiudiziale antirussa non ha fatto valutare o non ha voluto far valutare, cosa realmente e' successo in Ucraina, con i fatti di Maidan di febbraio, dove forze di ispirazione nazista, cioe' la forza politica "pravi sector" e forze di oscura provenienza, ma non tanto oscura visto che si parla di una presenza di mercenari stranieri, hanno portato a termine un colpo di stato ed hanno condizionato e stanno condizionando la vita politica in Ucraina e avviato un periodo di freddezza dei rapporti tra l'Europa e la Federazione Russa.

Rapporti Europa - Russia, che che in questi ultimi 20 anni era arrivato ad un livello, sia di integrazione, che di scambi, in tutte le sfere, non solo economiche, ma anche culturali ed umani, come mai nell'ultimo secolo.

Questa integrazione, questo sviluppo dei rapporti, non e' piaciuta e non piace agl USA, che difatti la metteva un poco ai margini della scena internazionale, rispetto al rapporto con l'Europa. Essendo l'interscambio di molto superiore, rispetto a quello Europa USA.

In questo quadro generale, una fine strategia ha puntato all'anello piu' debole e maggiormente influenzabile, l'Ucraina.
L'Ucraina, cuscinetto tra la Russia e l'Europa, rimasta l'unico stato, pieno di contraddizioni interne, e divisioni politiche ed etniche, decennali e attraversato da una crisi di identita' come stato.

Una fine e oscura strategia, prolungatasi negli anni, perche' la questione Ucraina, la sua crisi non nasce da oggi, ma dalla fine della Urss, dove gli equilibri etnici, la questione territoriali, della cittadinanza, non e' mai stata del tutto definita. Con la fine dell'Urss, non c'e' stato un vero e proprio assestamento completo dei rapporti tra gli ex stati membri e sulla questione delle nazionalita'.

Come per esempio il problema della nazionalita' nelle repubbliche baltiche, ed in particolare in Lettonia ed Estonia, che pur non avendo mai mai risolto il problema delle nazionalita', visto che centinaia di migliaia di persone di origine russa, non hanno cittadinanza, cioe' non hanno diritti, "essendo non cittadini", come scritto nei passaporti di molti di etnia russa che vivono in Lettonia. Questi Paesi sono state fatte entrare nella comunita' europea,senza nessuna condizione a risolvere il problema, ma sempre nel quadro della strategia di isolare la Russia.

In sostanza nel cuore dell'Europa ci sono centinaia di migliaia di cittadini europei, di etnia russa, che non hanno cittadinanza, con il silenzio di tutti su questa questione delicata.

La scelta dell'Europa di non essere autonoma nei confronti degli USA, ha difatti avallato, con complicita', la politica degli USA, tendente a creare le condizioni perche' presto l'Ucraina, tramite l'Europa, entri nella sfera di influenza degli USA, con l'adesione alla NATO.
Puntando difatti ad isolare la Federazione Russa.

Il colpo di stato di febbraio ha rimesso in moto questioni irrisolte, compreso la questione Crimea, da sempre territorio russo, sin dai tempi dell'impero zarista, e con la stragrante maggioranza di etnia russa, regalato da Krusciov all'Ucraina, durante il periodo Sovietico. Popolazione che non accettando un regime nazista insediatosi a Kiev, ha deciso con un referendum di avere l'indipendenza da Kiev. Referendum con un consenso del 97%, non una minoranza ma una quasi totalita' di cittadini.

Parlare di nazismo e fascismo in un Paese che nella seconda guerra mondiale ha perso oltre 20 milioni di persone, dove tutti hanno perso familiari o hanno avuto forti sofferenze, porta ad una reazione negativa, perche' forte e' il senso antifascista e antinazista.
I Paesi europei e le organizzazione internazionali non hanno riconosciuto il risultato di questo referendum, contraddicendosi fortemente, visto che in precendenza aveva riconosciuto l'indipendenza del Kossovo, autoproclamatosi indipendente.

Come dire sempre due pesi e due misure, a seconda di chi sono gli attori in campo.

Da mesi assistiamo a dichiarazioni, posizioni, contraddizioni, dei ledaer europei, che annunciano sanzioni contro la Russia.

Quando in maniera stupida ed ipocrita si parla di sanzioni contro la Russia, non so se non si capisce o si fa finta di non capire, che i primi ad essere colpiti dalle sanzioni siamo noi stessi europei.
Parlare di sanzioni e' una cosa cosi anacronistica, in un periodo storico come quello che stiamo vivendo, dove le economie e i rapporti umani, famiglie miste, gli accordi culturali, sono cosi intrecciati e radicati, tra i diversi Paesi, che chi ne parla sta fuori dalla realta'.

Oggi piu' di ieri la guerra e' mediatica, esiste una strategia di far passare i messaggi mediatici e preparare l' opinione pubblica mondiale, condizionarla, come la si vuole, secondo le convenienze di potenze internazionali, economiche e politiche.
Questo serve per preparare il terreno in modo che la reazione della opinione pubblica, diventa passiva, senza reazioni: vediamo cosa e' successo nel recente passato, la campagna contro Saddam Hussein, che ha preparato l' invasione USA dell'Iraq, vedi la campagna contro Gheddafi, per preparare l' attacco per eliminare il Presidente Libico.
Quale e' stata la reazione della opinione pubblica mondiale ? Nessuna, il motivo sta nel fatto che l'opinione pubblica mondiale era stata preparata ad accettare queste invasioni a popoli sovrani.

Oggi osserviamo cosa sta succedendo in questi Paesi, quale instabilita' e' stata determinata e osserviamo chi si e' impadronito delle risorse energetiche di questi paesi.

Se siamo attenti osservatori, da diverso tempo e' montata una campagna anti Putin, facendo passare il Presidente russo come un dittatore, il nuovo Zar e via dicendo. Una campagna costruita ad arte, che in realta' nasconde l' obiettivo di attaccare, isolare, la Russia, creando il terreno favorevole della opinione pubblica mondiale, per giustificare qualsiasi iniziativa contro la Russia.
Difatti e' passato il messaggio che Putin vuole impadronirsi dell'Ucraina e che vuole ripristinare i territori della ex Urss, quando quello che sta accadendo e' esattamente il contrario, sono altre forze che vogliono impadronirsi di questi paesi.

Questa politica estera dei vertici europei, ha pero' la sua debolezza, all'interno dei vari Paesi, visto che diversi settori della opinione pubblica e sopratutto delle aziende, di imprenditori, di associazioni di amicizia e culturali,che hanno rapporti con la Federazione Russa, non si riconosce con la politica dei propri governi, perche' va contro gli interessi economici di migliaia di aziende che fanno affari con la Federazione Russa, e che hanno rapporti culturali. La crescita o meno della economia russa, si ripercuotera', positivamente o negativamente, su tutta l'Europa e chi ha interessi economici con la Russia, ha interesse a mantenere e sviluppare i rapporti in senso positivo e pacifico. Su questo punto di debolezza bisogna lavorare, per creare alleanze a favore della Federazione Russa.

In particolare in Italia e Germania, in questi mesi, c'e' stata una forte presa di posizione di buona parte dell'opinione pubblica, di imprese, piccole e grandi, contro le cosidette sanzioni e per ripristinare con la Russia rapporti di distensione e di dialogo.

Un'altro capitolo, da trattare a parte e' lo sviluppo e la crescita delle associazioni di amicizia tra l'Italia e la Russia, nella reciprocita'.
Un punto un poco trascurato in tutti questi anni, ma che diventa di attualita'. Diventa sempre piu' necessario lavorare per far conoscere, in Italia ed in Europa, la realta' russa, la sua grande cultura e le sue tradizioni, diffondere la lingua russa, i rapporti, gli scambi, tra i giovani.

Oggi la Russia ha cambiato strategia, visto il tradimento degli europei, e guarda con forza e ragione verso l'Asia, vedi accordo sul gas con la Cina e la nascita dell'unione Euroasiatica, con Kazakhstan, Bielorussia e presto Armenia e altri Paesi.
Una Russia che a ben ragione guarda ad est, ma che deve, secondo la mia opinione, continuare a guardare ad ovest, accentudando e consolidando i rapporti, con Paesi, che in questa fase critica hanno mantenuto una posizione piu' di dialogo con la Russia, per rompere il fragile fronte europeo, fatto di falchi e colombe.

-- ANTONIO D'ETTORRE Presidente del Consiglio di Amministrazione Indaco Travel Viale della Vittoria, 4 04019 Terracina (LT) Italy


Considerazioni di un lettore

Cari lettori della Voce della Russia,
nessuno di noi può negare che gli USA da più di un secolo hanno invaso ed invadono ovunque ci sia spazio libero sul Pianeta ed ovunque, con la loro politica e con i loro Servizi segreti, con mercenari cecchini, riescano a crearlo.
Non riescono a star fermi oltre oceano, non basta loro il Continente americano, che non è poco!! Bravi ragazzi con la mania di essere i meglio, di vincere sempre, di "estrarre" per primi e di sparare con mira infallibile, di riempire di pugni quello che sta di fronte, di rialzarlo prendendolo per il bavero e con un altro pugno ributtarlo a terra e poi di nuovo, fino al battimani dopo aver porto la mano a quel poveraccio con la faccia gonfia e ormai priva di denti.
La Russia aveva un immenso Impero, è riuscita con enorme ammirevole sforzo a mettere alla porta invasori occidentali e mettere al riparo l'Europa dalle mire di un pazzo e dei suoi camerati italiani, romeni, ungheresi, ha lavorato sodo per modernizzarsi e poi si è ristretta in silenzio, senza rompere le scatole a nessuno, son rimasti centocinquanta milioni di abitanti su undici fusi orari, sta molto meglio economicamente, ma...cosa orrenda...si è permessa di "invadere" la sua Crimea.
Perchè Obama, bravo ragazzo, si sbatte tanto per l'Europa e per gli altri ???!!!! mica perché c' è puzza di petrolio!!??

Guido Sartorio, Staranzano.





Da Intermicronational World [http://intermicronational.com] Cesidio Tallini 

Micronazione promette di seppellire l'ONU
Il governatore dell'AMOMU (Arcipelago MultiOceanico delle Micronazioni Unite) va dal «Trattato della Grande Chiazza d'Immondizia Multioceanica», che lanciò nel giugno 2011, alla fase più attiva denominata «Terapia della Grande Chiazza d'Immondizia Multioceanica», solo 3 anni dopo (articoli principali in inglese). [IW]
http://intermicronational.com/micronation-promises-to-bury-the-un.html

Sconosciuti armati hanno attaccato una miniera nella regione di Donetsk
Mentre la Russia viene continuamente accusata in occidente di armare i ribelli filorussi, uomini armati con veicoli corazzati da trasporto truppa e camion, e con i simboli della Repubblica Popolare di Donetsk, hanno fatto irruzione nella miniera "Komsomolets Donbassa". È chiaro che ucraini senza cervello di Settore Destro (Pravyi Sektor) sono dietro queste iniziative, poiché i minatori sono filorussi! Queste tattiche poi sono "da manuale CIA" spiccicato, altro segno d'intelligenza leonardesca... [La Voce della Russia]
http://italian.ruvr.ru/news/2014_06_22/Sconosciuti-armati-hanno-attaccato-una-miniera-nella-regione-di-Donetsk-0215/

La Russia ha consegnato all'Ucraina 6 militari feriti
Sei guardie di frontiera ucraine, ferite nel bombardamento che si trovavano nel territorio della Federazione Russa, sono state consegnate alla parte ucraina. [La Voce della Russia]
http://italian.ruvr.ru/2014_06_21/La-Russia-ha-con-segato-allUcraina-6-militari-feriti-4097/

Nuovi investimenti per le infrastrutture
Mentre i ponti cadono, e le strade frantumano in America, il governo russo si è detto pronto a destinare il 60% delle risorse del Fondo nazionale di previdenza a progetti infrastrutturali. [RBTH versione italiana]
http://it.rbth.com/economia/2014/06/20/nuovi_investimenti_per_le_infrastrutture_31593.html


Da Agostino Spataro, autore del libro "IL GIARDINO D'OCCIDENTE"

Eurorussia: unire Europa e Russia Per alcuni l'Europa non è un continente, ma solo una propaggine dell'Asia verso l'Atlantico e il Mediterraneo. Fisicamente, così è. Tuttavia, da tremila anni, l'Europa è fonte e sede di una delle più grandi civiltà umane. Purtroppo, oggi, è in declino e molti, amici e concorrenti, cercano di anticiparne la caduta, per spolparsi le sue ricchezze materiali e immateriali. Più che una speranza ben riposta, il futuro dell'Europa è un problema mal posto, poiché resta incerto e succube di forze e interessi ostili e contrapposti. L'Europa ha smarrito il senso della sua dignità storica, della sua autonomia culturale e politica. La soluzione? La risposta non è facile. Abbozzò un'ipotesi, così di getto, che forse un po' risente della contingenza. La crisi è tale che l'U.E. potrebbe, perfino, disgregarsi. Per evitare tale pericolo, bisogna cambiare registro politico e strategico e puntare a una Europa dei popoli e non più delle consorterie multinazionali. Sulla base di tale correzione, dovrà proseguire l'allargamento fin dove è possibile nell'ambito dei popoli di cultura europea, abbandonando la politica di provocazione e delle tensioni svolta per conto terzi in ambito Nato. In tale prospettiva, diventa auspicabile, possibile il progetto di unire l'Europa con la Russia o, se preferite, di associare la Russia all'Unione europea. Sì, avete letto bene, la sterminata Russia che ci viene presentata come l'eterno nemico. Mi rendo conto che, oggi, un'idea simile potrà apparire paradossale, fuori da ogni ragionevole previsione, tuttavia un senso ce l'ha, una logica direi, specie se immaginata nel medio/ lungo termine e alla luce delle nuove riaggregazioni (spartizioni?) mondiali che stanno avvenendo su basi continentali e non più ideologiche o di reddito: Nord- Sud, Est- Ovest, ecc. Nel nuovo scenario (in formazione) l'U.E., barcollante e squilibrata al suo interno, rischia di apparire un "continente" in bilico, alla deriva. L'Europa, da sola, difficilmente potrà uscire da tale precaria condizione, dovrà aggregarsi per creare un nuovo polo dello sviluppo mondiale. Con chi? Gli Usa sono lontani e i loro interessi non sempre combaciano con quelli europei; l'ipotesi euromediterranea è stata fatta fallire per volere degli Usa e per subalternità francese. Non resta che la Russia ossia un Paese- continente, di cultura europea, che dispone di territori sterminati e di enormi riserve energetiche e metallifere, di boschi, di acque, di terre vergini, di mari pescosi, ecc. Evito ogni riferimento agli apparati e potenziali militari e nucleari che spero possano essere liquidati in tutto il mondo. Ma ci sono! Risorse importanti, strategiche che, unite al grande patrimonio europeo (tecnologie, saperi, scienze, professioni, tradizioni democratiche, ecc), potrebbero costituire il punto di partenza per dare vita a "EuroRussia", a una nuova "regione" geo economica mondiale, dall'Atlantico al Pacifico, al Mediterraneo. Ovviamente, questo è solo uno spunto, una "bella utopia". I giochi di guerra, gli intrighi per il nuovo ordine mondiale sono in corso da tempo. E sono ancora aperti. Il problema è come vi si partecipa, se da protagonisti o da comprimari. All'orizzonte si profila una nuova bipartizione del mondo, con Cina e Usa come capifila. Taluno prevede un'improbabile tripartizione, inserendo la Russia nel terzetto. Nessuno pronostica un ruolo primario dell'U.E., condannata a restare sottoposta agli Usa. Non sappiamo quali saranno la collocazione, il ruolo di Russia e dell'Europa fra 30/50 anni. Una cosa sembra sicura: divise, potranno solo sperare che uno dei due capifila le inviti ad accodarsi. (marzo 2014)

--

Una immane tragedia si sta svolgendo nel sud est dell'Ucraina. Una guerra fratricida che, come sempre, si accanisce sui bambini e sulle donne.

Sono già oltre 40mila i profughi che hanno raggiunto, dopo innumerevoli peripezie, principalmente la regione russa di Rostov sul Don.

Aiutateci a Salvare i Bambini" da sempre in prima linea nel dare aiuto concreto alle vittime del terrorismo e delle guerre: BESLAN, OSSEZIA del SUD,

VOLGOGRAD … ora il DONBASS e LUGANSK.

Abbiamo stabilito un rapporto con un Associazione di volontari che in quella regione, da settimane, portano sollievo nei campi profughi.

Ora spetta a noi ! Aiutaci ad aiutare chi ha perso tutto e ha bisogno di sostegno

Fai un donazione anche Tu ! Causale "Ucraina"

UNICREDIT


IBAN IT 44 S 02008 20800 000101660007



http://www.aiutateciasalvareibambini.org/sosucraina.html



Presidente 328 0210408



Cari amici della Voce della Russia,

vi scrivo per dirvi che Domenica 18 Maggio, a Clauzetto (Pordenone) si è svolta, in un'atmosfera di grande rispetto e commozione, la solenne cerimonia istituzionale italo-russa in onore del partigiano sovietico Danijl Avdeev, decorato dalla Repubblica Italiana della "Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria", nel 70-esimo anniversario del suo arrivo e della sua morte in Friuli.

Alla presenza di numerose autorità civili, politiche, diplomatiche e militari, dei rappresentanti delle confessioni religiose cristiane, di decine di cittadini italiani, russi e russofoni residenti in Friuli Venezia Giulia, e di tanti partigiani, a Danijl sono stati resi gli onori militari da parte del picchetto armato della gloriosa Brigata Alpina "Julia", sulle note del "silenzio" e della "Canzone del Piave" eseguite dalla rappresentanza della Fanfara della Brigata.

La deposizione delle corone d'alloro e dei fiori alla tomba di Avdeev ha preceduto la toccante piantumazione di una betulla commemorativa, dono della comunità russa.

Tutti i presenti hanno indossato il "Nastro di San Giorgio", incluse le autorità italiane, guidate dalla Presidente della Regione Debora Serracchiani.

La Federazione Russa è stata ufficialmente rappresentata dal Dottor Cenghiz Mukhamadeev, del Consolato Generale di Milano, e dal Console Onorario della Russia in Udine, Carlo Dall'Ava.



La Chiesa Ortodossa Russa (Patriarcato di Mosca) è stata rappresentata da Padre Vladimir Melniciuk, responsabile della Comunità Ortodossa in Udine.



Gli interventi degli oratori, incentrati sul ricordo del profilo umano e partigiano di Danijl Avdeev, oltre che sull'inestimabile valore della libertà, della democrazia e della pace, hanno suscitato diffusa commozione e prolungati applausi.



Al termine della cerimonia protocollare, i presenti si sono intrattenuti a lungo in un sereno momento conviviale, in cui hanno potuto assaggiare anche la celebre "Kasha", il tradizionale "rancio" militare russo, preparato in onore di Danijl.



L'ospite diplomatico russo ha espresso la sua profonda gratitudine ai promotori ufficiali della cerimonia, il cui ricordo non verrà mai meno nel cuore di tutti coloro che vi hanno partecipato.



Vi trasmetto il testo del "diktor" della cerimonia e del discorso commemorativo dell'oratore ufficiale. Assieme ad alcune foto di una giornata memorabile. Se ne avrò a disposizione di più belle, ve le manderò.



Un forte abbraccio



Jura (Jurij Cozianin - FAGAGNA - UDINE)




ITALOFILORUSSO

Questi deprecabili fatti:( l'incivile attacco all'ambasciata della Federazione Russa a Kiev) sono indiscutibile testimonianza che a Kiev tutto sta degenerando: lo Stato di diritto non esiste più . A Kiev, politici irresponsabili, di gradimento statunitense, danno la pessima prova di essere totalmente e ottusamente asserviti alle mire annessionistiche dell'unione Euro-pea " longa manus" della volontà maniacale di dominio planetario del gran Mr. Ob., collegato ai centri del potere finanziario di Wall Street, che è il vero mandante morale di tali riprovevoli avvenimenti quali l'assalto proditorio all'Ambasciata Fed.Russa :indice dell'odio che promana dagli yankee russofobi.

Abitanti dell'Ucraina, evidentemente allettati subdolamente dai falsi da miraggi di qualche meschino vantaggio proposto dell'unione-Euro, diffidate risolutamente e totalmente dei signori anti-Russi della guerra d'oltreoceano, e siate soprattutto accorti: non rinnegate invece i vostri veri fratelli Russi.




Gentilissimi della Redazione,

vi segnaliamo un articolo riflessione su un evento che a Messina ha attirato ed incanto moltissime persone...



" Il fascino dell'icona. La Mostra di Messina "

http://www.russianecho.net/index.php?option=com_content&view=article&id=564%3Ail-fascino-dellicona-la-mostra-di-messina&catid=9%3Amessina&Itemid=13&lang=it



Sul sito russianecho.net segnaliamo inoltre un articolo di Gina Pigozzo su uno degli artefici della storia dell'Alfa Romeo, che ha svolto un ruolo determinante anche nella Mosca degli anni '30...



" Ugo Gobbato, un italiano all'origine dell'industria sovietica "

http://www.russianecho.net/index.php?option=com_content&view=frontpage&Itemid=1&lang=it



Ringraziandovi per l'attenzione

porgiamo i più cordiali saluti

Associazione Culturale "Messina-Russia"




"Сhe Pena"

Il paese di Tolstoj, Dostoevskij, Tchaikovsky, Bulgakov, Puskin, Gogol in mano a dei razzisti, omofobi e guerrafondai.. che tristezza. Spero che un giorno il popolo russo apra gli occhi e si liberi di quella feccia che lo governa e instilla odio e pregiudizio nelle sue menti.

E voi che supportate la barbaria di quel governo: VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA!


--
Alessandro Porrà



Da: iTALOFILORUSSO sulle Esercitazioni NATO nel Baltico



Laddove assurdamente da parte del gran Mr. Ob., collegato ai centri del potere finanziario di Wall Street, si pretende di controllare le forze armate della Federazione Russa sul proprio territorio nazionale (cioè in Russia), all'opposto si attuano invece provocatoriamente le esercitazioni belliche Baltops nel Mar Baltico notoriamente area marittima contigua alla Russia e quindi zona di rilevante importanza strategica nel sistema difensivo russo . Mi dispiace apprendere purtroppo che a queste manovre militari partecipino dei paesi dell'Europa orientale, nella vana illusione che, prestandosi a compiacere supinamente alle mire egemoniche della potenza russofoba d'oltreoceano, possano trarne un qualche vantaggio.



LETTERA DA UN ASCOLTATORE DI LUNGO CORSO



E' la prima volta che le scrivo, ma non è la prima che scrivo a Voce della Russia, alla pagina web di questa bella emittente che fu. Ascoltavo da quando era Radio Mosca, dal 1972. Continuo a sentirmi con una ex dipendente della VOR, Giovanna Germanetto, ed è appunto lei che mi ha consigliato di inviare l'informazione sul nuovo numero della rivista Radio Notizie che si indirizza agli appassionati del radioascolto. Allego in PDF la copertina del numero di Giugno 2014 di questa rivista, sperando di vederla inserita nella vostra pagina web. Gli interessati possono quindi richiederne una copia arretrata per valutazione al seguente indirizzo: gsergi 5050@hotmail.com



In questo numero diversi articoli su varie emittenti locali e internazionali ed il bel servizio sul mio viaggio in Argentina con l'intervista presso la RAE Radiodifusion Argentina al Exterior redazione italiana.



Grazie per l'ottimo sostegno alla nostra iniziativa, a Lei buon lavoro, a tutti buona lettura della pagina web di Voce della Russia.



Giovanni Sergi






CONTRO L'ESPANSIONE DELLA N.A.T.O. IN EUROPA

SABATO 31 MAGGIO - ORE 17.30

VIA LUDOVICO DA BREME 11 – MILANO

[TRAM 14 FERMATA V.LE CERTOSA – VIA CASELLA]

PRESIDIO AL CONSOLATO UCRAINO

Siamo contro le stragi di Poroshenko e della sua guardia nazionale al cui interno stanno i neo nazisti.

Siamo con gli antifascisti ucraini che non vogliono il loro Paese servo della N.A.T.O.

L'annessione dell'Ucraina alla N.A.T.O. è un pericolo per tutta l'Europa

Chiamiamo quindi alla mobilitazione tutte le organizzazioni democratiche e i cittadini antifascisti amanti della pace e soprattutto tutti i lavoratori, poiché la guerra è contro il lavoro e tocca ai lavoratori fermarla.

Comitato contro la guerra – Milano



Per info : comitatocontrolaguerramilano@gmail.com - comitatocontrolaguerramilano.wordpress.com - cell. 3383899559




Geopolitica e Ucraina

La situazione geopolitica venutasi a creare in Ucraina, a causa della stolta politica anti-russa attuata da Kiev e dell'insensata e ridicola politica di sanzioni economiche attuata da USA, Unione Europea, consigliata da certe lobby ai "Savi di Kiev", ha prodotto notevoli danni per i Popoli d'Europa (soprattutto i Popoli Mitteleuropei). L'UE, invece di schierarsi con la Russia e perseguire i propri interessi, come al solito s'è accodata agli ordini degli americani, così com'era accaduto in Serbia. Il diritto all'autodeterminazione che è stato a suo tempo, e molto arbitrariamente, concesso al Kossovo (che era ed è Terra Serba da millenni) viene ora negato ai popoli russofoni dell'Ucraina e di Crimea. Perché? Non vantano, forse, i popoli autoctoni di Crimea e dell'Ucraina orientale maggiori diritti d'autodeterminarsi rispetto agli albanesi immigrati dall'Albania in Kossovo?



Tale situazione ha determinato:



1) Una possibile grave rottura politica, culturale ed economica con la Russia di Putin, che:

costituisce un punto di riferimento importante per un'Europa che non è ancora riuscita a ritrovare la sua identità e a sganciarsi dal giogo mortale di quei "poteri forti" internazionali, di natura metafisica e finanziaria, che a tutt'oggi la costringono in un tragico stato di sudditanza spirituale, culturale ed economica.

ha recuperato la piena sovranità sul piano economico e militare, ma ha anche intrapreso una decisa azione di riscoperta e di riaffermazione di quei valori tradizionali e nazionali che l'attività distruttrice di oltre settanta anni di comunismo ateo e di quasi venti anni di capitalismo apolide sembravano aver annientato. ha saputo recuperare gli eterni valori identitari e spirituali che stanno alla base d'ogni sana comunità popolare attraverso una battaglia per lo sviluppo demografico, la tutela della famiglia tradizionale e l'interlocuzione attenta con la religione ortodossa, maggioritaria presso il popolo russo: il presidente Putin, infatti, ha voluto affermare con forza l'importanza fondamentale dei valori tradizionali: la famiglia, la concezione spirituale della vita, il sentimento comunitario. Sovranità militare, economica, culturale e tradizione sono pertanto la cartina di tornasole di un paese, come la Russia, che vuole discostarsi da un mondo senza radici e senza valori che si trova allo sbando della crisi economica causata dal capitalismoapolide di stampo anglosassone.

2)Il ritrovarsi, all'interno della UE, l'ingombrante presenza di uno stato come l'Ucraina che:richiede agli altri stati europei di pagare i suoi enormi debiti.

costituisce fonte di destabilizzazione economica e militare.

Lo scontro in atto vede le forze della Sovversione contrapporsi alle forze della Tradizione. Da una parte sono schierati tutti certi Stati (Usa) quei poteri forti e quelle lobby che intendono isolare la Russia di Putin ed imporre una pericolosa strategia della tensione. Dall'altra vi sono i Popoli d'Europa che, radicalmente consapevoli che "non si può servire a Dio e a Mammona", vedono nella Russia di Vladimir Putin l'ultimo baluardo ancora schierato a difesa della Tradizione, indicandola, pertanto, come modello di riferimento per tutti i Popoli che intendono difendere dal nichilismo mondialista i valori dell'Identità e della Tradizione.

Federico Prati


Sei Russa? non ti assumo
Notizia segnalata da Alessandra D.
Sei russa, non ti assumo. E' successo in Svizzera, all'Istituto di Sostegno Scolastico di Losanna, dove Elena Wroblevski, insegnante di russo, si è vista rifiutare l'assunzione, in quanto cittadina del Paese di Vladimir Putin.

"Ho inviato il mio curriculum vitae, con tutte le credenziali e mai avrei pensato di poter essere discriminata, a causa delle mie origini", ha scritto, amareggiata, al quotidiano Rossiïskaïa gazeta. Eppure la Svizzera è un Paese neutrale e anche nella crisi tra Russia e Ucraina ha tenuto un profilo basso, limitandosi a bloccare i beni del 'ex-presidente Yanukovich e dei suoi famigliari.

Molti oligarchi, intanto, continuano a scorrazzare sulle loro berline di lusso, a Ginevra, Zurigo, Gstaad e Sankt Moritz. D'altro canto l'attuale presidente della Confederazione elvetica, Didier Burckalter, che in questo periodo presiede anche l'OSCE, si sta spendendo per smorzare i toni tra Kiev e Mosca e, durante il fine settimana, ha incontrato Vladimir Putin.

Evidentemente, però, al direttore dell'Istituto di Sostegno Scolastico di Losanna, Martin Freiburghaus, tutto questo non interessa e, sollecitato a spiegare il rifiuto ad assumere Elena Wrobleski, ha dichiarato che "la filosofia della nostra scuola ci impedisce di assumere una persona cittadina di uno Stato che ne occupa, illegalmente, un altro". "In questo modo- ha rincarato -intendiamo protestare contro la politica imperialista di Mosca, nei confronti dell'Ucraina".

Le dichiarazioni di Freiburghaus hanno infiammato il web, dove la maggior parte degli internauti si sono schierati con Elena Wrobleski. "Che colpa ha di essere russa?", hanno chiesto in molti, dando del "fascista" e del "razzista" a Martin Freiberghaus. Il sito web della scuola è stato oggetto di un attacco hacker. La vicenda, intanto, ha assunto una portata internazionale e innescato una reazione del Ministero degli Esteri russo. "Vorremmo sapere - ha scritto in una nota - quanti dei 140 docenti di quella scuola sono cittadini di paesi che hanno bombardato la Jugoslavia, partecipato alla guerra in Irak e finanziato il terrorismo internazionale". (da Repubblica.it)






Tre anni di guerra in Siria



Aleppo, noi resistiamo ...



Aleppo, lettera N° 17



1 maggio 2014







A un giornalista che mi ha chiesto come vorrei descrivere la situazione in Siria, ho risposto: imputridita .



Ecco, da tre anni è in corso la guerra e nessuno dei due campi è in grado di prevalere militarmente e non appare nessuna soluzione politica all'orizzonte. Le Potenze regionali e mondiali ( così come i media ), sembrano aver perso interesse a questo conflitto, eppure proprio loro lo avevano incoraggiato, finanziato, armato e forse progettato. Ora hanno altre preoccupazioni : Crimea, Ucraina, volo MH370, elezioni e quindi lasciano che la situazione in Siria marcisca .



E questo a scapito dei Siriani che vedono distrutto il loro Paese, la sua economia annientata, il suo patrimonio saccheggiato, la sua èlite in esilio, le sue ricchezze depredate..



Per non parlare dei 150.000 morti, dei 4 milioni di rifugiati, gli 8.000.000 di sfollati interni, gli atti di ferocia e di barbarie che nessuno poteva immaginare e un odio settario non lo conoscevamo, perchè qui cristiani e musulmani vivono in armonia da secoli. Anche i detrattori più ardenti del regime e i sostenitori più accaniti delle riforme non volevano la guerra, e soprattutto non questo.







La situazione in Aleppo sta andando di male in peggio con il blocco intermittente ma completo, sia di persone che di merci. Quello che ne consegue è l'impossibilità di lasciare o entrare in città e una penuria di prodotti essenziali : verdura, frutta, carne, pollo, gas ecc.. Poi, all'improvviso, dopo 10-15 giorni, il blocco si allenta per riprendere qualche tempo dopo. Recentemente, acqua ed elettricità sono state tagliate per 11 giorni consecutivi ; i venditori di generatori e olio combustibile si sono strofinati le mani. Per fortuna che un anno fa un'organizzazione cristiana protestante ha perforato 20 pozzi in chiese in diversi quartieri di Aleppo ( seguiti in questo da gruppi musulmani che hanno fatto lo stesso nelle moschee ). Gli Aleppini quindi si sono messi in coda davanti a chiese e moschee per riempire contenitori di acqua (si torna al Medioevo !) .







Una pioggia di colpi di mortaio è caduta quotidianamente su Aleppo uccidendo decine di persone e ferendone altrettante. I cecchini continuano a devastare tra i pedoni. Per non parlare delle mostruose esplosioni di edifici pubblici a causa degli esplosivi piazzati attraverso tunnel sotterranei .



Questo deterioramento della situazione ha generato negli Aleppini tre sentimenti : paura, disperazione e sofferenza .



Penso alle telefonate da famiglie sfollate per dirci le loro paure, esprimere il loro panico e chiedere consiglio quando gli obus cadono intorno a loro. E le mamme che si rifiutano, in alcuni giorni, di mandare a casa nostra i propri figli, per paura che il nostro autobus sia il bersaglio di un cecchino o di un mortaio .







Penso a tutti quei giovani adulti che avevano sognato e pianificato un futuro famigliare o professionale e che non lo possono più realizzare . Dopo aver resistito per tre anni alla tentazione di lasciare il paese, sono disperati e vogliono emigrare se ne hanno l'opportunità.







Penso a quelle sette famiglie con 23 bambini che abitano insieme in una cantina di 2 camere (constatato in prima persona dal nostro team di visita domiciliare) .







Penso alle 23 persone uccise da un colpo di mortaio domenica 27 aprile mentre erano allineate davanti a un panificio per comprare il pane nel centro della città e alle altre 19 morte nelle 48 ore successive, a seguito delle ferite riportate.



Penso a tutte quelle persone che soffrono la fame, a quel bebè di cinque mesi nutrito al biberon riempito con amido diluito, per mancanza di latte (constatato in prima persona dal nostro team di visita domiciliare) .



Penso al giovane M.C. di 18 anni che soffre di perdere il suo rene trapiantato ( in seguito alla perdita della funzione dei due reni per un colpo di un cecchino ) per mancanza di farmaci anti-rigetto .



Penso a N.M., questa ragazza armena di 20 anni che ha avuto fegato, polmoni e stomaco perforati dalle schegge .



Penso a A.G., questo giovane musulmano di 19 anni che ha dovuto subire l'amputazione delle due gambe perché era per strada proprio nel sito dello schianto di un colpo di mortaio . Attualmente è in terapia intensiva in gravi condizioni dovute a una setticemia .



Penso a quella vecchia madre, K.H., che è venuta a farsi visitare per disturbi nevrotici e che mi confessa che il suo figlio più giovane è stato ucciso da un cecchino e il giorno dopo la figliastra con i suoi 4 figli, da un mortaio .







Davanti a queste paure, a tanta disperazione e sofferenza, non possiamo limitarci ad offrire solo la nostra compassione. Di fronte a queste sfide, noi resistiamo, nella solidarietà con questi uomini e donne che soffrono .



Cosa facciamo? A tutti quei civili colpiti da ferite di guerra, noi maristi offriamo il nostro programma " Feriti di guerra ": in collaborazione con le Suore di San Giuseppe dell'Ospedale San Louis, medici e chirurghi volontari di questo istituto ( il migliore di Aleppo ) trattiamo i civili colpiti da proiettili o schegge di mortaio gratuitamente.



A tutti questi disperati giovani adulti, offriamo, in attesa di giorni migliori, il MIT (Istituto Marista per la Formazione ) . Con le conferenze che organizziamo ( " pittura nel tempo", " orientamento psicologico, ecc ), trovano uno spazio di riflessione e di arricchimento culturale . I Workshop di 3 giorni danno loro l'opportunità di acquisire conoscenze e competenze che potranno utilizzare in seguito ( studio della redditività di un progetto, come scrivere un curriculum e prepararsi per un colloquio di lavoro, l'arte di guidare una squadra, ecc.).



Ai neonati, offriamo pannolini e latte ( siamo l' unica organizzazione che distribuisce latte), alle famiglie sfollate o indigenti, i nostri vari progetti : " Il cestino della Montagna", "il paniere Orecchio di Dio", " il paniere dei Maristi Blu " offrono i cesti alimentari settimanali o mensili, materassi, coperte, contenitori per l'acqua, utensili da cucina, vestiti ...



Inoltre, centinaia di famiglie vengono qui ogni mezzogiorno cercando un pasto caldo .



Ai bambini (di famiglie sfollate o impoverite ​​) in età prescolare o scolare, ma che non vanno a scuola, offriamo un rifugio di pace e di educazione, la formazione e l' igiene vengono dati loro dai nostri volontari.



Agli adolescenti più grandi, " Skill School " offre la possibilità di incontro tra i giovani e di realizzare progetti comuni.



Alle giovani mamme, " Tawassol " offre di imparare l'inglese, computer e artigianato. Per Pasqua, hanno esposto e venduto la loro produzione .



Noi maristi cerchiamo di rispondere a queste sfide al nostro meglio, ma i nostri bisogni sono immensi. Abbiamo altri progetti in mente come accogliere i più poveri sfollati, ma per questo è necessario un sacco di soldi che non abbiamo.



Se siamo in grado di affrontare i bisogni fisicamente e finanziariamente, è grazie a tutti voi, i nostri amici, i nostri sostenitori in tutto il mondo. Grazie.







Nabil Antaki, marista Blu




A Catania, giovedì 24 aprile



6° BUSINESS FORUM SICILIA-RUSSIA: OPPORTUNITA' PER IL MADE IN SICILIA.

AGROALIMENTARE, TURISMO E TECNOLOGIE AVANZATE I DRIVER FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DEI RAPPORTI SICILIA-RUSSIA



Catania, 22 aprile 2014. Agroalimentare, turismo e tecnologie avanzate. Sono questi i temi principali del VI Business Forum Sicilia-Russia, che giovedì 24 aprile richiamerà a Catania (Palazzo Biscari, dalle ore 9.15) i principali protagonisti dei settori chiave dell'economia siciliana, veri driver per lo sviluppo delle relazioni economico-commerciali tra la Sicilia e la Russia. Sotto la lente del vertice economico, organizzato dall'Associazione Conoscere Eurasia in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Banca Intesa Russia e TechEdge, la 'Sicilia export oriented' che nel 2012 ha registrato una crescita generale in doppia cifra superiore sia alla media italiana che a quella del Mezzogiorno: + 21,2% sul 2011 per un valore di 13 miliardi di euro (dati Istat su rapporto ICE 2012-2013). E nonostante la Russia sia il quarto paese partner nell'interscambio con l'Italia (che nel 2013 ha superato i 30 miliardi di euro) con un export di 10,8 miliardi di euro, la relazione commerciale Sicilia-Cremlino è ancora sottostimata nelle sue potenzialità, visto che nel 2012 l'export ha raggiunto il valore di soli 18 milioni di euro. Per Antonio Fallico, presidente di Banca Intesa Russia e dell'Associazione Conoscere Eurasia: "Questi dati evidenziano gli ampi margini di crescita della Sicilia, chiamata a puntare sia sulle leve rappresentate dall'eccellenza agroalimentare e dal turismo ma anche su settori fino ad ora inespressi come quello delle tecnologie avanzate. Si tratta di settori strategici per lo sviluppo delle relazioni Sicilia-Russia che questo Business Forum intende potenziare concretamente".

Tra i partecipanti VI Business Forum Sicilia-Russia: Rosario Crocetta, Presidente della Regione Sicilia; Sergey Razov, Ambasciatore della Federazione Russia in Italia; Giuseppe Castiglione, Vice Ministro Agricoltura; Franco Gallia, Direttore Regionale Sud di Intesa Sanpaolo e Direttore Generale del Banco di Napoli; Giovanni La Via, componente Commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento Europeo; Antonio Fallico, Presidente di Banca Intesa Russia e Presidente dell'Associazione Conoscere Eurasia; Linda Vancheri, Assessore Regionale delle Attività Produttive; Ivan Lo Bello, Vice Presidente Confindustria; Nico Torrisi, Assessore Regionale Infrastrutture e Mobilità; Michela Stancheris, Assessore Regionale al Turismo; Olga Garshina, Consigliere del Ministro dell'Agricoltura della Federazione Russa; Paolo Ezechia Reale, Assessore Regionale all'Agricoltura; Luigi Saitta, Responsabile Associazione Conoscere Eurasia Sicilia; Marisa Florio, Direttore Rappresentanza di Mosca Camera di Commercio Italo-Russa; Domenico Di Salvo, Direttore ENIT Mosca; Salvatore Ferina, Vice Presidente Etna World Trade; Edoardo Narduzzi, Presidente TechEdge Spa; Francesco Caizzone, General Manager Sito di Catania STMicroelectronics; Ezio Castiglione, Amministratore Delegato della Società Gestione Fondi per l'Agroalimentare.









Da: Stefania Froni

e qualche recensione di letteratura contemporanea russa? mi piacerebbe assai...


Alla cortese attenzione della redazione italiana:

Mi chiamo Emanuele Massari e sono il fondatore ed amministratore della pagina facebook " Vladimir Putin Italian Fan Club ",
aperta in data 12 Aprile 2013 e raggiunto oltre i 20 mila iscritti in meno di un anno.
Un buon 80% dei link condivisi sulla pagina li posto tramite il vostro sito italiano " La Voce della Russia ".
Effettuo inoltre, traduzioni dall'inglese all'italiano dei posts sul sito ufficiale del Cremlino, pubblicandoli sulla mia pagina.
Sono interessato ad un'ulteriore e più stretta collaborazione, offrendo le mie capacità mediatiche ed informatiche.

Restando in attesa di Vostro riscontro, porgo rispettosi e cordiali saluti.

Emanuele Massari
emymax@live.it



Rapito il sacerdote patriota russino Dimitrij Sidor

arciprete rettore della cattedrale ortodossa dell'Esaltazione della Santa Croce a Uzhgorod

presidente del Sojma (Parlamento del Popolo) dei carpato-russi

Padre Dimitrij Sidor e i carpato-russi, il popolo discriminato dell'Ucraina "indipendente"

I ruteni ortodossi contro il sistema di difesa missilistico americano in Transcarpazia

Minacciati di morte i preti ortodossi russi in Ucraina

www.ortodossiatorino.net



da: Marco Pasquali 

Italiani in Crimea

Carissimi amici, nelle varie notizie che seguo sul futuro della Crimea, è venuta fuori anche l'esistenza di una comunità italiana o italofona in Crimea, formata da circa 300 persone concentrate in un solo centro abitato. Sono discendenti di lavoratori italiani specializzati e e sicuramente non hanno mai avuto problemi coi russi, nè si sono intromessi nelle due guerre mondiali. ma chi sono esattamente? E che idea hanno dell'Italia, visto che sono ora esistono le tv satellitari?



Marco Pasquali





da: Fabio Cernecca


CHI TUTELA I CITTADINI DI TRIESTE SOTTO MINACCIA DEI NAZIONALISTI ITALIANI COPERTI DALLE AUTORITÀ?



Sta accadendo a Trieste. Lo Stato italiano non vuole cedere. In diritto non ha alcuna possibilità di contrastare le istanze legalitarie dei cittadini che chiedono il rispetto dei trattati internazionali che stabiliscono lo status giuridico di Territorio Libero per Trieste e delle stesse leggi italiane che li recepiscono.



Le recenti sentenze della giustizia amministrativa ne sono la prova assoluta. I giudici non sanno più che fare per dimostrare l'indimostrabile, ovvero che lo Stato italiano abbia effettiva sovranità sulla Zona A del Territorio Libero di Trieste, che comprende anche il Porto Internazionale di Trieste con i suoi punti franchi.



Ma i cittadini non cedono nonostante le intimidazioni di cui l'autorità giudiziaria è stata prodiga in questi due anni di intensa lotta nelle aule di giustizia. Ogni ricorso rigettato è accompagnato da pesanti sanzioni economiche nei confronti dei ricorrenti. Che vengono immediatamente rese pubbliche dal giornale Il Piccolo, quotidiano monopolista e organo di informazione dello Stato occupante.



La comunicazione in questa battaglia è importante. Le autorità italiane utilizzano i media, quasi tutti sotto loro stretto controllo, per terrorizzare i cittadini di Trieste informandoli delle conseguenze che avrebbero nell'appoggiare Trieste Libera, il movimento che si batte per il ripristino del Territorio Libero e per il riconoscimento della attuale amministrazione civile provvisoria di Trieste e del suo porto internazionale.



Nonostante aggressioni mediatiche continuate da più di un anno, Trieste Libera non cede. E la consapevolezza dei triestini nei loro diritti aumenta. Come fermare allora questi ribelli che lottano con gli strumenti pacifici del diritto? Cercando di provocarli e presentandoli come dei terroristi.



Le recenti sentenze della giustizia amministrativa hanno reso ben evidente questo salto di livello. I ricorrenti si appellano alla validità incontestabile del Trattato di Pace del 1947 (è stato eseguito dall'Italia ed inserito nella propria Costituzione) che all'art. 21 sancisce l'indipendenza di Trieste dall'Italia. I giudici rigettano i ricorsi definendo "eversori" i ricorrenti perché attenterebbero all'unità dello Stato. E la stampa italiana indica il Movimento Trieste Libera (MTL) come un gruppo armato pronto ad insorgere contro lo Stato italiano. La fonte? Secondo Limes, che ha dato la notizia, rigorosamente anonima.



Tanto basta peraltro perché venga immediatamente presentata un'interrogazione al Ministro dell'Interno italiano per reprimere MTL: lo ha fatto il senatore Francesco Russo del PD il 18 marzo riprendendo l'allarme di Limes. Nella sua interrogazione Russo indica direttamente quale "bersaglio" Roberto Giurastante presidente di MTL per avere espresso opinioni non gradite al senatore.



Nella conferenza stampa di MTL del 10 febbraio avevo ribadito che non solo i paesi europei vantano diritti sul Porto internazionale di Trieste, ma anche quelli extra UE, come ad esempio la Russia. La Russia è inoltre potenza vincitrice della seconda guerra mondiale, firmataria del Trattato di Pace che impone la smilitarizzazione e la neutralità del Territorio Libero che l'Italia sta impunemente violando da sessant'anni. E se l'Italia non rispetta i trattati internazionali sottoscritti, allora l'amministrazione civile provvisoria della Zona A del TLT dovrà esserle tolta e riaffidata, come dal 1947 al 1954, ad un Governo Alleato (cioè delle potenze vincitrici la seconda guerra mondiale). E tra queste appunto la Russia. Tutto qui. Ma evidentemente in un regime antidemocratico quale è l'Italia la stessa espressione delle proprie opinioni diventa reato. Se non gradite al potere.



Eliminare Trieste Libera con ogni mezzo per mantenere lo "status quo" dell'illegalità reiterata dall'Italia nella Zona A del TLT, sembra essere diventata una necessità impellente per uno Stato che ora ha paura di perdere sul serio il controllo di questo territorio, e quindi dello strategico porto di Trieste. Se Trieste non vuole più l'Italia, come può lo Stato italiano legalmente opporsi? Qui infatti non si deve dichiarare l'indipendenza, solo attuare quanto già ratificato.



Le minacce nei confronti di MTL diventano così sempre più dirette. E le campagne pubbliche che incitano all'odio nei confronti del movimento, e alla eliminazione fisica dei suoi dirigenti, sono sempre più visibili. E ovviamente tollerate se non "incoraggiate" dalle stesse autorità italiane. I nostri aggressori non hanno nemmeno bisogno di nascondersi. Basta che utilizzino il tricolore italiano e contro gli odiati nemici di MTL hanno il via libera.



Ad una di queste associazioni patriottiche che si chiama "Trieste Pro Patria" la questura di Trieste autorizza senza alcun problema manifestazioni e presidi sotto la sede di MTL. Vorrebbero lo scontro. Le prescrizioni "restrittive" il questore di Trieste Padulano le da solamente ai "cattivi" di Trieste Libera. Cercando di bloccarne anche la partecipazione alle udienze pubbliche nel tribunale di Trieste.



Ogni causa in cui sono presenti componenti di MTL viene blindata con presenza massiccia di polizia e carabinieri. Messi lì a controllare dei normali cittadini che per lo Stato italiano sono "terroristi". Nell'ultima udienza del 19 marzo sulla discussione del Memorandum di Londra, la DIGOS di Trieste ha addirittura schedato le persone che volevano assistere all'udienza. Nemmeno fossero mafiosi.



Nessun intervento naturalmente nei confronti degli "amici" (delle forze dell'ordine) di "Trieste Pro Patria" che possono così tranquillamente minacciare i "nemici pubblici" di MTL, quelli che l'Italia vuole far fuori. E così per i "patrioti italiani" Giurastante diventa il "Giudastante" da "levare di torno" con l'appoggio – sperabile – dell'autorità giudiziaria altrimenti dovranno pensarci loro… e mi faranno male.



E così sia.






I confini dell'Ucraina

da: i n f o





Irruzione in tv pubblica Kiev

Deputati del partito nazionalista ucraino 'Svoboda' hanno fatto irruzione nella sede dell'azienda che gestisce la tv nazionale Ntcu e hanno picchiato l'ad Oleksandr Panteleimoniv nel suo ufficio costringendolo a scrivere una lettera di dimissioni. Lo fanno sapere i media locali precisando che l'atto di violenza è avvenuto ieri. Su internet è stato pubblicato un video dell'accaduto.

IL VIDEO:

http://www.youtube.com/watch?v=_wwuM8oxTl8

da: Filippo Prati


VENETO E UCRAINA, MANIFESTAZIONE POLITICA


Vicenza – Torrion de Piazza Castello



Sabo 22 marzo 2014, ore 11



MARCIA VENETA PER LA DEMOCRAZIA E PER LA REPUBBLICA VENETA:



- NO al colpo de Stato in Ucraina organizzà da Union Europea-USA-NATO;



- PER la libertà e rispetto de la dignità de i popoli;



- PER un'Europa de i Popoli;



- PER la Repubblica Veneta.



Xe invitai i rappresentanti de tutte le parti in causa (ucraine e russe) per una spiegazion de le loro razon.







Chiasso (Svizzera)



Sabo 29 marzo, ore 11.30



Incontro tra Governo Veneto e una delegazion politica svizzera per esprimer la solidarietà del Governo Veneto contro le ingerenze e constrasti de l'Union Europea per el responso del referendum su la regolamentazion de l'immigrazion straniera.



La delegazion rientrerà in terra veneta passando le frontiere svizzere e italiane, per la seonda volta, co el passaporto Repubblica Veneto emesso dal Governo Veneto.







Per informazion e contatti:



Governo Veneto – via Pio X, 6 – Spresian governoveneto@gmail.com – cell. 338 8167955







El Governo Veneto no xe un partito o un movimento politico ma una libera e sovrana istituzion costituia per rappresentar la Repubblica Veneta, occupada ma no morta.

APPELLO PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE

Ormai da mesi i mass media dedicano alla Russia e a Vladimir Putin quella dose quotidiana di "cinque minuti d'odio" e di supponenza che ricorda la "Settimana d'odio" del romanzo di Orwell "1984".

Questa brutta informazione, mista a propaganda, contrasta con la realtà: finita la guerra fredda italiani e russi si sono riavvicinati, le relazioni commerciali ed i flussi turistici aumentano costantemente e il mercato russo si rivela essere una delle poche boccate d'ossigeno per la nostra economia in crisi. E non è solo questione di merci ed energia! Italiani e russi scoprono di avere tradizione comuni, passioni comuni ed una comune storia europea.

Per tutto questo ci appelliamo a coloro che diffondono informazioni, appellandoci al loro senso di giustizia e di equilibrio.

Chiediamo a coloro che parlano di "invasione della Crimea": riuscite a cogliere la differenza tra quanto accade in quella repubblica autonoma e le stragi terribili che hanno caratterizzato la violazione del diritto internazionale in Irak, Libia, Siria? Bombardamenti atroci, un caos che non ha fine, esecuzioni di civili, mussulmani e cristiani, hanno segnato quei tre paesi. Oggi in Crimea forse accade qualcosa di diverso …

Coloro che negano la legittimità del referendum di Crimea ricordano il "referendum" in Kosovo, strappato a forza di bombardamenti alla Serbia e trasformato in stazione internazionale del narcotraffico, della tratta umana, del terrorismo internazionale?

Stupisce tristemente che Vladimir Putin venga descritto come un dittatore. In Russia, da oltre vent'anni, si tengono libere elezioni. Le opposizioni criticano il Presidente come avviene in ogni democrazia ed un ampia maggioranza del Paese lo sostiene. Ma queste critiche al sistema presidenziale russo risultano ancor più paradossali quando sono enunciate da commentatori spesso sin troppo "benevoli" nei confronti delle istituzioni europee.

L'Unione Europea è formata dagli Stati europei occidentali e la sua storia recente ci ha fatto conoscere le troppe "sospensioni" di democrazia che l'ha caratterizzata. Le sovranità popolari sono state spesso "svuotate", spesso nottetempo, quasi in un contesto cospiratorio per stessa ammissione dei politici che la governano.

Lo stesso disprezzo della sovranità di un intero popolo sembra caratterizzare ciò che è avvenuto a Kiev, dove è avvenuto un vero e proprio colpo di Stato anticostituzionale, .

I mass media parlano di invasione russa, ma per chi è maggiormente attento trova le prove documentate degli interventi stranieri che hanno animato la protesta armata, abbattuto il legittimo Presidente e designato i nuovi governanti. Paesi europei hanno provato che i cecchini che sparavano sui dimostranti appartenevano a forze straniere che tanto fanno pensare, a noi italiani, agli anni bui della nostra Repubblica della "strategia della tensione".

L'Europa ha bisogno di dis-tensione; la cortina di ferro non deve tornare e l'escalation antidemocratica che si è verificata negli ultimi mesi è il frutto avvelenato di forze esterne che cercano di spaccare artatamente il continente europeo speculando sull'integrazione.

Il popolo di Ucraina ha pieno diritto a invocare un cambiamento delle loro condizioni di vita, gli ultimi anni sono stati per loro fonte di grande disagio e frustrazione. Tuttavia tale disagio avrebbe dovuto dar luogo a una discussione democratica, ad elezioni, unica strada per legittimare qualsiasi cambio di governo.

Sull'integrazione europea e sullo spazio doganale unico l'Ucraina deve discutere, senza però che vengano diffuse false accuse e calunnie atroci. Ma la discussione deve avvenire nell'alveo del pieno diritto di parola, del pieno rispetto delle diverse posizioni, del pieno diritto di voto. Cancellare il diritto alla propria lingua (come è avvenuto per la forte minoranza russofona), lo scioglimento delle forze dell'ordine, lo scioglimento della Corte Costituzionale, l'aver incitato all'odio razziale e all'antisemitismo non rappresenta certo uno scenario in cui i nuovi governati ucraini possano dare lezioni di democrazia e garantire all'Europa una vita sociale democratica.

La storia del paese è assai complessa ed è lecito avere idee diverse. Proprio per questo si devono evitare "doppi standard".

Auspichiamo pertanto che tutte le voci del dibattito siano ospitate nei luoghi deputati all'informazione aperta e democratica, facendo al contempo appello a tutti i rappresentanti dell'informazione a non incitare all'odio verso il popolo russo

Quanto a noi, da oggi stesso ci impegniamo a creare ponti tra i popoli europei, ma anche a denunciare con civile fermezza coloro che quei ponti vorrebbero far saltare.



16 marzo 2014

Dott. Bernhard KIEM

Console onorario della Federazione Russia in Bolzano


Ennio BORDATO

Incaricato consolare del Consolato della Federazione Russa in Bolzano per il Trentino

Presidente di "Aiutateci a Salvare i Bambini Onlus"

"Operatore onorario della Clinica pediatrica RDKB di Mosca"

"Cittadino onorario della città di Beslan"


Alfonso PISCITELLI
Autore Rai Radio Uno

Responsabile progetto Eu-Rus
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/2014_03_18/Lettere-dai-Lettori-8833/